Da Sustable un movimento per la valorizzazione di questa varietà unica nel mondo Venerdì ore 19, via Filichito 102

Si è tenuta venerdi sera alle 19 a Volla presso Sustable (via Filichito 102), bistrot guidato dall’imprenditore Salvatore Susta, la presentazione del movimento per Volla Capitale del friariello.All’evento, a cura di Bc Communication, hanno partecipato:- Pasquale Di Marzo, sindaco di Volla- Federico Capuano, capo dipartimento degli Alimenti Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno- Amilcare Troiano, responsabile Parchi del Gruppi Ricerca Ecologica- Rosario Lopa, portavoce Consulta Nazionale per l’Agricoltura e il Turismo
– Pasquale Calviati, imprenditore settore agroalimentare- Giuseppe Serroni, presidente Associazione I Sedili di Napoli- Alfredo Catapano, Vicepresidente provinciale Federmoda e membro esecutivo nazionale Federmoda Giovani- Giuseppe Daddio, chef e patron Dolce & Salato- Salvatore Susta, titolare Sustable

Presente inoltre un rappresentante di Slow Food
“I friarielli – ha osservato Salvatore Susta –  sono tra le verdure più consumate ma anche più amate nella nostra regione: si tratta di una cultivar esclusiva che non si trova in nessuna altra parte del mondo e che ha caratterizzato l’agricoltura della nostra terra. Per questo abbiamo sostenuto questo progetto che intende riportare Volla anche alle sue origini di terra fertile. Abbiamo proposto un menù a base di friariello proprio per esplorare le virtù di questo ortaggio”.
Per l’occasione Sustable, che compie il primo anno di attività, ha presentato il nuovo menù invernale realizzato con la collaborazione della Scuola di Cucina Dolce & Salato e un’intera linea dedicata alla valorizzazione del friariello.
Il marchio per la tutela di questa cultivar autoctona è di Bc Communication che ha seguito l’intero progetto. Agenzia di marketing e pubblicità, la BC si sta dedicando alla promozione del territorio partendo proprio dall’agricoltura.

BCCOMMUNICATION

In un mondo “dolce” dove a regnare sono gli uomini (Massari, Giorilli, Morandin, i campani Sal de Riso, ed Alfonso Pepe), si distingue una donna, maestra pasticciera di Battipaglia, Helga Liberto, che dopo anni di studio e tante prove scende anche lei in campo per candidarsi a Regina dei Panettoni. 

Sapore unico, odore inebriante, aspetto favoloso. Qual è il segreto dei suoi lievitati? “L’eccellenza delle materie prime”, risponde Helga, “albicocche pellecchielle e fico bianco di Prignano Cilentano a Presidio Slow Food, burro rigorosamente italiano, uova biologiche territoriali provenienti da galline nutrite esclusivamente con semi di lino che conferiscono al prodotto un apporto di Omega 3 superiore alla media”. 

È il dolce tipico di Natale, ma pochi conoscono la vera storia del Panettone”, prosegue Helga. Ha catturato la nostra curiosità. Affascinati, le chiediamo di saperne di più. 

Si narra che il Panettone sia nato alla corte di Ludovico il Moro, nella Milano del XV secolo. Era la Vigilia di Natale quando il cuoco ufficiale della famiglia Sforza bruciò inavvertitamente il dolce da servire al banchetto ducale. Per rimediare al peggio, Toni, lo sguattero che lavorava nelle cucine di corte, decise di utilizzare un panetto di lievito che aveva tenuto da parte per Natale. Lo lavorò aggiungendo farina, uova, uvetta, canditi e zucchero, ottenendo un impasto particolarmente soffice e lievitato. Il dolce fu così apprezzato dagli Sforza che decisero di chiamarlo “pan di Toni”. Fu così che nacque il Panettone”. 

Ma cosa rende speciali i panettoni di Helga Liberto? I nomi sono evocativi e deliziosi. L’impasto è soffice come nuvola ed umido al punto giusto, alveolato e leggero. La pellecchiella del Vesuvio candita a mano fa del panettone Nuvola del Vesuvio un’autentica leccornia. La variante Terra degli Alburni ha all’interno marrone di Serino IGP, rum e cioccolato a latte Domori, mentre la Carezza del Cilento ha come punta di diamante il fico bianco monnato di Prignano, Presidio Slow Food. “Il fico viene coltivato e preparato dalla famiglia di mio marito e mi ritengo fortunata ad avere una suocera che mi rifornisce di tali delizie”, confessa Helga. Profumo di bosco, invece, è un panettone artigianale con mirtilli, more, e fragoline a canditura morbida e glassatura di cioccolato Ruby. Basta un morso per sognare ad occhi aperti magiche distese fatate. 

Non ci resta che augurarvi buon Natale e buon Panettone a tutti. 

Marianna Somma

Traditions evolve over time negotiating changes with the contemporary world. This is especially true for gastronomy, as chefs are open to experimentation and fusions with other cuisines. However here in Italy, where there is such a variety of regional cuisines and biodiversity, this often happens in-house, so to speak.

Festivities are always a good excuse to get together and enjoy large family feasts, and diets invariably start after Christmas. The most important meal being the Christmas Eve Dinner, with the children opening their presents immediately after, and some adults going to church for Midnight Mass.

How do you prepare for Christmas Eve Dinner and what are the traditional dishes served?

Needless to say, fish is especially popular, and Baccalà, salted Codfish, is considered a must. It can be served fried in batter, in umido – boiled or fried – dressed with tomato sauce, olives and capers, or inside insalata di rinforzo, a salad with cabbage, mayonnaise and Baccalà. But this is only the tip of the iceberg. Here is an example of a traditional family menu in a Neapolitan household.

The Neapolitan Family Menu

Starters

Olives, groceries, octopus salad, anchovies

First course

Spaghetti with Clams

Second course

Mullet, Baccalà, Capitone eel

Side dishes

Insalata di rinforzo, salad

Dessert

Struffoli, Roccocò

 

A very tense house-wife would be cooking all this with little help from the husband, and dreading judgement from the mother in law. However, the couple would have a special moment together and actually enjoy doing all the shopping for it.

This would happen – and does indeed still happen – on the night of 23rd of December. Fishmongers open early in the morning and close as late as 2 a.m.! Yes you got it right! It’s crazy but it’s fun. People go shopping for fish late at night.

A late night out shopping for fish

When they get to the fishmonger’s they choose the fish expertly, have a chat and improvise an aperitif with raw shellfish varying from mussels to clams, taratufi – warty venus clams, small shrimps, oysters and white wine, which has now evolved into Prosecco. This is possible because most customers will have ordered their fish in advance, and not everyone turns up at late hours. The fish shop will have lemons ready for the shellfish, eager to offer customers a treat that has been around far longer than the recently introduced sushi-style crudités. The shops will be lit up with the big light bulbs from Lampare, the old fishing boats, decorated with fishing nets, and display some live fish in shallow bowls, or some very large ones like whole sword-fish. The most popular places in Naples are Mergellina, by the sea front towards Posillipo, the market Aret é mura, near the ancient city gates of Porta Nolana and Porta Capuana, and Pignasecca market in Montesanto.

How have traditions changed from the past?

Luciano, a fish monger from Fuorigrotta recalls “My mum used to make spaghetti with Lupini – a cheaper variety of clams – with tomato sauce, to consume less olive oil, because we didn’t have much money. Everybody used to eat Cefalo – mullet, which is a little frowned upon now – Baccalà and Capitone, whereas now we only sell 30kg of it over the Christmas period”. Leonardo, another fish monger from Rione Sanità explains “Nowadays the older family members have to have their piece of fried Baccalà and Capitone, the middle aged like Pezzogna di mare – sea bream – and the children get plaice and calamari”. So there is a slightly different menu for every age group, introduced by sfizi – fun starters like prawn cocktails and oysters, and an overall tendency to prefer fish with no bones, including lobster and squid, which are relatively easier to cook.

Taste it yourself

If you are not fortunate enough to be invited home by a traditional family, you can still taste Baccalà and other delicacies in a restaurant. Moreover, you won’t have to wait till Christmas, or engage in heavy duty cooking. These are the restaurants that have included salted and dried cod, Baccalà and Stocco, into the best recipes of Italian Cuisine, making it their choicest ingredient.

La Locanda del Baccalà

This restaurant boasts three branches, with premises in Marcianise, Salerno, and Cava Dei Tirreni. As the name suggests it specialises in dishes featuring Baccalà as the main ingredient.

Traditional Italian recipes have been reinvented, to host this tasty guest. An example? Spaghetti alla Carbonara with Baccalà instead of Pancetta or Guanciale – bacon and cheecklard respectively – as a more healthy alternative, rich in flavour. This has led to the creation of a recipe book, recently published, called ‘50 Sfumature di Baccalà’ or ’50 Shades of Baccalà’.

Each branch has its style, with a Baccalà Boutique in Marcianise, the Locanda or Tavern in Salerno, and the Street Food shop in Cava dei Tirreni.

Ristorante Bianco      

The Ristorante Bianco, or White Restaurant, specialises in Baccalà dishes, but also offers excellent fish food from the whole range of fresh catches from the Mediterranean and Atlantic. Rather than working on traditional dishes featuring Baccalà, they have worked on innovative pairings, such as Baccalà Tartare with Basil Pesto alla Genovese, or even Risotto with Baccalà and Pumpkin. The Restaurant can be found just outside Arzano, a town in the province of Naples.

Le Due Palme

Obviously named after palm trees the Restaurant also mirrors the surname of the owners, Palma. It specialises in sea-food in general. It is located in Agnano, not far from Pozzuoli, where there is an excellent fish market, regularly supplied by local fishing boats with some spectacular live catches. A signature dish is fried Baccalà in almond crust resting on a chickpea puree with a side dish of Peperone Crusco and Frarielli – local varieties of peppers and broccoli, respectively.

The Restaurant is also an authentic Neapolitan Pizzeria, which means it is ideal for kids who may not always appreciate fish. It is on the Astroni hill, near the WWF Astroni Nature Reserve, so if you get the timing right you could visit the reserve and have lunch at the restaurant.

Prices

All the restaurants mentioned can be considered mid-range in price, with variations according to your appetite and how lavish you get with the wine.

Side Story

Fishmongers used to hail their customers with local dialect expressions that are now almost lost. ‘E palill aret é carrett’ – ‘the wooden pegs securing the load on carts’ was a reference to how large and tasty the anchovies were.

Not wholeheartedly honest, fishmongers used to serve fish wrapped in thick paper. However the paper would have been artfully wet, thus weighing almost as much as the fish it contained. The boy cleaning the fish would have an empty crate under the counter, called croce, the cross, and slip in a piece of fish from every customer, so he could have fish for his family Christmas dinner, a form of ‘charity’ that the clients were not aware of.

Nowadays customers will show up when the shop is crowded and ask for their fish to be not only gutted, but also filleted and portioned. This will be included in the price, with no additional fee, but the staff will appreciate a generous Christmas tip.

Side story courtesy of Leonardo, a Neapolitan Fishmonger

 

Sean Grant Altamura

 

 

 

C’era una volta la pizza a ruota di carro, poi al bancone si sono avvicinate mani giovani e i cornicioni si sono alzati. A volte moltissimo. È nata così la pizza canotto, la tonda che si sviluppa più in altezza che in diametro e dal cornicione molto pronunciato. Una pizza contemporanea per sapore e immagine. Tanti la amano, molti la criticano, i giovani adorano mangiarla e fotografarla.
Da un estremo all’altro della provincia di Napoli tanti sono tanti gli esempi di questa nuova tipologia di pizza tutta da gustare.
Pompei non è solo terra di mito e di storia, ma è anche meta di intense esperienze culinarie. È proprio qui che a due passi dagli scavi e dal celebre Santuario, che sorge la Pizzeria La Cosacca in via Lepanto 271/273.
La pizza è leggera: la sensazione è quasi quella di mangiare una nuvola impalpabile. L’impasto è altamente digeribile (l’idratazione è pari al 70%) e la consistenza friabile e fragrante. La farina è un blend di tipo 0 al 90% e tipo 1 al 10%.
Le mani del pizzaiolo più che ammaccare il panetto, lo accarezzano. Il risultato è un cornicione ben alveolato, cavernoso ma leggero, a contorno di una pizza semplicemente deliziosa.
Ci troviamo dinanzi a una tipica pizza canotto, quel canotto divenuto simbolo di una nuova generazione di pizzaioli pronti a mettere in discussione la tradizione napoletana per veleggiare verso i lidi di una pizza contemporanea che rispetta il passato ma ha lo sguardo rivolto al futuro.
Al banco della Pizzeria La Cosacca troviamo Stefano De Martino, giovane ma già esperto pizzaiolo dotato di grande talento e creatività. “Ho perfezionato l’impasto nel tempo, con prove e riprove”, ci racconta Stefano. “L’impasto attuale è una biga solida al 90% e un poolish al 10%”, prosegue, “la vera particolarità sta nel non utilizzo di farine separate, ma di un blend di 0 e 1 già nei prefermenti.”. Il risultato? Una farina non raffinata e una pizza altamente digeribile.
Pizzeria La Cosacca

In occasione della presentazione alla stampa del rinnovato menù, Stefano ha proposto quattro new entry “pizzose che hanno conquistato gli occhi e il palato dei presenti.
Da un’emozionante pizza con crema di friarielli, fior di latte di Agerola, Lardo di maialino nero, tarallo sbriciolato e fili di peperoncino ad una splendida vellutata di cipolle ramate di Montoro sfumate con grappa barricata, fior di latte di Agerola, pancetta croccante di maialino nero e fonduta di formaggi stagionati.
Segue poi un’eccellente pizza cosacca rivisitata, da lui battezzata Cosacca 2.0., perfettamente equilibrata, caratterizzata da un sapore verace ma al contempo delicato: un prodotto moderno realizzato con tecnica sopraffina che omaggia brillantemente la tradizione partenopea e il nome del locale.
Senza dubbio la pizza che ha lasciato di stucco è stata quella dedicata al magazine La Buona Tavola e al suo direttore Renato Rocco. Una pizza con crema di papaccelle, fior di latte di Agerola, tuorlo d’uovo fritto e scaglie di Cacioricotta cilentana.
Prima di consumare con voracità la pizza, giusto il tempo di tempestare di foto e video quest’opera d’arte contemporanea degna di entrare nell’olimpo social del pornfood napoletano.
Pizzeria La Cosacca

Per quanto riguarda il locale, le sale sono semplici ma accoglienti e risultano dominate dai caldi toni del dorato.

Pasquale Garofalo, patron della Pizzeria, ci ha confessato il sogno di espandere il brand “La Cosacca”. “Da circa cinque mesi ho intrapreso quest’avventura imprenditoriale nel campo del food e dell’enogastronomia. Il progetto è quello di espandere il format da Pompei ad altre piazze campane”. 

Non ci resta che augurare in bocca al lupo a Pasquale e di consigliarvi, se siete alla ricerca di un’ottima pizza a Pompei,  la Pizzeria La Cosacca in Via Lepanto 271/273.

Marianna Somma

Ospite della rassegna culinaria “ 5 Senses Dinner ”

lo chef stellato Crescenzo Scotti

Martedì 17 dicembre, cena a quattro mani con

lo chef Gustavo Milione al Via Porto Bistrot

Nel pieno centro di Salerno, a pochi passi da “Luci d’Artista”, consueta manifestazione natalizia cittadina, torna il terzo appuntamento con la rassegna gastronomica  “ 5 Senses Dinner ” organizzata da Via Porto Bistrot, martedì 17 dicembre alle ore 20.30. Dopo la partecipazione di Paolo Gramaglia, chef e patron del ristorante stella Michelin “President” di Pompei, e di Domenico Iavarone, chef due volte stellato prima al ristorante “Maxi” di Vico Equense e poi presso il “Josè Restaurant” di Torre del Greco, sarà ospite lo chef Crescenzo Scotti, del ristorante stella Michelin – anno 2014/2015 – Il Cappero del Terasia Resort di Vulcano.

Scotti, però, non è nuovo ai fornelli del Via Porto Bistrot. Il suo, infatti, sarà un felice ritorno che lo vedrà nuovamente a preparare deliziose pietanze congiuntamente con lo chef del locale, Gustavo Milione.Il menu sarà perfetto per i palati più curiosi ed esigenti e punterà all’eccellenza in un mix di tradizione autoctona e di contemporaneità, come spiega chef Gustavo: «Sono felice della prossima cena a quattro mani, con lo chef stellato Crescenzo Scotti, perché i punti di incontro delle cucine non sono solo legate all’agroalimentare, ma anche alle sue più antiche tradizioni con un’acuta attenzione alla storia recente. Il nostro obiettivo, infatti, sarà quello di puntare sulle autentiche ricchezze del nostro territorio. Sono sicuro che la cena di martedì sarà, per i nostri ospiti, un’emozione per gli occhi che si tradurrà nei sapori proposti a tavola».

Inoltre, per ogni portata in tavola verrà abbinato un vino di “Tenuta Scuotto”, azienda agricola irpina, che esalterà il gusto di ciascuna pietanza creando così un vero e proprio matrimonio armonico capace di bilanciare tutti i sapori.

«I vini della nostra tenuta sono sempre riusciti ad intercettare i gusti del pubblico e sono sicuro che sarà così anche con gli ospiti della cena stellata di martedì. Siamo così entusiasti di accompagnare i nostri vini ai piatti preparati dallo chef Gustavo Milione e lo chef Crescenzo Scotti che abbiamo deciso di fare una sorpresa a tutti i presenti con un vino di nostra produzione di annata prestigiosa». Spiega Adolfo Scuotto, owner dell’azienda.

Il Via Porto Bistrot, gestito dalla famiglia Salvati, si propone quindi ancora una volta come tappa fissa per chi ama la cucina d’eccellenza salernitana attraverso piatti che, senza rinnegare le antiche tradizioni culinarie, strizzano l’occhio all’attualità e all’innovazione in cui, grazie all’ambiente elegante ma allo stesso tempo accogliente, accarezzano le papille gustative di tutti i commensali alterandone i cinque sensi: vista, tatto, udito, gusto e olfatto.

 

Ufficio Stampa

Ilaria Cuomo

Armando Pascarella , il giovane pastry chef di Polvica che sorprende con le

sue creazioni artigianali.

Il 15 dicembre la degustazione dei panettoni di Amando Pascarella

 

Quando si arriva a Polvica, un piccolo centro a vocazione agricola che si trova a Sud del comune di San Felice a Cancello, sul versante opposto di Monte Sant’Angelo al confine con Nola, e si chiede della pasticceria Primavera tutti sanno indicare dove si trova perché è l’unico laboratorio dolciario di questo piccolo centro conosciuto per l’artigianalità e la freschezza dei prodotti che troviamo al banco. Unico e solo, situato al civico n. 87 di via Polvica, la strada principale di collegamento con il Cis di Nola, l’Interporto Campano, il Vulcano Buono e ancora, con l’Alenia Aeronautica. Il laboratorio (pasticceria Primavera), nasce dodici anni fa con la gestione familiare, dove da alcuni anni ha preso le redini in mano il secondogenito Armando Pascarella , dopo gli studi alberghieri ed un Master di Pasticceria conseguito presso una delle scuole più importanti e qualificate del Centro Sud Italia (Dolce&Salato) e dopo diversi corsi di specializzazione e stage con maestri lievitisti, tra cui Aniello di Caprio.

Per lui le parole d’ordine sono tradizione, precisione, passione, ricerca e territorio, pulizia estetica e gustativa, Armando Pascarella lo scorso mese di settembre è stato il vincitore del Contest  “I Sapori della Filiera” dell’edizione 2019 del Bufala Fest con  una crostata realizzata con pasta frolla alle mandorle, cremoso al caramello, confit di mela annurca e mousse di ricotta di bufala e, a gennaio, lo vedremo protagonista, con la scuola con cui si è specializzato, al Sigep di Rimini (Salone Internazionale di pasticceria e gelateria), con un’altra sua innovativa creazione che non si discosterà molto dalla tradizione, così come piace lavorare a questo giovane pastry chef destinato ad una lunga e brillante carriera.

“I sogni nel cassetto sono tanti – racconta – ora devo lavorare sodo e continuare a studiare perché la pasticceria è una materia in continua evoluzione e voglio specializzarmi nei lievitati – ed aggiunge – presto mi piacerebbe spostarmi di poche centinaia di metri con il laboratorio per mettere in piedi qualcosa di innovativo e molto accogliente per questo paesino che mi sta dando tanto e per migliorare anche i miei spazi di lavoro”.

Molto apprezzati sono i suoi biscotti classici all’amarena, vanno a ruba ed è molto bravo anche con i prodotti da prima colazione di cui presto ne parleremo, ma ora visto che il Natale è alle porte, vogliamo soffermarci su quanto ci offre, a partire dai panettoni artigianali tra cui, il tradizionale milanese ed uno al caffè e cioccolato bianco che sta avendo un notevole successo, non manca quello all’albicocca pellecchiella del Vesuvioai frutti di bosco e alla mela annurca di cui il territorio è ricco. Interessante anche i mostaccioli che hanno una lavorazione diversa dal solito appresa da uno dei suoi maestri, che non troviamo solo nella versione classica al cioccolato fondente, ma anche nelle versioni ripiene. A tutto questo si aggiungono i roccocò, gli struffoli, la pastiera, le cassate, i raffaiuoli e tante altre prelibatezze di cui, alcune innovative che Armando preparerà proprio nei giorni prossimi alle festività natalizie.

La sua è una di quelle storie che affascinano per il coraggio di rimanere in un piccolo centro senza il desiderio di andare altrove per seguire i suoi sogni e poi per una determinazione non comune e soprattutto se pensiamo al suo pilastro principale: coltivare gli ingredienti che utilizza per i suoi dolci, questo un altro progetto che inizierà a sviluppare l’anno che verrà. Intanto, si sta preparando per domenica 15 dicembre per una degustazione di  panettoni, tutti da raccontare, da assaggiare e di altre specialità che ha in riserbo per i suoi ospiti.

Ufficio Stampa

Antonella D’Avanzo

Il menù funzionale dell’”Hostaria degli Artisti”

Il motto di Antonio Serra ed Ugo Di Paolo: “Mangiare bene, per vivere bene”

Pranzo di lavoro? Cena conviviale? In tanti sono angosciati al sol pensiero di consumare un pasto al ristorante. Eppure molti momenti della vita ruotano attorno al cibo, e questo – ovviamente – influisce sul benessere fisico.

L’”Hostaria degli Artisti”, piccolo hub del gusto ubicato a Napoli (nel cuore del quartiere Vomero, precisamente in via Tino di Camaino 5), propone il primo menù studiato per chi non è disposto a rinunciare né al piacere di mangiare con parenti, colleghi ed amici fuori casa, né ad una corretta alimentazione. Il primo segreto alla base dei piatti proposti dallo chef Antonio Serra è l’altissima qualità degli ingredienti (figurano tra i suoi fornitori nomi come Adoro, Ardolino Carni, Armatore, Jolanda De Colo, Otranto, Umani Ronchi).  I piatti da lui preparati sono semplici, equilibrati, mai carichi di sale, zucchero o spezie; le cotture sono delicate, per evitare che annullino i benefici degli ingredienti.
Le proposte in menù sono frutto di uno studio sul bilanciamento dei nutrienti (carboidrati, proteine, fibre e lipidi) effettuato dallo chef e dalla nutrizionista Sabrina Chimenz; così sia i piatti della tradizione che quelli ideati da Antonio Serra sono stati ripensati per andare a comporre un menù funzionale, in modo tale che mangiare fuori non rappresenti più un problema, ma un piacere per chi si siede ai tavoli (pochi, il locale arriva ad un massimo di 28 coperti) dell’Hostaria.

hostaria

Dunque una proposta intelligente, e trasparente, raccontata ai commensali con dovizia di particolari sia attraverso la minuziosa descrizione in carta sia dallo chef che, finito il lavoro in cucina, ripone il grembiule e si dedica a loro in sala.  L’idea di Antonio Serra, infatti, è proprio quella di far sentire i suoi ospiti come a casa, raccontando loro le sue creazioni culinarie. «Le mie ricette, anche quelle che mutuo dalla tradizione culinaria partenopea, sono tutte originali, riviste passo passo, ingrediente dopo ingrediente – spiega lo chef, anche titolare del locale -. Ritengo che l’olio sia di fondamentale importanza, perciò ho scelto di utilizzare quello dell’azienda napoletana Adoro. Per ogni piatto, poi, abbiamo il giusto vino da accostare. Il punto di forza della nostra carta dei vini è la versatilità delle sue proposte, ad esempio il Verdicchio dell’azienda Umani Ronchi si abbina bene a diversi miei piatti, come la “Colatura di Cetara” (linguine di Gragnano condite con aglio rosso di Sulmona, olio EVO, prezzemolo e colatura di alici) oppure il risotto al Mojito (riso Carnaroli lavorato a pietra, rhum Bacardi, burro di bufala, gambero rosa del Mediterraneo, menta fresca, lime, pepe verde in grani e petali di Parmigiano Reggiano 28 mesi)».

«Tutto questo rappresenta la nostra idea di offerta a 360 gradi – confessa Ugo Di Paolo, direttore del ristorante -. Selezioniamo con cura i fornitori e cerchiamo sempre il meglio per dare la giusta resa qualitativa ai nostri piatti. Per noi è fondamentale l’equilibrio tra gusto e benessere, il nostro motto è “mangiare bene, per vivere bene”. La Dottoressa Sabrina Chimenz lavora con lo chef sulle dosi, sulla scelta dei cibi e decreta se il piatto finale regala benessere a chi lo consuma».

Dunque presso l’”Hostaria degli Artisti” si possono affrontare i pasti conviviali fuori casa in maniera più critica e consapevole, senza angosce o preoccupazioni, continuando a vivere queste situazioni in modo positivo e piacevole.

 

Ufficio Stampa

Maria Consiglia Izzo

“Assuntì: scètate, scè!”, così ‘A figlia d”o Marenaro diventa un fumetto per beneficenza

Serata di presentazione condotta da Gianni Simioli al Romeo Hotel

Comics, enogastronomia e beneficenza. Sono queste le parole chiave della serata di presentazione di “Assuntì: scètate, scè!“, il primo fumetto dedicato alla vita dell’imprenditrice napoletana Assunta Pacifico, anima e volto del noto brand partenopeo ‘A figlia d”o Marenaro , realizzato dalla Scuola Salernitana del Fumetto Comix Ars in occasione di questo Natale 2019
 
L’evento si terrà mercoledì 18 dicembre (dalle ore 19) presso l’Hotel Romeo di Napoli: dopo i calendari artistici realizzati per i Natale scorsi, quest’anno ‘A figlia d”o Marenaro diventa un fumetto, sempre per beneficenza: la serata, condotta da Gianni Simioli, è organizzata con l’idea di raccogliere fondi da devolvere interamente a favore dei bambini dell’Ospedale Pausilipon di Napoli attraverso la Fondazione Santobono Pausilipon onlus.
 
Oltre l’amore per l’enogastronomia partenopea e la sua Napoli, l’imprenditrice napoletana Assunta Pacifico è impegnata nel sociale: la chef, conosciuta nel mondo per la zuppa di cozze, ha voluto mettere “nero su bianco” la storia della sua vita, partendo da un’infanzia non facile, piena di sacrifici, quelli che a sette anni la vedevano già ad aiutare la sua famiglia a pulire le cozze e a imparare il mestiere, fino a diventare una donna di successo.
Ufficio Stampa
Tredici Annacarla

 

PRESENTATO IL NUOVO MENU DELLA COSACCA

Sabato 7 dicembre presso la pizzeria La Cosacca in Via Lepanto 271/273 a Pompei, Stefano De Martino ha presentato alla stampa il rinnovato menù autunno-inverno. L’evento è stato organizzato da Renato Rocco, direttore de LaBuonaTavola Magazine, che insieme a giornalisti ed esperti del settore ha testato il banco d’assaggio.

La Cosacca arriva a Pompei portando con sé esperienza ed estro nella convinzione che rispettare la tradizione sia garanzia di bontà e gusto. Pasquale Garofalo, patron de La Cosacca, ha in cantiere l’idea di espandere il progetto e ha dichiarato: “Da circa cinque mesi ho intrapreso questa avventura imprenditoriale nel campo del food e dell’enogastronomia. Il progetto è quello di espandere il brand “La Cosacca”. Ci sono, infatti, tutte le premesse per cui questo diventi un format che da Pompei conquisti altre piazze sia in Campania che fuori”.

Il menù del pranzo ha previsto un’entrée composto da una frittatina classica napoletana e la degustazione di quattro pizze: #LaPizzaDiDeMartino con crema di friarielli, fior di latte di Agerola, lardo di maialino nero, tarallo sbriciolato e fili di peperoncino; La Cipolla Barricata composta da vellutata di cipolle ramate di Montoro sfumate con grappa barricata, fior di latte di Agerola, pancetta croccante di maialino nero e fonduta di formaggi stagionati; La Buona Tavola con crema di papaccelle, fior di latte di Agerola, tuorlo d’uovo fritto, scaglie di Cacioricotta cilentana e basilico cristallizzato; La Cosacca 2.0 con emulsione di pomodorini del Piennolo DOP, formaggio di pecora stagionato alle vinacce, pomodorini gialli del Piennolo DOP e basilico.

Il consenso, nelle parole di giornalisti ed esperti, è dovuto non solo al sapiente equilibrio degli ingredienti nei topping ma anche all’impasto. “Ho perfezionato l’impasto nel tempo, con prove e riprove, cercando di non allontanarmi da quella che è la pizza napoletana e allo stesso tempo non avvicinarmi alla panificazione. L’impasto attuale è una biga solida al 90% e un poolish al 10%. La vera particolarità sta nel non utilizzo di farine separate ma di un bland di 0 e 1 già nei prefermenti. Questo mi permette di trarre da una farina non raffinata aromi, sapori, profumi, fragranza e friabilità per offrire al cliente un prodotto il più digeribile possibile”, ha sostenuto Stefano De Martino.

INSIEME PER IL TERRITORIO : NATALE D’AMORE

Lunedì 9 dicembre 2019, a La Baita del Re Resort (via Valle delle Delizie, 13), Ottaviano, dello chef patron Nunzio Illuminato, torna  ” Insieme per il Territorio : Natale d’Amore”, organizzato per la seconda volta nella splendida tenuta del Vesuviano, la più panoramica del meraviglioso e ricco Territorio, che diventa Giornata benefica, con inizio delle varie attività multidisciplinari e dei mercatini natalizi alle ore 15,00.
#InsiemeperilTerritorio, per questo Natale d’Amore donerà innanzitutto gioia ai bambini senzacasa del Progetto “AbitiaAmo” guidato da padre Massimo Ghezzi, che riceveranno giocattoli e doni da Babbo Natale e dagli Elfi in slitta, de La Casa dei Matti. Inoltre, la grande iniziativa supporta il Progetto SalvaVita per il primo soccorso nelle scuole, della Onlus “Le Fate di Arianna” di Luigi Nunziata, nell’acquisto di un defibrillatore, un defibrillatore, strumenti indispensabili per salvare vite umane.
Serie di eventi solidali enogastronomici d’eccellenza, ” Insieme per il Territorio” è vede protagonisti da anni i più famosi chef ed operatori dell’Eno-Food, artisti e produttori, ed è firmata dalla giornalista enogastronomica Teresa Lucianelli. Fa parte nella rassegna itinerante da lei ideata nel 2013, “Salute, Alimentazione, Bellezza: tutto quello che molti non sanno” con vari settori interessati, oltre al Food e Drink: Medicina, Cultura, Arti, Spettacolo, Benessere, Estetica e Cosmeceutica, Moda, Formazione, ecc
Di seguito, il ricco programma di questa Giornata dedicata al Bene, in calendario lunedì prossimo 9 dicembre.
Dalle ore 15 esposizione con prodotti agroalimentari, gastronomici, artigianali territoriali, per il benessere e proposte di regali per il Natale. Partecipano gli alunni dell’Istituto alberghiero “de Medici” di Ottaviano e i ragazzi del centro Neapolisanit con i loro lavori appositamente realizzati per supportare la kermesse benefica a favore dei loro coetanei meno fortunati, nel segno distintivo del Bene. Un momento d’impegno sociale. Poi, Associazione Micolorodiblu, Masseria Orlando, Zinzino Team Global Community; agricoltori di Slow Food, ecc. Inoltre, Beauty House: l’hair stylist Emanuele De Cicco, Napoli, le Make Up artists Ileana Mandile, Casoria, e Michela Moccia, Ottaviano, forniranno consigli personalizzati gratuiti sul look e la cura del sé.
Nel pomeriggio, incontri culturali, scientifici, enogastronomici, su salute e nutrizione.
Alle ore 16,00 “L’importanza della presentazione dei piatti”, a cura del prof. Luigi Nunziata. Ore 16,30: “Le basi della nutrizione: cibo e acqua”, dott. Rosalia Ciorciaro, nutrizionista e idrologa alimentare. Ore 17,00 “Violenza alle donne, ai bambini, violenza di genere” con Concetta Bianco, presidente associazione “La Rosa Bianca”. Ore 18,00 presentazione dell’ultimo libro di Annamaria Ghedina, Lady Gost, famosa “scrittrice dei fantasmi” e giornalista: “Sir Andrea Frankfourth ed il tesoro degli Incas”, Terre Blu Editore.
Ore 19, brindisi d’apertura con lo chef pluristellato Francesco Sposito, aperitivo con musica, sfilata del couturier Paolo Iovino Alta Moda; dress code rosso. Ore 20 serata condotta da Teresa Lucianelli, cenone d’eccellenza pre-natalizio con spettacolo. Sostengono questo grande evento solidale: i Soul Food, Gennaro De Crescenzo, Armando Celentano – coordinatore musicale della serata – Michele Selillo, il tenore pop Giuseppe Gambi e Fiorellino. Non mancheranno Ciro Torlo, top model e attore napoletano che ha conquistato gli Stati Uniti diventando il modello italiano più famoso, impegnato in importanti campagne pubblicitarie e serie televisive; da L’Isola dei Famosi, John Vitale; l’attore Lucio Pierri, direttore artistico di Tv Luna, l’attore schierato in prima linea a favore della legalità, Angelo Iannelli. Per la danza si esibiranno gli allievi della Royal Dancing, quale testimonianza del territorio. Infine, Babbo Natale e gli Elfi de La Bottega dei Matti. Direzione artistica del giornalista Antonio d’Addio, da La Vita in Diretta, Rai.
Gran chiusura con lo chef stellato Alfonso Caputo e la spettacolare sciabolata con champagne del noto volto televisivo Paola Fiorentino da Ciao Darwin, famosa imprenditrice positanese titolare di maison de charme di fama mondiale, chef d’eccellenza, pittrice e maestra di sciabola.
Da location pluristellate, stellate, d’eccellenza, ecco i magnifici chef: Antonio Arfè, Nicola Di Filippo, Marco Di Martino, Vincenzo Ferro, Gennaro Galeotafiore, Giuseppe e Nunzio Illuminato, Paolo Iovieno, Valerio Giuseppe Mandile, Antonio Tecchia col sous chef Eduardo Giglio, Achille Sanges, Salvatore Spuzzo, Vincenzo Toppi, Piera Parisi, Luigi Di Martino.
Ancora, i maestri pizzaioli Gennaro Catapano; Michele Cuomo, presidente Associazione Pizza a Vico e campione mondiale pizza in pala; Aniello Falanga, eccellenza degli impasti; Carmela Iorio, campionessa mondiale “Pizza World Cup 2019”; Paolo Surace Mattozzi, colonna portante dell’AVPN, Associazione Verace Pizza Napoletana; la rosticciera Raffaella Grillo.
Maestri pasticcieri: Pasquale Pesce, Ciro Scarpato; Federico, Luisa e Gianluigi
Franzese. Per Micolorodiblu, l’impegno di Tommaso Foglia e Gennaro Langellotti.
La serata è supportata da: Istituto alberghiero de Medici di Ottaviano, guidato da un grande preside, il prof. Vincenzo Falco; Micoloridiblu Onlus per i ragazzi autistici, presieduta dall’infaticabike Marisa Gallucci, con i suoi giovani in affiancamento al personale di Cucina e di Sala; AIS con i suoi eccellenti sommelier, egregiamente coordinati da Ernesto La Matta, delegato Paesi Vesuviani; Neapolisanit, amministrata dalla dinamica Annalina Auricchio; Disciples d’Escoffier, massima organizzazione che rappresenta 40mila chef nel Mondo, presieduta per la Campania dallo storico chef de La Lanterna, Nicola Di Filippo.
Le location amiche: Amor Mio, Brusciano; Antica Gastronomia Arfè, Napoli; Antico Portone di Giuseppe Palma, Villaricca; Antica Fraconia, Taurano; Cerasè, Vico Equense; Haccademia, Terzigno; Il San Cristoforo, Ercolano;
La Baita del Re Resort, Ottaviano; La locanda di Peppe, La Taverna del Capitano, Nerano; Pasticceria Pesce, Avella; Pizza e Fritti, Nola; Pizzeria Iorio Carmine, Melito; Pizzeria Jolly, Palma Campania; Pupetto, Positano; Taverna Estia; Ruah, San Vitaliano; Sax Barisano-Cucina Lucana; Villa Alma Plena, Casagiove; Villa dei Fisici; Villa Fiorentino, Positano.
I generosi sostenitori: Azienda agricola Diana, Casapesenna; Azienda Agricola Luigi Turboli; Cantine Castaldo Tuccillo, San Gennaro Vesuviano; Casale Alpega, Sarno; Distilleria Amato, Striano; Euro Graf, Palma Campania; Goeldlin Chef; Happy Holiday Napoli AssoCral; Ileana Mandile Estetica e Benessere, Casoria; La Fiammante; Le Prelibatezze di Nonno Luigi, San Giuseppe Vesuviano; Olificio Punzo, Pollena Trocchia; Paola Fiorentino Arte, Positano; Sapori di Napoli, Nola; Zinzino, Team Global Community.
Da Ottaviano: Anima Dolce-SweetLab Franzese, Caseificio Donna Sofia, Caseificio San Michele, La Bottega dei Matti, Michela Moccia MUA, Michele Romano, Paolo Iovino Couture, Royal Dancing. Da Somma Vesuviana: Fratelli D’Avino S.p.A, Panificio Il Fornaio di Nunzia Ciliberti, Gelati Vesuvio, Tenuta Augustea di Nocerino Marco, Azienda Agricola Perna.
All’evento prenderanno parte giornalisti, fotografi, fotoreporter, teleoperatori, blogger, influencer specializzati – innanzitutto coloro che da anni sono concretamente presenti ai tanti eventi della serie solidale #InsiemeperilTerritorio e della rassegna “Salute, Alimentazione e Bellezza: tutto quello che molti non sanno” – e sarà ripreso dalle telecamere professionali di numerose note emittenti televisive.
Parteciperanno alla consegna dei giocattoli ai ragazzi di AbitiAmo, gli organizzatori della manifestazione, giornalisti e rappresentanti delle agenzie ludico-animative in costume natalizio.
Ufficio Stampa e Comunicazione
Teresa Lucianelli

IL MAGICO INVERNO DELLA REGGIA DI PORTICI

Natale in Reggia 2019, 4° edizione: dal  6 Dicembre 2019 al 6 Gennaio 2020

reggia

Le luci natalizie, i canti e la musica tipica, le bancarelle di artigianato, le leccornie colorano gli ambienti della Reggia di Portici addobbati per la festa più sentita dell’anno. “Natale in Reggia” è l’evento che ormai da quattro anni appassiona migliaia di visitatori che giungono da tutta la Campania. Una manifestazione organizzata dal Dipartimento di Agraria dell’Università ‘Federico II’ di Napoli in collaborazione con il Centro MUSA e con il MAVV, dalla Città metropolitana di Napoli e dal Comune della città di Portici.
Il programma dell’evento che si svolgerà dal 6 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020 è fitto di iniziative. Il Galoppatoio Reale diverrà  un luogo dove grandi e piccini ritorneranno a dialogare attraverso il tema del gioco e dove sarà possibile incontrare i personaggi – principe del Natale nell’immaginario collettivo, come la Befana che arriverà nella mattinata del 6 gennaio.  Spettacoli, visite guidate, animazione, visite teatralizzate, seminari, stand di prodotti tipici e artigianato, degustazioni, postazioni scientifiche dove ricercatori e personale del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II  esporranno, con esperimenti e dimostrazioni tematiche, le ricerche svolte all’interno della struttura universitaria. Ad esempio il 7 dicembre si terrà un seminario che affronterà gli aspetti legati alle fake news sulla sicurezza degli alimenti; ancora, nello stesso giorno sarà allestito un laboratorio sui meccanismi della percezione olfattiva e sulle molecole odorose del vino. L’edificio del Maneggio Coperto di Portici ospiterà una mostra mercato con circa 30 espositori che proporranno idee regalo, addobbi natalizi, prodotti tipici e specialità gastronomiche. Il mercatino sarà  visitabile nei giorni 6 dicembre (dalle ore 15:30 alle ore 21), 7 dicembre (dalle ore 10:30 alle ore 21:30) e 8 dicembre (dalle ore 10 alle ore 21).  L’Associazione Italiana Amici del Presepio (sede di Ercolano) allestirà una mostra di arte presepiale che sarà inaugurata il 14 dicembre. Grande novità dell’edizione 2019 della kermesse sarà  il “Festival della tombola napoletana” promossa dal MAVV Wine Art Museum: nei giorni 6 e 7 dicembre negli spazi del Piano Nobile della Reggia (presso la Sala Bianca) alle ore 20 si terranno due tombolate, una con protagonista Paolo Neroni, attore e vincitore di una edizione del format televisivo “La sai l’ultima?” , l’altra con protagonista Amedeo Colella e Dario Carandente che metteranno su la prima tombola dove dal “panaro” usciranno le canzoni napoletane al posto dei numeri.

Gioco, magia, spettacolo e sostenibilità: un’occasione imperdibile per visitare la Reggia di Portici in una veste originale ed unica, per vivere in maniera alternativa la magia del Natale.
L’evento è ad ingresso gratuito; è possibile parcheggiare le auto gratuitamente all’interno della struttura (fino ad esaurimento dei posteggi a disposizione).

Il programma completo della manifestazione su www.nataleinreggia.it.

 

Ufficio Stampa

Maria Consiglia Izzo

Pizzaiuolo Stories, l’evento che racconta un’arte divenuta patrimonio dell’Umanità Martedì 10 dicembre ore 18 Napoli – Sala Santa Maria La Nova 40 pizzaiuoli, 40 storie professionali diverse, 40 modi di vivere e interpretare un’arte. E’ questo il cuore di ” Pizzaiuolo stories “, l’evento organizzato dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani di Sergio Miccù e dalla Squisito Eventi […]

L’8 e il 15 dicembre 2019 sono gli appuntamenti di Tenuta Cavalier Pepe per Cantine Aperte a Natale.

Un brindisi per le feste con una verticale esclusiva di Taurasi e Taurasi riserva docg, annate dal 2007 al 2013

Via Santa Vara, Sant’Angelo all’Esca, Avellino, www.tenutacavalierpepe.it

Torna domenica 8 e domenica 15 dicembre 2019 alla Tenuta Cavalier Pepe, in Via Santa Vara, Sant’Angelo all’Esca, Avellino, l’appuntamento con Cantine Aperte a Natale, e per l’occasione si terrà una verticale esclusiva, per intenditori, ma non solo, degustando i vini Taurasi e Taurasi Riserva docg, rispettivamente “OPERA MIA” Taurasi e “LA LOGGIA DEL CAVALIERE” Taurasi Riserva, delle annate comprese tra il 2007 e il 2013. Il programma delle giornate prevede, arrivo alle 10.30, ritrovo dei partecipanti in cantina, accoglienza con colazione, con caffè, e brioches.
Alle 11:00 Partenza per i vigneti: dove si terrà la spiegazione di tutte le fasi del ciclo della vite. Visita in cantina: spiegazione del processo di vinificazione e visita nella Barricaia sorseggiando un bicchiere di aperitivo “Cerri Merry Dry”. Alle ore 12.00 comincia la verticale a cura della Fisar, Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori. Un percorso esperenziale accompagnato dal racconto di Milena Pepe e del personale tecnico dell’azienda. In abbinamento tagliere di formaggi, salumi e rustici di produzione locale. Per i bambini, durante la degustazione dei vini, sarà organizzato un assaggio di marmellate alla cieca, un laboratorio didattico, per un avvicinamento agli aromi e ai sapori. Il costo della degustazione è di 30 Euro per gli adulti e di 10 euro per i bambini (Per info e Prenotazioni: Tel.:0827.73766; 349.3172480, info@tenutacavalierpepe.it). Sarà possibile inoltre dall’1 al 31 dicembre degustare e acquistare un numero limitato delle vecchie annate Taurasi Docg Opera Mia e La Loggia del Cavaliere Taurasi Riserva DOCG del 2007 e 2008. Previa prenotazione, sarà possibile pranzare presso il ristorante “La Collina” o agli agriturismi convenzionati. L’tinerario consigliato per raggiungere Tenuta Cavalier Pepe è attraversare l’autostrada A16 Napoli-Bari, uscire a Benevento/Castel del Lago e proseguire per Taurasi (13km) e poi per Luogosano (3km).

Ufficio Stampa Tenuta Cavalier Pepe

Annalisa Tirrito

tirrito.annalisa@gmail.com

Non solo pizza e ragù napoletano, la città partenopea è famosa anche per un altro piatto: la genovese. Da non confondere con il pesto alla genovese che è tutta un’altra storia.
Il nome non deve trarre in inganno: non si tratta di una perla della cucina ligure, ma di un piatto napoletano doc.
La classica genovese è basata su un ragù bianco di carne, cipolle e pochissimi altri ingredienti che viene stufato per ben 6/8 ore fino a diventare una crema densa e profumatissima che si serve sulla pasta con una buona spolverata di formaggio grattugiato. Ciò che distingue questo piatto dal ragù napoletano è l’assenza di pomodoro.
Si tratta di una ricetta molto antica che si presta a diverse interpretazioni, sia per la varietà di cipolle utilizzate (dorata/ramata, tra le più celebri la Dorata Parmense, la Dorata di Voghera e la Ramata di Montoro), sia per il tipo di pasta: la tradizione pretende gli ziti spezzati, ma c’è anche chi usa le penne o le sigarette lisce.
A questo punto vi starete chiedendo: “Perché mai un piatto napoletano porta il nome di genovese”?
Libri, trattati, leggende popolari: dopo secoli ancora si discute sui natali di questo piatto. La versione più accreditata vuole che la ricetta originaria sia sbarcata al porto di Napoli insieme ai marinai della “Superba” nel XVIII, nave genovese ovviamente! C’è poi il noto nobile napoletano appassionato di cucina- Ippolito Cavalcanti- che nel suo trattato “Cucina teorico pratica” parlava di un sugo molto simile alla genovese, ma non per la pasta.
Passiamo al colore. Sapevate che è il colore ciò chee contraddistingue un’ottima genovese? Secondo gli esperti, la tonalità perfetta è “manto di monaco” ed è questo il metro cromatico di cottura.
A Napoli non c’è trattoria che si rispetti che non proponga in menù questo piatto. E anche se, come dicono i napoletani, “la migliore trattoria è casa propria”, ecco una selezione delle migliori genovesi della città, per tutti i gusti e per tutte le tasche.

genovese

credits: Tripparia

Osteria della Mattonella

In quel limbo di terra tra la “Napoli bene” e il quartiere popolare del Pallonetto, c’è un’osteria il cui nome rimanda alle mattonelle in stile vietrese del 1700 che ornano le pareti. La cucina è quella tipica napoletana, genuina, verace, gustosa. Le ricette sono quelle di una volta, eseguite allo stesso modo. Anche la genovese non è da meno. Cottura lenta, profumo intenso. Unica pecca è il formato della pasta: le penne.
Via Nicotera 13

Locanda del Cerriglio

Nel vicolo più stretto di Napoli c’è la trattoria più famosa della città. Ai tavoli di questa locanda si sono seduti personaggi di spicco come Giovan Battista Della Porta, Benedetto Croce e persino Michelangelo Merisi. A proposito di quest’ultimo, la leggenda narra che nel 1609, nei pressi della taverna, il Caravaggio fu aggredito e sfregiato al viso da quattro sicari.
La genovese qui è fatta con cipolle ramate di Montoro e carne di manzo di prima scelta, cottura lenta, dalle sei alle otto ore, il tutto servito con candele spezzate che fanno risaltare maggiormente il sapore.
Via del Cerriglio 3

Leon d’oro

Nel cuore di Piazza Dante c’è una trattoria semplice, ma gustosa. Tavoli e sedie di legno, pavimento stile anni’50, cucina come quella delle nostre nonne. Anche qui si può gustare una squisita genovese.
Piazza Dante 48

Pizzeria Trattoria Nanà

Qualità. accoglienza e selezione delle materie prime sono le parole d’ordine di questa pizzeria-trattoria inaugurata nel non lontano 2008 da Silvio Zigarelli. Oltre ad un’ottima pizza, qui potete gustare una straordinaria genovese che non vi farà rimpiangere quella delle vostre nonne.

Via Serafino Biscardi 7/9/11

Ristorante Le Due Palme

Da oltre 50 anni  questo locale, ubicato nel cuore dei Campi Flegrei a due passi dalle terme romane, serve una genovese divina fatta con carne di bufalo e di maialino nero e cipolla ramata. Lo chef propone altri piatti d’eccezione come scampi avvolti in lardo di colonnata con aceto balsamico e rigatoni con funghi porcini e gamberi.

Via Agnano Astroni 30

genovese

Genovese, Ristorante Le Due Palme

Se invece andate di fretta, ma non volete rinunciare al sapore della genovese, vi consigliamo un bel cuzzetiello alla genovese da Dario Troise presso O’ Cuzzetiello Paninoteca Takeaway in Via Rimini 51. Goduria assicurata.

Marianna Somma

 

Cosa accomuna una pizzeria di una cittadina nel salernitano all’ospedale dello stesso paese? Apparentemente nulla, se non fosse per una straordinaria iniziativa che li vede entrambi protagonisti. Quale?

Una pizza per un sorriso: è questa la filosofia che ha ispirato l’iniziativa di beneficenza di Michele e Christian Nasti, titolari della pizzeria “Nastieat” di Nocera Inferiore (SA). Una raccolta fondi volontaria ispirata dal grande senso di appartenenza alla propria comunità, un modo per poter fare la differenza anche con poco. Destinatario di quest’opera di gran cuore è il reparto neonatale dell’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore.

E come regalare un sorriso se non attraverso la regina delle tavole napoletane, la pizza?!

Dal 1° dicembre al 6 gennaio, infatti, i due titolari, supportati dall’intero staff “Nastieat”, propongono un nuovo impasto, composto da farina di tipo 1 (semi-integrale) che sarà la base delle pizze “benefiche” al cui prezzo verrà aggiunto €1,00. L’intera somma ricavata verrà interamente devoluta al reparto sanitario che, com’è facilmente intuibile, necessita di elevate risorse, attrezzature all’avanguardia, tecnologie avanzate e tanta, ma proprio tanta, professionalità e coraggio.

Ancora una volta, la generosità viene “dal basso”. Da giovani imprenditori dell’arte bianca che, attraverso il loro lavoro, fanno semplicemente del bene. E, sulla scia di altre iniziative alla pari, la pizza si dimostra essere l’alleata perfetta per donare non solo sorrisi, ma speranza. Sono le iniziative valorose e trasparenti come questa che fanno ben sperare in una catarsi del genere umano. A Natale allora un caffè in meno e una pizza “Nasteat” in più!

Marika Manna

Vesevus de Gustibus: appuntamento a San Giuseppe Vesuviano e Massa di Somma

Vesevus de gustibus : Appuntamento venerdì 6 e sabato 7 dicembre 2019 con la rassegna dedicata al gusto e alla musica

San Giuseppe Vesuviano e Massa di Somma saranno i due comuni che ospiteranno le prossime tappe di “ Vesevus de Gustibus – le arti, i sapori, le tradizioni”, l’iniziativa promossa dalla Città Metropolitana di Napoli con il Parco Nazionale del Vesuvio, il Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, i comuni del Parco Nazionale del Vesuvio, la Fondazione Cives che gestisce il Museo archeologico virtuale e gli istituti alberghieri dell’area vesuviana.

Venerdì 6 dicembre 2019 appuntamento a San Giuseppe Vesuviano dove, a partire dalle ore 19.00 in Piazza Garibaldi, si esibiranno gli alunni della sezione musicale dell’Isis Rosmini di Palma Campania. Dopo il concerto è prevista la degustazione curata dagli alunni dell’Istituto Alberghiero “De’ Medici” di Ottaviano.

Sabato 7 dicembre 2019, sempre a partire dalle ore 19.00, Vesevus de Gustibus farà tappa a Massa di Somma. Protagonisti, in questa occasione, a Palazzo Capracotta (via Marini), gli alunni del Liceo Musicale di Sant’Antimo; a seguire, spazio al “gusto” con le proposte culinarie dell’Istituto Alberghiero “Tilgher” di Ercolano.

“Continuano i nostri appuntamenti con Vesevus de Gustibus in giro per il 13 comuni del Parco Nazionale del Vesuvio – spiega Michele Maddaloni, consigliere della Città Metropolitana di Napoli, delegato al Parco del Vesuvio e promotore del progetto. Ancora una volta protagonisti saranno gli alunni degli istituti superiori della Città Metropolitana di Napoli che avranno l’opportunità di potersi confrontare con la realizzazione di un evento che, complice il clima natalizio, regala un’emozione ancora più grande”.

Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Ufficio stampa dell’evento

Claudia Clemente e Gennaro Carotenuto

Dall’Italia all’Asia e ritorno. Lo chef Vincenzo Guarino e la sua cucina creativa mediterranea.

Campano di nascita, globe trotter per scelta. A brillare tra le stelle del firmamento gastronomico mondiale c’è Vincenzo Guarino, chef che vanta la formazione di Gualtiero Marchesi e che da Vico Equense (NA), passando per Capri e per la Toscana, approda a Como. Qui, in uno scenario naturale decisamente suggestivo, affacciato direttamente sul Lago di Como si erge il “Mandarian Oriental” della catena Mandarian Oriental Hotel Group che possiede una serie di hotel 5 stelle di gran lusso sparsi per tutto il mondo. A un luxury place, come quello che è il Mandarian, doveva necessariamente corrispondere una cucina che eguagliasse gli alti standard. Ed è per questo che Vincenzo Guarino, una delle figure più interessanti che il panorama della gastronomia italiana possa vantare, da quest’anno opera come executive chef.

Vincenzo Guarino

Chef di lunga esperienza e di comprovata bravura, il Guarino ha conquistato ben tre stelle Michelin in tre ristoranti diversi prima di arrivare al Mandarian: I “Salotti dell’hotel Patriarca” in Toscana, all’ “Accanto del Grand Hotel Angiolieri” di Vico Equense e a “Il Pievano” all’interno del Castello di Spaltenna. La sua è una cucina che mixa tanti ingredienti dall’Italia e dall’Asia senza mai perdere l’impronta mediterranea. Uno stile perfetto per la clientela del Resort che cerca svago, relax e buon cibo in una location mozzafiato. Immerso in un’atmosfera tranquilla, incastonato tra il lussureggiante parco botanico e il lago, il Mandarian rappresenta una seducente miscela di stile italiano, fascino orientale e bellezze naturali.

Caratteristiche queste che Vincenzo Guarino ripropone all’interno dei suoi menù. Asia e Italia, spezie e formaggi si compenetrano dando vita a piatti che parlano di quella “cucina creativa mediterranea” di cui lo chef si fa portavoce. “Una cucina tradizionale e allo stesso tempo frutto di intense ricerche che però non si allontana dalla mia terra”, ha raccontato Vincenzo che, da campano doc, porta in alto la tradizione di un territorio variegato nei sapori. “Dell’Asia c’è molto nei miei piatti: le spezie, le marinature, le salse. Ma soprattutto lo shabu shabu”, prosegue, “una tecnica di cottura della cucina giapponese”. Ed è questo il segreto del suo cavallo di battaglia: il risotto con pomodorino giallo, latte cotto affumicato e gambero rosso cotto in shabu shabu con povere e germogli di basilico.

Vincenzo Guarino

Punto di riferimento per i palati più raffinati, italiani e internazionali, il Mandarian punta a esperienze gastronomiche di alto livello come la cucina di Vincenzo Guarino: semplice e autentica, tradizionale e creativa, personale e territoriale.

Utilizzando prodotti di alta qualità, tecniche ricercate e un approccio multisensoriale, lo chef racconta un percorso attraverso il gusto, in cui ogni piatto evoca un ricordo privato e dà vita alla sua particolare visione di “cucina creativa mediterranea”.

Marika Manna

IT’S CHRISTMAS: DOMENICA 8 DICEMBRE AL VIA 

GLI EVENTI NATALIZI NEL PICCOLO BORGO IRPINO DI LAPIO, 

PATRIA DEL FIANO DI AVELLINO DOCG

Lapio

It’s Christmas: al via, domenica 8 dicembre, gli appuntamenti Natalizi a Lapio.
A partire dalle ore 18, il piccolo borgo irpino, patria del Fiano di Avellino Docg, celebre per la presenza di eccellenze nel settore agroalimentare, come il vino, l’olio e il miele, ma anche per la ricchezza di simboli di arte e storia come i presepi storici, le opere d’arte affisse nello storico palazzo Filangieri e le numerose chiesette, saluterà il periodo delle festività con uno spettacolo di luci e musiche proprio al Palazzo Filangieri a cura del maestro – scenografo Maurizio Iannino, con illuminazioni artistiche nel Borgo e l’accensione dell’albero di Natale in piazza Sant’Antonio. In programma, poi, con un concerto di musica Natalizia e canti lirici a cura del “Pergolesi String Quartet”, con il soprano Filomena Musco, nella Chiesa della Madonna del Loreto.

Gli altri appuntamenti di dicembre sono il giorno 15 con Il treno di Natale, le illuminazioni artistiche al Ponte Principe e l’evento Fireworks Train Express, il 22 con Christmas Carol, il 27 con il Laboratorio di cucina Natalizia.

Per info e prenotazioni: Fb_Lapio Experience; Gilda Carbone 329-3927185Enrico Lepore 320-3616149

 

Ufficio stampa

Roberta Raja

 

Pizza Revolution

Il primo corso universitario online sulla pizza per tutti

https://www.federica.eu/c/pizza_revolution

 

Non c’è influencer che non abbia una foto davanti a lei

Non c’è un bambino che non ne abbia mai mangiato una.

Ci sono migliaia di ricette su come farla a casa.

Di che parliamo? Della pizza naturalmente!

Tutti ne parlano, tutti la mangiano ma pochi la conoscono davvero: la Pizza è uno dei simboli dell’Italia nel mondo ma quanti ne conoscono la storia, l’evoluzione, gli ingredienti, le tecniche, gli stili, l’apporto nutrizionale?

La pizza è più di una ricetta: è un Patrimonio Culturale Nazionale, e, nel caso del pizzaiolo napoletano, un Patrimonio Immateriale sancito dall’Unesco. Un simbolo della Dieta Mediterranea e della cultura della Convivialità, un elemento in cui si fondono tradizione e innovazione.

Per questo la più antica università laica d’Europa ha raccolto la sfida di parlarne in maniera scientifica e divulgativa con un prodotto multimediale pensato per il web.

Il Centro Federica Weblearning dell’Università di Napoli Federico II presenta il primo corso online sulla pizza, da seguire gratuitamente su computer, ipad e i cellulari, senza vincoli di presenza e orario.

Da oggi, online, c’è una nuova possibilità di imparare, anche in modo divertente ma preciso e scientifico: https://www.federica.eu/c/pizza_revolution

pizza revolution

Il corso Pizza Revolution è curato del giornalista Luciano Pignataro, autore di uno primi e più completi saggi sull’argomento: “La pizza. Una storia contemporanea” edito da Hoepli, ed è un corso teorico e online. Dalla storia alla lievitazione, dalla farcitura alla cottura, dalla diffusione all’etimologia della parola, la pizza viene trattata in tutte le sue diverse componenti. Un corso pensato per vari target: dagli addetti ai lavori ai semplici curiosi, dagli appassionati agli operatori del settore enogastronomico.

Luciano Pignataro è la voce narrante di un viaggio che ci porta dal Veneto a Roma, dalla Campania a New York attraverso i volti e le storie dei pizzaioli più noti al grande pubblico: Gino Sorbillo, Ciro Salvo, Franco Pepe, Salvatore Salvo, Enzo Coccia, Matteo Aloe, Giancarlo Casa, Enzo Piccirillo, Sara Palmieri, Lello Ravagnan.

 

 

Non mancano i tutorial sulla cottura e sull’impasto, sulla pizza fritta e sugli ingredienti.

50 interviste ai testimoni di una “rivoluzione” che vede la pizza passare da cibo povero a piatto ricercato, che si adatta, attraverso studio e ricerca, anche a celiaci e intolleranti.

Accanto ai pizzaioli, ci sono professori universitari, imprenditori, rappresentanti delle istituzioni, esponenti dei media. 200 slide di testo e 100 link per un racconto corale che parte da discipline diverse con il comune denominatore “pizza”: il prof. Bruno Siciliano e il robot Rodyman, il prof. Paolo Masi e la cottura in termini scientifici, il prof. Alberto Ritieni e la pizza nutraceutica, la prof.ssa Valentina Della Corte e la pizza experience, il prof. Raffaele Sacchi e lo studio degli ingredienti, il linguista Paolo D’Achille e il significato della parola pizza, il prof. Matteo Lorito e l’alta formazione in campo gastronomico.

Un’esperienza innovativa, coinvolgente, un sapere gratuito, a portata di click: il corso Pizza Revolution è una rivoluzione anche per questo.

Per iscriversi basta accedere al corso, iscriversi compilando il form di registrazione e confermare la propria mail. Poi, non resta che seguire, spicchio dopo spicchio, questo percorso a base di pizza.

 

Ufficio Stampa

Evelina Bruno

L’alta sommellerie e l’alta ristorazione italiane si incontrano in una serata che saprà senza dubbio soddisfare i palati più fini. Lunedì 16 dicembre la splendida Villa Eubea di Pozzuoli (Na) ospiterà “A Cena con le Stelle”, appuntamento organizzato per brindare alle imminenti festività natalizie da ASPI – Associazione Sommellerie Professionale Italiana – e da Eurotoques, l’unica associazione di cuochi riconosciuta dalla Commissione Europea per la difesa della qualità degli alimenti, che annovera tra i suoi iscritti alcuni dei più noti chef Italiani.

Italia a Tavola sarà media partner di questo speciale evento e in questa occasione anticiperà le novità della guida di Eurotoques che sarà presentata nei primi mesi del 2020.

E proprio cinque dei cuochi di Eurotoques, tra i più apprezzati e conosciuti in tutto il mondo, saranno protagonisti di “A Cena con le Stelle”: Angelo Carannante del Caracol* di Bacoli (Na), Paolo Gramaglia del President* di Pompei e del recentemente inaugurato Garò by Paolo Gramaglia di Napoli, Giuseppe Mancino de Il Piccolo Principe** di Viareggio (Lu), Viviana Varese*, anima del VIVA di Milano, e Matteo Sangiovanni, executive chef al Tre Olivi del Savoy Beach Club di Paestum.

A omaggiare la terra che ospita questo speciale appuntamento, una selezione di vini campani scelti dai sommelier ASPI, in collaborazione con Gustose Eccellenze.

«Questo appuntamento è un esempio concreto della rete creata tra il mondo del vino e quello della cucina e un’occasione per conoscere da vicino gli chef e i sommelier che, con tanto impegno e duro lavoro, sono arrivati ai vertici del panorama nazionale e internazionale – ha dichiarato Enrico Derflingher, Presidente di Euro-Toques Italia ed International. Per questo siamo felici di brindare con ASPI alle festività e al nuovo anno che verrà, che auguro sia di brillanti traguardi e grandi soddisfazioni per tutti». «E’ un piacere avere con la nostra associazione chef di tale caratura in questa speciale occasione. E con piacere invitiamo tutti a unirsi a noi per vivere questo connubio tra sommellerie e alta cucina brindando non solo alle festività, ma anche a quell’eccellenza, che splende forte nel mondo, di tutti i professionisti italiani della ristorazione, dell’accoglienza, del cibo e del vino. Dobbiamo essere orgogliosi» ha raccontato Giuseppe Vaccarini, Presidente ASPI.

GLI CHEF

Angelo Carannante – Dirige la cucina del Caracòl*, dove ha modo di esprimere al meglio competenze e

conoscenze acquisite in anni di esperienza: dal ristorante del cinque stelle Radisson Blu Es Rome, alle cucine

dei Fratelli Cerea, di Vincenzo Camerucci e di Giuseppe D’Addio, dal Ristorante Marennà alla Terrazza

Bosquet del Grand Hotel Excelsior Vittoria di Sorrento, con cui ha ottenuto la prima stella Michelin con Luigi

Tramontano.

Paolo Gramaglia –  Dopo la firma al menu del ristorante Sacha a Messina e la recente conferma della stella

Michelin al suo President* di Pompei (Na), si sposta in centro a Napoli, con Garò by Paolo Gramaglia. Un

nuovo ed elegante ristorante per lo chef delegato Campania per Euro-Toques, che con le semplici parole che

introducono il suo menù racconta tutta la sua filosofia in cucina: “Il successo della gastronomia è nella

tradizione, basta solo saperla interpretare senza nostalgia”.

Giuseppe Mancino – Dal 2005 è chef al ristorante Il Piccolo Principe** del Grand Hotel Principe di Piemonte

di Viareggio (Lu), con il quale ha ottenuto importanti riconoscimenti, come l’inserimento con ottimi voti nelle

più prestigiose guide tra le quali il Gambero Rosso e l’Espresso, fino all’ottenimento nel 2014 delle 2 stelle

Michelin. Alain Ducasse come riferimento, la sua cucina è creativa, ma allo stesso tempo classica, con un

grande rispetto delle materie prime.

Viviana Varese – La guida di Milano del Gambero Rosso assegna alla allora 36enne il titolo di giovane

emergente dell’anno. Identità Golose la indica come miglior chef dell’anno 2010. Nel 2011 ottiene la prima

stella Michelin e nel 2015 diventa chef Ambassador di Expo Milano 2015. Dopo anni di esperienze nelle

cucine più prestigiose (come l’Albereta del Maestro Gualtiero Marchesi, e El Celler De Can Roca, a Girona,

Enigma di Albert Adrià a Barcellona, Aponiente di Angel Leon a Cadice e Relae di Christian Puglisi), ora, dopo

l’esperienza di Alice, dirige l’apprezzatissimo VIVA nel cuore di Milano.

Matteo Sangiovanni – Dal Four Seasons di Milano all’Astoria di Firenze, Sangiovanni è executive chef al Tre

Olivi del Savoy Beach Club di Paestum (Sa). Già componente attivo per diversi anni della Nazionale italiana

cuochi, contribuendo a vittorie e successi in ogni angolo del mondo, lo chef ha anche costituito il Team Costa

del Cilento, che tuttora coordina con grande professionalità.

***

La serata “A cena con le stelle” inizierà alle 19.30 con l’aperitivo di benvenuto e terminerà con un dopocena musicale.

Per partecipare è richiesta la prenotazione entro il 12 dicembre 2019.

Per informazioni e prenotazioni:

: napoli@aspi.it

Segreteria.eurotoques@italiaatavola.net

***

ASPI – Associazione Sommellerie Professionale Italiana. Si propone come punto di riferimento per la Sommellerie

professionale, con l’obiettivo di offrire opportunità di crescita ed affermazione ai Sommelier. Dal 2007, anno della

sua nascita, è il solo membro per l’Italia dell’Association de la Sommellerie Internationale, ASI. I principali obiettivi di

ASPI sono la formazione, a livello professionale, e la diffusione della cultura sul mondo del cibo e delle bevande. ASPI

è presente, sul territorio nazionale, con corsi ed attività.

www.aspi.it

Euro-Toques International nasce nel 1986 da un’idea dello chef francese Paul Bocuse e dell’amico e collega Pierre

Romeyer, con lo scopo di trovare un modello di comportamento comune, una sorta di codice d’onore, per i cuochi e per l’intera ristorazione europea. Tra i primi atti riceve il riconoscimento ufficiale della Comunità Europea come

associazione per la difesa della qualità degli alimenti in ogni nazione. Euro-Toques Italia viene fondata nello stesso  anno da Gualtiero Marchesi che ne regge a lungo la presidenza per poi passare il testimone a Massimo Spigaroli prima ed Enrico Derflingher, attuale presidente. Sotto la sua guida l’associazione dà vita nel 2013 al Premio Internazionale Euro-Toques Italia, che viene assegnato ogni anno ai grandi maestri della ristorazione: il primo a riceverlo è lo chef Sirio Maccioni. I paesi europei membri sono attualmente 19 per un totale di oltre 2.500 cuochi che mettono a disposizione parte del loro tempo per condividere le proprie esperienze e confrontarsi sui temi che riguardano il motivo per cui Euro-Toques è stata fondata: garantire un cibo buono e sano ai cittadini europei. I grandi cuochi che vi aderiscono lo fanno perché condividono la filosofia dell’associazione, vale a dire l’attenzione verso le tipicità dei rispettivi territori, l’impegno per la realizzazione di una cucina che sia gusto, tradizione e talento insieme, senza dimenticare la scelta della qualità e la lotta contro lo spreco alimentare.

www.eurotoquesit.com

 

 

 

Napoletana, donna, chef pluripremiata: Marianna Vitale rappresenta la “dea del cibo” del territorio napoletano. Il suo regno sorge nel cuore difficile dei Campi Flegrei, a Quarto, una terra di mito e di storia accarezzata dai venti di zolfo. È in quella terra fondata dai Romani sulle ceneri di un vulcano sprofondato, a quattro miglia da Pozzuoli “l’antica Puteoli”, tra la montagna spaccata e la brezza che arriva dal mare e dal Lago d’Averno (l’ingresso del regno degli Inferi secondo Enea), che sorge il Ristorante Sud, fondato nel maggio 2009 insieme al marito sommelier Pino Esposito.
Tutti conosciamo il finale di questa storia: a novembre 2011 arriva la stella Michelin. Intanto piovono altri riconoscimenti: Miglior cuoca d’Italia 2015 secondo Identità Golose e la Guida de l’Espresso. “Ma è il primo premio, quello del Sole 24 ore, per me il più importante”, racconta la chef Marianna Vitale, che dopo una Laurea con lode in Lingua e Letteratura Spagnola (il sogno della madre) è approdata alla corte di Lino Scarallo, a Palazzo Petrucci a Napoli, per coronare il suo sogno. “È lì che ho capito la vera differenza tra cucinare in modo amatoriale e cucinare da professionista”.
Nella sua cucina, vige una sola regola: tutti gli ingredienti possono essere accoppiati e nessun elemento è più importante degli altri. Ecco come nasce l’idea della cheesecake contaminata con il baccalà.

Marianna Vitale

Quinto quarto di calamaro, credits: Antonio Vitale

Il piatto che più mi rappresenta è linguine con 5/4 di calamaro”, racconta Marianna, “ma è la minestra con frutta e verdure di stagione il piatto che mi ha cambiato la vita e il mio approccio all’arte di cucinare”.
La sua è una cucina essenziale, dinamica, istintiva, ma al tempo stesso razionale. Non c’è un’impronta femminile nella sua arte, ma solo una grande passione e determinazione, il tutto condito da un forte spirito di sacrificio e brillanti intuizioni.
Innamorata della musica di Pino Daniele e della fotografia, questa chef rock originaria di Porta Capuana e flegrea d’azione, è l’orgoglio del territorio nostrano. Con la sua cucina raffinata, ma popolare, essenziale ma colorata, ha conquistato i nostri cuori e stregato il pubblico a Masterchef.

Marianna Vitale

Credits: Antonio Vitale

Non ci resta che gustare un bello spaghettone con anemoni di mare al suo Ristorante Sud in Via Santi Pietro e Paolo 8, Quarto, Napoli.

Marianna Somma

L’evento di fine corsi alla scuola Dolce&Salato con il Ministro Vincenzo Spadafora accanto ai giovani per il futuro.

Con il Ministro dialogheranno di Cibo, Formazione, Salute e Ambiente: lo chef Giuseppe Daddio direttore dell’Istituto di Formazione, Don Maurizio Patriciello, il capo redattore centrale del Mattino Antonello Velardi, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il prof. di Sociologia della Federico II° Raffaele Sibilio, il medico nutrizionista della squadra di calcio giovanile del Napoli Vincenzo Monda, l’Assessore regionale Chiara Marciani.

Sarà un appuntamento speciale quello che si terrà venerdì 6 dicembre 2019 alle ore 17 alla scuola Dolce & Salato di Maddaloni (via Forche Caudine), 141 l’ente di Formazione Professionale per la cucina e la pasticceria ospiterà il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, per l’evento di fine sessione ‘Cibo, Formazione, Salute e Ambiente’, organizzato con le famiglie e i giovani che lasceranno i percorsi formativi per intraprendere la strada del mondo del lavoro.

Un incontro che ha l’obiettivo di creare un confronto e un dibattito sui temi oggetto delle attività formative della scuola, dove il Ministro dialogherà insieme agli altri ospiti dell’evento: Antonello Velardi (capo redattore centrale de Il Mattino) racconterà il ‘Territorio’, Don Maurizio Patriciello (Parroco Di San Paolo Apostolo Caivano) ‘dialogo tra legalità, ambiente ed etica sociale’, Raffaele Sibilio (docente di Sociologia della Federico II°) ‘cambiamento della formazione e mercato del lavoro’, Ottavio Lucarelli (presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania) ‘cultura come magnete per la conoscenza’, Vincenzo Monda  (medico nutrizionista della squadra di calcio giovanile del Napoli) ‘il cibo come futuro per la salute’, Chiara Marciani (Assessore Regionale alla Formazione Pari Opportunità) ‘le opportunità verso i giovani nell’ambito dell’occupazione’. Introdurranno lo chef Giuseppe Daddio, (direttore e patron dell’Istituto di Formazione) e la giornalista enogastronomica Antonella D’Avanzo da sempre sul territorio e vicina alla Dolce & Salato. Il coordinamento dei lavori sarà affidato a Franco Buononato (giornalista de Il Mattino).

Bisogna ricordare che vince non chi sa correre, ma chi è in grado di frenare, quindi fermarsi per riflettere su obiettivi di carriera accettando le condizioni di sacrificio, impegno e rigore, questi gli elementi di base per la crescita professionale – raccontano Giuseppe Daddio e Aniello di Caprio chef patron della

Dolce & Salato e – continua – tanta è la considerazione che riceve la scuola dopo il lungo percorso e l’immenso vissuto con la presenza del Ministro Spadafora accanto ai giovani pronti a scommettere su sé stessi e sulle loro ambizioni per il futuro lavoro”.

 

Mammina presenta la pizza Pan di Stelle: il dolce è (anche) nell’impasto

Pizza e dolce si uniscono per dare vita a un piatto che vuole andare incontro alle richieste dei clienti e aprire un nuovo fronte nella cucina napoletana: “Mammina – pizzeria e cucina genuina”, con quattro sedi tra Napoli, Milano e Catania, presenta la pizza Pan di Stelle con impasto dolce.

La novità è che per la prima volta una pizzeria inserisce cacao e latte nell’impasto, dando vita a un dessert atipico. “La pizza Pan di Stelle – dice Antonio Viola, presidente di Mammina Holding – prevede farina di tipo zero, un pizzico di lievito, zucchero e sale. Ma, diversamente dall’impasto classico, in questo caso i nostri maestri pizzaioli aggiungono anche una percentuale di cacao e latte”. L’impasto ha una lunga lievitazione: “Circa 24 ore, per dare la maggiore morbidezza possibile”.

Il gusto rappresentato sulla pizza è quello dei biscotti più amati da grandi e piccoli: “La torta Pan di Stelle è uno dei dolci che sono più richiesti nei nostri ristoranti, l’idea parte da questo”, spiega Viola. “E poi da Mammina amiamo la rivisitazione, mescolare la tradizione con l’innovazione. Lo facciamo anche con gli ingredienti dei primi come la nerano e la bolognese, che vengono proposti sulle pizze”.

Nel caso della pizza Pan di Stelle , ad essere cotto in forno è soltanto il disco: all’uscita, viene messa sulla pizza una base di nutella, biscotti interi e sbriciolati (“che contrastano perfettamente con la morbidezza dell’impasto”) e panna fresca fatta nella cucina di Mammina. Una pizza pensata per soddisfare il palato di tutti e sviluppata da “Mammina Lab”, il progetto di Mammina – pizzeria e cucina genuina nato due anni fa, che punta a portare l’innovazione in cucina. Negli ultimi mesi, da Mammina Lab sono partiti i menu Natural Diet, con totale assenza di zuccheri, sale e grassi, e l’idea della pizza con impasto allo champagne. La vera novità riguarda, in questo caso, la grandezza della pizza: “La Pan di Stelle è una sorta di mignon. L’abbiamo pensata come una monoporzione con una grammatura molto minore rispetto alla pizza salata. Anche se, in fondo, per il dolce c’è sempre spazio…”.

UFFICIO STAMPA
Marco Caiazzo

Carmela Iorio trionfa al “Pizza World Cup 2019” primeggiando su 350 concorrenti

Stravince Carmela Iorio , al “Pizza world cup 2019”: è lei la migliore pizzaiola del Mondo per la specialità “Pizza fritta”. “Carmela è na bambola”: la nota canzone partenopea sembra scritta appositamente per lei e campeggia a chiare lettere sui manifesti e i volantini che annunciano trionfalmente “la buona novella”.
La notizia ha portato grande notorietà alla cittadina della provincia napoletana, dove la campionessa planetaria prepara le sue eccezionali pizze fritte, nella Pizzeria Carmine Iorio, ereditata dal suo famoso padre, eccellente pizzaiolo mai dimenticato, esponente di rilievo di una grande famiglia specializzata nell’arte bianca.
“Carmela Iorio, nota, apprezzata e amatissima pizzaiola, napoletana di nascita e melitese d’adozione, ha conquistato meritatamente il primato assoluto della categoria, al campionato mondiale dei pizzaioli, che si è tenuto al Palacavicchi di Roma, superando una serie di severe selezioni, come da regolamento” – sottolinea il patron Alfredo Folliero, evidenziando la serietà assoluta della competizione, “scevra da interessi di parte e condizionamenti commerciali”.
Una qualificata giuria composta da maestri pizzaioli e chef stellati ha valutato Carmela e l’ha giudicata la migliore del Pianeta, alla presenza di un folto pubblico di addetti ai lavori, basandosi sulle eccellenti qualità tecniche e creative. Oltre 350 i pizzaioli in gara, provenienti da ogni dove, che si sono affrontati in 18 batterie. Carmela Iorio, con il numero 160, ha conquistato l’ambito trofeo, rendendo così famosa, per la Pizza fritta, la Città di Melito dove svolge eccellentemente la sua attività di pizzaiola, per la gioia del folto pubblico dei suoi fans.
Entusiasta il sindaco Amente che ha subito disposto una premiazione bis della campionessa, con tanto di coppa, consegnata a Carmela Iorio ad apertura dei riusciti festeggiamenti, tra gli applausi interminabili del pubblico.
“Brava, bella e buona: Carmela è la pizzaiola delle tre ‘b’ ”, afferma lo chef vesuviano Nunzio Illuminato, proprietario de La Baita del Re e gli fa eco il figlio Giuseppe Illuminato, nella Brigata del triplamente stellato Heinz Beck, tra gli ospiti alla partecipata serata di festeggiamenti organizzata al locale ristorante di Carmela: la “Pizzeria Carmine Iorio”, a Melito. La sua bravura, infatti, è acclarata e ulteriormente riconfermata dal titolo mondiale; che sia bella, è talmente evidente che nessuno potrebbe negarlo; che sia buona è altrettanto risaputo: Carmela è infatti sempre in prima linea quando si tratta di prestare la sua opera per fini benefici: è nella squadra di “cuori d’oro” che supportano con la loro opera gli appuntamenti enogastronomici d’eccellenza della serie “Insieme per il Territorio” e puntualmente presente negli eventi della rassegna solidale pluristellata “Salute, Alimentazione e Bellezza: tutto quello che molti non sanno”, entrambe ideate e organizzate dalla sottoscritta che può dunque testimoniare l’assoluta disponibilità della Campionessa a favore del Bene e innanzitutto di chi ha bisogno di sostegno.
Carmela Iorio aveva già conquistato il trofeo quale seconda classificata alla competizione planetaria, organizzata dalla notissima famiglia Folliero, oltre a una serie di tributi ottenuti sul campo, grazie ad una competenza superlativa che le consente di realizzare puntualmente un prodotto vincente, giudicato, appunto, la migliore Pizza fritta del Mondo. Questo il parere degli esperti del Palacavicchi, che hanno decretato per il 2019 la sua incoronazione quale regina dei pizzaioli della Terra. Ma va aggiunto che il folto pubblico – di addetti al settore, buongustai, aficionados del tradizionale prodotto partenopeo, estimatori dell’arte pizzaiola, consumatori abituali della pizza in generale e in particolare della fritta d’alta qualità – già da diversi anni ne aveva nei fatti riconosciuto l’assoluta competenza e bravura, nel realizzare la dorata “meraviglia delle meraviglie”, profumata di buono, gustosissima e ricca, col suo abbondante ripieno composto da prodotti genuini e freschissimi.
“Attendevamo questa meritatissima vittoria, conoscendo l’alta competenza degli impasti, l’impegno e la serietà che contraddistinguono Carmela con il suo lavoro fatto di precisione e passione, di continui aggiornamenti e ricerca incessante delle migliori materie prime disponibili sul mercato. Tutte queste spiccate caratteristiche ne fanno una delle massime esponenti del settore pizzaiolo napoletano” – afferma lo chef Valerio Giuseppe Mandile, tra i migliori emergenti del territorio, in forze nelle più prestigiose location pluristellate mondiali.
“Una mezzaluna splendente come il sole e buona da impazzire: la perfezione!” : commenta la dott.ssa Rosalia Ciorciaro, nota nutrizionista, grande estimatrice della gustosissima “fritta” di Carmela.
E sempre rimanendo nel campo della Salute, un’altra sostenitrice della specialità della campionessa, è da dott. Clara Gallerani, da sempre impegnata nella divulgazione delle qualità benefiche della fitoterapia e in particolare dell’Aloe Vera, al fianco di specialisti medici di chiara fama. E la “fritta” della campionessa, faceva impazzire l’eccellente vignettista, recentemente scomparso, Stefano Mandolese, inventore del personaggio Paperpila.
Ancora, la dorata delizia di Carmela è reputata il top da tanti importanti chef e maestri pizzaioli: oltre al maestro Alfredo Folliero e al già citati Valerio Giuseppe Mandile, Nunzio e Giuseppe Illuminato, Nicola Di Filippo, presidente dei Disciples d’Escoffier per la Campania, Michele Cuomo, presidente Associazione Pizza a Vico, Vincenzo Toppi, noto creativo di Brusciano, e tanti altri ancora… per nominarli tutti non basterebbe un libro.
“Una buona Pizza fritta di alta qualità, è fonte di energie e fa bene all’umore, purché, appunto, gli ingredienti siano genuini come quelli usati dalla nuova Campionessa in carica” – precisa la dott. Ciorciaro.
 “Il riconoscimento più che meritatamente consegnato a Carmela Iorio, premia lo spirito creativo,  innovativo ed identitario del prodotto storico partenopeo” – dichiara Rosario Lopa, portavoce della Consulta nazionale dell’Agricoltura, Dipartimento nazionale Agro-Alimentare Ambiente, Ristorazione, Turismo e Servizi Mns.
Sul gusto eccellente della bontà fritta di Carmela, sono schierati da tempo, oltre a un esercito di fans, pure giornalisti e blogger specializzati: la qualità è innegabile, la leggerezza pure, praticamente eccezionale per un prodotto fritto. Sicuramente, nessun esperto e nessuna persona onesta potrebbe non riconoscere la bravura di Carmela, campionessa del Mondo.
 “Provare per credere” afferma con sicurezza Carmela, certa delle virtù della sua buonissima pizza che, nonostante la fama, continua a essere preparata in maniera del tutto tradizionale, con pazienza, cura e amore.
“Sono felicissima: è stata una grande soddisfazione. Ho lavorato sodo per anni e anni, ho sempre cercato di migliorare la tecnica degli impasti e scelto sempre prodotti di alta qualità. Amo immensamente il mio lavoro, così come la mia famiglia, dalla quale sono stata sempre supportata nella mia attività: insieme siamo una grande squadra, oltre che una riuscita Brigata” – afferma la campionessa al colmo della gioia.
Carmela Iorio gestisce l’omonima pizzeria di Melito, località della provincia a Nord di Napoli. Ha raccolto l’eredità del padre, Carmine Iorio, maestro pizzaiolo che non c’è più. La famiglia Iorio svolge questa attività da ben tre generazioni.
Pizza fritta eccezionale, quella di Carmela: leggerezza incredibile e sonno garantito, nonostante le proporzioni alquanto generose e il ripieno altrettanto generoso e gustosissimo.
Il segreto..? Ingredienti freschissimi, tecnica perfetta, tanto amore, passione, una grande e unita famiglia che divide con lei un impegno non comune e… il resto è un segreto tramandato da generazioni e trasmesso a Carmela da papà Carmine, indimenticabile pizzaiolo vomerese, tra i primi a Napoli ai suoi tempi, un autentico maestro che ha portato in alto in nome degli Iorio nel settore pizzaiolo, insegnando ai suoi familiari il mestiere dell’arte bianca e spalancando loro le porte ai successivi successi, tanto che oggi la famiglia Iorio vanta grandi competenze nel settore a livello mondiale.
Teresa Lucianelli

IL CAFFE’ KAMO è UN CAFFE’ D’AUTORE

Per la tua pausa caffè scegli un caffè d’autore”: questo il claim della nuova campagna outdoor di Caffè Kamo, un brand giovane ma di antica e prestigiosa tradizione. Partendo dall’assioma che “il caffè è espressione d’arte”, costituendo un vero e proprio simbolo della cultura partenopea, il concept della nuova attività di pubblicità del brand si sviluppa intorno al rito della degustazione del caffè che diviene un momento irripetibile quando la qualità della “bevanda nera” si coniuga con l’originalità e l’eleganza degli accessori. In linea con questo pensiero, è nato il progetto “Tazzine d’autore” dove la tazzina rappresentata nella campagna è firmata da Salvatore Liberti. Il decoro-in due varianti cromatiche, si rifà allo stile grafico degli anni “30 ed in particolar modo ai manifesti pubblicitari commissionati dagli enti del turismo italiani ed esteri di quel periodo. “La donna raffigurata sulla tazzina è una madre che accudisce e sostiene la città “riferisce Liberti nel descrivere la sua opera, “è un’immagine femminile che tiene a bada la furia del Vesuvio e segue con lo sguardo la navigazione del piccolo origami, conducendolo in acque sicure verso sponde future. La donna inoltre rappresenta l’energia positiva di Napoli che si riflette nelle piccole cose, proprio come in una tazzina di caffè”. Il nuovo messaggio pubblicitario sarà diffuso attraverso un’attività di comunicazione dinamica che intercetta sia i flussi pedonali sia quelli veicolari: quarantadue mezzi pubblici (circuito IGP Decaux) attraverseranno il capoluogo partenopeo e tutta la sua provincia per l’intero periodo natalizio, diffondendo idealmente l’aroma di Caffè Kamo in tutto il territorio. Accanto ad essa, altre forme di pubblicità ugualmente incisive declinate diversamente sul web e su altri canali di comunicazione con speciali contenuti

                                          

UFFICIO STAMPA

Maridì Vicedomini
Mail: maridyvicedomini@gmail.com

“Contaminiamoci”, la gastronomia a confronto da 3Voglie

Dalle cene a quattro mani alle degustazioni di vino, Valentino Tafuri protagonista di eventi unici

Premiato a Firenze come Giovane Pizzaiolo dell’anno per la Guida Espresso 2020, Valentino Tafuri continua inarrestabile il suo viaggio nell’affascinante mondo della pizza prendendo parte ad eventi nazionali e incontrando i migliori pizzaioli e chef.

Dopo aver aperto la Settimana della Pizza e dei Pizzaioli da Eataly Roma, il giovane Pizzaiolo Emergente Gambero Rosso 2019, giovedì 5 Dicembre farà tappa all’evento di Eataly Torino portando alto il valore e la ricchezza del proprio territorio.

Perché dietro la buona riuscita e la qualità dei suoi prodotti c’è una scelta meticolosa della materia prima: dal lievito, ai pomodori, alla mozzarella e alle verdure campane. Questo è uno dei segreti che gli valgono il successo e la fiducia dei propri clienti.

Cene a quattro mani

Ma se da un lato la tradizione è al centro della sua filosofia, dall’altro non mancano innovazione e sperimentazione. Soprattutto, Tafuri non si stanca mai di mettersi in gioco e di apprendere guardando all’opera altri appassionati del mestiere.

Ecco che nasce, così, la prima edizione di Cena a quattro mani presso la pizzeria 3Voglie di Battipaglia. Incontri stellati in cui Valentino Tafuri preparerà un entrée, un antipasto, due tipologie di pizze ed un dolce congiuntamente con diversi chef, pizzaioli e pasticcieri la cui fama è conosciuta a livello nazionale.

Per ogni ospite saranno preparati un nuovo condimento ed un nuovo impasto così che anche i clienti possano sperimentare nuovi accostamenti culinari.

Il taglio del nastro di questo evento avverrà venerdì 29 Novembre in presenza dello chef stellato Fabio Pesticcio del ristorante Il Papavero di Eboli. Seguiranno gli appuntamenti nel mese di Dicembre: giovedì 12 3 Voglie incontra Angelo Grippa in un mix di tradizione ed innovazione; mercoledì 18 sarà la volta della pizza napoletana, cucinata da Gennaro Battiloro, il Miglior chef pizzaiolo per la Guida Identità Golose 2019, e della pizza cilentana, figlia di Tafuri. Contaminazione, è questa la parola d’ordine!

Come spiega Valentino: «Con queste cene a quattro mani ho l’obiettivo di contaminare le arti e dare ai clienti la possibilità di assaggiare prodotti che nascono da esperienze professionali differenti. Per me sarà un grande onore collaborare con professionisti che stimo molto. I piatti che realizzeremo saranno frutto di una fusione di intenti, conoscenze e passioni. E da Gennaio ci saranno grandi novità! Perché la tradizione campana si confronterà con altre tradizioni gastronomiche, italiane ma anche straniere»

Pane in tavola

La pizzeria 3Voglie sarà un tripudio di profumi ed incroci culinari e regalerà alla città di Battipaglia un evento unico nel suo genere. Da Dicembre, inoltre, per il periodo natalizio Valentino Tafuri penserà a sfornare il pane che delizierà le nostre feste. La prenotazione sarà possibile fino al 23 Dicembre mentre il 24 e il 30 Dicembre ci sarà la consegna del pane fino alle ore 14:00.

Info utili

Per la Cena a quattro mani è necessaria la prenotazione, chiamando al numero 0828 370533 o attraverso il portale web www.3voglie.com.

TROPICAL FRUITS FESTEGGIA 30 ANNI DI BIO GIOVEDÌ 5 DICEMBRE DALLE ORE 18 ALLE ORE 20

Sconti speciali ed estrazione del numero fortunato dal 2 dicembre al 5 dicembre che si aggiudicherà il cesto con frutta e verdura biologica.

tropical fruits

Giovedì 5 dicembre, dalle ore 18 fino alle ore 20, appuntamento al Tropical Fruitsin via Montesanto 6 a Napoli, per un “aperi-bio” aperto a tutti. Quest’anno, per il trentesimo anniversario dell’attività, Rosario Cascella e Barbara De Ninno, proprietari e gestori del primo store biologico della città partenopea, vogliono offrire ai propri clienti, ma anche ai semplici curiosi, un ‘assaggio’ del loro mondo. Tra le bontà offerte in occasione dell’aperitivo: le mini cup-cake allo zenzero, la torta bio, preparata con prodotti biologici e un cocktail a base di arance, limone e zenzero, rigorosamente bio. A completare l’aperitivo, dei rustici vegani e tanto vino!
L’aperitivo è un’occasione per mostrare, a chi vorrà partecipare, la gamma di prodotti scelti con cura e dedizione da Rosario e Barbara acquistabili con sconti speciali solo dal 2 al 5 dicembre.

Grande novità, per festeggiare il traguardo dei 30 anni di attività, il cesto con frutta e verdura bio offerto da Tropical Fruits. Gli interessati potranno recarsi, dal 2 al 5 dicembre, presso il negozio di via Montesanto n°6 e scegliere il numero su cui puntare (in forma gratuita). Il numero vincente sarà svelato sabato 7 dicembre durante l’estrazione del lotto. Infatti, il possessore del primo numero estratto sulla ruota di Napoli riceverà in omaggio il cesto biologico di frutta e verdura.

tropical fruits

Tropical Fruits ha aperto nel 1989, quando il fenomeno Bio si affacciava lentamente in Italia e i prodotti ‘organic’ erano ancora considerati di nicchia, proponendo prodotti introvabili, tutti certificati biologico. L’intuizione di Rosario Cascella e Barbara De Ninno fu quella giusta, tanto che oggi, quel mondo che rappresentava una prerogativa di pochi, è diventato un vero e proprio fenomeno.

Per info: Tropical FruitsTel_081 551 6731, Sito www.negoziobionapoli.itIndirizzo Via Montesanto, 6, 80135 Napoli (NA).

Relazioni Stampa: Roberta Raj

Nasce all’Avenida Caffè di Pianura il panino emblema del territorio

Si avvicina l’evento clou dell’anno per Pianura, che lunedì 2 dicembre, con una serata al Pub – ristorante, Caffetteria Avenida, di Via Domenico Padula, 145, dedicata alla presentazione alla stampa di quel che poi sarà subito l’attrazione per il territorio, proporrà una specialità gastronomica che racchiuda la storia, la positività e l’originalità dell’autentico popolo del quartiere limitrofo di Napoli in cerca di riscossa per la riconquista di valori e valenze che le appartengono. Le motivazioni di questa iniziativa, che ha spinto questo locale, nato nell’anno 2006, riscuotendo sempre più successi, a fare un aggiuntivo passo verso la conquista di una ulteriore ascesa ed affermazione, sono nel fatto che i titolari Giovanni Varchetta, unitamente al cugino Antonio Vernazzaro, auspicano una rivalutazione ed un ritorno alle sane origini del territorio, ovviamente con la modernità che il tempo ha donato, ma nei suoi versi migliori. Fino agli anni 50/60 Pianura era identificata come l’agriturismo della “Napoli bene”. Abitanti della riviera di Chiaia, posillipini, vomeresi ecc., persone che avevano anche una condizione finanziaria più solida e consistente ed alle quali piaceva il buon mangiare, si spostavano nella cittadina dell’agro flegreo per acquistare castagne, noci, polli ruspanti, melenzane sott’olio e tutto quello che erano i prodotti della terra realizzati dal vero, ed artigianalmente condotto, lavoro dei contadini pianuresi, in modo tradizionale, tipico e classicamente tramandato che rendevano questo territorio esemplare e noto per le sue eccellenze.

Avenida

Con il passare degli anni il territorio ha assunto altre qualificazioni con espressione di negatività, di certo non rispondenti in pieno a tutto quello che è stato detto solo perchè è avvenuto, come avviene in tutte le zone che crescono per popolazione, qualche episodio di delinquenza che ha portato alla qualificazione di quartiere difficile di Napoli. Questo cambiamento ha fatto dimenticare il popolo contadino di Pianura che offriva la possibilità di gustare gli ottimi polli e conigli allevati a terra senza mangimi e con una alimentazione naturale che conservava i sapori autentici e che poi cotti con il calore della legna da locali che davano la possibilità di gustare agli avventori e clienti qualcosa di unico. In quest’orto del napoletano ogni cosa era una specialità dal pane cotto a legna a tutti i restanti prodotti dell’enogastronomia. Questo progetto che Giovanni e Antonio conducono, del recuperare prodotti a km. 0 da utilizzare nell’Avenida, è una realtà che come giovani di questo territorio cercano in tutti i modi di portare avanti con la speranza insieme ad altri volenterosi, più o meno coetanei, anche con altre attività imprenditoriali e professionali, di riuscire sempre più a fare emergere ed identificare Pianura come uno dei quartieri più significativi della Napoli emblema della sua storia caratterizzata da originalità, naturalezza, produttività ed accoglienza con la ‘A’ maiuscola. Queste condizioni addormentate, di bontà di Pianura, hanno spinto i titolari della caffetteria – ristorante e pub a recuperare un personale qualificato per esprimere quelle passioni, quella dedizione, quella volontà di realizzazioni di progetti per la giusta rivitalizzazione del territorio, che potessero tradurle con le loro competenze, in qualcosa di reale e visibilmente apprezzabile. Così agli addetti al banco pasticceria, ricco di tante bontà, a quello del bar con ottimo caffè, ma anche cocktail elaborati da un qualificato barman in grado di preparali con la ricca bottiglieria a disposizione, a quello del reparto ristorazione che il locale offre ad ora pranzo con ottimi piatti a pezzi altamente competitivi per rapporto qualità/prezzo, i titolari di AVENIDA, hanno voluto aggiungere ultimamente un giovane piastrista che possa dare ancor più valore al Pub che nelle ore serali sviluppa la sua attività. Il giovane con il quale si intende dare un ulteriore spinta di eccellenza di Avenida risponde al nome di Giovanni Del Gaudio, un vero piastrista e non un avventuriero rosticciere come capita di incontrare oggi solo per una più facile occupazione in un mondo dove principalmente i giovani richiedono prodotti alla piastra e dal rapido servizio. Giovanni ha iniziato questo tipo di lavoro 25 anni addietro con i suoi fratelli e la sua famiglia in uno degli storici locali acquisito da imprenditori del marchio Gnam che aveva sede in via Ponte di Tappia, dove era possibile gustare il panino, solitamente Hamburger prosciutto e formaggio, come alternativa a pranzo o pizza.

Avenida 3

Del Gaudio, afferma di aver avute molte esperienze umane, anche perché dai quartieri spagnoli nel centro di Napoli, dove ha vissuto i suoi primi anni di vita, si è trasferito a Scampia nella 167 per 20 anni, poi per progredire nella propria passione lavorativa, iniziata all’età di 12 anni, si è trasferito a Milano per oltre 3 anni lavorando in qualificate strutture ed evolvendosi nella creazione di speciali e gustosissimi panini gourmet. L’impegno che personalmente sente, il 42enne Giovanni Del Gaudio, traspare dalle sue parole: ”Ho avute tante offerte per continuare a lavorare a Milano, ma la passione per il mia terra di Pianura, dove la mia famiglia vive da 14 anni ed il desiderio di tornare a vivere con i miei familiari, ha fatto sì che scegliessi di tornare qui dove mi è stata offerta la possibilità di sviluppare l’attività serale che il Pub Avenida offre ai suoi avventori. Quindi oltre al panino classico, potrò offrire agli avventori di questo locale una serie di panini gourmet innovativi e intendo dare l’opportunità di proporre alla clientela un panino esclusivo che può guastare solo nell’Avenida, Questo anche in virtù dell’esperienza fatta a Milano dove, con alle spalle circa 20 anni di lavoro, sono voluto ripartire da zero per provare nuovi stimoli ed impegnarmi nell’apprendere gli insegnamenti di maestri del settore che mi hanno fatto scoprire tanti piccoli e grandi segreti del mestiere. Quello che possiamo per ora dire, è che il panino che verrà presentato sarà un panino prettamente pianurese, che unirà una originalità a quello che il nostro primario impegno, con tutti i panini, dell’utilizzo di prodotti di eccellenza a cominciare dal pane cotto a legna per completare con i prodotti per la farcitura, tutti del territorio e comunque di qualità eccellente”. Un panino, insomma, che intende rappresentare la storia della gastronomia del territorio, accompagnato da un ottimo bicchiere vino perché gli zii di Giovanni sono i titolari della prestigiosa azienda vinicola “Cantine Astroni” in via Sartania poco distante dal Pub Avenida nel cuore del territorio dei Campi Flegrei centro della Campania Terra Felix, con il suo vigneto situato a ridosso del cratere omonimo, a confine con il muro di cinta borbonico settecentesco fatto realizzare da Carlo di Borbone a difesa della sua riserva di caccia personale, oggi riserva naturale gestita dal WWF.

Una cantina, che la famiglia Varchetta porta avanti con una storia di quattro generazioni, dal 1999, impegnandosi in un progetto di tutela e valorizzazione dell’ampelografia campana ed offrendo un’enologia di forti tradizioni, arricchita dalle moderne tecniche di coltivazione e vinificazione che sono curate dall’enologo Gerardo Vernazzano, medaglia d’oro dell’enologia, fratello di Antonio titolare di Avenida Cafè. Chi non conosce lo spumante “Astrò” per la sua bontà ed anche per l’opera di tutta l’azienda vinicola Cantine Astroni e la diffusione degli ottimi vini prodotti. Però, nel caso l’avventore, per accompagnare il panino, dovesse non gradire l’eccellente bicchiere di vino che la casa propone per creare un legame ed un connubio con il territorio, la scelta in un locale che mira alla quasi perfezione non manca. Ecco quindi, la proposta di una svariata offerta delle più rinomate birre alla spina, oltre ad una possibile scelta tra un panorama di birre artigianali e non. Il locale, provvisto di ampio parcheggio auto, è aperto tutti i giorni, dalle ore 5 del mattino alle ore 2 della notte, tranne il lunedì che resta aperto solo a pranzo e comunque fino alle ore 20, quindi non Pub, dispone di 70 coperti, ed in più offre un locale attiguo di 70 mq. appena aperto dove i bambini trovano divertimento con le animatrici lasciando, così, l’opportunità ai genitori o accompagnatori di poter gustare con tranquillità il panino Avenida.

La serata vedrà la partecipazione di uno dei più quotati chef che la Campania possiede che risponde al nome di Nicola Di Filippo, Delegato per la nostra regione dell’Associazione internazionale dei Discepoli di Auguste Escoffier. Di Filippo, che si ispira al grande chef francese definito dalla stampa mondiale “Il re dei cuochi e il cuoco dei re”, esprimerà anche i valori dell’inedito panino, rifacendosi alle parole espresse da Escoffier: “La cuisine évoluera comme évolue la société elle-même, sans cesser d’être un art”. La cucina evolverà come evolve la società stessa, senza cessare di essere un’arte.
Il nuovo panino di Giovanni Del Gaudio realizzato in esclusiva per il Pub Avenida, verrà presentato alla stampa accreditata, lunedì 2 dicembre alle ore 19,30 al Pub – ristorante, Caffetteria Avenida di Via Domenico Padula, 145 a Pianura NA .

 

Mario Orlando

 

STEFANO DE MARTINO PRESENTA IL NUOVO MENU DELLA COSACCA

La Cosacca

Sabato 7 dicembre alle ore 13.00 presso la pizzeria La Cosacca in Via Lepanto 271/273 a Pompei, Stefano De Martino presenterà alla stampa il rinnovato menù autunno-inverno. L’evento è organizzato da Renato Rocco, direttore de LaBuonaTavola Magazine, che insieme a giornalisti ed esperti del settore testerà il banco d’assaggio.

Il menù del pranzo prevede un’entrée composto da una frittatina classica napoletana e la degustazione di quattro pizze:

  1. #LaPizzaDiDeMartino con crema di friarielli, fior di latte di Agerola, Lardo di maialino nero, tarallo sbriciolato e fili di peperoncino;
  2. La Cipolla Barricata composta da vellutata di cipolle ramate di Montoro sfumate con grappa barricata, fior di latte di Agerola, pancetta croccante di maialino nero e fonduta di formaggi stagionati;
  3. La Buona Tavola con crema di papaccelle, fior di latte di Agerola, tuorlo d’uovo fritto, scaglie di Cacioricotta cilentana e basilico cristallizzato;
  4. La Cosacca 2.0 con emulsione di pomodorini del Piennolo DOP, formaggio di pecora stagionato alle vinacce, pomodorini gialli del Piennolo DOP e basilico.

Terminano il percorso d’assaggio i dolci della rinomata pasticceria di Napoli Poppella.
La Cosacca arriva a Pompei portando con sé esperienza ed estro nella convinzione che rispettare la tradizione sia garanzia di bontà e gusto. Situata al ridosso del centro di Pompei, la pizzeria è punto di ritrovo non solo per i tanti giovani che affollano le vie della cittadina ma anche per chi, attirati dalle bellezze del Santuario e degli scavi romani, vuole concludere il suo itinerario con un’intensa esperienza culinaria.

Stefano De Martino, giovane ma già esperto pizzaiolo, sforna una pizza friabile e fragrante, altamente digeribile grazie a un impasto indiretto composto da un bland di farina tipo 0 al 90% e tipo 1 al 10, biga al 90%, poolish al 10%. Grazie all’alta idratazione pari al 70%, De Martino porta in tavola un prodotto dall’ottima struttura che rende facile la masticazione.

 

Ufficio Stampa LaBuona Tavola

Se dicessimo “50 sfumature” siamo sicuri che pensereste immediatamente a Christian Grey o ai colori grigio, rosso e nero oppure che nella vostra mente risuonino le note di “Love me like you do”. Eppure, oggi qualcos’altro occupa i ripiani di tutti i punti Feltrinelli d’Italia. Parliamo sì di un libro ma qui l’unica stanza del piacere è una cucina. “50 sfumature di Baccalà” è il titolo della raccolta di ricette di Antonio Peluso, chef casertano, che con lungimiranza ha cavalcato l’onda di riscoperta di questo ingrediente adeguandolo perfettamente ai sapori dei tempi moderni.

E se sociologi di tutto il mondo battono sul declino della crossmedialità in favore di una comunicazione sempre più transmediale, Antonio Peluso è il perfetto esempio di come questa, per una parte dell’Italia, funzioni ancora. Dai menù delle sue tre “Locande del Baccalà”, sparse sul territorio campano, ai social, dalle divise dei collaboratori alle pareti dei locali, fino ad arrivare a questo ricettario, tutto – ma proprio tutto – parla di baccalà tanto che Antonio è oramai riconosciuto come “il re del baccalà”.

Il libro, nelle parole del suo autore, nasce dall’esigenza di rispondere sia alle domande di chi è passato alle Locande del Baccalà, sia per quanti non hanno avuto il piacere di assaggiare questi piatti nei ristoranti e desiderano replicare esattamente le stesse ricette stando comodamente ai propri fornelli. Grazie a questo libro il gusto sarà appagato da ricette minuziosamente scelte e spiegate in modo semplice e la curiosità sarà soddisfatta grazie agli aneddoti e alle pagine di informazione di ampio respiro presenti all’interno. Non un ricettario usuale quindi, ma diverso, eterogeneo che rispecchia perfettamente l’animo eclettico di Antonio Peluso.

Ma la sua avventura con il baccalà non si esaurisce nelle pagine di questa raccolta perché, come accennato, Antonio Peluso è il patron di ben tre “Locande del Baccalà”: a Marcianise, a Salerno e la new entry Cava de Tirreni. Un’osteria, un bistrot vista mare e una friggitoria stile “fish and chips” londinese, legate indissolubilmente da un unico filo rosso. Punti di riferimento per chi ama il baccalà ma anche luoghi in cui vivere un’esperienza di gusto nuova per chi cerca nel cibo una filosofia del piacere come autenticità dell’essere, le locande esaltano il baccalà in tutte le sue declinazioni, colori, sapori e profumi. Dai fritti alle preparazioni classiche ai carpacci per chi entra in questi templi del gusto c’è davvero il rischio di innamorarsi di un prodotto preparato in tutte le “salse”.

Il baccalà, il pesce povero che diventa chic. È questa la filosofia che ha ispirato la raccolta di Antonio Peluso, che con un ironico gioco di parole si autodefinisce uno “chef scellato”. Per i non partenopei, “scella” è la versione dialettale di “ala” ed è il modo in cui viene identificata la metà parte del baccalà aperto, la famosa “scell ‘e baccalà”. Qualsiasi sia il modo in cui lo si chiami, è cosa certa che il baccalà da Nord a Sud, da Vicenza, alle Marche, fino in Calabria, passando per Napoli, dove fu importato grazie all’intensa attività portuale che favoriva i collegamenti con i mercati del Nord, è un alimento che unisce l’Italia e ne segna la storia culinaria. Un ingrediente dotato di particolari caratteristiche che lo rendono versatile in cucina, adattandosi a antipasti, primi piatti e secondi, persino alla pizza fritta, ma anche dagli alti valori nutrizionali che lo rendono il pesce magro per eccellenza.

Marika Manna

Se vi piacciono le atmosfere da osteria, ma con un tocco di modernità dovete andare dall’oste Luigi Manzilli, presso la sua Taverna Neapolis a Marano di Napoli. Luigi Manzilli è un appassionato oste, come ama definirsi, e un esperto sommelier, che ha intrapreso la sua avventura nella ristorazione nel lontano 1999. «Prima di dedicarmi alla ristorazione, lavoravo come barista, ma ad un certo punto si è iniziata a concretizzare la voglia di cambiare attività e di seguire una idea che condividevo con mia sorella Carmela, ovvero quella di far nascere un locale, che portasse in tavola “la cucina di mammà”. Tuttavia, agli inizi la Taverna Neapolis si è affermata soprattutto come pizzeria, riscuotendo un notevole successo, che ancora oggi non sembra scemare. Ma man mano che progredivamo, diventava sempre più forte il desiderio di occuparci anche della cucina secondo le ricette della tradizione casalinga».

TavernaNeapolis

Luigi Manzilli mette entusiasmo e convinzione nelle sue parole e racconta con trasporto di sé, della sua esperienza e delle persone che lo circondano. «I primi anni della Taverna Neapolis sono all’insegna della pizza, ma poi il desiderio di portare in tavola il piatto che mangiavamo da bambini è diventato realtà. Per diciotto anni ha cucinato mia sorella Carmela, che io definisco una chef casalinga, proprio perché ha saputo riproporre quei sapori, che oggi possono risultare perduti. Oggi Carmela non cucina più e si occupa di altro all’interno dello staff, ma io posso ritenermi fortunato, poiché ho due chef, Gaetano e Gianni, e un pizzaiolo, Nicola, che mi danno grandi soddisfazioni. Per me sono degli eroi!». Luigi Manzilli non nasconde di essere orgoglioso del suo staff, ma soprattutto ci tiene a sottolineare la grande complicità che si è instaurata tra gli chefs e i pizzaioli. Sono tutti ragazzi giovanissimi, come giovane è l’intero personale, e tra loro c’è sintonia, aiuto e sostegno, caratteristiche che oggigiorno non sono del tutto scontate.

Tavernaneapolis2

Taverna Neapolis è la casa della tradizione culinaria, Ragù e Genovese la fanno da padroni, e un posto d’eccezione è riservato al Crocché Maxi, ovvero un “panzerottone” di circa 30 cm, che da vent’anni padroneggia nel menù. Luigi Manzilli nel 2017 ha acquisito il diploma di Sommeleir, ma la sua conoscenza dei vini inizia almeno dieci anni prima e questa sua passione verso il mondo del vino lo accompagna sempre, anche quando deve consigliare un vino al cliente. «Presso Taverna Neapolis abbiamo vini di tracciabilità regionale. Ogni piatto è accompagnato da un vino specifico che ne esalta il sapore, ma oltre a questo sono convinto che l’abbinamento del vino con il piatto non deva soddisfare solo il palato. Il piatto e il vino che lo accompagna devono comunicare altre caratteristiche e raccontare una storia e un territorio». Questo rispetto e questa voglia di raccontare un luogo si ritrovano anche nelle pizze, le quali seguono la stagionalità e i suggerimenti che arrivano direttamente dal contadino.

«Per le pizze seguiamo molto i prodotti di stagione. Le melanzane non sono un prodotto che normalmente si trova tutto l’anno, come la zucca la si può trovare solo per due mesi all’anno, quindi le pizze seguono ciò che la stagione ci offre. Fortunatamente non siamo in un grande centro urbano e questo favorisce il contatto diretto e continuo con il contadino. Certamente lo stare in periferia, ci penalizza per altri aspetti, ma mi posso ritenere fortunato e soddisfatto di quanto realizzato fino ad ora». Nonostante i successi e i pareri positivi dei clienti, il patron di Taverna Neapolis non si ritiene “arrivato”. Luigi Manzilli continua a studiare per conoscere nuovi sapori e questo suo desiderio di conoscere lo ha spinto a dedicare un angolo del suo locale ai diversi sapori regionali, formaggi tipici e genuini di tutta Italia. La pizza sicuramente resta per Taverna Neapolis un piatto identitario, perché attraverso di essa si possono comunicare valori, sentimenti, cultura e tradizioni e all’insegna della tradizione non può mancare nel menù di Taverna Neapolis la Pizza DOC, ovvero una semplicissima margherita con fette di mozzarella di Bufala, che viene condita direttamente al tavolo e in virtù di tutto questo Luigi Manzilli ci dice perché bisogna andare nel suo locale: «Taverna Neapolis è il luogo dove la cucina tipica napoletana, la ricerca continua di materie prime e la stagionalità dei prodotti danno vita ad un menù dinamico e sempre propositivo. Una pizza eccellente ed una carta dei vini regionale ben assortita completano la nostra offerta».

Amalia Vingione

A pochi passi da via Marina di Varcaturo, la strada che ospita i lidi e i locali più in voga del litorale giuglianese, si trova il ristopub Locos , in spagnolo ‘i pazzi’. Siamo, appunto, a Varcaturo, frazione di Giugliano, comune di Napoli, in via Ripuaria 306b. Il locale è spazioso e moderno, con possibilità di mangiare sia all’interno che all’esterno.

Locos

Nel 2016 Pasquale Barbieri, napoletano DOC e titolare del locale, nonché chef, dopo tante esperienze lavorative sia in Italia che all’estero – anche in cucine stellate ed alberghi di una certa importanza (come ad esempio l’hotel Romeo di Napoli) – ha deciso di scommettere sulla sua terra. E’ da questa pazza scommessa d’amore che nasce il ristopub Locos, con un’eccellente selezione di panini, alcuni gourmet. “Noi oggi siamo un ristopub pizzeria” racconta il titolare, Pasquale: All’inizio eravamo solamente ristopub. Dopo un anno e mezzo di attività, su richiesta specifica dei clienti che mi chiedevano di poter mettere la mia abilità sulla scelta dei prodotti e degli abbinamenti anche a servizio della regina della tradizione napoletana, la pizza, ho deciso di trasformare il locale anche in una pizzeria”.

Pizzeria Locos
E’ così che nel settembre 2018 Locos si trasforma. E’ da allora che in cucina si lavora a quattro mani: “la nostra forza è il connubio e la collaborazione tra chef e pizzaiolo”, afferma orgogliosamente lo chef. E’ risaputo infatti che la riuscita di una buona pizza è data dalla sapiente combinazione di impasto e associazione degli ingredienti utilizzati: mentre Angelo cura l’impasto (che è un impasto diretto con una lievitazione di 36 ore), Pasquale si occupa degli abbinamenti dei prodotti, per lo più selezionati tra le eccellenze del territorio campano: la pizza più richiesta è infatti la Cantini, con crema di friarielli (verdura tipica campana), porchetta d’Ariccia, provola e scaglie di grana padano.

 

Locos
Non solo l’impasto della pizza ma anche quello dei panini è artigianale: i panini del Locos sono stati selezionati, da esperti del settore, per gareggiare in numerosi concorsi tra cui ‘panino artista 2019’ e ‘burgher battle 2019’. L’orgoglio del menu è il Locos, che non per niente porta il nome del locale: hamburger di scottona 220gr, scamorza, prosciutto cotto piastrato, crocchè di patate e fonduta di formaggio. La varietà del menu, che include anche piatti gluten-free, rende questo locale adatto a grandi e piccini, a palati semplici e raffinati, insomma, ce n’è per tutti i gusti.. non resta che prendere forchetta e coltello e darsi da fare!

Livia Giordano

Vesuvius Cloud: a Taste of Christmas

Panettone is a traditional Italian Christmas cake. Helga Liberto, the cake maker of Chef dei Grani from Battipaglia, has just presented one her masterful takes on this timeless classic. One of many interpretations, because the Panettone has been declined in countless variations, and the challenge is of course to try to innovate the recipe while being mindful of tradition. A daunting task if you ask me, because a successful recipe should be simple and captivating, adding a personal touch to a cake that has already been perfected over years of cooking history. And don’t forget that Italians are extremely touchy and distrustful of anyone who tries to mess with tradition.

Helga Liberto

However there is some space for innovation. One of the key ingredients of Panettone is candid fruit, something that people here have mixed feelings about. The other thing that has to be perfectly right is texture. The cake should be soft and light, resembling a very tall muffin, but more spongy. Forever a devoted Chef, Helga Liberto has patiently studied and created her own Lievito Madre, sourdough, to ensure her cakes may rise naturally and slowly, over many hours. Once baked the texture is so light that she has called it Nuvola, Cloud.

Nuvola

To make it unique Helga has resorted to one of the things that make Italy such a beautiful country: Territory. We are blessed with extreme bio-diversity, each local area has its own peculiar produce that can be found nowhere else. Thus the key ingredient of her Nuvola del Vesuvio is the famous Pellecchiella Apricot from – you guessed it – Mount Vesuvius. This very tasty apricot, sought after by jam makers like a precious jewel, is part of the Slow Food Presidia. It gives Helga’s creation that personal, delicate forget-me-not flavour. Orange zest, candid lemon and orange peel, honey, raisins and vanilla complete the picture giving each slice of the cake a balanced bouquet of delicate aromas.

Eating a slice for breakfast really does remind me of the delicate flight of a butterfly, framed by soft clouds with Vesuvius in the background. The apricot, honey and raisins blended smoothly leaving me with an overall sense of well-rounded sweetness, quite a pleasant surprise. Will you have time to savour it after Christmas dinner, with the kids dying to open their presents and aunts and uncles wanting another slice?

Side story

Getting the cake home before tasting it was a challenge in itself. The packaging is so elegant, that at first it reminded me of a posh handbag. I had to defend it from many beady eyes along the way. Especially those of my local baker, who has a keen eye for quality and a real passion for handcrafted Panettone. She was quick to read the ingredients and grasp the meaning of this dreamlike Vesuvius Cloud.

Sean Grant Altamura 

Immaginate di poter andare a Capri senza bisogno di prendere l’aliscafo. Immaginate un luogo che ti richiami alla mente lo sciabordio delle onde e i colori dell’isola più famosa al mondo. Non è un sogno, ma la descrizione di una splendida pizzeria gioiello situata nel cuore di Castellamare di Stabia, a due passi dal mare che da poco tempo ha un’appendice a Torre Annunziata. Romantiche nel nome e nello stile: così potremmo definire le Pizzerie Capri Blu, dove tutto ma proprio tutto ricorda l’isola campana. L’atmosfera è magica, quasi onirica. I colori bianco e blu dei locali richiamano immediatamente quelli delle onde e della schiuma del mare. La “C” di Capri dell’insegna, a forma di mezzaluna blu, lascia sognare ad occhi aperti romantiche passeggiate al chiaro di luna sull’isola caprese.

Il titolare della pizzeria, Francesco Matrone, ha voluto ricreare nel suo locale la “Dolce Vita caprese” in tutti i suoi dettagli: dalla riproduzione a misura d’uomo della mitica Piazzetta, luogo tanto amato dai vip quanto dai turisti, a quella dei Bagni di Tiberio, al soffitto a volta che ricorda la celebre Grotta Azzurra, sino al limoneto del locale di Torre Annunziata, un cameo al famoso “Da Paolino Restaurant” di Capri.

Capri Blu

Non solo l’aria caprese si respira nella Pizzeria, ma anche quella napoletana. Basta alzare la testa dal piatto per vedere i panni stesi a un finto balcone e sentirsi immediatamente catapultati nei vicoli di Napoli. La pizza di Capri Blu è spettacolare non solo nell’aspetto estetico, ma anche nel sapore. In una frase: bella da vedere (e fotografare), buona da mangiare. Nessun canotto (pizza di nuova generazione dal cornicione estremamente alveolato), nessun disco da 45 giri (avete presente la pizza a ruoto di carro?), ma una bella e sana pizza napoletana di quelle che riempiono il piatto: un piacere per gli occhi e per il palato. Impasto morbido e fragrante, abbondanza di ingredienti e varietà di scelta. Una pizza tipica napoletana, ma dalle ambizioni gourmet. Ambizioni evidenti su un menù talmente ricco che non sai che scelta intraprendere. Perché sulla carta le scelte eccellenti sono numerose. Per chi non vuole optare per la semplice Marinara o la classica regina Margherita o per una bella salsiccia e friarielli, può scegliere una pizza napoletana gourmet. Dalla “Campagnola” con crema di noci, speck Alto Adige, funghi champignon trifolati alla “Deva” con crema di noci, gorgonzola, provolone del Monaco e gherigli di noci, dalla “Vellutata” con vellutata di zucca, provola di Agerola, funghi porcini trifolati e pancia magra alla “Bologna” con mortadella, crema di pistacchio e scaglie di parmigiano, dall’“Ariccia” con porchetta di Ariccia, patate al forno e provola alla “Carciofina” con carciofini arrostiti, pancetta e scaglie di provolone di Monaco. Ce n’è per tutti i gusti.

In attesa della pizza, c’è anche chi si intrattiene godendosi una bella montanarina o un “cuoppo” di frittura mista. È dal 28 novembre 2015 “Capri blu”è un brand della ristorazione, ma non solo, che delizia i suoi clienti provenienti da ogni parte del mondo. “Abbiamo contribuito a migliorare il richiamo turistico delle due cittadine rivierasche vesuviane”, ha spiegato Francesco Matrone, segno evidente di come sia importante oggi investire nel mondo food e ancor più nel turismo enogastronomico. “Le persone hanno fame di esperienze food & wine e sia Castellammare che Torre sono tra i paesi più appetibili a livello internazionale soprattutto perché la nostra è una delle aree portuali più attive della costa campana in termini sia di commercio che di imbarcazioni turistiche”, prosegue il titolare.Per chi ancora non lo sapesse, il turismo ha preso una svolta decisamente “foodie”. Quanti di voi scelgono la meta di vacanza in base a quello che offre il luogo dal punto di vista enogastronomico? Oltre il 50% dei turisti mondiali, secondo le statistiche. Il cibo è vissuto come esperienza da condividere, attraverso la quale entrare in contatto con un luogo, in un modo più desiderabile e immediato di attività legate al patrimonio storico e artistico.

Ecco perché la Pizzeria Capri Blu da anni offre ai suoi clienti (turisti e non) un’esperienza culinaria intensa in un ambiente suggestivo, caratterizzato da un’accoglienza calorosa e familiare offerta da uno staff giovane ma capace. Non vi resta che gustare un’ottima pizza nella speciale ambientazione caprese di questa splendida pizzeria napoletana a Castellamare di Stabia a due passi dal mare.

Marianna Somma

Lo chef stellato Domenico Iavarone ospite al secondo appuntamento della rassegna “5 Senses Dinner”

Cena a quattro mani con lo chef Gustavo Milione al Via Porto Bistrot, domani alle 20.30. Il Via Porto Bistrot di Salerno diventa nuovamente palcoscenico di una cena indimenticabile organizzata in occasione della rassegna “5 Senses Dinner” in cui chef stellati preparano piatti prelibati accompagnando il talentuoso chef del locale, Gustavo Milione.Il secondo appuntamento è previsto per domani alle ore 20.30 e promette di offrire ai propri ospiti una cena che sorprenderà piacevolmente per la delicatezza, l’armonia, la ricercatezza delle materie prime e gli accostamenti. Un percorso, quindi, che sarà capace di conquistare i palati dei commensali suscitando emozioni come solo le grandi firme della cucina sanno fare. Dopo il grande successo della prima cena, che ha visto la partecipazione di Paolo Gramaglia, chef e patron del ristorante stella Michelin “President” di Pompei, ora sarà la volta di Domenico Iavarone, chef dal grande talento che vanta al suo attivo ben due stelle Michelin ottenute presso il ristorante “Maxi” di Vico Equense e, lo scorso 6 novembre, presso il “Josè Restaurant” di Torre del Greco.La cena di martedì sarà, quindi, un’occasione per festeggiare questa radiante e fresca conquista che si aggiungerà anche alla grande soddisfazione di tutto lo staff di Via Porto Bistrot inserito da pochi giorni nella Guida Michelin 2020Lo chef Iavarone è un vero e proprio professionista che stimo molto. Il suo approccio al cibo è estremamente professionale e la sua idea di gastronomia è molto vicina alla mia. Infatti, i piatti che porteremo in tavola saranno il risultato di una vera e propria fusione di intenti, conoscenze ed esperienze, pensata per far vivere agli ospiti un viaggio di piacere tra i sapori e le tradizioni della Campania. Una cena in cui utilizzeremo prodotti tipici e piatti in grado di raccontare la storia, i colori e anche le voci del nostro territorio in chiave moderna». Spiega lo chef Gustavo Milione.Una cena mediterranea, quindi, rigorosamente a quattro mani che, esaltando il territorio, sarà solida base e grande fonte d’ispirazione per un menù che ne celebrerà le eccellenze con piatti studiati partendo dalle migliori materie prime lavorate con maestria, in grado di regalare autentiche emozioni.Il Via Porto Bistrot, infatti, è indubbiamente l’indirizzo per chi ama la cucina di eccellenza in cui anche la location fa la sua parte: nessun trucco e inganno, ma solo l’incantesimo derivato da un luogo che risplende di magia dove i clienti hanno modo di sperimentare l’ospitalità e la preziosità gastronomica. Pochi coperti ma tanta qualità, come spiega Rossella Salvati, co-proprietaria e maître di sala del locale:«Siamo sicuri di regalare ai commensali una serata ricca di emozioni nella quale gli chef ci porteranno in un viaggio legato alla memoria e alla storia locale. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di creare un’atmosfera speciale, lontano dal tran tran quotidiano, offrendo un’esperienza sensoriale a tutto tondo in cui tradizione e innovazione si fondono perfettamente».Il prossimo evento della rassegna “5 Senses Dinner” si terrà martedì 17 dicembre e vedrà la partecipazione dello chef Crescenzo Scotti che ha conquistato la stella Michelin al ristorante Il Cappero del Terasia Resort di Vulcano.

Ufficio Stampa

Ilaria Cuomo

” Cenando sotto un cielo diverso (on the road) “, cene d’autore e di beneficenza presso Villa Domi l’1 dicembre e tenuta San Domenico il 12 dicembre

cenando sotto un cielo diverso

E’ previsto per domenica 1 dicembre l’appuntamento che vede all’opera più di 80 chef presso le stanze di una delle più belle ville napoletane, ovvero Villa Domi: un evento di beneficenza che sarà animato da chef stellati (hanno già dato conferma della loro presenza Ciro Sicignano, Domenico Stile, Gianluca D’Agostino), cuochi di accalorato livello, pasticcieri, maestri panificatori, pizzaioli, produttori locali, cantine vinicole, bar tender, aziende agroalimentari d’eccellenza… Sarà possibile passeggiare nelle sale della Villa godendo delle sue bellezze architettoniche ed assaporando le leccornie preparate dagli chef presso le varie postazioni allestite, tutti piatti studiati con un ingrediente principale di partenza: la gioia di donare a chi è meno fortunato di noi! Come di consuetudine, l’edizione internale di “ Cenando sotto un Cielo Diverso ” prevede anche lo svolgimento di un galà di beneficenza che si terrà il 12 dicembre presso un’altra bellissima location, ubicata nel casertano, ovvero Tenuta San Domenico. In questa occasione, oltre a un parterre artistico d’eccezione che animerà la serata, saranno protagonisti ai fornelli: gli chef stellati Danilo Di Vuolo, Giuseppe Aversa, Michele de Blasio, Michele De Leo e Raffaele Vitale; i maestri panificatori Domenico Fioretti e Filippo Cascone; e il pastry chef Marco Aliberti.

“ Cenando sotto un Cielo diverso ” è un evento con una triplice finalità: beneficenza, valorizzazione del territorio, e corretta comunicazione dei suoi prodotti (e, dunque, della buona cucina ad essi direttamente legata). Esso coinvolge – in qualità di protagonisti ai fornelli – cuochi, pizzaioli, pasticceri, produttori del territorio campano e non (tutti di acclarata professionalità, alcuni chef stellati che intervengono in qualità di special guest), aziende (che, oltre a condividere le finalità dell’evento, sfruttano l’occasione per tessere rapporti con gli altri soggetti coinvolti), personaggi del mondo dello spettacolo vicini al concetto di “beneficenza”, operatori della comunicazione, e migliaia di persone che intervengono all’iniziativa per far del bene e mangiare bene.
Il progetto a monte della kermesse è stato ideato dalla dott.ssa Alfonsina Longobardi – psicologa, sommelier ed esperta di food & beverage – che ha voluto coniugare il suo impegno nel sociale alla sue competenze nel mondo del food. A monte della macchina organizzativa c’è l’Associazione “Tra cielo e mare” fondata dalla dott.ssa Longobardi nel marzo 2013: tale ente opera a sostegno delle persone con disagi psichici e di altra natura; altra finalità del sodalizio è quella di avvicinare le persone cosiddette “normali” a persone che purtroppo vivono situazioni di disagio, abbattendo la barriera della “paura” che è causa dell’incomunicabilità; l’ultimo obiettivo dell’Associazione consiste nella valorizzazione del territorio campano, sia delle sue bellezze che del suo potenziale umano (perciò l’evento si tiene in luoghi di interesse storico – culturale e perciò coinvolge chef e produttori, in primis campani) che dei suoi prodotti.
La prima edizione di “Cenando sotto un Cielo diverso” si è svolta nel 2014 presso il Castello Medioevale di Lettere, incastrato nell’incantevole cornice dei Monti Lattari. L’evento ogni anno ha registrato un consenso sempre maggiore: oggi è divenuto uno degli appuntamenti legati al mondo della beneficenza e a quello dell’enogastronomia più grandi del centro – sud Italia.

Due le mission della prossima edizione dell’evento: raccogliere denaro necessario all’acquisto di giochi da donare durante il periodo natalizio ai bambini ospedalizzati presso il Santobono Pausilipon (obiettivo ormai storico dell’edizione invernale di “Cenando sotto un Cielo Diverso”) e presso l’ospedale Monaldi, e il prosieguo della raccolta fondi per la costituzione di un laboratorio ludico didattico per persone affette da sindromi schizofreniche.

A partire da questa edizione l’associazione “Tra Cielo e Mare” si avvale anche dell’affiancamento del dott.  Ciro Langella, ricercatore  in ambito medico nel campo della Nutraceutica – ossia del food quale principale arma di prevenzione e salute -, e ideatore e fondatore del progetto SANA FOOD (realizzato nel 2017),  la prima rete di  aziende alimentari di eccellenza italiane, di operatori del food (chef, mense, nutrizionisti, etc.),  e di istituzioni pubbliche e private (università, strutture sanitarie, scuole, realtà legate al benessere e allo sport, etc.) che hanno come obiettivo comune la costituzione di un paniere di “alimenti per la salute”. Perché la cucina italiana è anche uno strumento di “health prevention” , ovvero di prevenzione della salute.

Altra novità di quest’anno sarà un momento dedicato all’arte, che si svolgerà l’1 dicembre,  con protagonista Davide Montuori, noto writer napoletano, che realizza quadri utilizzando le mille sfumature del vino. L’artista realizzerà un quadro in estemporanea e metterà all’asta le sue  prime opere realizzate in wine art. Il ricavato sarà devoluto per gli scopi sociali dell’evento di beneficenza. Banditore d’eccezione sarà l’attrice Annalisa Insardà, nota per il suo impegno nel settore antimafia.

Testimonial della kermesse sono  Floriana Messina – ex concorrente del Grande Fratello, ed oggi presentatrice, influencer, e nominata dai tifosi napoletani madrina della loro squadra del cuore – e l’attore Francesco Albanese. Durante le due serate interverranno numerosi personaggi legati mondo della musica e dello spettacolo, come il cantautore Michele Selillo ed il modello e attore Nicola Coletta.

Pagina Facebook: http://bit.ly/2QKSfzT

Evento Facebook: http://bit.ly/2s6VUxH

Lista chef aderenti: http://bit.ly/345FZ0M

Ufficio Stampa

Grazia Guarino

HELGA LIBERTO PRESENTA A RE PANETTONE

“PASSEGGIATA CILENTANA”

Domenica 24 novembre alle ore 18.30 al Grand Hotel Parker’s  in Corso Vittorio Emanuele a Napoli,  Helga Liberto , maestra pasticciera, Chef dei Grani di Battipaglia, darà prova della sua esperienza e creatività in una golosa esibizione live intitolata “Passeggiata Cilentana”. L’appuntamento si inserisce nella quinta edizione di RE PANETTONE®, l’ormai tradizionale evento sui lievitati che ha come protagonista il panettone artigianale presentato in infinite varianti.

Passeggiata Cilentana” sarà un dolce momento in cui assaporare il territorio campano nella sua naturalità, una prova d’artista in cui verrà sottolineato l’aspetto artigianale del panettone realizzato senza additivi, conservanti e scorciatoie produttive. In particolare, la ricetta prevede quello che Helga Liberto ha chiamato “RiPanettone”: il riciclo di un panettone artigianale con miele pregiato di Alicanto, una pianta tipica cilentana, con retrogusto di fragola passita e fico bianco con glassatura di cioccolato fondente.  La scelta di abbinare il fico all’Alicanto è dettata dal fatto che la fioritura, la maturazione e la produzione dei due prodotti avviene nello stesso periodo dell’anno. L’accenno di cremosità sarà dato da un ingrediente molto caro alla lievitista perché proveniente dalla sua terra, la Piana del Sele: la ricotta di bufala.

In occasione dell’evento, i panettoni in degustazione giudicati dalle due giurie, tecnica e pubblico, targati Helga Liberto saranno:

  1. Il Tradizionale, panettone artigianale con uvetta e scorza d’arancia
  2. Carezza del Cilento, panettone artigianale con fico bianco monnato di Prignano Cilento, Presidio Slow Food, confusione di rum agricolo e glassatura di cioccolato Domori Sur del Lago

Il banco d’assaggio durante la due giorni, oltre ai due precedenti, vedrà la presenza anche di altre eccellenze:

  1. Nuvola del Vesuvio, panettone artigianale con arance candite, uvetta australiana 7 corone e Albicocca Pellecchiella del Vesuvio, Presidio Slow Food
  2. Terra degli Alburni, panettone artigianale con Marrone di Serino IGP, pasta di caffè con glassatura di cioccolato a latte Equador Domori
  3. Profumo di bosco, panettone artigianale con mirtilli, more, e fragoline a canditura morbida e glassatura di cioccolato Ruby

Ingredienti di qualità quelli che Helga Liberto utilizza nei suoi lievitati: albicocche pellecchiele e fico bianco di Prignano Cilentano a Presidio Slow Food, burro rigorosamente italiano, uova biologiche territoriali provenienti da galline nutrite esclusivamente con semi di lino che conferiscono al prodotto un apporto di Omega 3 superiore alla media. La Chef dei Grani sceglie i suoi ingredienti in un territorio circoscritto in cui proliferano materie prime d’eccellenza che risultano essere l’asso nella manica di una profonda conoscitrice di grani e farine che riesce con il suo estro a produrre un lievitato in cui ogni senso è appagato: dal sapore unico, dall’odore inebriante, dall’aspetto gradevole.

Villaricca è la patria del tipico Pane di Penecuocolo, che affonda le sue radici in una antica tradizione di panificatori, tradizione che ancora oggi mantiene intatta la sua lavorazione. Nella terra dell’impasto di eccellenza non poteva mancare la vera pizza napoletana e a proporcela è la Pizzeria Primicerio di Gennaro Primicerio. Il locale è nato da poco più di un anno, ma Gennaro Primicerio non è uno sprovveduto alle prime armi; alle spalle ha una lunga attività nel campo della ristorazione. 

Primicerio

«Mio padre ha sempre avuto una grande passione per la cucina e questa passione lo spinse ad aprire un ristorante-pizzeria. Di conseguenza io mi sentivo quasi obbligato moralmente ad “imparare il mestiere” e con il tempo mi sono appassionato a questo lavoro, che non manca di soddisfazioni». Oggi, Gennaro Primicerio non lavora più nel ristorante del padre, avendo scelto di intraprendere una strada tutta sua. «Ad un certo punto ho sentito l’esigenza di intraprendere una carriera tutta mia, così pensai di aprire una pizzeria d’asporto. Nel frattempo, mi sono sposato ed è nato mio figlio Salvatore, che è praticamente cresciuto nella pizzeria ed è diventato il mio braccio destro. Infatti, è accanto a me come pizzaiolo. Essendosi avviato in questo percorso, ho scelto di ampliare l’attività e di aprire una pizzeria con posti a sedere»

Pizza Primicerio

La Pizzeria Primicerio è diventato un marchio registrato, che accoglie i suoi clienti nuovi e affezionati in un locale molto grande, moderno e ospitale con musica soft che rende piacevole la degustazione delle pietanze. La Pizzeria Primicerio è una realtà giovane con una tradizione ben salda alle spalle, ma presenta una certa attenzione alla novità e all’innovazione. «Amo proporre la pizza dall’impasto diretto, il quale è l’unico, secondo me, che dà il vero sapore della pizza napoletana. Poi sono amante della pizza “canotto” e perché sia così le do almeno trentasei ore di lievitazione con una idratazione un po’ più alta. L’innovazione è però la nostra firma. Proponiamo pizze classiche per i clienti affezionati alla tradizione, ma ci esprimiamo al meglio anche con le pizze gourmet». La Pizzeria Primicerio è tra le prime ad aver inserito nel menù la pizza Genovese, che è un cavallo di battaglia del locale per il suo gusto deciso che unisce tradizione e innovazione. Non mancano pizze dai gusti più delicati, come la Duchessa con vellutate di piselli, pomodorini gialli del piennolo, bacon croccante e scaglie di Parmigiano Reggiano all’uscitaIl menù prevede altre due pizze molto interessanti: la Barese, con vellutata di broccoli baresi, salsiccia con finocchietto tagliata a coltello e provola di Agerola; la Primicerio che da un lato è un ripieno classico napoletano e dall’altro è ricoperta metà di salsiccia e friarielli e metà margherita alla siciliana con melanzane a funghetti. Poi c’è lMaremma con vellutata di patate, porchetta di Ariccia, provola di Agerola, parmigiano e olio evo. 

Frittura Primicerio

Chi non vuole mangiare la pizza, può scegliere nel menù delle fritture una Fritturina artigianale all’italiana. «Questo piatto è prodotto direttamente da noi. Si tratta di un misto per due persone in cui portiamo sempre la tradizione in tavola: due crocché, due arancini, due frittatine, polenta, verdure pastellateTutto è fatto come da tradizione, ma c’è sempre un tocco di innovazione. Infatti, dei due prodotto proposti uno è realizzato secondo tradizione e l’altro invece è una variante da noi inventata. C’è, quindi, la classica frittatina con carne macinata e piselli, il classico crocché con pepe, salame e provola, l’arancino rosso con carne macinata e piselli, mentre gli altri elementi variano sempre. Per esempio, l’arancino lo possiamo fare con i broccoli, i peperoni e lo stesso discorso è con la frittatina. In tutto mettiamo la fantasia, che è un elemento fondamentale per chi fa questo tipo di lavoro»Gennaro Primicerio non è solo pizzaiolo, ma è anche un docente presso il Centro Servizi e Formazione e istruttore della Scuola Tecnicamente Pizza e tecnico del Molino Magri e il suo motto è qualitàtrasparenza e leggerezza” tra innovazione e tradizione.

Amalia Vingione

In una delle location più prestigiose di Napoli, con la suggestiva vista che da Via Toledo si apre sul Teatro San Carlo e si perde, attraversando Piazza del Plebiscito, fino al mare, in Via Chiaia 260 apre il Garò firmato da Paolo Gramaglia.

Un nuovo, raffinato ed elegante ristorante dello chef  di Pompei che, da mercoledì 20 novembre, inaugura la sua seconda dimora gastronomica in Campania, a Napoli, in un progetto condiviso con le famiglie Sergio e Rosati.

Gramaglia

Napoletano di nascita, pompeiano di adozione, Gramaglia è assolutamente entusiasta di questa nuova avventura, che si aggiunge alla solida realtà del President.

“Pompei è casa madre – dice chef Paolo – lì brilla la mia stella Michelin, io, però, sono napoletano di nascita e aprire il Garò per me è un’emozione unica. Ho viaggiato e viaggio per conoscere le cucine del mondo come fa uno chef, cosicché lo spazio non abbia più il tempo; poi, un caffè ha cambiato “la mia velocità” e mi sono accorto “di essere tornato a casa”………da lì il passo è stato breve, è nato il Garò!

 

Campionato Nazionale di  Pasticceria degli Istituti Alberghieri d’Italia

Il 19, 20 e 21 novembre presso l’Istituto “A. Tilgher” il campionato nazionale

30 le scuole in gara provenienti da tutta l’Italia

La FIPGC in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione e l’Istituto Superiore “A. Tilgher” di Ercolano (NA) organizza il terzo Campionato Nazionale di  Pasticceria degli Istituti Alberghieri d’Italia, che si svolgerà il 19, 20 e 21 novembre 2019 presso la sede del succitato istituto.

Queste manifestazioni rappresentano l’occasione perfetta per mettere alla prova il talento e la creatività dei migliori pasticceri e  cake designer del nostro paese – afferma il Dirigente scolastico, il Prof. Giuseppe Montella -. I partecipanti saranno messi a dura prova,  dovranno realizzare delle vere e proprie opere  d’arte che saranno valutate anche nel più piccolo dettaglio: dalle tecniche utilizzate agli ingredienti, dalla pulizia del piano di lavoro utilizzato al tempo impiegato per assemblarle”.

30 saranno gli istituti alberghieri in gara, provenienti da tutte le regioni d’Italia. La manifestazione nasce e diventa sempre più un motivo di confronto e di crescita professionale grazie all’idea e al continuo impegno di Maurizio Santilli, professore di Termoli oggi referente internazionale per la divulgazione dell’arte pasticcera negli istituti scolastici del settore. La giuria sarà formata da un rappresentante del MIUR, nella persona della dott.ssa Carla Galdino, e da quattro professionisti del settore: il campione del mondo di pasticceria Matteo Cutolo, la responsabile nazionale del comparto “Cake design” della FIPGC Cinzia Lotti, il campione Italiano di pasticceria Gianluca Cecere, e l’avv. Raffaele Cardillo  chef de  “Il ristorantino dell’avvocato ” (già presidente regionale dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani).  Durante la tre giorni sarà presente anche il presidente della FIPGC,  Roberto Lestani, perno principale attorno al quale gravitano tutte le attività della Federazione.

Il Campionato  Nazionale di Pasticceria ha lo scopo di valorizzare la professionalità acquisita grazie allo studio e le capacità  metodologiche degli allievi provenienti dagli Istituti alberghieri Italiani – spiega il prof. Roberto Marotta, vicepreside dell’Istituto – , ovviamente il tutto contestualizzato alla pasticceria Italiana e a quella internazionale. E’ un’occasione di scambio finalizzata alla crescita, all’innovazione e soprattutto al confronto”.
Le regole a monte della competizione prevedono che l’Istituto vincitore si aggiudicherà la gestione del  Campionato per l’anno successivo. Infatti nella seconda edizione ad aggiudicarsi il premio  “Campionato Italiano di Pasticceria 2018” è stato l’Istituto Superiore “A. Tilgher”; i campioni in carica sono Cristian Beducci e Simona Liberini.

Questo evento è un’occasione di crescita professionale per i ragazzi che vi partecipano e per tutti coloro che li hanno affiancati durante le dure ore di allenamento presso i laboratori delle loro scuole”, conclude il Campione del Mondo di pasticceria Matteo Cutolo, della storica pasticceria “Generoso” .

 

UFFICIO STAMPA

GRAZIA GUARINO

Sapori Autentici 

Territori di biodiversità e saper fare 22, 23 e 24 novembre 2019 – Casalbuono (SA)

Tre giorni di degustazioni e workshop accenderanno i riflettori su Casalbuono , piccolo borgo del Vallo di Diano, noto per i suoi eccezionali fagioli. Da venerdì 22 a domenica 24 novembre si susseguiranno una serie di appuntamenti, con l’obiettivo di rilanciare i prodotti tipici locali, al fine di dare speranza e futuro a chi porta avanti queste produzioni agricole.

“Sapori Autentici”, organizzato e promosso dalla Pro Loco e dal Comune di Casalbuono , nasce dalla volontà di un gruppo di amici innamorati del proprio territorio, intenzionati a creare una rete di distribuzione e commercializzazione che sostenga i produttori, di conseguenza l’economia agricola locale.

Conosciamo le difficoltà strutturali di una piccola comunità come la nostra, che soffre delle condizioni in cui versano tutti i piccoli comuni d’entroterra. Ma siamo convinti che partendo dalla qualità dei nostri prodotti e con la volontà di fare squadra, si possa riuscire a creare una filiera comprensoriale del gusto, che raggiunga tutti i consumatori attenti e desiderosi di portare in tavola prodotti tradizionali e genuini”, commenta il referente dell’iniziativa Italo Bianculli.

Ben 7 le varietà di fagioli (di cui due Presidi Slow Food: i Sant’Anter e i Panzariedd) presenti a Casalbuono, dimostrazione pratica della ricca biodiversità locale. Comune a tutte loro è un gusto delicato ed una buccia particolarmente sottile, condizione che assicura un’alta digeribilità.

Accanto a loro, tra gli altri, la famosa polvere di peperone dolce, ingrediente segreto delle zuppe di fagioli nonché degli insaccati.

 

IL PROGRAMMA

Ø Venerdì 22 novembre 2019

Ore 17:30 Auditorium “Massimo Troisi” di Casalbuono

Presentazione dell’iniziativa e del progetto “Sapori Autentici”

Saluti: Carmine Adinolfi (sindaco di Casalbuono), Giuseppe Viola (presidente Pro Loco Casalbuono)

Interventi: Italo Bianculli (referente iniziativa), Luciano Pignataro (giornalista e scrittore), Antonio Briscione (presidente Riserve Naturali Foce Sele Tanagro e Monti Eremita Marzano), Tommaso Pellegrino (presidente PNCVDA)

Modera: Angelo Raffaele Marmo (giornalista e vice direttore Quotidiano Nazionale)

Ore 20:30 Ristorante Villa Cosilinum di Padula

Cena “Le eccellenze del Vallo di Diano in degustazione”

Prenotazione obbligatoria fino al raggiungimento del numero consentito (0975.778615 – 340.8588994)

 

Sabato 23 novembre 2019

Ore 10:30 Castello Baronale di Casalbuono

Concorso Gastronomico “Fagioli di Casalbuono e dintorni”

Show Cooking e degustazione con lo chef Franco Marino (tra i protagonisti della trasmissione tv La Prova del cuoco) e le migliori promesse della cucina degli Istituti Alberghieri

Presenta: Antonella Petitti (giornalista e fondatrice del blogzine Rosmarinonews.it)

Ore 12:30 Castello Baronale

Premiazione del Concorso

 

Domenica 24 novembre 2019

Centro Polifunzionale Giovanni Paolo II di Casalbuono

“Il pranzo della domenica” a cura della Pro Loco Casalbuono

Festa di Comunità a base di fagioli ed altre eccellenze del territorio

 

UFFICIO STAMPA

Rosmarinonews

Ad Avellino, in Via dei Due Principati, a pochi passi dal centro, in uno dei quartieri più popolati della città, la pizza ha un sapore nuovo, a metà strada fra tradizione e modernità. La pizzeria Pomodoro offre da sempre ai suoi clienti una pizza da asporto dal gusto impeccabile, anche se negli ultimi tempi il servizio a tavola, richiestissimo, si è aggiunto con successo alle proposte dell’attività. Le pizze preparate ogni giorno e con estrema dedizione da Andrea Orlando, sono decisamente “speciali”, perché il tocco personale del pizzaiolo incontra, con estrema semplicità, la freschezza e la genuinità dei prodotti locali.

Pomodoro

“Preparo un impasto diretto lungo 24 ore” – dice il pizzaiolo della pizzeria Pomodoro, e aggiunge – “La massa deve lievitare ben due volte prima di essere infornata, tenendo sempre sotto controllo la temperatura e stagliando l’impasto solo durante la seconda fase di realizzazione del panetto, che deve essere rigorosamente di 280 gr ca. per garantire l’alta digeribilità della pizza”.

“La farina utilizzata è il frutto di una miscelazione tutta personale” – afferma Andrea Orlando – “Ne scelgo soltanto due tipologie, prediligendo l’alta qualità dei Molini Pizzuti che conferisce alla mia pizza il vero gusto della tradizione napoletana”.

“La mia pizza è buona e bella, e si mangia già con gli occhi: croccante all’esterno e morbida all’interno” – con queste parole Andrea, il pizzaiolo, descrive le sue pizze “novità”, da quella più richiesta “Cacio, pepe e lime” a quella più innovativa “Siciliana 2.0”, passando per l’originalissima “Nerano”. La prima, ideale per soddisfare l’appetito di chi è alla ricerca di un gusto deciso ma particolare, viene condita con crema di cacio locale stagionato tra i 12 e i 36 mesi e fiordilatte che conferisce una piacevole consistenza alla base del topping; all’uscita fanno sicuramente la differenza il pepe nero macinato al momento, che rende la pizza profumata al punto giusto, e le zeste di lime che lasciano quel retrogusto in grado “di pulire la bocca”.

Pomodoro

La seconda pizza invece, amatissima da chi vuole sperimentare nuovi sapori ma senza rinunciare troppo a quelli tradizionali, viene servita con le classiche melanzane “a funghetto” unite, prima dell’ingresso nel forno, a fette di fiordilatte, non manca il tradizionale pesto alla siciliana a base di ricotta, pomodorino rosso semidry, dolce e polposo, parmigiano grattugiato fresco e il tocco finale del pepe nero macinato a cui si aggiungono, poi a crudo, scaglie di cacioricotta salata e mandorle tostate per un sapore corposo ma alternativo.

Nerano

La terza pizza è quella scelta da chi preferisce un gusto delicato come quello delle zucchine presentate in due varianti, una profumatissima velluta di base che accoglie croccanti chips e all’uscita scaglie di caciocavallo che donano all’impasto una sensazione gustativa leggermente aromatica.

“Il dettaglio sulla pizza conta moltissimo” – dice Andrea Orlando – “La scelta dell’olio, ad esempio, che aggiungo su ogni pizza a crudo, all’uscita dal forno, è importantissima. Non a caso, utilizzo un olio adatto esclusivamente alla preparazione della pizza, preferendo quello dal sapore forte, che pizzica, perché in questo modo tutti gli ingredienti vengono esaltati al punto giusto”.

I numerosi clienti della pizzeria Pomodoro di Avellino, ogni volta che vogliono, ricevono “coccole” di gusto e consigli genuini su come soddisfare il proprio desiderio di appetito: la parola d’ordine è semplicemente “Assaggiare”!

Felicia Mercogliano

 

 

CINEVINO : VENERDÌ 8 ALLE 20.30 IL PRIMO APPUNTAMENTO
In abbinamento alla commedia “Saint Amour” le Cantine Fina di Marsala

Immagini e nettari, parole e profumi. Riparte al Marte Mediateca Arte Eventi di Cava dei Tirreni “ Cinevino ”, il cineforum ispirato al nettare degli Dei: il vino.
Da un concept di Giuseppe Di Agostino, il polo culturale metelliano ripropone al suo affezionato pubblico l’appuntamento che unisce cinema e degustazione dei prodotti delle più importanti case vinicole italiane. A differenza delle precedenti edizione, quest’anno tutte le pellicole saranno a tema vino.
Si parte venerdì 8 novembre alle 20.30. Il primo appuntamento è con le Cantine Fina di Marsala. In degustazione: il Perricone un rosso Terre Siciliane IGP e il Kiké, un Traminer Aromatico con il corpo di un Sauvignon Blanc. Nel cuore della Sicilia, a pochi passi da Marsala, i vini Fina, hanno il gusto della passione e di quell’uva frutto di una terra amata e combattuta – che viene sapientemente elevata a vino, grazie alla dedizione del lavoro in vigna. Hanno il calore familiare e l’esperienza di chi il vino lo ha sempre fatto e lo ha sempre saputo raccontare, ed è in questo modo che si trasmette il carattere ereditato dal territorio e l’armonia degli uomini che quotidianamente ricercano l’eccellenza. La cantina Fina ha tre linee che sono: Vini Rossi, Vini Bianchi e i Liquorosi. “Carattere” è la parola d’ordine di Bruno Fina e dei suoi figli.
In visione “Saint Amour”, una commedia dolce-amara del 2016, diretto da Benoît Delépine, Gustave de Kervern, con Gérard Depardieu e Benoît Poelvoorde. Ogni anno, Bruno, un demotivato allevatore di bestiame, partecipa al Salone dell’Agricoltura di Parigi. Quest’anno suo padre Jean lo accompagna: vuole finalmente vincere la competizione grazie al loro toro Nebuchadnezzar e convincere Bruno a prendere le redini della fattoria di famiglia. Padre e figlio si mettono in viaggio alla scoperta di cantine vinicole. Durata 101 minuti.
«Il rilancio della rassegna avrà una grande importanza nella programmazione eventi – dichiara Maria Lamberti già Developer Manager di Lamberti Design, ora A.U. della Marte srl – perché rappresenta la perfetta fusione tra cultura, cinematografica ed enogastronomica, e intrattenimento».
Cinque in tutto gli appuntamenti di Cinevino (8 e 22 novembre, 6 e 20 dicembre, 3 gennaio) con le prestigiose cantine che faranno conoscere e degustare i loro prodotti. Indicazioni sull’origine dei vitigni e sulla storia e le varie tecniche produttive, utili ad un consumo più consapevole di una bevanda complessa e ricca di suggestioni. Nell’elegante cornice delle sale Spaces del Marte un esperto enologo guiderà i partecipanti in un viaggio tra sapori inebrianti e, stuzzicati da prodotti gastronomici di qualità, potranno anche immergersi nella visione di pellicole selezionate sul tema del vino.
LA STORIA DI CINEVINO. La rassegna conta molte edizioni ed una grande partecipazione di pubblico ed il coinvolgimento di moltissime aziende importanti come Cottanera, Feudi di San Gregorio, Mastroberardino. L’avvolgente sala Spaces pronta ad accogliere oltre cento spettatori comodamente seduti su pregevoli poltrone rosse, l’deale per offrire una serata inebriante in tutti i sensi.

UFFICIOI STAMPA

SILVIA DE CESARE

 

Block Boutique Bar, quando il locale è una galleria e la drink list un catalogo d’arte
Giovedì 7 novembre il vernissage della mostra di Luigi Tirino e la presentazione della drink list ispirata alle sue opere

Giovedì 7 novembre, a partire dalle ore 19, Fabrizio Masecchia presenterà la nuova drink list del “ Block Boutique Bar ”. I signature del “terzo volume” della carta traggono ispirazione dalle sculture dell’artista Luigi Tirino, le cui opere rimarranno in esposizione presso il locale per tutta la stagione. Dunque nella suggestiva cornice del boutique bar ubicato a Pozzuoli a pochi passi dal mare, precisamente in via Matteotti 72, giovedì prossimo si svolgerà un vero e proprio vernissage.  In tale occasione saranno serviti i drink studiati e realizzati ad hoc dal bartender giramondo Fabrizio,  col supporto di Remo ed Alessandro: sono loro tre, giovani intraprendenti dalle personalità eclettiche,  i fondatori di questo locale contraddistinto da un ambiente intimo e non convenzionale, un punto di ritrovo perfetto per trasformare il brindisi in un’esperienza unica fatta di sapori inediti e profumi inebrianti.

Il Block è un bar d’autore, un boutique bar, che si caratterizza per la sua unicità: nello stile, nel servizio, nell’offerta di craft cocktails, spesso rivisitazioni di grandi classici. Gli infusi, gli shrubs, i sodati, gli sciroppi utilizzati nei cocktail in carta sono tutti homemade e privi di coloranti alimentari. Il locale inoltre è “zero waste”, ovvero non produce rifiuti in quanto questi vengono utilizzati come “materie seconde”; ad esempio, ponendo particolare attenzione alle  temperature di decadimento del prodotto, la frutta viene essiccata e ne viene utilizzato quindi prima il succo e poi le bucce così da annullare gli sprechi.

Amiamo tutte le forme dell’arte, da quella ‘solida’ a quella ‘liquida’, perciò abbiamo deciso di abbinarle attraverso i nostri menù – spiegano i proprietari del Block -. Diamo spazio a chi ha la nostra stessa passione, mettendo a disposizione di coloro che vogliono esporre le loro opere non solo gli ambienti del nostro bar, ma anche le pagine del nostro menù”.

 

Ufficio Stampa

Grazia Guarino

Questo pomeriggio, alle ore 18, il seicentesco Castello Santa Caterina a Pollena Trocchia, ospiterà il grande evento d’intronizzazione dei Discepoli d’Auguste Escoffier – associazione internazionale con delegazioni in tutto il mondo e ben 40mila iscritti – che diffonde attivamente i principi del “re dei cuochi” e ne ricorda l’opera. ‬La suggestiva struttura, château de charme, accoglierà i massimi maestri della cucina fedeli ai dettami del più grande cuoco di tutti i tempi. Ci saranno i vertici internazionali dei Disciples d’Escoffier, provenienti innanzitutto da Francia e Svizzera, nazionali e delle varie regioni italiane, incominciando da Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Sicilia. Rappresentanti di rilievo della Eno-Gastronomia, della Cultura, del Giornalismo, dell’Imprenditoria, dell’Arte, quali ospiti d’onore. Saranno inoltre presenti Fic e Apci.
Tra i 52 chef, nuovi Disciples, che hanno passato l’attenta  selezione: Michele Di Filippo, chef veterano, tra i più famosi della Costa Crociere – oltre 15 anni in navigazione all’attivo con il massimo gradimento dei crocieristi – ed apprezzato executive in eccellenti ristoranti esteri, prioritariamente in Giappone, quale esponente della Cucina Mediterranea; Valerio Giuseppe Mandile, per quanto giovane, noto e talentuoso “figlioccio d’arte” del massimo chef pluristellato Ernesto Iaccarino a capo del Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi (prima location ristorativa di lusso d’Italia e tra le massime del Pianeta, a giudizio della clientela mondiale), già sous chef al Don Alfonso di Toronto in Canada, Dal Cavaliere a Monaco di Baviera – preferito dal massimo chef austriaco Eckart Witzigmann – e al Rada del celeberrimo Music on the Rocks di Positano. Poi, Salvatore Starita de La Scialuppa, baluardo della Cucina marinara partenopea che punta sul pescato fresco preparato secondo tradizione. Luisa La Matta, chef patron di Donna Luisella e Benvenuti al Sud, ristoranti caratterizzati dalle tipicità “terra e mare” identificative della Campania, declinate sia secondo le ricette storiche che nelle versioni attuali, comunque rispettose delle origini.Quattro le Fasce blu, honoris causa: andranno ad Alberto Alovisi, infaticabile direttore del giornale online Terronian Magazine; al noto ristoratore Mario Leonessa, all’imprenditore Francesco D’Alterio; la quarta sarà consegnata, a sua insaputa, ad un artista che riceverà pure la dedica di un nuovo dolce, creato per l’occasione dai Discepoli della Campania, che verrà degustato a fine serata dai presenti. Lo stesso Escoffier omaggiò con la delizia pasticciera Pesca Melba, Nellie Melba, famosa cantante lirica dell’epoca.
L’esclusiva convention viene organizzata ogni due anni per ufficializzare le nuove nomine dei migliori chef accuratamente selezionati in base ai curricula, alla filosofia d’impostazione lavorativa e di vita, al rispetto dei dettami di Escoffier che ispirano l’attività dell’Associazione internazionale. Èorganizzata dalla Delegazione campana che detiene il primato per maggiori iscritti, presieduta dal cav. Nicola Di Filippo. Al suo fianco, i proff. Ciro Campanile, vicepresidente, Serafino Buonfiglio, consigliere, e il segretario Concetta Bianco, che presenterà l’evento.In programma, vari momenti dedicati alla Cucina, a partire dalle ore 10, con la 1a edizione del Concorso Alberghiero in onore di Auguste Escoffier, al quale prenderanno parte gli istituti Cavalcanti, Striano, Elena di Savoia, De Gennaro, San Paolo, Pantaleo, Carmine Russo Cicciano, Tognazzi. Gli allievi dovranno dare prova delle proprie competenze e abilità. Organizzata dall’Istituto Graziani insieme alla Delegazione campana dei Discepoli, avrà Assunta Pacifico, A Figlia dò Marenaro, quale madrina.
Alle ore 20,30, gran galà con aperitivo, concerto e cena servita con vari intermezzi, a cura dello chef resident Giovanni Moselli. Parteciperanno tra gli altri, il presidente della Regione Borgogna, Mario Vino; il segretario generale francese dell’Associazione Disceples Escoffier, Bernard Jaunet; il presidente nazionale per l’Italia, cav. Francesco Ammirati con il segretario nazionale Antonio Torcasso. Lo stilista di Alta Moda Mimmo Tuccillo; il soprano Paola Francesca Natale – accompagnata dal maestro Enzo Amato; la giornalista Santa Di Salvo riceverà la penna d’oro e verranno riconosciuti per merito i ragazzi degli Istituti alberghieri impegnati nella competizione gastronomica, guidati dal vicepresidente Campanile e dal prof. Buonfiglio.
Questi i nomi dei nuovi Discepoli: Nicola Altavilla, Armando Amoruso, Mariana Antonecchia, Angelo Berardi, Romeo Campagna, Gianluca Campagnuolo, Carmelo Cannizzi, Giovanni Cascella, Antonio Coletta, Felicetta Silvana Colucci, Giovanna Costanzo, Ciro De Falco, Pietro Del Gaudio, Tommaso De Rosa, Michele Di Donato, Michele Di Filippo, Giuseppe Di Napoli, Antonio Di Somma, Nicola D’Urso, Antonio Esposito, Roberto Esposito, Giuseppe Fasulo, Biagio Federico, Carlo Finucci, Vincenzo Florio, Rocco Giubileo, Michele Grande, Rafael Ingenito, Luisa La Matta, Giovanni Lenza, Ciro Leone, Valerio Giuseppe Mandile, Giuseppe Moschiano, Giovanni Moselli, Adolfo Nappi, Mario Ognissanti, Piera Parisi, Pasquale Pelosi, Antonio Pontillo, Ubaldo Pucillo, Nicola Radesca, Arnaldo Renatti, Giovanni Rovai, Armando Santoriello, Giuseppe Scarlatto, Antonio Sorrentino, Giuseppe Sorrentino, Salvatore Starita, Castrese Taglialatela, Salvatore Taglialatela, Carlo Verde, Fabrizia Ventura.
TERESA LUCIANELLI

A Marano in provincia di Napoli, dal 2016, c’è un locale che si ispira alla tradizione non solo culinaria, ma anche dialettale. Infatti, il locale si chiama Mazz e Panell, come un diffuso detto popolare, e nasce da un’idea del suo patron Patrizio De Biase. Patrizio De Biase è giovane, ma ha tanta esperienza maturata alle spalle. Nato come pizzaiolo e formatosi nelle migliori pizzerie partenopee, da oltre un decennio è anche imprenditore di sé stesso.

 

Prima di Marano, De Biase aveva un locale di successo nel prestigioso quartiere Vomero di Napoli, ma ad un certo punto ha scelto di intraprendere una nuova strada. «Il locale a Marano è nato poco più di tre anni fa. Prima avevo un’altra pizzeria al Vomero, ma lì non riuscivo ad esprimermi completamente come pizzaiolo. Scelsi, così, di cambiare e di creare un mio brand personale». Patrizio De Biase ha in sé l’impetuosità giovanile e un vortice di idee che, solo grazie ad un locale “fatto su misura”, è riuscito a mettere in pratica. «Volevo creare qualcosa che rispecchiasse al cento per cento la mia personalità e il mio modo di vedere la ristorazione e il mondo della pizza e che fosse la sintesi perfetta tra tradizione e originalità. Con il locale di Marano ciò si è reso possibile e rispetto al passato mi sento più libero di esprimere la mia creatività, di sperimentare e innovare. Nell’ambito della ristorazione questi sono aspetti importanti, perché se da un lato la clientela si affeziona al locale, dall’altro vuole anche la novità ed essere stupita».

Mazz e panell propone pizze e fritti, ma anche la tradizionale cucina partenopea: «Da noi è possibile mangiare una pizza leggera e morbida, con un cornicione lievemente pronunciato, realizzata con ingredienti di grande qualità, perché ritengo che usare sempre i prodotti migliori sia doveroso e segno di rispetto nei confronti del cliente. Per la cucina siamo pienamente nella tradizione napoletana. Il nostro cavallo di battaglia è la Genovese, ma è possibile provare anche gli altri piatti partenopei proprio come li realizzavano le nostre nonne. Tra questi spiccano la Pasta e patate e il Ragù napoletano».

 

Per Patrizio Be Biase le cose belle sono quelle della tradizione, ma non manca l’innovazione. Questo equilibrio tra vecchio e nuovo è espresso al meglio nelle pizze e nei fritti. Al cliente che per la prima volta va nel suo locale, Patrizio propone la pizza Mortadellina con pistacchio e mortadella, oppure una pizza per metà ripiena con ricotta e salame e per metà farcita con rucola, prosciutto cotto, pomodorini e provola. Non mancano pizze più sofisticate, come quelle con il Baccalà alla siciliana, ovvero con olive, capperi e pinoli e ora che l’inverno si sta per avvicinare ritorna una variante della pizza fritta che ha avuto un grande successo, ovvero la Pizza fritta con il soffritto. «La nostra è la rassicurante cucina della mamma e della nonna. Quella cucina fatta di profumi e sapori di una volta che per mancanza di tempo e ritmi di vita sempre più incessanti non riusciamo più a replicare nelle nostre case. Nulla è cambiato rispetto al sapore di una volta».

 

Da Mazz e Panell il cliente trova una location che garantisce piacevolezza e relax. Dai colori chiari e rilassanti il locale offre un’ampia sala interna e un dehors esterno riparato dalla vista esterna. «Da noi è possibile trascorrere una piacevole serata o poter festeggiare un avvenimento in compagnia dei propri cari e degli amici. Il personale è cordiale e disponibile ad accogliere tutte le esigenze dei clienti ed è sempre a disposizione per risolvere ogni problematica e ogni desiderio».

Il cliente non deve fare altro che andare da Mazz e Panell per provare le specialità dell’ampio menù, perché come dice Patrizio De Biase: «è necessario che i clienti vengano da noi per vedere se diciamo la verità, poiché l’ultima parola è a loro che spetta».

 

Amalia Vingione

Giovedì 7 novembre al Palazzo di Città di Nocera Inferiore si presenta il VI Campionato Nazionale Pizza DOC

La conferenza stampa di presentazione del VI Campionato Nazionale Pizza DOC si terrà giovedì 7 novembre alle ore 11.00 presso il Palazzo di Città di Nocera Inferiore, in piazza Armando Diaz, alla presenza del sindaco nocerino Manlio Torquato e dell’assessore alle politiche dello sviluppo Antonio Franza.

A moderare la conferenza stampa di presentazione sarà il giornalista Renato Rocco.

L’evento, invece, si terrà lunedì 11 e martedì 12 novembre al Consorzio di Bonifica del Sarno di Nocera Inferiore, sito in via Atzori. Organizzata dalla società “Giaccoli & partners”, l’evento dedicato al mondo pizza è patrocinata dalla Regione Campania, Provincia di Salerno, Comune di Nocera Inferiore, da ConfCommercio Campania, Anicav e da molteplici associazioni di pizzaioli di tutto il territorio nazionale.

Un evento che ogni anno si afferma sempre più globale e popolare. L’anno scorso il Campionato Nazionale Pizza DOC ha registrato: più di 350 pizzaioli concorrenti provenienti da tutta Italia con iscritti provenienti anche dall’Inghilterra, Irlanda, Spagna, Germania, Austria, Slovenia, Croazia ed altri Paesi europei ed extra continentali; oltre 30 aziende settoriali che hanno esposto i propri prodotti all’interno dell’area Expo; circa 2500 presenze durante l’evento.

Per i vincitori delle varie categorie del VI Campionato Nazionale Pizza Doc ci sarà in palio un montepremi di 5000 euro in prodotti e servizi offerti dagli sponsor. Ci saranno anche concorrenti dall’estero, che si contenderanno il titolo “Pizza DOC in the World – Miglior Pizzaiolo Italiano nel Mondo”.

Partner dell’evento saranno aziende leader del settore, tra le quali Molino Caputo, Latteria Sorrentina, Pelati Ciao, Solania, D’Amico, Forni Reppuccia, Mecnosud, Perrella, Caldo Pellet, Carbone Conserve e tante altre aziende che andranno a coprire l’area EXPO.

Più di 100 giudici tra maestri pizzaioli, chef stellati, esperti del settore, giornalisti e quest’anno anche tanti food blogger, tra i quali si segnala la presenza di Vincenzo Falcone, tra i primi 5 foodblogger d’Italia e creatore del fortunatissimo food brand “Delicious”. Presente anche Francesco Martucci, al primo posto della guida “50 Top Pizza 2019” con la sua pizzeria “I Masanielli”.

Un parterre di giudici d’altissimo livello che siederà in giura per valutare le oltre 1500 pizze che saranno sfornate in due giorni di gara. Presidente di giuria sarà Barbara Guerra, ideatrice e curatrice della guida 50 Top Pizza e “LSDM”. Direttore tecnico del progetto sarà Marco Di Pasquale, maestro pizzaiolo de “Il Giardino degli Dei” di Salerno. Testimonial d’eccezione sarà Angioletto Tramontano de “O’Sarracino” di Nocera Inferiore, una delle tre migliori pizzerie d’Italia secondo Trip Advisor.  Ospiti d’onore della kermesse saranno personalità di spicco dell’universo pizza come la “Unione Pizzerie Storiche Napoletane “Le centenarie”, con don Antonio Starita, che guida l’associazione; Alessandro Condurro della pizzeria “Da Michele” di Napoli; gli associati del Gruppo La Piccola Napoli guidati da Paco Linus; i pizzaioli della nuova generazione, come Salvatore Lioniello, Raffaele Bonetta, Vincenzo Capuano, Pier Daniele Seu e tanti altri ospiti di spessore in via di definizione.

Official Media Partner della manifestazione saranno: Alice Tv, che realizzerà una puntata ad hoc sulla sesta edizione del Campionato; TeleNuova; YouFoodTv; Luciano Pignataro – Wine & Food Blog, uno dei primi food blog creati in Italia fondato dal giornalista del quotidiano “Il Mattino” Luciano Pignataro; Radio Base; Di Testa e Di Gola; The Way Magazine; La Buona Tavola di Renato Rocco; Italia Foodball Club Tv; Calabria Food Porn; Pizza Napoletana.Per evitare di influenzare le votazioni, anche al VI Campionato Nazionale Pizza DOC i giudici non vedranno chi elabora il prodotto prima di aver votato la pizza. Al via del direttore di gara, il pizzaiolo preparerà la sua pizza, dopodiché essa verrà mostrata alla giuria da nostri collaboratori. I giudici assegneranno un punteggio da 30 a 100, basando la loro valutazione su due principi: Gusto, Cottura e Aspetto. Il voto sarà espresso in maniera elettronica.Possono partecipare tutti i pizzaioli/le appartenenti a qualsiasi associazione, che abbiano compiuto 14 anni di età. Ben 12 le categorie a cui possono iscriversi i partecipanti del VI Campionato Nazionale Pizza DOC:

  • Pizza Classica, ovvero la pizza specialità del concorrente;
  • Pizza Margherita DOC, anche senza rispettare il disciplinare STG;
  • Pizza Gourmet, usando anche impasti alternativi;
  • Pizza in Teglia, divisa in “Teglia Classica”, “Pizza in Pala” oppure “Pinsa Romana”;
  • Pizza senza Glutine;
  • Pizza Fritta;
  • Pizza più larga;
  • Free style;
  • Pizza a due;
  • Pizza dessert;
  • Fritti;
  • Categoria Juniores con il premio “Marco Agnello”, riservata agli iscritti di età compresa tra i 14 ed i 21 anni, salvo esplicita richiesta del concorrente di partecipare anche alle categorie adulte.

Oltre ai premi di categoria, tanti altri sono quelli previsti dall’organizzazione. Il Campione Nazionale Pizza DOC 2019 sarà eletto tra il primo classificato della pizza classica e pizza margherita, in funzione di chi ottiene il punteggio più alto. Poi saranno assegnati: il premio “Pizza DOC in the World – Made In Nuceria” riservato ai concorrenti provenienti dall’estero; “Miglior Pizzaiola DOC 2019”; il “Premio Giudici di Forno”; il premio “Pizzaiolo Emergente 2019”; il premio “Miglior Pizzaiolo Giuria Popolare”; il “Premio FoodBlogger”. Ancora pochi i posti disponibili per partecipare al VI Campionato Nazionale Pizza DOC e scoprire chi sarà l’erede di Luigi Greco, vincitore della quinta edizione.

 

Per maggiori informazioni:

www.facebook.com/campionatopizzadoc

www.campionatonazionalepizzadoc.it

081.5141416 – 339.5688563

info@giaccoli.it

Contatti Ufficio Stampa

Aldo Padovano

333.2237732

ufficiostampa@campionatonazionalepizzadoc.it

Si chiama “ inDISPENSAbile ” è la nuova linea di conserve di Eccellenze Nolane

Si parte il 7 novembre con la valorizzazione di Torzella e Broccolo dell’Olio

indispensabile

Parte con la valorizzazione della Torzella e del Broccolo dell’Olio, ” inDISPENSAbile “, la nuova linea di conserve di Eccellenze Nolane, la cooperativa agricola presieduta da Giovanni Trinchese che si dedica alle coltivazione di ortaggi e verdure derivanti da semi antichi autoctoni del territorio senza l’uso di diserbanti né additivi chimici, tutelando le api e la biodiversità, rispettando l’ambiente.

Una mission che ora approda anche al settore delle conserve artigianali: a Nola, in via Mario De Sena 230 , tutti i giorni arriva il raccolto dei campi eubiotici di Cimitile e Camposano e, a mano, si lavano, si tagliano e si invasettano i prodotti della terra. “Ciò consente – spiega Trinchese – di realizzare conserve con prodotti freschissimi, appena tagliati e a chilometro zero e di mantenerne intatti sapore e proprietà nutritive tutto l’anno. Stagionalità significa consumare prodotti colti in quel periodo o conservati con le giuste procedure e idonei standard qualitativi nel periodo di riferimento, ossia secondo natura. Il laboratorio abbina tecniche artigianali, sapori antichi e ricette tradizionali alla sicurezza alimentare”.

A tenere a battesimo “inDISPENSAbile” sarà un convegno aperto dal padrone di casa, il presidente della cooperativa Eccellenze Nolane Giovanni Trinchese, al quale parteciperanno, tra gli altri, il Direttore generale dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno, Antonio Limone, il professor Ettore Varricchio, docente di Qualità e Tecniche di Produzioni Alimentari, del Dipartimento di Scienze e Tecnologie di Unisannio, i sindaci di Nola e di Camposano, Gaetano Minieri e Francesco Barbato, il vicesindaco della Città Metropolitana Francesco Iovino. All’incontro, introdotto e moderato dalla giornalista Brunella Cimadomo, sarà presente inoltre, il pizzaiolo più bravo del mondo secondo Gambero Rosso, Ciro Iovine di Song e Napule che è giunto da New York già oggi per raccogliere personalmente e seguire il processo di conservazione della torzella. Il suo intento è quella di portare in America gli autentici sapori di Napoli, come già sta facendo da tempo con gli Antichi Pomodori di Napoli. Il progetto di comunicazione è seguito da Bc Communication: “siamo partiti – spiegano i responsabili – dal concetto mettere in Dispensa, proprio come si faceva una volta. La dispensa era proprio il mobile o l’ambiente in cui si conservavano le provviste ma è anche il luogo destinato alla vendita, come in questo caso, di prodotti alimentari”.

Faranno parte della nuova linea “inDISPENSAbile”,  tutte le cultivar derivanti da semi antichi autoctoni come la zucca lunga di Napoli, la papaccella, le melanzane (Cima di Viola, Tonda di Scafati e a Grappolo), la portulaca e tantissimi altri ortaggi e verdure coltivati senza l’uso di additivi chimici o sostanze dannose,.

Le stesse conserve così come i prodotti freschi potranno essere acquistati direttamente nello store di via Mario De Sena, 230 o degustati nel vicino Agriturismo di Città.

 

UFFICIO STAMPA

BC COMMUNICATION

“ Diverse ”

La biodiversità è femmina

PRESENTAZIONE

Venerdì 15 novembre, ore 18

Museo Vivente della Dieta Mediterranea

Pollica | Cilento

14 donne, 13 storie, 12 mesi che raccontano di buona agricoltura, attenzione e difesa della biodiversità, di un Cilento che si contraddistingue per storie ricche di passione e di forza.Sono loro le protagoniste di “ Diverse | La biodiversità è femmina ”, calendario per il nuovo anno alle porte ideato dalla cuoca cilentana Giovanna Voria e realizzato dalla redazione del blogzine di gastronomia, agricoltura e turismo Rosmarinonews.it. L’anteprima si terrà a Pollica, nel Cilento, in occasione del decimo anniversario dall’iscrizione della Dieta Mediterranea nella lista UNESCO dei Patrimoni Culturali Immateriali dell’Umanità.L’appuntamento è al Museo Vivente della Dieta Mediterranea, venerdì 15 novembre, alle ore 18. Vi prenderanno parte, tra gli altri, tutte le protagoniste del calendario, le coordinatrici ed il sindaco di Pollica, Stefano Pisani.L’ambasciatrice del Cilento e della Dieta Mediterranea ha così realizzato un sogno che da tempo coccolava e che ha raccolto il consenso del Parco Nazionale del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni e del Museo Vivente della Dieta Mediterranea.

Negli anni tante volte mi è capitato di pensare che fosse tempo di fare un calendario a dovere! Ho cominciato quando ancora Corbella non c’era e – lavorando in un ambiente maschile – vedevo circolare ogni fine anno calendari dedicati a donne generose e poco coperte. Non era perbenismo inutile, è che ogni volta nella mia testa girava una voce: vi farei vedere io quali sono le vere donne! Ho conosciuto la fatica della terra, la passione per la cucina, la tenerezza dell’amore per la natura: le mie nonne, mia madre, la mia famiglia. E’ nato così “Diverse”, perché la prima edizione del calendario di cui mi faccio promotrice è dedicato alla biodiversità, ma anche all’essere donne che rappresentano storie diverse, che conoscono il valore della diversità e non ne sono spaventate. Un messaggio culturale, un valore che condivido con chi ha aderito al progetto e ha scelto di essere ritratta in un momento di lavoro, vicino al prodotto che la rappresenta, a quella biodiversità che ogni giorno salviamo dall’oblio.  In un mondo che ci vuole omologati, su tavole che hanno gli stessi profumi e gli stessi sapori, noi lottiamo affinché le singole identità e le differenze continuino ad avere spazio e futuro”, spiega Giovanna Voria.

A coordinare il progetto, realizzato con le fotografie di Carlo Cavaliere, è stata la giornalista gastronomica Antonella Petitti, da anni impegnata a raccontare il Cilento, le storie di imprenditoria familiare che la caratterizzano e a valorizzare la biodiversità che la rende una terra unica. Tra i tanti prodotti di eccellenza anche 4 Presidi Slow Food: il cacioricotta di capra del Cilento, le alici di Menaica, i ceci di Cicerale e le olive Salella ammaccate.

Diverse è un contenitore che mette insieme ingredienti rari e preziosi: la passione per il proprio lavoro, la forza e la cocciutaggine nel perseverare in un settore difficile, l’amore verso la natura e le radici. E’ stato stimolante poter raccogliere le loro storie, metterle insieme ed etichettarle con un termine che all’inizio ha spaventato un po’. Ma noi siamo donne consapevoli del fatto che sono le differenze a darci valore, la diversità non ci spaventa, anzi. Infatti, assieme alla biodiversità, vogliamo che passi un messaggio culturale importante: senza diversità non ci sarebbe vita, dobbiamo aprirci agli altri, alle cose, alle influenze. Ciò non significa perdere la propria identità, tutt’altro!”, racconta Antonella Petitti.

LE PROTAGONISTE. Filomena Tomasco dell’Agriturismo I Moresani di Casalvelino con il suo cacioricotta di capra, Silvia Chirico di Tenuta Chirico di Ascea con la sua mozzarella nella mortella, Donatella Marino del laboratorio Alici di Menaica di Castellabate con le sue alici, Isabella Gregorio e Silvia Ragazzoni dell’Azienda Agricola Magarìe di San Giovanni a Piro con le loro erbe spontanee ed officinali, Maria Rina del ristorante Il Ghiottone di Policastro con il suo pesce azzurro, Claudia Mitidieri della Cooperativa Sociale Terra di Resilienza di Caselle in Pittari con il suo grano, Gerarda Merola dell’Agriturismo Isca delle Donne di Palinuro con le sue antiche conserve, Anna Nigro di Anna dei Sapori di Castelnuovo Cilento con i suoi fichi Dottato, Rosa Pepe dell’omonima azienda agricola di Castel San Lorenzo con il suo vino, Gabriella Mazziotti dell’Agriturismo Al Sentiero di Pollica con il suo olio e le olive Salella ammaccate, Francesca Romano di Monterberry di Monte San Giacomo con le sue patate di montagna ed Angela Ronca de La Bottega delle Api di Cava de’Tirreni con il suo miele e le arnie tra Giungano e Cicerale.

Ufficio Stampa a cura di Rosmarinonews.it

 Studenti in vigna per raccogliere, vendemmiare e valorizzare l’Uva di Sabato

ansenum

Procedono i lavori del Progetto ANSENUM (acronimo di “Antichi Semi Nuovi Mercati”) finalizzato alla reintroduzione in agricoltura di vecchie colture, aggiornandone le metodologie di coltivazione, al fine di scansarne la scomparsa, ottimizzare i terreni in cui esse attecchiscono meglio e creare, infine, occupazione nel comparto agricolo campano attraverso la loro immissione sul mercato. Lunedì 28 ottobre gli alunni dell’Istituto “Marco Pollione Vitruvio” di Castellammare di Stabia, precisamente quelli delle classi ad indirizzo agrario, hanno raccolto presso l’azienda agricola “Abbazia di Crapolla” (ubicata a Vico Equense) 100 kg di Uva di Sabato, una delle prime colture che il progetto ANSENUM si prefigge di recuperare e promuovere. La vinificazione è avvenuta nella stessa giornata presso l’Istituto e, successivamente,  il mosto è stato affidato  alla prof.ssa  Angelita Gambuti del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II. Il vino ricavato sarà utilizzato per eventi di animazione territoriale, altro obiettivo di ANSENUM. Infatti un’altra mission del progetto consiste nell’acquisizione di elementi  per costruire azioni di animazione a favore delle aziende agricole e attività di comunicazione rivolte a stake holder locali e a consumatori finali.
Le aziende finora coinvolte hanno compilato una scheda tipo sia per l’Uva di Sabato che per il pomodoro Corbarino  al fine di stabilire le caratteristiche vegetali del genotipo. Verranno poi approfondite le caratteristiche colturali tradizionali e attuali del genotipo e gli effetti sull’ambiente.

Il progetto ANSENUM è stato condiviso dall’Associazione Turistica  “Pro Loco di Vico Equense” (ente capofila), dal Parco Regionale dei Monti Lattari (che abbraccia l’intera penisola sorrentino‐amalfitana), da altri enti locali, dal prof. Antonino De Nicola della Società dei Naturalisti in Napoli, dalla Regione Campania e dal Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II. Decine le aziende campane partner dell’iniziativa oggi impegnate nel recupero di antiche coltivazioni e dei terreni ove queste venivano effettuate al fine di ridurre l’impatto ambientale dell’agricoltura.
Tali enti ed aziende hanno organizzato dei laboratori di approfondimento presso “Le Domeniche in Castagna” che si terranno a Monte Faito fino al 7 novembre.

ANSENUM è stato finanziato con i fondi psr Regione Campania 2014-2020 (tipologia d’intervento 16.5.1 “Azioni congiunte per la mitigazione dei cambiamenti climatici e l’adattamento ad essi e per pratiche ambientali in corso”).

 

Grazia Guarino

CON ‘TITALY’, IL PORTALE DELLE ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE ITALIANE, LA BAG PER LA ‘ PIZZA FAI DA TE ’ A CASA CON UN CLICK.

UN KIT PER  LA PIZZA CHE VA AD ARRICCHIRE L’AMPIA PROPOSTA DELLE MIGLIORI TIPICITA’ ARTIGIANALI DEL MADE IN ITALY. 

Titaly ( www.titaly.it ), il portale E-commerce che dà la possibilità di ordinare direttamente da casa attraverso un click, i migliori prodotti tipici artigianali del “Made in Italy”, con particolare riferimento alla Campania, da oggi sorprende ancor di più perché inserisce nel proprio paniere, qualcosa di originale per gli utenti che vogliono preparare il piatto che mette tutti d’accordo, il più amato nel mondo, la pizza. Quante volte vi è capitato di avere voglia di qualcosa di buono e di non voler uscire? La soluzione perfetta è ordinare comodamente senza spostarsi dal divano con la consegna a casa da parte di un corriere, un formaggio, un vino o ancora una pasta artigianale o un dolce tipico che non riuscite a trovare nella vostra città.

La nuova proposta, la “Bag per la pizza fai da te” al costo promozionale di 29,99 euro, contiene tutti gli ingredienti di altissima qualità (come da filosofia Titaly) necessari per realizzare un’ottima pizza: due pacchi di farina integrale da agricoltura biologica di Molini Pizzuti, farine che non contengono additivi e neppure sostanze chimiche di varia natura che troviamo su questo portale anche di altre tipologie (grano tenero e grano duro), una lattina di pomodorini Corbarino, una bottiglia di olio extravergine di oliva e un vasetto di filetti di alici. Si tratta degli ingredienti che usano le pizzerie del Comune di Tramonti, sulla Costa d’Amalfi. Se poi siete alla ricerca di alici come quelle di Cetara e di Menaica, qui potete davvero sbizzarrirvi perché ce n’è per tutti gusti e per diverse esigenze.

Sul sito di Titaly, è possibile leggere anche la ricetta per la preparazione per la famosa pizza di Tramonti la cui storia inizia nel lontano Medioevo, da quando i numerosi forni rurali sfornavano il pane biscottato di farina integrale per rifornire le navi della Repubblica Marinara di Amalfi. Ideale per i lunghi viaggi in mare, poteva durare per mesi. Agli inizi del Novecento la maggior parte delle famiglie aveva in casa il forno a legna e – ad ogni cotta – era un rito fare anche la pizza allo stesso modo e nel 2010 è arrivato a conclusione l’iter per la De.Co. (Denominazione Comunale) per  questa pizza, che ne ha riconosciuto la specificità.

Il kit-bag potrebbe essere un’idea per il prossimo Natale così come tutti gli altri prodotti per preparare il menu dei giorni di festa e, perché no, per donare qualcosa di tipico agli amici e alle persone care, mentre, nei prossimi mesi tante saranno le new entry, tra cui una vasta scelta di birre artigianali e il fagiolo tondino del Purgatorio, un prodotto tipico della zona dell’alta Tuscia Viterbese.

Titaly, che ha una clientela anche in alcuni paesi d’Europa, è una start-up campana, diretta a far conoscere le tipicità e le eccellenze di tutta Italia oltre ai tanti altri prodotti ed alimenti sani e gustosi della Dieta Mediterranea. La piattaforma si pone come partner ideale per tutte le aziende che vogliono aprire il proprio canale di vendita online affidando in parte, in «outsourcing» le attività ad esso connesse, con il vantaggio di avere un unico interlocutore. Le aziende che hanno scelto tale piattaforma, operano soprattutto nel settore agroalimentare ed enogastronomico, dove ad ognuno di questi clienti si garantisce l’identità del proprio brand.

AGRICOLTURA: CONTRATTO DI FILIERA DEL GRANO, BARILLA RICONFERMA ACCORDO CON GRUPPO AGRISEMI MINICOZZI. IL GRUPPO CEREALICOLO LEADER DELLA VARIETA’ AUREO

Minicozzi

Con gli ultimi due appuntamenti campani in provincia di Benevento e di Caserta – dopo quelli tenutisi in Calabria e Molise –  il Gruppo cerealicolo ‘ Agrisemi Minicozzi ’ con sede a Benevento ha illustrato a migliaia di agricoltori le innovazioni del contratto di filiera con il Gruppo Barilla proprio nella giornata mondiale della pasta (PastaDay). La ‘ Agrisemi Minicozzi ’ costituisce il pilastro del Contratto di filiera Grano Aureo in Campania, assolvendo alla doppia funzione di fornire seme certificato agli agricoltori e stoccare la granella di frumento da macina della varietà Aureo, in attesa che venga avviata al molino di Altamura della Barilla per poi diventare pasta secca di alta qualità nello stabilimento Voiello (Barilla) di Caserta. L’azienda, pesantemente colpita dagli eventi alluvionali di quattro anni fa con un danno di dieci milioni di euro, è ripartita con la sua attività e con lo stoccaggio del grano duro in Campania. Nata quasi 20 anni fa, nel 2015 ha dovuto affrontare un momento difficile a causa di un’alluvione. Nel corso dei convegni campani dove sono state illustrate le innovazioni dei contratti di filiera, sono intervenuti Antonio, Pio e Vincenzo Minicozzi  (Agrisemi Minicozzi Srl), Michela Selicato e Alfonso Di Massa (Syngenta Italia Spa), Francesco Giovine (Eurochem Agro), Giampaolo Parente (Regione Campania), Paolo La Cava (Barilla S.p.a.), Erasmo Mortaruolo (consigliere regionale della Campania); i rappresentanti delle associazioni di categoria Francesco D’Amore (vicepresidente Coldiretti) Davide Minicozzi (Presidente giovani imprenditori Coldiretti), Antonio Casazza (Confagricoltura) e Giovanni Venditti (USB). La ‘Agrisemi Minicozzi’ azienda, leader in Campania nel settore della cerealicoltura. Il contratto di filiera – Grano Aureo, nato nel 2009 con l’intento di difendere i cerealicoltori dalle fluttuazioni di prezzo del grano duro, offrendo a Barilla (top player dell’agroalimentare italiano) una materia prima di altissima qualità, si riconferma quindi in piena attività sul versante della Campania. Negli anni scorsi le punte massime raggiunte – che si cerca di replicare e superare – si sono registrate con il conferimento al molino di oltre 300mila quintali di granella di altissima qualità, con tenore proteico medio del 14,5% e con punte anche del 16%.

Ufficio stampa

Antonella D’Avanzo

SUL LUNGOMARE DI CASTELLAMMARE VA IN SCENA LA BELLE ÉPOQUE VENERDÌ 1 NOVEMBRE ORE 21.00 INGRESSO FREE

AL VANILLA WINE&RESTAURANT DI CASTELLAMMARE SPETTACOLO TEATRAL-MUSICALE DEDICATO AL CAFÈ CHANTANT

 Castellammare

È uno spettacolo teatral-musicale simpatico e ammiccante quello proposto il 1 novembre a partire dalle ore 21.00 da Vanilla Wine&Restaurant sul lungomare di Castellammare di Stabia, con ingresso libero. Gli ospiti potranno godersi lo spettacolo sorseggiando un cocktail, un calice di vino o gustare un tagliere di salumi e formaggi, grazie alla formula d’ingresso gratuita che prevede solo l’obbligo di una consumazione a discrezione del cliente. Per assicurarsi un tavolo si consiglia di prenotare al numero 3898570397.Tiziana Tirrito – nei panni della janara, strega della nostra tradizione popolare – aprirà lo spettacolo accompagnata dalla fisarmonica di Giulio Fazio con uno scherzoso rito magico, che strizza l’occhio alla tradizione tutta a stelle e strisce di Halloween.

Lo spettacolo proseguirà tra pezzi cantati e recitati che attingono dal più classico repertorio del Cafè Chantant, quella forma di spettacolo che Napoli ha importato dalla Francia di fine ottocento, un genere che trovò il suo habitat nei locali più in voga di Napoli come il celebre Salone Margherita e la cui maggiore attrazione erano le eccentriche e ammiccanti chanteuse, o “sciantose”.

Notizie sugli artisti: 

In scena Tiziana Tirrito, attrice napoletana attualmente impegnata sul set della fiction Rai ‘Il Commissario Ricciardi’ ma radicata fortemente nel teatro grazie al quale ha lavorato al fianco di maestri della commedia come Luigi De Filippo, Sergio Solli e

Lina Wertmüller. Volto amato anche tra i giovanissimi per le sue numerose partecipazioni alle webserie dei The Jackal.

Alla fisarmonica, Giulio Fazio, compositore e musicista napoletano che spazia dalla musica classica allo swing, dalla musica tradizionale fino ad esplorare quella contemporanea. Ha composto le musiche di diversi spettacoli teatrali come “18 Carati” di Esteban Antonio Skarmeta, per orchestre sinfoniche, con quartetti d’archi, pianoforte, fisarmonica, elettronica e rock band.
Musicista versatile, che sia al pianoforte o alla fisarmonica, suona con diverse formazioni al fianco di artisti come Nino Bruno, Mbarka Ben Taleb, Toubab, Luigi Rubino. Ha suonato anche in diverse orchestre sinfoniche come fisarmonicista, al suo attivo “Lo vommaro a duello” di Roberto De Simone.
È gradita la prenotazione tavoli limitati
Per info e prenotazioni_E-mail 
vanillawine70@gmail.com; Tel. 3898570397; Fb: Vanilla_Wine&Restaurant

 

Ufficio Stampa

Roberta Raja

La pizzeria Madison di Avellino ha una lunga storia che attraversa tre generazioni di pizzaioli. A raccontarcela è stato Claudio Paduano, che insieme a Vincenzo Rea, ora dirige l’attività. «La nostra storia iniziò nel 1929, quando la famiglia Paduano diede origine a ciò che poi sarebbe diventata una lunga tradizione di maestri pizzaioli napoletani. Domenico Paduano, mio nonno, custodiva una ricetta segreta per la pasta della pizza, un segreto rivelato soltanto a suo figlio Salvatore, mio padre, che tornato da un’esperienza lavorativa milanese ne divenne il nuovo custode». Nasce così la prima pizzeria “Buongusto”, seguita da una seconda a Nocera Inferiore. Il testimone passa ai figli di Salvatore, Claudio e Lucio, e proprio Claudio a diciannove anni partecipa a New York, nei pressi di Madison Square Garden, alla sua prima competizione di cucina internazionale, dove ogni chef gareggiava presentando un piatto tipico.

Madison

Claudio Paduano vince con il piatto che il mondo intero ammira e riconosce come simbolo del Made in Italy, ovvero la pizza. Al suo rientro decise che la sua attività dovesse essere una sorta di accademia della pizza per giovani appassionati e che doveva chiamarsi Pizzeria Madison, per ricordare l’esperienza newyorkese. Il percorso di Claudio è stato valorizzato poi dalla conoscenza di Vincenzo Rea, primo allievo e poi campione mondiale della pizza. Claudio Paduano e il suo socio oggi sono il timone dell’Accademia Pizzeria Madison, con cinque sedi a Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Cava De’ Tirreni, Avellino e Sant’Egidio Del Monte Albino. «Non si tratta di un franchising come si potrebbe pensare. Sono cinque pizzerie autonome, ognuna con la propria storia, ma con un comune denominatore: la vera pizza napoletana. Me ne occupo io con Vincenzo, diamo il nostro supporto nei cinque locali, a cui si aggiunge la presenza di un familiare che fa da supervisore. In questo senso si può dire che la nostra attività è a conduzione familiare». La pizza napoletana è l’elemento che nel corso del tempo non si è modificato, perché per Claudio Paduano rappresenta una caratteristica identitaria e soprattutto la sua mission: «Voglio che il cliente che viene nei nostri locali possa fidarsi di noi, avere fiducia di ciò che gli proponiamo e che ciò che legge sul menù corrisponda al vero. Non mentiamo al cliente sulla provenienza e sulla qualità del prodotto. Se lo facessimo tradiremmo una storia di quasi cento anni».

madison

La clientela di Madison è la più variegata, va dal ragazzino all’anziano, dalle comitive alle famiglie, complice l’ambiente accogliente e la gentilezza del personale e poi c’è l’ampio menù che propone pizze classiche e pizze dai sapori più sofisticati. «La pizza più difficile da fare è sicuramente la margherita di grandi dimensioni come vuole la tradizione napoletana ed è quella più scelta in assoluto. Il cliente infatti vedrà nel piatto la classica “ruota di carretto”, ma se vuole cambiare gusto e osare può provare la nuova arrivata, la Pisellina, composta da ingredienti sempre selezionati come il fior di latte italiano di altissima qualità km 0, vellutata di piselli, pancetta croccante, fonduta di Provolone del Monaco. Oppure può provare la Mamy, un omaggio a mia madre, con mozzarella, melanzane grigliate, prosciutto crudo di Parma, scaglie di parmigiano e bocconcini di mozzarella di Bufala».

madison

Da Madison anche i celiaci possono godere del gusto unico della pizza, infatti è possibile scegliere dal menù tante pizze pensate appositamente per loro. «Da noi anche chi è intollerante al glutine può mangiare la pizza. Nell’offrire questa alternativa forse siamo stati tra i primi se non proprio i primi. Mio padre decise di realizzare, molto tempo fa, una pizza per un mio cugino che aveva questa intolleranza e per la quale gli era impossibile mangiare la pizza. Oggi offriamo diverse possibilità di pizza gluten free e ne siamo fieri». Pizze classiche, pizze gourmet, pizze ai cinque cereali o gluten free, non manca nulla alla Pizzeria Madison, mancate solo voi!

pisellina

 

Amalia Vingione

 

Ai piedi del Monte Somma, nel centro storico di Sant’Anastasia, comune situato nella zona vesuviana a nord-est di Napoli e che è parte integrante del Parco Nazionale del Vesuvio ed è incluso nell’itinerario enogastronomico Strada del Vino Vesuvio e dei Prodotti Tipici Vesuviani troviamo RISTORAME, ristorante di cucina popolare situato nel vecchio quartiere dei ramai fondato e gestito da Domenico Esposito giovane e determinato cuoco ed imprenditore e che si avvale anche della competenza del cuoco Luigi Porritiello e della fidanzata e prossima moglie Rosa Pone che amorevolmente ed elegantemente si occupa della sala.

ristorame

Domenico ci racconta di appartenere ad un’antica famiglia di ramai del paese e che RISTORAME nasce circa un anno fa, nella vecchia bottega del bisnonno che come il nonno paterno ed il nonno materno erano i ramai più famosi di Sant’Anastasia paese noto anche per il capretto e le albicocche. Durante l’adolescenza frequenta l’istituto alberghiero e dopo alcuni anni decide di partecipare ad un bando pubblico del comune di Sant’Anastasia dove riesce ad avere in fitto uno spazio nel quale apre un pub molto particolare (di cui tratteremo in un altro articolo) e che rappresenta la svolta della sua vita, da qui nasce infatti la sua passione per la cucina e dopo aver acquisito le basi della ristorazione decide di fare un passo avanti aprendo un ristorante tutto suo.

L’arredamento di RISTORAME è veramente unico  ed è caratterizzato da una forte presenza di rame ed infatti le pareti si alternano tra tufo e rame rendendo il locale molto rustico e allo stesso tempo elegante. Al posto del pavimento ci sono i sanpietrini ed anche i lampadari e le suppellettili come posate bicchieri e piatti sono tutti completamente in rame. Anche Domenico, oltre alla passione per la cucina, ha la passione per questo materiale che viene anche definito oro rosso, ed infatti all’interno del ristorante c’è una piccola vetrina in cui si possono acquistare oggetti in rame come pentole oliere ed altro e che sono costruiti nella fabbrica dello zio che ancora si dedica a questa attività. Inoltre le pietanze sono cucinate in pentolame di rame ed è noto che questo materiale permette una diffusione del calore più uniforme, preservando le proprietà nutrizionali e le caratteristiche organolettiche degli alimenti.

ristoramew

Il locale è situato precisamente in via San Giacomo Ramarro 16 nel quartiere dei ramai dove nascevano tutte le botteghe e dove in ogni garage ed in ogni porta c’era un ramaio che batteva le pentole in rame.

Domenico successivamente ha acquistato una vecchia stalla adiacente al ristorante che ha trasformato in una cantina in cui ci sono tutti i vini di origine campana e dove vengono anche fatte delle degustazioni di vini e formaggi.

Il menù di RISTORAME è caratterizzato da piatti tipici della traduzione partenopea ma con un impiattamento moderno ed elegante e tutte le materie prime provengono esclusivamente dal territorio campano, vini compresi. Nel menù possiamo trovare i classici sapori della cucina partenopea come il baccalà mantecato con le papaccelle e friarielli, le alici mbuttunate, la trippa con i fagioli,  la minestra maritata, la zuppa di soffritto, ravioli fatti rigorosamente a mano al ragù bianco di capretto, fusilloni con stoccafisso alla puttanesca, polpo alla luciana, baccalà fritto oltre alle tipiche fritture della tradizione napoletana e taglieri tipici di salumi e formaggi tutti del territorio e per finire i dolci che rappresentano la tradizione popolare come la caprese, la pastiera, il babà. Il tutto accompagnato da una eccellente selezione di vini campani.

Insomma, chi desidera fare un viaggio nella tradizione della cucina popolare partenopea con prodotti tipici del territorio e presentati in chiave moderna ed elegante non può non passare da RISTORAME che fonde la tradizione dei ramai con quella della cucina campana.

Giovanni Tammaro

Il Sakura di nuovo in pole position tra le location più “in” del vesuviano
Special guest: Monica Sarnelli

Sakura

Il Sakura, bellissimo complesso ubicato a Torre del Greco comprendente hotel, ristorante e piscine,  è di nuovo il salotto buono dell’area vesuviana. Sabato 26 ottobre sarà inaugurato il salone delle feste, ultimo tassello mancante alla definitiva riapertura di quella che dagli anni ’70 al 2000 è stata una delle location di charme più famose nel napoletano.  Archiviato il pericolo che questo luogo d’èlite potesse ridursi solo ad un mero ricordo, i nuovi gestori oggi intendono renderlo accessibile a tutti quelli che lo conoscono e a quelli che, attratti dalla sua fama (tante le celebrità che lo hanno frequentato, tra queste Martin Scorsese), vorrebbero viverlo, attraverso un folto programma di eventi. Il primo si svolgerà sabato prossimo: un dinner show, che inizierà alle ore 21:30, che prevede l’intervento in qualità di special guest della famosa cantante Monica Sarnelli, il piano show di Enzo Pinto (accompagnato dalla bellissima voce di Federica Celio), e il dj set di Pio Light con Patrick Voice. Si spazierà dalla musica classica napoletana a quella leggera, dalla live alla dance music. Tanto intrattenimento, dunque, ed anche tanto buon cibo; il menù, ideato di Ciro Di Giovanni (ex dipendente di Dorotea Liguori, colei che ha portato in alto il nome del Sakura) e attualmente proprietario della pizzeria “Magma” ubicata all’interno del complesso, è composto da: cocktail analcolico di benvenuto e sfizi fritti in accompagnamento; un antipasto formato da petali di verdure grigliate, babà rustico napoletano, spiedini di bufala, bruschetta e polpetta di melanzane; gnocchi con zucca e noci; sartù di riso; dessert; cioccolatini della pasticceria “Benedetto”. Infine, data l’importanza dell’evento, tutti coloro che prenderanno parte alla serata saranno accolti nel bellissimo salone allestito da “Expert Flowers” dalle note del trombettista Lorenzo Federici e da bellissime hostess vestite dallo stilista Ferdinand.
Tutto ciò è stato concretizzato da un pool di professionisti legati al mondo del’’organizzazione di eventi (ovvero il presidente dell’associazione “Piazza di Spagna” Annabella EspositoCiro Di GiovanniPatrizio Di LorenzoPio LightValentino VoiceSalvatore Ilardi Rosario Bruno in qualità di direttore artistico) che intendono far ridiventare il locale torrese (precisamente ubicato in via Enrico De Nicola) un punto di riferimento del jet set internazionale, come lo era un tempo, attraverso diversi format di intrattenimento che avranno come protagonisti nomi noti della musica e dello spettacolo.

More info:
Pio Light – 3472298784
Rosario Bruno – 3913041181

Ufficio Stampa

Maria Consiglia Izzo

Quante pizze possono sfornare 50 pizzaioli in 12 ore? 10.893. È il numero esatto di pizze sfornate ieri nella zona portuale di Torre Annunziata gremita di persone che ha valso la riconquista del Guinness World Record ai 50 pizzaioli campani, riuniti dal presidente e dal vicepresidente dell’associazione Gruppo La Piccola Napoli Paco Linus ed Enzo Fiore.

record

Le 10.893 pizze sono state preparate, infornate e sfornate in sole 14 ore in barba alle 24 ore previste dal record ufficiale. “La più grande soddisfazione è stata riconquistare il record in territorio campano, portatoci via dagli argentini dopo la nostra precedente vittoria in Svizzera” ha detto Paco Linus che sapientemente ha diretto la brigata di pizzaioli aiutato dal suo braccio destro Enzo Fiore.

“L’aver coinvolto aziende del settore agroalimentare campano come Solania, Il Molino Scoppettuolo, Latticini Orchidea ha significato per noi sottolineare un’identità territoriale forte, come a evidenziare un lungo filo indissolubile che lega l’arte della pizza al territorio campano” ha detto Enzo Fiore.

Presenti, infatti, anche gli sponsor nelle persone di Giuseppe Napoletano per Solania srl, Raffaele Maiello per Latticini Orchidea, Ciriaco Scoppettuolo per il Molino Scoppettuolo e Damiano Reppuccia per i Forni Reppuccia che hanno accolto positivamente l’evento fornendo le materie prime per la felice riuscita dell’obiettivo.

L’evento ha avuto anche un risvolto solidale: infatti, due terzi delle pizze sono state donate alle persone meno abbienti della città e alle associazioni del territorio. “ Il nostro intento” ha commentato Paco Linus “è stato anche quello di riuscire a strappare sorrisi a chi una pizza, diciamola tutta, non se la può permettere”. E anche per chi, invece, ha qualche possibilità in più la soluzione è stata quella di distribuire l’altra metà al prezzo popolare e simbolico di 2 euro.

record

L’unione di persone accomunate dalla stessa passione e aziende fortemente radicate nel territorio è stato dunque il modo migliore per stabilire il nuovo primato e per creare un intenso momento di solidarietà sullo sfondo di uno dei luoghi più suggestivi del nostro territorio.uno dei luoghi più suggestivi del nostro territorio.

 

Marika Manna

CORSO DEDICATO AGLI AROMI DEL VINO E LIGHT DINNER DA VANILLA WINE&RESTAURANT SUL LUNGOMARE DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Vanilla Wine&Restaurant

Giovedì 24 ottobre alle ore 20.30 al Vanilla Wine&Restaurant (Corso Garibaldi 70, Castellammare di Stabia) continua il ciclo di appuntamenti dedicato all’approccio del vino firmato Vanilla Wine&Restaurant, il quale dedica un appuntamento al mese per scoprire tutti i segreti legati all’affascinante mondo del vino. Giovedì 24 ottobre l’incontro sarà rivolto all’analisi sensoriale. L’appuntamento è alle ore 20.30 per l’aperitivo-cocktail di benvenuto, a seguire il corso di approccio al vino e il laboratorio sensoriale, dopo il corso segue il light dinner conviviale.

Un viaggio esplorativo nell’affascinante mondo dei profumi, dei sapori e dei colori del vino. Si scoprirà in che forma i cinque sensi lavorano per raccontarci il vino, come interpretare i segnali che ci sono inviati dai sensi per poi tradurli e raccontare agli altri le nostre sensazioni.
In questo primo corso introduttivo, saranno misurate le capacità sensoriali degli ospiti con dei test divertenti, come il riconoscimento al buio di specifici aromi, inoltre saranno degustati vini dalle diverse caratteristiche aromatiche.

A seguire Light Dinner a cura di Vanilla Wine&Restaurant con il seguente menu_
Antipasto ‘Mini tartare di salmone e tonno’, Spaghettone di Gragnano con alici e pane
 atterrato Secondo, Filetto di branzino in crosta di patate con crema di asparagi e piccoli buffet di dolci. Vini in abbinamento a cura di Vanilla Wine&Restaurant.

Per info e prenotazioni_E-mail vanillawine70@gmail.com; Tel. 3518806095; Fb: Vanilla_Wine&Restaurant

 

Ufficio Stampa

Roberta Raja

Domenica 20 ottobre tappa speciale: Di Food in Tour Pontecagnano “Frontiera dei Picentini”.

Pontecagnano : Punto di partenza e non di arrivo del progetto nato due anni fa per la promozione turistica e territoriale del salernitano

Pontecagnano

Il 20 ottobre, come ormai di consueto per i numerosi curiosi alla scoperta dei borghi salernitani, alle ore 9:00 ci si darà appuntamento a Pontecagnano assieme al Gruppo CTG Picentia di Salerno, per trascorrere una giornata tra archeologia, natura e buon cibo. In collaborazione con lo Studio PAMart, l’Associazione di promozione sociale (APS) CTG Picentia, sostenitrice da sempre di soluzioni alternative per un turismo lento e sostenibile, ha puntato il dito questa volta su Pontecagnano, crocevia nell’antichità di popoli e di scambi commerciali, prima sotto il nome di Amina e poi di Picentia. Greci, Etruschi e Piceni popolarono i luoghi su cui sorge Pontecagnano e i monti alle sue spalle. Un meta dunque significativa sia dal punto di vista storico che turistico, un punto di partenza e non di arrivo anche del progetto Di Food in Tour che cercherà in sinergia con i comuni dei Picentini, di ampliare l’offerta turistica, creando a breve dei pacchetti week-end per tutti i Gruppi CTG provenienti dalle altre regioni d’Italia. A porgere il benvenuto e i saluti istituzionali vi sarà l’Assessore comunale con deleghe alla cultura, creatività e pari opportunità Adele Triggiano, che con interesse ha partecipato assieme alle Dott.sseMina Felici, Annamaria Parlato e Maria De Vita alla progettazione e sviluppo dell’itinerario culturale e gastronomico. Si partirà quindi dalla conoscenza del patrimonio archeologico della cittadina di Pontecagnano di inestimabile valore, attraversando il Parco Archeologico urbano gestito da Legambiente Occhi Verdi, comprendente l’antica insula, il CEA (Centro Educazione ambientale) una biblioteca per bambini e un’area verde attrezzata con parco-giochi ecocompatibile. La visita sarà a cura del Prof. Giuseppe Mancini. Non mancherà una sosta al Museo archeologico nazionale con l’assist dell’archeologa Valentina Miceli. Dopo l’archeologia si proseguirà alla scoperta dei beni enogastronomici presso il Ristorante-Pizzeria “Al Trivio Granata” dove il Presidente de L’Acino d’Uva – International Sommelier Foundation Alberto Giannattasio indirizzerà i commensali in un percorso di abbinamento cibo-vino territoriale. Infine Taverna Penta del Dott. Filippo Morese, un marchio da anni garanzia di bontà e qualità, delizierà i partecipanti al tour con i suoi prodotti caseari d’eccellenza e vi anche la possibilità di vistare gli allevamenti di bufale. Il Food Blog 2Ingredienti Arte&Cibo sarà media partner dell’evento.

Prenotazioni:

info@difoodintour.it

www.difoodintour.it

 

Ufficio Stampa

AnnaMaria Parlato

TORNA LA SAGRA DELLA CASTAGNA DI CASSANO IRPINO (AVELLINO)

Sabato e domenica, 19 e 20 ottobre, l’evento più atteso dell’autunno: la sagra della castagna. 

In volo mongolfiere simbolo dell’energia pulita. In tavola maccaronara,

 ravioli, tartufi e dolci fatti in casa

Castagna

E’ la prima sagra irpina green, storico evento dedicato alla regina dei prodotti autunnali d’Italiala castagna – che quest’anno, per la sua 43esima edizione, si arricchisce di numerose novità: è la Sagra della Castagna di Cassano Irpino, tra le più antiche in Italia e che ha come scenario lo splendido borgo medievale noto anche per le sue sorgenti, fonti storiche dell’Acquedotto Pugliese, che saranno visitabili proprio in occasione dell’evento.

La 43esima edizione della Sagra della Castagna, in programma sabato 19 ottobre e domenica 20 ottobre, si caratterizzerà per la sua dimensione totalmente green, sarà cioè interamente dedicata alle tematiche della sostenibilità. L’evento è organizzato dal Comune di Cassano Irpino in collaborazione con le associazioni del territorio e con la direzione artistica di Roberto D’Agnese per Omast Eventi ed avrà un’attenzione mirata verso l’ambiente ed i bambini, oltre che naturalmente verso l’enogastronomia che è il cuore pulsante, il motore della rinomatissima Sagra della Castagna. Gli stand gastronomici, infatti, sono il centro dell’evento. Saranno aperti per entrambe le giornate di svolgimento della manifestazione sia a pranzo che a cena con un’offerta ricchissima e davvero di grande qualità. Sarà possibile assaggiare, infatti, i piatti tipici della tradizione realizzati dalle massaie di Cassano Irpino. Immancabili, perciò, la maccaronara, i ravioli, la minestra maritata, la zuppa di castagne senza dimenticare le ottime carni alla brace, l’ormai famigerato caciocavallo impiccato e piatti a base di tartufo nero irpino. Si chiude con squisiti dolci, ovviamente a base di castagne. E ovviamente caldarroste per tutti.

L’evento avrà inizio sabato 19 ottobre, alle 9.30 con la visita alle sorgenti di Cassano Irpino. A seguire, alle ore 10, si terranno le riprese del TG Itinerante del TgR Campania a cura del giornalista Rino Genovese. Per le ore 12 apertura degli stand gastronomici. Il taglio del nastro vero e proprio si terrà alle ore 18.00 con il raduno degli artisti in piazza. A seguire l’intervento del primo cittadino di Cassano Irpino, Salvatore Vecchia, ed il lancio delle mongolfiere che voleranno sul cielo di Cassano Irpino quali simbolo di energia pulita in linea con il tema green dell’evento. Dalle ore 21 via agli spettacoli con quattro aree dedicate alla musica: nella piazza principale si esibirà Vincenzo Romano, il cantore pellegrino, che porterà il suo repertorio tra etnico, popolare e sacro. Ci si sposta nel Palazzo Baronale con il Gran Ballo dell’800 e con l’esibizione di Barabba Blues, duo che interpreta in chiave acustica un suggestivo repertorio rock, blues e ballads. In versione itinerante lungo il percorso dell’evento, lungo le strade del borgo medievale, per la prima volta in Irpinia, la Wizdom Drum Band, il gruppo prende ispirazione dalle drumline americane e svizzere a con un tocco italiano, ottenendo in poco tempo grandi apprezzamenti tanto da avere al proprio attivo numerose tappe in Italia ed all’estero.Domenica 20 ottobre l’evento comincerà alle ore 10 con la visita alle sorgenti di Cassano irpino. Alle ore 12 è prevista l’apertura degli stand gastronomici. Alle ore 16 in piazza ci sarà Mix Harmony con tarantelle e sonorità popolari. Alle ore 17 incontro – dibattito sul tema “Riprendiamoci la natura”. A seguire, nell’area bambini, si terrà “La rivolta delle pecore e la battaglia dei prosciutti”, spettacolo musicale e teatrale dedicato ai più piccoli sul tema della tutela ambientale e del rispetto della natura, tratto dal testo “La rivolta delle pecore” di Virginiano Spiniello. Dalle ore 20 il gran finale con una interessantissima selezione di spettacoli musicali. In piazza di esibiranno i Suoni Antichi I Bottari di Macerata Campania con Mimmo Epifani e Marilena Gragnaniello, gli Stragatti con il loro rock and roll, tra old school e rivisitazioni pop, saranno nel Palazzo Baronale e ancora in versione itinerante lungo le strade del bordo la Wizdom Drum Band.

Ogni anno la Sagra della Castagna di Cassano Irpino sceglie un tema che possa essere spunto di riflessione e occasione di confronto. Per questo la tematica, fortemente collegata all’attualità è quella ambientale. Per questo la Sagra di Cassano si caratterizza come la prima sagra green, la prima che si interroga sull’ambiente, sulla natura, sull’ecologia. È in questo solco che si inserisce il video concorso per eleggere Re Cardo e Regina Castagna dedicato ai più piccoli che dovranno raccontare attraverso clip video la loro idea per tutelare al meglio la natura (info su www.sagracastagnacassano.it). Chi otterrà più like verrà eletto Re Cardo o Regina Castagna e riceverà in omaggio una fornitura di crema di castagne dell’azienda Sodano. Importante, perciò, anche la dimensione social dell’evento. Ed infatti è attiva una linea whatsapp al numero 351.8782216. Basterà mandare un messaggio con l’hashtag #sagracasagnacassano per ricevere tutte le informazioni sull’evento.

 

UFFICIO STAMPA

Miriade & Partners

Per Omast Eventi

Tel. 329.9606793 – 392.9866587

E-mail: ufficiostampa@miriadeweb.it

www.miriadeweb.it

 

“ IL MIO SAN MARZANO ” 

Lunedì 21 OTTOBRE alle ore 18.00 presso lo stabilimento Solania in via Provinciale Nocera-Sarno (Località Fosso Imperatore) di Nocera Inferiore (SA) al via la terza edizione dell’evento “Il Mio San Marzano”, organizzato da Renato Rocco, direttore de LaBuonaTavola Magazine e promosso dall’azienda Solania srl, leader nel settore della trasformazione del pomodoro San Marzano in collaborazione con Perrella, distributore esclusivo di Solania in Campania e Molise.   

San Marzano

Dalle 18.00 alle 19.00 sarà possibile visitare lo stabilimento Solania ed assistere ai processi di lavorazione e trasformazione del pomodoro. A seguire la grande festa con ospiti d’eccezione: Gianfranco Vissani, noto volto televisivo in programmi di cucina, nonché chef pluristellato dell’omonimo ristorante di Terni e Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico de Il Mattino e del LucianoPignataroWineBlog 

San Marzano

La serata sarà presentata dalla dirompente Francesca Faratro, giornalista enogastronomica del LucianoPignataroWineBlog e da Renato Rocco e prenderanno parte all’evento chef, pizzaioli e maitre patissier che presenteranno in esclusiva le loro ricette con il pomodoro San Marzano Dop disponendo di cinque forni e di altrettante postazioni cucina. Guest star canora della serata Anna Capasso che allieterà la serata con musica classica napoletana e moderna.  

Grande novità di questa terza edizione, la presentazione di un museo dedicato interamente alle etichette del pomodoro San Marzano di cui si potrà seguire l’evoluzione grafica nel corso dei secoli. Inoltre, verrà presentato l’accordo con “Authentico”, un eco-sistema digitale che attraverso una app e un sito internet supporta gli utenti nella scelta di acquisto, consentendogli di identificare i veri prodotti italiani autentici, fondato dall’imprenditore Pino Coletti. Una dimostrazione di come l’azienda Solania sia sempre più attenta ad informare ed educare il consumatore finale e per garantirgli un’informazione trasparente di qualità che possa anche tutelare la salute di chi ama i prodotti italiani.  

IL PROGETTO “ IL MIO SAN MARZANO ” 

Grazie al progetto “Il Mio San Marzano” pizzaioli, ristoratori e chef potranno scegliere la particella di terreno per poter controllare tutte le fasi di crescita del proprio pomodoro e personalizzare l’etichetta della confezione con il logo del locale, la loro immagine o altro segno identificativo. L’etichetta conterrà altresì il QR code con i dati di produzione. 

 

Ufficio Stampa

La Buona Tavola

Vesevus de Gustibus : incontro tra eccellenze gastronomiche, musica e arte

Vesuvus de Gustibus : Note di gusto nei comuni del Parco Nazionale del Vesuvio

VESUVUS DE GUSTIBUS

I sapori sposano la musica nei comuni alle pendici del Vesuvio: al via la seconda edizione di “ Vesevus de gustibus – le arti, i sapori, le tradizioni”, l’iniziativa promossa dalla Città Metropolitana di Napoli con il Parco Nazionale del Vesuvio, il Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, i comuni del Parco Nazionale del Vesuvio, la Fondazione Cives che gestisce il Museo archeologico virtuale e gli istituti alberghieri dell’area vesuviana.

La manifestazione prenderà il via da Boscoreale con un doppio appuntamento in programma venerdì 11 e sabato 12 ottobre 2019. Anche per quest’anno un ricco cartellone di iniziative volte a valorizzare le eccellenze gastronomiche, paesaggistiche e culturali dei territori del vulcano tra i più famosi al mondo.

Ogni Comune organizzerà all’interno di luoghi d’arte o piazze una manifestazione per rilanciare il Parco, con il coinvolgimento degli allievi degli istituti alberghieri, impegnati a preparare degustazioni di prodotti tipici, e di quelli dei licei musicali, che allieteranno i partecipanti con note di Mozart, Vivaldi, Rossini e tanti altri.

I Comuni aderenti all’iniziativa sono: Boscoreale, Pollena Trocchia, Trecase, San Sebastiano al Vesuvio, Ercolano, Massa di Somma, Somma Vesuviana, Boscotrecase, Sant’Anastasia, Ottaviano, San Giuseppe Vesuviano, Torre del Greco e Terzigno.

Il programma che coinvolge anche aziende di produzioni agricole e consorzi di tutela dei prodotti tipici del Vesuvio, partirà l’11 ottobre 2019 per concludersi il 21 marzo 2020.

Prima tappa a Boscoreale. La seconda edizione, prenderà il via da Boscoreale, appuntamento venerdì 11 e sabato 12 ottobre 2019 a partire dalle ore 19.00 presso il Cine-Teatro Minerva (via T.A. Cirillo) nell’ambito della ventesima edizione della “Festa del Vino, dei sapori e dei saperi vesuviani”. Gli eventi, a ingresso gratuito, si terranno presso il Cine-Teatro Minerva (via T.A. Cirillo) e prenderanno il via venerdì 11 ottobre, alle ore 19.00; dopo i saluti istituzionali e la proiezione di un video, spazio alla musica con l’esibizione dell’Orchestra Musicale del Liceo Artistico Musicale “Grandi” di Sorrento, a seguire è prevista la degustazione di un dolce tipico che sarà preparato, per l’occasione, dagli alunni dell’Istituto Alberghiero “De’ Medici” di Striano. Sabato 12 ottobre, invece, a partire dalle ore 20.00, dopo la proiezione di un video dedicato a VesuvioJazz, protagonisti saranno gli alunni del corpo di ballo del Liceo Coreutico “Pascal” di Pompei.

Il consigliere delegato al Parco del Vesuvio e promotore del progetto, Michele Maddaloni dice: “In questa seconda edizione di Vesevus De Gustibus continueremo quell’azione di promozione e rilancio non solo del territorio e delle sue eccellenza gastronomiche, ma coinvolgeremo ancora una volta gli alunni degli istituti alberghieri e musicali che saranno gli autentici protagonisti. Arte e cibo si sposeranno in un connubio inscindibile e rappresentano un punto di forza per il rilancio delle nostre terre vesuviane, ricche di storia e da secoli meta di viaggiatori e turisti provenienti da ogni parte del mondo”.

Ufficio stampa dell’evento:

Claudia Clemente
333-7593458
claudiaclemente202@gmail.com

Gennaro Carotenuto
392-9673926
gennarocarotenuto80@gmail.com

ERUZIONI DEL GUSTO, A TAVOLA CIBI E VINI DELLE TERRE VULCANICHE 

A PIETRARSA, SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE E SHOW COOKING DAL 12 AL 14 OTTOBRE

eruzioni del gusto

Eruzioni del gusto. Calici di vini delle terre vulcaniche tra bianchi, rossi, rosati, novelli, passiti, liquorosi. E ancora, degustazioni di pomodorini del piennolo sul pane del Vesuvio, pizza e dolci della tradizione napoletana, assaggi con i Consorzi di Tutela e le principali aziende da Nord al Sud dell’Italia. Parte sabato 12 ottobre alle 10.00 la seconda edizione di Eruzioni del Gusto, iniziativa enogastronomica promossa dall’associazione ORONERO – Dalle scritture del fuoco e in programma fino al 14 ottobre al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Napoli. L’iniziativa prevede per tre giorni degustazioni dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00 di prodotti tipici di eccellenza della gastronomia dei territori vulcanici (e non) dell’Italia, assaggi di vini: dal Vesuvio all’Etna, dal Vulture al Soave. La Campania è presente  con vini dai Campi Flegrei all’isola di Ischia passando per l’Irpinia e il Sannio fino alla zona di Costa d’Amalfi e del Cilento, il tutto sotto la supervisione e i consigli di esperti sommelier dell’AIS Campania, chef rinomati, food blogger. Non mancheranno momenti dedicati ai grandi prodotti come la master class sui formaggi di straordinari casari curata da Giuseppe Iaconelli, esperto affinatore, o  la degustazione con Paolo Caciorgna, chiamato anche l’enologo delle star per la sua collaborazione con Sting e Andrea Bocelli, che a Pietrarsa presenta in anteprima il suo Etna Bianco Guardoilvento. ‘’Fertilità dei suoli vulcanici, vini di prima qualità e prodotti della nostra terra frutto delle mani sapienti di contadini e traformatori, scandiranno la seconda edizione di Eruzioni del Gusto’’ dice il presidente dell’associazione culturale ORONERO – Dalle scritture del fuoco, Carmine Maione ‘’Una tre giorni che chiamerà a raccolta le scuole, il mondo della ricerca scientifica, chef e Consorzi di tutela uniti per esaltare le eccellenze culinarie ma anche la cultura dell’ospitalità e del turismo sostenibile’’.

Sulle tavole di Eruzioni del gusto, tra i prodotti di alta qualità, saranno presenti le Dop dal Pomodorino del piennolo del Vesuvio alla Mozzarella di Bufala Campana, dalla Colatura di Alici di Cetara al Provolone del Mocaco fino ai Limoni di Costa d’Amalfi. Dalla Basilicata l’Olio d’oliva di Aliano, il Pecorino canestrato di Moliterno, i Fagioli di Sarconi solo per citare alcune delle eccellenze lucane. Il  viaggio tra i banchi di degustazione prosegue tra alcuni prodotti  selezionati da ‘Alimentale’ come il Pecorino Bagnolese Vero, Caciocavallo Podolico, Caciocavallo Silano Dop, gli Etnei (tre latti Sicilia), Persefone (latte ovino km 0), la Calabria con Nduya di Spirlinga, il cacio dei Lattari.  In tema di cibo e vini, previsti anche convegni dal contenuto scientifico sui benefici e le virtù a cura del Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’,  workshop e convegni sulla Dieta Mediterranea. A reggere le fila dell’evento sarà il tema della sostenibilità, declinata sotto l’aspetto economico, sociale e ambientale. Si discuterà di sostenibilità dei suoli vulcanici a tavola con degustazioni di vini e cibi. Tra le novità di quest’edizione anche un container eco friendly, munito di autonoma energia elettrica proposto da Italia Power. Nella tre giorni docenti, economisti, urbanisti si confronteranno sui temi dell’innovazione in agricoltura e nelle colture, sulla sostenibilità ai tempi dei cambiamenti climatici, sulla risorsa mare e la pesca nel Mar Mediterraneo. Nei saloni delle locomotive di Pietrarsa il mare sarà protagonista in collaborazione con la Regione Campania – FEAMP (Fondo europeo delle attività marine e la pesca) e la Fondazione Dohrn.  Tra le curiosità il viaggio in 3D nel Museo dell’arte, del vino e della vite, e la mostra multimediale con Gino Ambrosio viaggiatore/reporter testimonial di Oronero.

Lunedì 14 ottobre alle ore 18 ci sarà la presentazione della Guida/catalogo delle aziende vinicole e vitivinicole della Campania realizzata dalla Regione  e dall’AIS Associazione Italiana Sommelier – Campania.

Il programma dell’evento è consultabile sul sito www.eruzionidelgusto.it

N.B: Modalità di accesso: biglietto intero 15 euro

Minori e over 65 biglietto 10 euro

 I giornalisti interessati a partecipare all’evento devono accreditarsi entro il 9 ottobre compilando il modulo ‘’Accrediti Stampa’’ sul sito www.eruzionidelgusto.it

L’evento è patrocinato da: Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, la Regione Campania, la Basilicata ed altre Regioni italiane, il Comune di Napoli, i comuni di Pompei, Ercolano, Pozzuoli, Portici, Sant’Anastasia e altri comuni italiani tra i quali Matera Capitale europea della Cultura 2019, il comune di Pollica (culla della dieta mediterranea), di Moliterno, Viggiano,  Aliano, il Consolato Giapponese a Napoli, i Dipartimenti di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, di Medicina, il Laboratorio di Urbanistica e Pianificazione Territoriale  e il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali sempre della Federico II, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, la Fondazione Dohrn, l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio,  Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Cnr, Enea, Cittaslow International, Slow Food Vesuvio e i presidi della Campania,  Certiquality, numerosi altri Enti di ricerca e Ordini professionali tra i quali quello dei Tecnologi alimentari di Lazio e Campania e l’Ordine degli Agronomi Forestali di Napoli. Tra i partecipanti i Consorzi di tutela Dop e Igp dalla Mozzarella di Bufala Campana al Provolone del Monaco, dai Limoni della Costa di Amalfi a quella sorrentina all’associazione per la promozione del Consorzio della Colatura di Alici di Cetara, ai Panificatori della Campania, al Consorzio dei Fagioli di Sarconi a quello del Canestrato Pecorino di Moliterno,   Gourmet’s International organizzatrice del Merano WineFestival, l’AIS Campania e l’Ais Comuni Vesuviani, l’Albero Fiorito, Ospitalia, la Film Commission Campania e naturalmente aziende del settore.

Ufficio stampa Oronero

Claudia Clemente 333-7593458 //Carmine Maione  333-2567005

Sapri, al via la II edizione del Festival del Peperoncino

Il Lungomare si tingerà di rosso piccante nei giorni 12 e 13 ottobre

sapri

Dopo il successo straordinario dello scorso anno, Sapri è pronta per ospitare di nuovo “Sua Maestà il Peperoncino”.
Quest’anno, però, con una novità: non uno, ma due giorni in cui conoscere, assaporare ed apprezzare la spezia più amata del mondo.
12 e 13 ottobre in cui il Lungomare si tingerà di rosso per dar vita all’unico evento sul peperoncino che si svolge nel Cilento.
Una pianta che, grazie alla vitamina E in essa contenuta, si è guadagnata il titolo di potente afrodisiaco con incredibili proprietà benefiche sulla salute umana quali stimolazione del flusso sanguigno, accelerazione del metabolismo, funzioni antibatteriche e digestive, antinfiammatorie e dimagranti.
Grazie all’importante supporto dell’Accademia del Peperoncino presieduta da Enzo Monaco, la manifestazione è organizzata dal Comune di Sapri in collaborazione con la Proloco di Sapri, l’Ass.Culturale Torrachese Staff, l’Ass.Skidros, l’UCS, l’Ass.Cuochi Salernitani, l’Ass.Il Cuoco Contadino e il progetto “MangiaSano MangiaCilentano”.
Un evento reso possibile grazie agli sponsor ufficiali: Ristorante “L’ Uorto” di Policastro Bussentino, Ristorante “Cilento 2.0” e Ortofrutta di Renato Calabró.
A riprendere il Festival ci saranno le telecamere di Welike, format social web e tv ideato e prodotto dal noto regista Giuseppe Falagario.
Cultura, gastronomia, tradizione ed innovazione saranno i cardini delle due giornate che, a partire dalle ore 17.00, vedranno dibattiti, spettacoli musicali, show cooking e stand gastronomici di pregiati prodotti calabresi.
Per i più piccoli, invece, si svolgeranno due spettacoli di burattini a cura di Antonio Mercurio: sabato “pulcinella principe” e domenica “danza degli spettri”.
Ospiti d’eccezione saranno “King e Lady Pic” interpretati da Rosetta Bovienzo e suo marito Gianluca Marzano.
Ad inaugurare l’evento, saranno 4 rinomati chef: Gerardo Del Duca, Giuseppe Amato, Mario Pellegrino e Luciano Petrizzo che, nell’ordine, presentati dalla neuroscienziata Maria Di Vece, realizzeranno un piatto a base di piccante.
In prima assoluta, per i mangiatori seriali di peperoncino, si svolgerà la “sfida piccante”: i concorrenti dovranno mangiare peperoncini sempre più piccanti nel più breve tempo possibile.
Questo, senza incorrere nelle tentazioni poste di fronte a loro, composte da un bicchiere di latte ed uno di birra, che comporterebbero la squalifica immediata dalla competizione.
Sarà ammessa solo l’acqua.
Ai primi tre classificati andrà un meritato “premio piccante”.
Durante la serata, sul palco, si esibiranno con l’attenta regia del DJ Marco Ferraro, “Pino U’ Massaro”, “Nama Ru Cundo” e “Vienteterra”.
A condurre sarà la giornalista Katia Santillo.
Una due giorni che coinvolgerà, anche tutti gli esercizi commerciali sapresi: infatti, in quelli aderenti, sarà possibile gustare un piatto piccante creato proprio per l’occasione.
Per chi vorrà soggiornare nella “Città della Spigolatrice”, sulla pagina Facebook “Sapri Pic 2019”, troverà la lista degli hotel convenzionati.
Inoltre, durante il Festival del Peperoncino, sarà possibile visitare la bellissima mostra dedicata al grande artista Massimo Troisi presso il Complesso di Santa Croce.

Vincenza Alessio
Addetto stampa “Sapri Pic 2019”

San Martino : castagne e vino

ottava edizione, 8 – 9 e 10 novembre 2019

centro storico di Capitignano – Giffoni Sei Casali (SA)

Capitignano si vestirà a festa, come d’abitudine, in occasione di San Martino . Santo patrono del borgo di Giffoni Sei Casali, è anche simbolo dei sapori dell’autunno, particolarmente identificativi per questo territorio.L’occasione per degustarli sarà la tre giorni che si dipanerà da venerdì 8 a domenica 10 novembre: un concerto di gusto, mostre, musica e celebrazioni religiose.

SAN MARTINO

E’ un rito che si compie e vede l’intera comunità unirsi con l’obiettivo comune di accogliere e raccontare la nostra cucina e i nostri prodotti tipici”, sottolinea il presidente dell’Associazione San Martino VescovoGiovanni Di Muro.

“San Martino: castagne e vino” rappresenta ormai un appuntamento con le tipicità locali e l’artigianato, con alle spalle un gruppo di volontari di oltre 50 persone dai 13 agli 80 anni.

LA LOCATION. Tra le stradine e lo spazio antistante la Chiesa Madre saranno allestiti piccoli stands artigianali, l’area ristoro, mostre fotografiche e di pittura, nonché gli spazi dedicati alla musica popolare (in programma tutte le sere) ed alla solidarietà.

IL MENU’Tra i primi piatti gli ziti con braciola e i cavatelli con fagioli e castagne, poi la sfrionzolail cuzzitiello con soffritto, i panini con broccoli e salsicce, la milza, la cagliata ed il caciocavallo impiccato. Non mancheranno dolci artigianali a base di nocciole e castagne, caldarroste e vino paesano. In particolare vanno sottolineati due tipicità dolciarie che è difficile trovare e che in questo caso saranno realizzate per la festa: le crespelle, crostate di castagna e nocciola e i calzoncelli, qui realizzati con la Pera Pericina (salvata da Slow Food) nel ripieno.

IL PRANZO DELLA DOMENICA. Anche quest’anno, oltre ad avere la possibilità di cenare nel borgo tutte le sere, “San Martino castagne e vino” dà appuntamento al pranzo domenicale, a partire dalle ore 12:30, al costo simbolico di 10 euro.

IL BORGO. Interessante la possibilità, solo in occasione dei tre giorni di festa, di visitare il campanile della Chiesa di San Martino Vescovo da cui è possibile godere di un paesaggio mozzafiato sui Monti Picentini fino al mare e la cripta all’interno della Congrega.

La galleria fotografica è stata realizzata dal fotografo Carmine Rago.

Patrocini: Regione Campania, Camera di Commercio di Salerno e Comune di Giffoni Sei Casali.

Media Sponsor: Rosmarinonews.it blogzine di enogastronomia, turismo e sostenibilità di Antonella Petitti.

In breve:

San Martino: castagne e vino

Capitignano – Giffoni Sei Casali (SA)

8, 9, 10 novembre dalle ore 19:30

10 novembre, pranzo a partire dalle ore 12:30

 

Ufficio Stampa

Rosmarinonews.it

Ad Ercolano, uno dei tredici comuni situati nell’area naturale del Parco Nazionale del Vesuvio, proprio in una delle strade che conduce direttamente al cratere del vulcano, sulla salita di Via San Vito, in un ambiente piacevolmente familiare, O’ Sbarazzino è immerso in un accogliente giardino dove lo stile rustico incontra quello elegante con estrema semplicità dove Ilaria Cozzolino da circa tre anni racconta ai suoi ospiti la sua filosofia del “mangiare bene”. 

O' Sbarazzino

“O’ Sbarazzino nasce quasi per scherzo” – dice Ilaria, la titolare della pizzeria – “Ho voluto semplicemente realizzare un progetto personale, anche se non appartengo ad una famiglia di ristoratori con esperienza nel settore”. 

“Il mio obiettivo è quello di trasmettere ai miei clienti la passione per il buon cibo, che io e la mia famiglia portiamo avanti con orgoglio da anni” – continua la giovane imprenditrice. 

O’ Sbarazzino, era il soprannome del nonno di Ilaria, “un tipo allegro, che cantava sempre e che dava, per questo, armonia”. “Quando ho deciso di aprire la pizzeria, mi sono lasciata ispirare da mio nonno e dal suo carattere festoso e vivace”- aggiunge Ilaria. Non a caso la parola d’ordine in casa Cozzolino è proprio “armonia”, quella che si respira “durante il momento della cena” ma anche quella che a tavola mette d’accordo i profumi e i sapori della pizza targata O’ Sbarazzino. 

“La pizza che proponiamo ai nostri commensali ha proprio il gusto che piace a me e alla mia famiglia” – afferma Ilaria, e continua – “Questo è un modo per distinguerci dalla massa perché, non solo trasmettiamo la nostra passione per il buon cibo, ma offriamo proprio quello che mangiamo noi e che ci piace di più”. 

Da O’ Sbarazzino, la pizza ha un sapore diverso, non convenzionale e lontano da quello della classica tradizione napoletana: si utilizza solo farina integrale macinata a pietra o addirittura integrale al 100% proprio perché “ha un altro gusto rispetto a quello della tipologia 0 o doppio 0 che utilizzano gli altri”; l’impasto viene lasciato lievitare a lungo con l’aggiunta di poco sale. “Non voglio creare qualcosa di nicchia”- aggiunge la titolare della pizzeria – “Il mio intento è semplicemente valorizzare i prodotti della mia terra, esaltandone soprattutto la qualità che da’ un valore aggiunto al mio paese”. 

Alle parole di Ilaria, si aggiungono quelle di Agostino Coppola, il Maître di Sala della pizzeria O’ Sbarazzino – “Noi puntiamo alla tutela della territorialità, mettendo in evidenza i prodotti locali; solo così riusciremo a fare la differenza”. 

O' Sbarazzino

La pizza Agrodolce non è “la solita pizza”. Il gusto dolce e corposo dei fichi caramellati si abbina perfettamente a quello acre e acerbo al punto giusto dei pomodori verdi, il tutto viene arricchito con il sapore deciso della provola di Agerola e, in aggiunta, fette di lardo pancettato aromatizzato al basilico.  

Poi c’è la pizza O’ Sbarazzino, “genuina, buona e saporita” perché dal gusto ricco ma equilibrato, quella che ha “un po’ di tutto” dal pesto alle noci, con il suo sapore intenso e vellutato, alla provola di Agerola, i funghi porcini dal profumo inconfondibile, il lardo pancettato e, all’uscita, rucola fresca di raccolta, scaglie di parmigiano reggiano e gherigli di noce. 

“Che bella pizza!” – con questa espressione i numerosi ospiti che ogni giorno si siedono nel giardino di O’ Sbarazzino, svelano storie di gusti e di sapori di qualità, descrivendo un’armonia culinaria tra la tradizione di famiglia e l’innovazione non convenzionale che fa sempre la differenza. 

 

Felicia Mercogliano

 

Nel cuore dell’Irpina, nell’antica città di Avellino, Il Gusto di Giovanni Calderisi propone una cucina basata sulla tradizione e sull’eccellenza gastronomica. Nato circa tre anni fa, Il Gusto si è affermato sul territorio, divenendo punto di riferimento culinario. «Il Gusto nasce – racconta il patron – nel novembre 2016, assecondando la forte passione che la mia famiglia ha verso la cucina. Inoltre, uno dei miei figli allora frequentava l’alberghiero e l’idea di aprire un locale rappresentava anche un’opportunità lavorativa per i miei figli. Eravamo nuovi nel settore, ma questa passione era così forte che ha reso possibile la realizzazione di un progetto diverso. Volevamo proporre al cliente una pizzeria e un ristorante diversi dal solito. Volevamo, e ci siamo riusciti, un locale basato sulle eccellenze del territorio e su prodotti di assoluta qualità, cucinati con gusto».

gusto

Il gusto è la mission del locale, sul gusto si basa tutto, tant’è che Giovanni Calderisi ha scelto di ispirarsi ad esso per individuare il nome del suo locale. Il piatto forte che Il Gusto propone è sicuramente la pizza, di cui Calderisi ha individuato le proprietà e le caratteristiche principali. «La nostra pizza ha una serie di caratteristiche uniche, che combinate insieme danno un prodotto di qualità. La nostra pizza ha una lunga maturazione, con una media di almeno 48 ore. Ovviamente è fondamentale la farina. Usiamo farine tipo 1 e tipo 0 macinate a pietra, che danno alla pizza il giusto sapore e leggerezza». Ne risulta una dalla spiccata digeribilità, ma sono molte altre le caratteristiche che il patron de Il Gusto ha elencato:« la nostra pizza non appesantisce, non gonfia; ha un giusto cornicione, soffice e vuoto e poi il topping dà alla pizza, che si presenta abbastanza grande con un diametro di 33 cm, il tocco finale».

Il menù offre una vasta scelta di pizze, accontenta tutti i gusti e segue la stagionalità dei prodotti. «Abbiamo nel menù una quarantina di pizze, ma ogni tre, quattro mesi le cambiamo; qualcuna la eliminiamo, qualcun’altra la integriamo per seguire i prodotti di stagione. Da una settimana circa, per questo inizio di autunno, abbiamo inserito una quindicina di pizze nuove. Tra le tante realizziamo pizze con il tartufo, con i porcini, con le patate e con le verdure o pizze che richiamano i piatti della cucina tradizionale, come L’Amatriciana».

La tradizione non manca, è alla base di molti piatti presenti nel menù e su tutto spicca la Pizza con la Scarola, «con la scarola saltata in padella, come da tradizione irpina, le noci, l’uvetta, i capperi, le olive di Gaeta e le acciughe. Con la scarola facciamo anche i vari ripieni. Un’altra pizza che ci rappresenta molto è L’imbarazzante, una pizza creata da noi, formata da patate avezzane, tartufo di Bagnoli Irpino, provola di Agerola, salsiccia fresca nostrana, basilico e olio evo». La pizza deve accontentare tutti i palati e per questo da Il gusto, il venerdì e il sabato, è anche possibile trovare un’alternativa al classico impasto:« Creiamo un impasto, seppur in quantità limitata, composto da multicereali, ovvero da una farina integrale con tredici cereali all’interno. Invece dei classici cinque, ne inseriamo tredici, di cui sei a semi interi». Ciò che fa la differenza, e Giovanni Calderisi ci tiene a sottolinearlo, sono i prodotti di qualità e l’olio rigorosamente a crudo su tutte le pizze in uscita.

gusto fritturina

Qualità che si conferma anche sui fritti e sulla cucina:« Le Montanare, ovvero pizze fritte, sono un altro prodotto che ci contraddistingue. Abbiamo però realizzato una variante. Esse vengono ripassate in forno per una maggiore croccantezza. Così è nata una linea di Montanare ripassate al forno farcite con ragù napoletano rigorosamente fatto da noi, con la genovese o i “friarielli” saltati. Il nostro fritto è unico, perché facciamo tutto noi giornalmente, dai crocchè di patate agli arancini, dalle frittatine di pasta alle varie pizze fritte, dalle marmellate ai dolci. Preferiamo realizzare i prodotti internamente il più possibile, così da assicurare qualità e gusto».

La qualità contraddistingue anche il menù cucina, che è prettamente mediterraneo. «Tutti i giorni, oltre alla possibilità di scegliere à la carte, proponiamo a pranzo, soprattutto per chi lavora in zona, la scelta tra due primi e due secondi, alternando piatti di carne e di pesce. Sono sempre piatti diversi e non mancano le prelibatezze, come un ottimo baccalà cucinato in tutte le maniere, ma anche taglieri vari e un’eccellente scelta di carne per tagliata o alla brace. Ovviamente anche la cucina segue la stagionalità».

E per i più golosi il Gusto propone un’ampia scelta di dolci: «Realizziamo internamente anche i dolci, per i quali abbiamo una notevole selezione che va dal classico tiramisù alla cheesecake, dalla mouse ai cannoli con la ricotta di pecora di Bagnoli. E poi abbiamo, in esclusiva ad Avellino, il famoso Roccobabbà di Emilio, la pasticceria famosa in tutta Italia per la produzione di questo dolce prelibato». Insomma, da Il Gusto ce n’è per “tutti i gusti” e grazie alla cortesia e alla gentilezza di tutto lo staff, il cliente troverà un bel locale, tranquillo, familiare dove potersi rilassare, decidere con serenità cosa mangiare tra pizzeria e cucina, esclusivamente all’insegna della qualità.

 

Amalia Vingione

Domenica 6 ottobre 2019  alle ore 20.00  in Via Alfredo Nobel n.3 ad Aversa in provincia di Caserta, si terrà l’inaugurazione di Pizza Cloud®, la pizzeria del maestro pizzaiolo Salvatore Impero.

Pizza Cloud®

Pizza Cloud® è il nome della pizzeria, espressione della pura fusione tra pizza napoletana e gourmet , di uno stile di vita che porta a valorizzare l’alta qualità della  materia prima, dagli impasti agli ingredienti che guarniscono le pizze del maestro.

Pizza Cloud® è un format brevettato da Salvatore Impero, che prevede un impasto con una miscela di farine macinate a pietra e una lievi-maturazione che va dalle 48 alle 96 ore alla temperatura controllata di +2°.

Un impasto particolarmente ruffiano al palato, tanto da entusiasmare chi lo degusta e  che da origine ad un nuovo concetto di Pizza firmato Salvatore Impero.

Pizza Cloud® “Non è la solita Pizza” – tiene a precisare Impero- raccoglie anni di esperienza, la passione che porto per quest’arte bianca, la continua voglia di interpretarla e nel contempo custodirla preziosa. La pizzeria Pizza Cloud®- continua il maestro pizzaiolo- è dedicata ai cultori della buona pizza, degli abbinamenti con i migliori vini  o con l’artigianale Birra del Borgo, che ci seguirà in questa nuova avventura”.

Pizza Cloud® si vestirà di uno stile caldo contemporaneo, 100 coperti circa a disposizione dei clienti, con un ricco e interessante menù dove spicca la selezione degli ingredienti tra le migliori materie prime, inoltre quotidianamente saranno sempre disponibili tre tipi di impasti distinti: farina Farro Monococco, Multicereali e un Blend personale realizzato con farine semi integrali macinate a pietra.

La pizzeria vi aspetta eccezionalmente da LUNEDI’ 7 OTTOBRE, poi contemplerà i seguenti giorni e orari di apertura:

-Dal martedì al sabato ore 12.30-15.00/19.30-24.00

-La domenica aperti solo di sera dalle 19.30- 24.00

-Lunedì giorno di chiusura settimanale

 UFFICIO STAMPA

Angela Merolla

A Marcianise, Piazza Padre Pio, dall’11 al 13 ottobre la II edizione di Vino in Festa, una tre giorni di promozione e

 cultura dei vini casertani.

Vino in Festa

 Nella cornice di Palazzo Monte dei Pegni di Marcianise (via Duomo, 9), si è svolta la conferenza stampa di presentazione della seconda edizione di “ Vino in Festa ” in programma dall’ 11 al 13 ottobre 2019 in piazza Padre Pio a Marcianise.

L’evento, ideato e promosso dall’Associazione “Vivicittà” con il patrocinio del Comune di Marcianise, si propone di avvicinare il pubblico al mondo del vino e della viticoltura di Terra di Lavoro. Nel corso della tre giorni, il Parco Padre Pio e le strade annesse, saranno animati da stand gastronomici, degustazioni, spettacoli, musica, balli, concerti, performance, teatro di strada e artigianato. Le degustazioni saranno guidate dai Sommelier della delegazione AIS di Caserta.

All’incontro con i giornalisti, la Città e gli esperti del settore vitivinicolo casertano – campano erano presenti il presidente dell’Associazione “Vivicittà” Domenico Moriello, l’assessore alla Cultura Elpidio Iorio delegato dal sindaco Antonello Velardi,  il vicepresidente di VITICA – Consorzio di Tutela dei Vini di Caserta Giuseppe Carusone, in rappresentanza del presidente Cesare Avenia, il delegato della sezione casertana dell’Associazione Italiana Sommelier Pietro Iadicicco, il rappresentate della Coldiretti di Caserta Raffaele Magliulo su delega del presidente Manuel Lombardi, la dirigente scolastica dell’ISISS “G.B. Novelli” di Marcianise Emma Marchitto. Nelle vesti di moderatrice, la giornalista gastronomica Antonella D’Avanzo, autrice di saggi e pubblicazioni di notevole interesse sul mondo della tradizione culinaria campana.

Per il presidente Domenico Moriello: «Dopo la felice esperienza dello scorso anno, promuoviamo nuovamente Vino in Festa” ritenendo tale evento una grande opportunità per la Città per due principali motivi. Il primo: creare rete e sviluppare opportunità per il territorio. Il secondo: riscoprire antiche tradizioni sulla lavorazione del vino a Marcianise».

Per l’assessore Elpidio Iorio: «E’ una iniziativa interessante che ha ancora molto da raccontare, una opportunità per promuovere una nuova narrazione delle nostre terre, ricche di valori e tradizioni; di sapori e colori, di sentimenti e passione. Un’occasione per valorizzare i prodotti tipici e l’alimentazione made in Terra di Lavoro, come risorsa economica, ma anche come fondamentale espressione di identità. L’auspicio è che questo evento duri nel tempo creando significativi processi di sviluppo e crescita culturale».

Emma Marchitto, dirigente dell’ISISS “G.B. Novelli” che ospita anche l’Alberghiero, si è dichiarata felice di intensificare la sinergia tra scuola e territorio. «Quotidianamente ci sforziamo di offrire ai giovani una formazione che sia in linea con le caratteristiche e le aspettative del territorio. Attraverso questi eventi cerchiamo non solo di rendere i giovani consapevoli delle grandi risorse territoriali ma anche di integrarli al meglio nel loro tessuto sociale, culturale, economico e produttivo».

Giuseppe Carusone del Consorzio VITICA ha sottolineato: «La qualità dei vini e la rarità dei vitigni del territorio casertano, caratterizzato da una ricchezza varietale che ha pochi eguali. I vini casertani rappresentano una grande risorsa per l’enologia italiana. In provincia di Caserta il valore dell’autoctono è legato al fondamentale valore della qualità, una qualità che ha radici antiche».

Il sommelier Pietro Iadicicco ha ricordato: «L’intensità del lavoro che svolge l’AIS al fine di sensibilizzare il consumatore sulla necessità di un consumo più consapevole attraverso la conoscenza e l’approfondimento della suggestiva “cultura del vino”. L’iniziativa di Marcianise rappresenta una utile occasione per promuovere questa grande cultura».

Raffaele Magliulo della Coldiretti Caserta ha annunciato: «Nell’ambito di Vino in Festa” presenteremo degli esclusivi prodotti tipici casertani realizzati dalla nostre aziende. Il nostro principale obiettivo resta quello di favorire lo sviluppo locale, valorizzando le risorse territoriali disponibili per tutelare l’ambiente, curare il paesaggio e migliorare la qualità della vita».

L’evento, che sarà inaugurato venerdì 11 ottobre, dunque, sarà così articolato:

–       Venerdì 11 ottobre:

Ore 17- Cerimonia di inaugurazione con il saluto delle autorità e dei partner coinvolti.

A seguire, alle ore 18:00, degustazioni dei vini casertani, guidata dall’AIS Caserta, con la presenza di enologi e produttori, per un numero massimo di 30 persone.

Alle 20:30 apertura al grande pubblico delle degustazioni delle cantine presenti, a cura degli studenti dell’ISISS “G.B. Novelli”, sezione Alberghiera.

L’intera serata sarà animata da musica popolare a cura dell’Associazione “Radici”. BALLI E CANTI tradizionali dal basso casertano.

–       Sabato 12 ottobre:

Ore 18:00 – Degustazione dei vini casertani guidata dall’AIS Caserta, con la presenza di enologi e produttori, per un numero massimo di 30 persone.

A seguire dalle 20:30, apertura al grande pubblico delle degustazioni delle cantine presenti, a cura degli studenti dell’ISISS “G.B. Novelli”, sezione Alberghiera.

Spettacolo musicale a cura del gruppo musicale “T’ammor folk band” tradizioni del sud Italia

Momento culturale “Una breve passeggiata tra gli antichi estimatori del vino con brani tratti dai poeti del mondo greco e latino” a cura della Pro Loco Marcianise.

–       Domenica 13 ottobre:

–       Ore 18:00 – Degustazione dei vini casertani guidata dall’AIS Caserta, con la presenza di enologi e produttori, per un numero massimo di 30 persone.

A seguire dalle 20:30, apertura al grande pubblico delle degustazioni delle cantine presenti, a cura degli studenti dell’ISISS “G.B. Novelli”, sezione Alberghiera.

Concerto musicale di chiusura della manifestazione, a cura del Maestro Luigi Bollito

Ufficio Stampa 

Antonella D’Avanzo

 

È da poco più di due mesi che ad Avellino ha aperto Lievitum ed è stato da subito un successo. Questa nuova pizzeria nasce da unidea di Arturo Mangiapia, che da Napoli ha deciso di portare la pizza napoletana nel capoluogo avellinese. 

Lievitum

«Lievitum nasce da una esperienza precedente. Avevo una pizzeria a piazza Vittoria a Napoli con Vincenzo Capuano, ma ad un certo punto ho deciso di iniziare una nuova avventura. Ho scelto Avellino per portare i sapori della mia città, anche perché qui ho dei familiari che mi hanno aiutato nella ricerca del locale e nel dare corpo a questa esperienza, nella quale non sono solo. Come me ci sono mio fratello Raffaele, e i pizzaioli Giorgio Riccio e Raffaele Marigliano». Lievitum è un brand dalle caratteristiche giovanili e “free”, pensato nei minimi dettagli. «Quando bisognava scegliere l’aspetto del locale, ci siamo affidati all’architetto Mario Sorrentino, che ha realizzato, per noi, questo ambiente moderno, accogliente e colorato. Si discosta dalle pizzerie classiche nella scelta delle tovagliette singole al posto del tovagliato di stoffa e per il design originale».

Lievitum

Ma il punto di forza di Lievitum è sicuramente la pizza. L’impasto è composto da un blend di farine Vigevano tipo 0 e tipo 1, lievitato dalle 24 alle 36 ore. La cura di particolari, come la giusta temperatura dell’acqua o del sale, rende unico il gusto di questa pizza che si arricchisce di farciture di qualità. «Per le nostre pizze usiamo solo prodotti di altissima qualità per non deludere mai il cliente. Così nascono pizze uniche come la Lievitum, composta da Fior di Latte di Agerola, Carciofini Ortocori, Lardo Stagionato, Basilico fresco, Olio Evo Bio; oppure la Polpettine & Fiocchi Di Ricotta con Pomodoro San Marzano DOP, Provola di Agerola affumicata in paglia, Fiocchi di Ricotta di Bufala Campana, Polpettine di Carne, Basilico Cristallizzato, Olio Evo Bio». 

Lievitum

Lievitum non è solo pizzeria, poiché propone i piatti tipici della cucina napoletana e la classica e appetitosa frittura, sia a pranzo che a cena. Tutto accompagnato da etichette pregiate di birre artigianali e vini d’eccellenza. E siccome “la pizza è di tutti”, da Lievitum è possibile degustate anche la pizza senza Glutine. Con i suoi due piani e oltre cento coperti, Lievitum si sta configurando come una importante realtà nel centro storico di Avellino, dove professionisti, giovani e famiglie possono degustare, in un ambiente accogliente e professionale, la vera pizza napoletana e i piatti più gustosi della tradizione partenopea.  

Amalia Vingione

 AI NASTRI DI PARTENZA LSDM 2019: 

SOSTENIBILITÀ, ETICA ED ESTETICA  

PAROLE D’ORDINE PER LA RISTORAZIONE DEL TERZO MILLENIO

 MARTEDÌ 1 E MERCOLEDÌ 2 OTTOBREPAESTUM 

La XII edizione del Congresso Internazionale di Cucina d’Autore prende il via con l’intento di delineare la cucina del futuro e la figura del cuoco del ventunesimo secolo. 

Sul palco una selezione di grandi nomi della ristorazione italiana e internazionale. 

E poi maestri pizzaioli, professionisti della sala, studiosi ed esperti di settore. 

Una due giorni del tutto eco-friendly.  

Le donazioni per l’accredito a sostegno del Parco Archeologico di Paestum. 

LSDM

Martedì 1 e mercoledì 2 ottobre va in scena a Paestum (SA), presso il Savoy Beach Hotel, la XII edizione di LSDMil Congresso Internazionale di Cucina d’Autore ideato da Barbara Guerra Albert SapereUna due giorni per cercare di delineare la cucina del futuro e la figura del cuoco del nuovo millennio, durante le quali le parole d’ordine saranno tematiche di estrema attualità quali la sostenibilità, l’etica e l’estetica.  

“Sarà un congresso diverso dal solito – sottolineano i due ideatori – con un approccio più umanistico che tecnico. Un momento per riflettere e fare il punto sulle esigenze della cucina contemporanea, per sensibilizzare e responsabilizzare gli addetti ai lavori e il pubblico circa le emergenze ambientali e sociali del pianeta. Soprattutto puntando i riflettori sul ruolo dello chef che con maggior frequenza si troverà a operare scelte legate alla sensibilità sempre crescente su questi argomenti”. 

A prendere parte ai “tavoli di lavoro” sarà il meglio del panorama gastronomico italiano e mondiale. Ad aprire i dibattiticon “I grandi cambiamenti nella cucina d’autore”, saranno gli stellati Ernesto Iaccarino, Mauro Uliassi e Moreno Cedroni, insieme al giornalista e saggista Pino Aprile. Interessante l’approfondimento sulla ristorazione italiana all’estero, con l’intervento degli chef Umberto Bombana (Hong Kong)Massimiliano Sena (Svizzera), Danilo Cortellini (Inghilterra), Mario Gamba (Germania) e Nicola Fanetti (Danimarca), portabandiere della cultura e delle eccellenze della nostra Penisola oltreconfine. E poi focus sulla pizza, fenomeno a cavallo tra passato e futuro, con i premiati di 50TopPizza Ciro Salvo, Pier Daniele Seu, Denis Lovatel, Salvatore Lionello e Lorenzo SirabellaSpazio anche ai giovani, per parlare de “Il futuro della ristorazione italiana”, con esponenti della nouvelle vague come Marco Ambrosino, Davide Caranchini, Gianluca Gorini, Matteo MetullioKarime Lopez Kondo, Oliver Piras, Andrea Leali, Chiara Pavan e Francesco Brutto. Gran chiusura, per “Cucina e futuro, dove andremo?”, affidata a Salvatore Tassa, Antonia Klugmann e i francesi Bruno Verjus e Alain Passard, personalità di spicco e da sempre alle prese con le tematiche trattate a Paestum. 

Ma LSDM 2019 sarà un congresso con una visione interdisciplinare, durante il quale, come detto, gli aspetti culturali saranno al centro dell’attenzione. E dunque a fare da relatori saranno anche tanti studiosi e professionisti di settore: da Cesare Cunaccia, giornalista e trendsetterMarco Malaguti esperto di nutraceutica. E ancora Lucia Galasso, antropologa dell’alimentazione, Nicoletta Poliotto, specialista in food marketing, e Antonio Labriola, che parlerà dello stress in cucinaRiflettori puntati inoltre sulla formazione con Matteo Lorito, Direttore del Dipartimento di Agraria della Federico II e del Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee, e Andrea Sinigaglia, General Manager di ALMA (Scuola Internazionale di Cucina Italiana). Per finire focus sull’editoria e sul corretto ruolo dell’informazione affidato ad alcune delle più prestigiose firme del giornalismo enogastronomico. Non mancheranno degustazioni tecniche di vino, pasta di Gragnano IGP, olio extravergine d’oliva, caffè.  

“Concludiamo col dire – chiosano Guerra e Sapere – che LSDM sarà un evento completamente eco-friendlycon l’uso di soli materiali riciclabili e plastic free, e che le donazioni, di 50 euro, per l’accredito, andranno a sostenere le attività del Parco Archeologico di Paestum”. 

E tutti gli accreditati, oltre a seguire i lavori del congresso, potranno usufruire delle pause pranzo d’autore firmate dagli chef Peppe Guida, Pasquale Torrente e Michele Bufano, oltre che aver accesso a un angolo bar con pregiati caffè e miscelati d’autore. Così come alle feste serali, che vedranno la partecipazione degli chef Riccardo Orfino, Emanuele Sibilio, Marco Visciola, Andrea Leali, Matteo Sangiovanni, Gaetano Iannone, Luciano Bifulcodel pasticcere Angelo Tramontano e dei maestri pizzaioli Enzo Iannucci, Raffaele Bonetta, Vincenzo Capuano e Carlo Sammarco 

 

Per accreditarsi seguire la procedura sul sito www.lsdm.it  

Il programma completo di LSDM 2019www.lsdm.it/lsdm-2019-1-e-2-ottobre-paestum-programma-completo/ 

UFFICIO STAMPA 

LSDM 

Pizza e Stelle : da Daniele Gourmet serata degustazione con gli chef Raffaele Vitale e Giovanni Mariconda

Pizza e stelle : Giovedì 26 settembre il Pizza Artist Giuseppe Maglione, titolare di Daniele Gourmet, in collaborazione con la giornalista Rosa Iandiorio, la Cantina Villa Raiano e l’azienda Olio Basso ha organizzato un percorso gastronomico inedito pensato per gli amanti del buon cibo e del buon bere pizza e stelle

Una triade gastronomica d’eccezione si ritrova ad Avellino in occasione dell’evento Pizza & Stelle, il Territorio Gourmet da Daniele Gourmet.
Il 26 settembre 2019, dalle ore 20.00, il Pizza Artist Giuseppe Maglione insieme allo chef stellato Raffaele Vitale e il cuoco irpino ‘purosangue’ Giovanni Mariconda vi aspettano da Daniele Gourmet per una serata degustazione pensata per gli amanti del buon cibo e del buon bere.
Al centro della scena creazioni inedite e abbinamenti arditi per sfatare ogni dubbio sul matrimonio tra pizza e vino, una coppia che si sposa alla perfezione.
Il tris d’assi composto da Maglione, Mariconda e Vitale ha pensato ad un menù ispirato al territorio campano con qualche suggestione oltreconfine per dar vita a dei connubi di sapori che esaltano il gusto e l’originalità di ogni ingrediente. Un viaggio nei sensi arricchito dalle selezioni enologiche di Villa Raiano e della linea gourmet di Olio Basso. Due aziende leader nel settore enogastronomico che hanno sposato da subito l’evento pensato da Giuseppe Maglione nel segno di un unico comune denominatore: l’eccellenza.
Il menu proposto per l’occasione vedrà alternarsi i tre cuochi in una narrazione d’autore:
Si partirà con gli antipasti:
– Cannolo salato di semola di grano duro, manteca agerolese, mousse di culatello e fichi.
– Burger Gourmet con pancetta di maiale in porchetta, maionese di cipolla ramata e zeste di arancia
candita.
A seguire le pizze, ciascuna abbinata ad un particolare olio Evo della selezione gourmet di Sabino Basso:
– Pizza con brunoise di zucca appassita, scarola croccante, provola di Agerola, porcini del Partenio e
caciocavallo podolico, Olio Basso “Sorrento”.
– Pizza “Vento d’oriente”: Cremoso di melanzane, mozzarella di Agerola, lattuga e tonno affumicato,
Olio Basso Ravece;
– Pizza ‘Assoluta di Marzanese’ con stracciata di bufala, caviale e basilico,  Olio Basso Sorrento;
– Pizza ammarelli di fiume con pesto di migliarini, cipollotto al peperoncino e provola azienda
“Padovano”, Olio Terre di Bari.
A chiudere il percorso gastronomico sarà il dolce:
– Mousse al caffè con crumble al cioccolato e il suo caviale
Vini in degustazione della Cantina Villa Raiano
• Fiano di Avellino Ventidue – Villa Raiano
• Fiano di Avellino Alimata Docg – Villa Raiano
• Greco di Tufo Docg – Villa Raiano
• Spumante Brut Metodo Classico Ripa Bassa – Villa Raiano
Rosa Iandiorio

BaccalàRe : Dal 3 al 6 ottobre Stelle Michelin e materie prime di altissima qualità per un raffinato happening.

Portare l’alta ristorazione sul lungomare più bello del mondo e, contemporaneamente, valorizzare un alimento napoletano di adozione: il baccalà.E’, in estrema sintesi il format di BaccalàRe, la rassegna gastronomica giunta alla sua terza edizione e divenuta oramai un imprescindibile punto di riferimento per gli appassionati di questo prodotto e che vanta oggi il patrocinio di Regione Campania, Città Metropolitana, Comune di Napoli e Unioncamere.

BaccalàRe

Un evento, organizzato da Vincenzo Varriale, centrato su eleganza e alta qualità.

Un’offerta esclusiva e irripetibile. Ben 11 chef stelle Michelin: Peppe Aversa del Buco di Sorrento, Francesco Franzese di Casa del Nonno 13 di Mercato San Severino, Paolo Gramaglia del President di Pompei, Domenico Iavarone di José restaurant della tenuta Villa Guerra di Torre del Greco, Giuseppe Misuriello di Locanda Severino a Caggiano (Sa), Gianluca D’Agostino di Veritas di Napoli, Fabio Pesticcio de Il Papavero di Eboli, Pasquale Palamaro del ristorante Indaco del Regina Isabella di Ischia, Angelo Carannante del Caracol di Bacoli, Paolo Barrale e Luigi Salomone. Un pastrychef del calibro di Antonino Maresca e due pizzerie particolari: quella di Isabella De Cham per la pizza fritta e Rosario  Izzo di “Napoli1820”

I piatti, dall’antipasto al dolce, saranno realizzati esclusivamente con un baccalà di prima scelta.

Tutti gli chef utilizzeranno solo la parte più pregiata del pesce: il cuore di filetto del miglior baccalà in circolazione, il Gadus Morhua.

Saranno inoltre disponibili piatti stellati per celiaci (da: Il President, Il Buco, Josè, Caracol e Paolo Barrale).

BACCALÁ E CHAMPAGNE: ECCO LO SKREI BAR

In un happening serale non potevano mancare le bollicine. Francesi. Lo champagne abbinato al baccalà farà del lungomare di Napoli la terrazza sul mare più ambita della città: alle 18 gli “Aperibaccalà”, un modo moderno e cool di vivere le serate. Una carrellata di sofisticati finger a base del pregiato filetto del Nord Europa abbinati a prestigiose etichette di Reims.

Per quattro giorni Napoli avrà il locale che mancava: disinvolto ed elegante, con appetizer di livello. Uno “skrei bar” (dall’antico nome del merluzzo norvegese selvaggio, magro e saporito) che non avrà nulla da invidiare agli oyster bar europei frequentati da imprenditori e diplomatici.

INCONTRI B2B PER RICONOSCERE IL BACCALÁ AUTENTICO

E DISTINGUERLO DA QUELLO TRUCCATO

La promozione del baccalà è il cuore dell’evento che, ideato tre anni fa, oramai la città attende tutto l’anno per poter gustare con certezza un pesce di grande pregio.

Se è vero che questa materia prima proveniente dai mari freddi del Nord è entrata a pieno titolo nelle tavole dei napoletani oltre cinquecento anni fa fino a diventarne protagonista indiscussa, è altrettanto vero che riconoscere un baccalà di qualità oggi è diventato complesso.

“Ed è proprio per tutelare i consumatori, per fare in modo che non inciampino in trappole commerciali che abbiamo pensato questo evento”, spiega Vincenzo Varriale parlando delle ragioni di BaccalàRe. “Negli anni, considerando infatti che Napoli e la Campania rappresentano un importante mercato di sbocco del baccalà – è accaduto che alcune aziende esportatrici    abbiano pensato di abbreviare le cose, che abbiano iniettato soluzioni di acqua salata nella carne dei merluzzi, snaturando così quei processi tradizionali che rendono il merluzzo Gadus tanto nobile. Ebbene queste tecniche riescono a far apparire il baccalà comunque bello, spesso e a regalargli un colore bianco candido così da ingannare anche un occhio esperto. Una volta cucinato, però, al palato si rivela del tutto inadeguato e dissimile dall’originale. Un fenomeno che, negli anni, ha assunto dimensioni tanto vaste da chiederci quanti conoscano il vero baccalà, quanti riescano a distinguere, anche nel gusto, un prodotto figlio di antiche tradizioni come la stagionatura e la salatura da comuni merluzzi scongelati. E il primo obiettivo di BaccalàRe è fare in modo che quanti più napoletani possibile provino il vero baccalà, per essere poi in grado di fare i paragoni con quello che portano a casa propria. Val la pena ricordare – ha aggiunto Varriale – che un buon metodo per distinguere il vero dal falso è il prezzo: il Gadus Morhua proveniente dall’Oceano Atlantico, zona FAO 27, prodotto nel Nord della Norvegia (Isole Lofote) costa intorno ai 50 euro al chilo. Niente di comparabile con ciò che troviamo nei comuni banchi di vendita”.

Nel corso del B2B, riservati agli addetti ai lavori (imprenditori del settore ho.re.ca e chef) verranno illustrate le caratteristiche principali del baccalà, il processo di trasformazione.

L’obiettivo finale, sulle rotte del Gadus Morhua, è avvicinare il più possibile l’originale norvegese e islandese a Napoli.

Oltre a conoscere i tratti distintivi di questo pesce, nel corso degli incontri sarà possibile conoscere altre aziende produttrici di materie prime e attrezzature utili per la preparazione di questo alimento.

I ristoratori che volessero partecipare ai B2B possono inoltrare richiesta all’organizzazione di BaccalàRe che provvederà a redigere un calendario di incontri one to one per ciascuna azienda partner.

Ufficio Stampa

BC COMMUNICATION

I Grandi Chef al Pizza Village: dopo Gennaro Esposito partecipano Niko Romito e Alfonso Iaccarino

Nel weekend sul palco di RTL 102.5 Anastasio, Mahmood e Fred De Palma. Domenica derby all’Ippodromo

Sono bastati solo 20 secondi e 76 centesimi al pizzaiolo napoletano Giuseppe Crapetti, della pizzeria Fermento, per realizzare la pizza margherita e vincere, anche quest’anno, il contest Pizza più veloce indetto da Trenitalia al Napoli Pizza Village.

Napoli Pizza Village

Si conferma dunque pizzaiolo più veloce, per il secondo anno consecutivo, Giuseppe Crapetti che ha superato Silvio Zingarella, pizzeria Nanà (24”,19) e Luigi Petrone, pizzeria Vesuvio (26”,18). Premiato sul palco del Napoli Pizza Village da Serafino Lo Piano, responsabile vendite Alta Velocità e Media & Lunga Percorrenza di Trenitalia, al vincitore è andata la maglia del giocatore del Napoli calcio, Dries Mertens e due biglietti dello stadio San Paolo per assistere a due partite casalinghe del Napoli in campionato.

Intanto al food festival sul lungomare, che chiuderà domenica 22, si susseguono le presenze anche di chef stellati come: Gennaro Esposito, Niko Romito edAlfonso Iaccarino, a dimostrazione del valore gastronomico raggiunto dal disco di pasta più noto al mondo.

La pizza, infatti, continua a suscitare grande interesse e non solo tra i visitatori ma persino tra i grandi chef. Dopo la partecipazione dello stellato Gennaro Esposito, al Napoli Pizza Village sono in arrivo altri nomi illustri della cucina nazionale. In terrazza Ferrari, sabato alle 21.30, per il premio“Costantino Cutolo Street Art Festival”con Lino Cutolo (Compagnia Mercantile d’Oltremare-Ciao Pomodoro), interverrà lo chef abruzzese Niko Romito.

Domenica, invece, in occasione degli incontri NPV d’Essai, ma sempre nell’area esclusiva terrazza Ferrari, alle 18.30, ci sarà Alfonso Iaccarino, chef e titolare del noto ristornate stellato Don Alfonso a Sant’Agata sui Due Golfi, che parteciperà al convegno dal titolo: Cucina&Pizza.

Domenica, grazie all’accordo siglato tra il gruppo Oramata, che organizza il Napoli Pizza Village,eIppodromi Partenopei, accesso gratuito al92° Derby Italiano del Trotto memorial Luciano De Crescenzo. ,

A coloro che in settimana hanno acquistato un menù del food festival è stato consegnato un coupon per accedere liberamente, domenica 22 settembre dalle ore 18.00, all’Ippodromo di Agnano di Napoli.

Il Palco di RTL 102.5 presenterà ancora grandi ospiti nel weekend conclusivo della manifestazione. Sabato alle 21.30 toccherà al campano Anastasio mentre domenica salirà sul palco il vincitore del festival di Sanremo 2019 Mahmood ed a seguire il rapper Fred De Palma.

SABATO 21 SETTEMBRE

18:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso su invito) NPV d’EssaiPizza Donnaconduce Nerina Di Nunzio (Food Confidentialcon Sara Palmieri (10 Diego Vitagliano)Marzia de Rinaldi (Casa De Rinaldi)

NPV Classlezioni di pizza di Rossopomodoro con:

18.30Vincenzo Capuano (Pizzeria Vincenzo Capuano) – 21.00Stefano Guerin (SG Diet Molino Caputo)

20:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso su invitoPizza Tourconducono Federico De Cesare Viola e Luciana Squadrilli (Food & Wine Italia)con  Ciro Oliva (Concettina Ai Tre Santi),Corrado Scaglione (Enosteria LipenJacopo Mercuro), Mirko Rizzo (180 g Pizzeria Romana)

21:30Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) Riunione giuria assegnazione premio “Costantino Cutolo Street Art Festival”con Lino Cutolo (Compagnia Mercantile d’Oltremare-Ciao Pomodoro) e lo chef Niko Romito.

21:30sul palco NPV– ANASTASIO – diretta in radiovisione su RTL 102,5 – a seguire Luca Rossi Tammorra Set – Il cantante Francesco Da Vinci – Lo youtuber Diego Laurenti in Iutubber live – Ivano 127 Rosso & il suo ospite speciale Vale Lambo – Il trapper Coco – La partecipazione eccentrica di Lisa “ subrettina” Fusco.

 

DOMENICA 22 SETTEMBRE

19.00Palco – Premiazione Rossopomodoro e premiazione delContest Costantino Cutolo Street Art Festival 

18:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso su invito) NPV d’Essai– Cucina&Pizzaconduce Eleonora Cozzellacon Franco Pepe (Pepe In Grani) Alfonso Iaccarino |(Don AlfonsoAntonello Maietta (presidente AIS nazionale)

18:30NPV Classlezioni di pizza di Rossopomodoro con Teresa Iorio (Le figlie di Iorio e Rossopomodoro)

21:30sul palco NPV– MAHMOOD /FRED DE PALMA – diretta in radiovisione su RTL 102,5a seguire i trapper Peppe Soks, Samurai Jay – Il cantante Mr HYDE con ospite Gianluca Capozzi – Blair

 

Ufficio Stampa

KUHNE & KUHNE

 

Considerazioni finali sull’evento “Aspettando…il Mio San Marzano”

Renato Rocco

Corbella : Il regno di Giovanna Voria apre le porte ad un ricco calendario: tra passeggiate, laboratori e corsi di cucina

A 18 anni dalla sua nascita, Corbella è diventato un luogo magico. Da lì, la cuoca cilentana Giovanna Voria, dispensa una cucina che rispetta a pieno la filosofia delle tradizioni locali, partendo da un’agricoltura biologica che la vede impegnata direttamente nel lavoro dei campi.

Corbella

Il racconto quotidiano della sua esperienza di donna, cuoca, contadina, ambasciatrice del Cilento e della Dieta Mediterranea, paladina dei ceci di Cicerale, ma anche amica inseparabile di una volpe, affascina le migliaia di persone che la seguono.

Il suo è un messaggio semplice, le è stato tramandato da sua madre e dalle sue nonne tra i campi e i fornelli, e le è stato confermato dallo scienziato Jeremiah Stamler (successore di Ancel Keys) che definisce la sua “una cucina della salute”.

Un po’ stanca di allontanarsi dal suo Cilento e desiderosa di far conoscere questo territorio ancora autentico e ricco di risorse, Giovanna ha scelto di dar vita ad un ricco calendario per poter vivere il mondo di “Corbella”, che non è solo un agriturismo ma un microcosmo di esperienze.

Nella natura ancora selvaggia della campagna di Cicerale, suo paese natìo, la sua incessante attività tra campi, passeggiate a raccogliere i frutti della natura e preparazioni in cucina, sarà aperta a tutti in determinate domeniche e con specifici programmi.

Ho voglia di raccontare il mio mondo potendolo mostrare. Per anni ho girato continuamente a parlare di sana alimentazione, di biodiversità e a testimoniare l’importanza di cambiare rotta, ora spero che in molti abbiano voglia di venire a vedere con i propri occhi e a vivere con me domeniche semplici, ma ricche di condivisione, umanità e voglia di fare”.

“ Corbella Experience ” partirà domenica 13 ottobre e si concluderà in agosto, assicurando all’incirca un appuntamento al mese.

Di seguito le prime date:

Domenica 13 ottobre, ore 10

Passeggiata tra i boschi, con raccolta di frutti, erbe selvatiche e castagne

Preparazione live di una ricetta o una conserva

Pranzo a base di prodotti tipici locali stagionali e “fattarielli” attorno al camino

Domenica 17 novembre, ore 10

Passeggiata in campagna e raccolta di corbezzoli e melagrane

Preparazione live di una ricetta salata con melagrane

Pranzo a base di prodotti tipici locali stagionali e “fattarielli” attorno al camino

Domenica 8 dicembre, ore 10

Laboratorio di pasticceria tipica tradizionale e i “fattarielli” di Natale

Presentazione di Rosmarinonews.it e Video Story 10 anni con la giornalista gastronomica Antonella Petitti: “Buon compleanno Rosmarino: una storia di passione dalla terra al web

Pranzo conviviale a base di prodotti tipici locali di stagione e di ceci di Cicerale

Il costo delle domeniche in programma presso l’Agriturismo Corbella di Cicerale (SA), nel Cilento, è di 30 euro a persona (laboratorio, escursione, pranzo e bevande incluse). Tranne per il week-end di agosto (che include pernotto di sabato sera, cena, colazione, pranzo e corso di cucina) che ha un costo totale di 130 euro a persona, ma a scelta è possibile anche partecipare solo alle attività domenicali.

Il calendario si svolgerà come programmato solo al raggiungimento minimo di partecipanti per appuntamento: 20 persone. Chi acquista l’intero pacchetto di 10 appuntamenti riceverà in regalo un cesto con i prodotti tipici prodotti nell’Azienda Agricola Corbella.

 Per prenotazioni:

Agriturismo Corbella – Località Viscigline Val Corbella – Cicerale (SA)

0974.834511      335.1410567

info@agriturismocorbella.it

 

Ufficio Stampa

Rosmarino news

Tenuta

A Terzigno, nel meraviglioso Parco Nazionale del Vesuvio, sorge la Tenuta Le Lune del Vesuvio, quattro ettari di verde a circa 300 metri sul livello del mare, quartier generale a difesa dei prodotti tipici tradizionali Vesuviani”. La Tenuta nasce da una passione familiare, che da tre generazioni produce vino sulle pendici del vulcano, e da un sogno che ora è diventato realtà. A raccontarci la sua storia è il Patron Andrea Forno «Il mio percorso di studi in Economia si è concluso con una tesi di laurea in Marketing nel settore dei vini. Il lavoro di tesi fu pubblicato da Luigi Veronelli, che mi offrì la possibilità di frequentare un Master presso la Fondazione Veronelli. In quell’occasione ho potuto visitare importanti realtà vitivinicole della Toscana e della Franciacorta ed allora è nata l’idea di costruire, a partire dalla nostra produzione di vino, qualcosa di bello. A condividere questa mia passione c’era mio fratello Salvatore, con il quale iniziai la ricerca di un luogo nel quale avremmo potuto valorizzare i nostri vini, ma anche i prodotti del territorio. Dopo diverse valutazioni individuammo quella che oggi è la Tenuta Le lune del Vesuvio» 

Tenuta

La Struttura offre una gamma di servizi che soddisfa il turismo più esigente, ma anche e soprattutto quello enogastronomico. La presenza di un ristorante a km 0 garantisce un menù di qualità, che segue la stagionalità e offre squisiti prodotti coltivati nel fertilissimo terreno vulcanico. «Abbiamo scelto di dare particolare attenzione al turista italiano e straniero, attraverso percorsi guidati alla scoperta dei nostri prodotti. Chi viene alla Tenuta può visitare l’orto, i vigneti e la cantina, può usufruire del maneggio e ovviamente può fermarsi presso il nostro ristorante per degustare le eccellenze del territorio e del Vesuvio, come i famigerati pomodori piennolo, con i quali facciamo un tradizionale spaghetto al pomodoro, l’olio extra vergine di oliva e ovviamente il vino». Il vino è sicuramente il prodotto di punta della Tenuta e Andrea Forno ne parla con tutto l’orgoglio partenopeo: «Produciamo in primis Lacryma Christi del Vesuvio bianco, rosso e rosato in acciaio, ma abbiamo anche una riserva che ha fatto legno; il Piedirosso in purezza e il Coda di Volpe in purezza; oltre a questi produciamo una Falanghina, un Aglianico e uno Spumante di Falanghina. Abbiamo recuperato vitigni antichi e acquistato nuovi vigneti per la produzione di uva autoctona. Alle persone che vengono a trovarci offriamo molto di più. Infatti, oltre alla presenza di una casa vacanze, dove le famiglie possono soggiornare, organizziamo visite enogastronomiche e diverse iniziative che hanno lo scopo di valorizzare i prodotti e questa terra tanto martoriata».  

Lacryma Christi

Nella Tenuta è presente una Fattoria didattica che ha aderito al progetto Fattorie didattiche campane” approvato dalla Regione Campania per stabilire un connubio tra il mondo agricolo e quello scolastico. L’obiettivo è riavvicinare i giovani d’oggi a quelle esperienze passate e sconosciute alla maggior parte di loro, partendo dalla scoperta dei vigneti, alle attività in vigna, alla raccolta dell’uva alla sua vinificazione, fino alle varie fasi della filiera, che termina con l’etichettatura delle bottiglie. 

 Andrea Forno è un vulcano di idee, ama il suo lavoro e ama trasmettere la sua passione attraverso eventi che richiamano tantissimi partecipanti, come la Vendemmia dei bambini e un Corso di avvicinamento al vino, che lo scorso anno è stato realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier. La “Tenuta Le lune del Vesuvio” è un vero paradiso dove è possibile vivere la bellezza del Vesuvio sia dal punto di vista del territorio che da quello enogastronomico. Tutti i sensi sono appagati, grazie ad uno scenario mozzafiato, che garantisce una esperienza indimenticabile. 

 

Pizza e San Marzano

Lunedì 23 settembre alle ore 18.30 presso lo stabilimento Solania in via Provinciale Nocera-Sarno (Località Fosso Imperatore) di Nocera Inferiore (SA) al via la terza edizione dell’evento “Il Mio San Marzano”, organizzato da Renato Rocco, direttore de LaBuonaTavola Magazine e promosso dall’azienda Solania srl, leader nel settore della trasformazione del pomodoro San Marzano in collaborazione con Perrella, distributore esclusivo di Solania in Campania e Molise.   

Dalle 18.30 alle 19.30 sarà possibile visitare lo stabilimento Solania ed assistere ai processi di lavorazione e trasformazione del pomodoro. A seguire la grande festa con ospiti d’eccezione: Gianfranco Vissani, noto volto televisivo in programmi di cucina, nonché chef pluristellato dell’omonimo ristorante di Terni e Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico de Il Mattino e del LucianoPignataroWineBlog 

Locandina Il Mio San Marzano

La serata sarà presentata dalla dirompente Francesca Faratro, giornalista enogastronomica del LucianoPignataroWineBlog e da Renato Rocco e prenderanno parte all’evento chef, pizzaioli e maitre patissier che presenteranno in esclusiva le loro ricette con il pomodoro San Marzano Dop disponendo di cinque forni e di altrettante postazioni cucina. Guest star canora della serata Anna Capasso che allieterà la serata con musica classica napoletana e moderna.  

Grande novità di questa terza edizione, la presentazione di un museo dedicato interamente alle etichette del pomodoro San Marzano di cui si potrà seguire l’evoluzione grafica nel corso dei secoli. 

IL PROGETTO “ IL MIO SAN MARZANO ” 

Grazie al progetto “Il Mio San Marzano” pizzaioli, ristoratori e chef potranno scegliere la particella di terreno per poter controllare tutte le fasi di crescita del proprio pomodoro e personalizzare l’etichetta della confezione con il logo del locale, la loro immagine o altro segno identificativo. L’etichetta conterrà altresì il QR code con i dati di produzione. 

MANGIAFOGLIA: APERITIVO PER BRINDARE AL NUOVO RESTYLING DEL RISTORANTE 

TANTE NOVITÀ DA FESTEGGIARE INSIEME AGLI AMICI DI MANGIAFOGLIA
IL 18 SETTEMBRE ALLE 19.30 IN VIA CARDUCCI N° 32

Mangiafoglia

Mercoledì 18 settembre alle ore 19,30 brindisi di riapertura al Ristorante Mangiafoglia aperto a tutti gli amici di Mangiafoglia. Un nuovo restyling per il locale di via Carducci 32 a Napoli, nel cuore del quartiere Chiaia, pronto a rilanciare la filosofia che ha fatto di Mangiafoglia un punto di riferimento irrinunciabile per chi coltiva la passione per la cucina di qualità, attraverso l’utilizzo dei migliori prodotti presenti nel panorama gastronomico nazionale ed estero, rispettando i tempi e la stagionalità degli ingredienti.

Esaltare la cucina napoletana con influenze mediterranee e abbracciare la filosofia di una cucina salutare, leggera e di classe sono i punti di forza dello  chef Costanza Fara. Oggi tutto questo incontra la creatività della chef Costanza Fara, dalla origini sarde, che interpreta i piatti della tradizione napoletana in una chiave tutta da scoprire.

Tra le novità del menù, il tagliere di formaggi che comprende varie tipologie di formaggio, a partire da un gusto fresco e delicato tipico della ricotta di capra, per finire con un gusto più deciso e piccante tipico dei formaggio erborinati. Il tagliere prevede quattro diverse tipologie di latte: caprino, ovino, pecorino e vaccino. La selezione di tali formaggi consentirà al degustatore una notevole esperienza sia olfattiva che gustativa.

Tra le novità è da segnalare l’antipasto di mare secondo il pescato del giorno, il millefoglie carasau con carpaccio di tonno affumicato, la lattica di pezzata rossa e misticanza di verdure, l’uovo livornese croccante con lamelle di tartufo e salsa, la tempura di verdure con salsa agrodolce.

I primi piatti lasciano spazio alla creatività della chef sardo-napoletana. C’è la fregula allo scoglio, gli spaghetti con colatura di alici di Cetara, pomodorini datterini e noci, i ravioli di ricotta e spinaci con salsa di pomodorini confit e robiola di capra, gli spaghetti al nero di seppia con zucchine, bottarga e muggine affumicato di Cabras, la pasta e patate con provolone del Monaco e patata viola Bayard.

Passiamo ai secondi piatti. Si va dall’insalata tiepida di polpo su cremina di patate allo zafferano alle pepite di baccalà accompagnate da salsa, dalla sinfonia dell’orto alle entrecote, fino al filetto di spigola con asparagi e patate.

Il porceddu sardo, assecondando le origini della chef, sarà disponibile su prenotazione (almeno 24 ore prima).

I dolci, tutti di produzione propria, offrono ai Mangiafoglia la possibilità di spaziare dal classico all’innovativo: seadas con miele di castagnoscomposta di frutta con crema chantilly al limonecannolo cilentano con crema chantilly al limone, cioccolato e pistacchiosorbetto alla fruttasoffice al limone e mandorle e tagliata di frutta.

Una cucina che si basa su verdure, cereali, pesce e olio di oliva è una cucina completa che può far fronte al fabbisogno energetico di un individuo, proprio come accadeva nel 1500 quando i Mangiafoglia sono riusciti con la sola presenza delle brassicacee a sostentare intere generazioni. Non a caso una cucina ricca e variegata a base di verdura, cereali e olio di oliva è alla base del principio alimentare della Dieta Mediterranea. Quello del Ristorante Mangiafoglia è un racconto giornaliero che vive di retaggi e tradizioni declinati in una chiave moderna e che ammette commistioni con altre culture. Un luogo in cui Napoli rivive in ogni gesto, dalla mise en place al servizio, ma soprattutto in una cucina capace di riproporre la tradizionale gastronomia partenopea con l’ausilio delle più attuali tecniche di preparazione in cucina e con l’idea che la cucina di qualità non debba per forza ritenersi elitaria.
Diventare un “Mangiafoglia” significa prendersi cura di sé ed esaltare il piacere della lentezza.

 

Per info_Indirizzo: Via Giosuè Carducci n°32, 80121 Napoli (NA)
Sito: www.mangiafoglia.it Tel.081 414631 E-Mail: info@mangiafoglia.it
Social: Mangiafoglia

UFFICIO STAMPA

Roberta Raja

 Malazè : tutte le iniziative di Gusto della prossima settimana

Da Bacoli a Pozzuoli, da lunedì a venerdì, le iniziative in esclusiva

per la XIV edizione del Malazè ,  l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei

Dopo il primo fine settimana con gli Hub dedicati al Rione Terra e al complesso Averno-Monte Nuovo, Malazè , l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei continua con una settimana dedicata al Gusto: da lunedì 16 a venerdì 20 settembre si terranno, ogni sera, eventi esclusivi per la XIV edizione dell’evento.

malazè

 

Il programma dell’Hub Gusto.

Lunedì 16 (ore 20) a Baia, Bacoli, “La Locanda del Testardo” concerto di musica e cultura popolare con Gerardo Amarante. Canti popolari misti ad esilaranti battute e barzellette ad accompagnare la proposta eno-gastronomica di Luca Esposito e del suo team in occasione della XIV edizione di Malazè. Info 081.8687701 – 339.6931233 – e-mail info@lalocandadeltestardo.it

Martedì 17 (ore 20) a Pozzuoli, al Whitechillout di via Napoli c’è “Two meat in alto mare”, una collaborazione tra Pubblic Vintage Dinner e WhiteChillOut; due realtà locali totalmente diverse fra loro, insieme per una sera. La serata sarà ricca e variegata di sorprese ed avrà un unico denominatore comune “Pino Daniele” al quale si sono ispirati per essa. Info: 3286504313 – 3274421625

Mercoledì 18 evento alla Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli con la Notte Galeotta: Evasioni di Gusto. Evento non aperto al pubblico e riservato alle ospiti della Casa.

Mercoledì 18 a Bacoli (ore 19:30), Identità flegree Da Fefè con l’Agriturismo Don Salvatore. Dalla ormai consolidata collaborazione nasce la serata nel rispetto della terra e del mare. Cena con dj-set fronte mare a Miseno. Info: 3299657837 – 0815233011

A Monte di Procida (ore 20) Osti… Nati Flegrei: Percorso enogastronomico tra conche e monti flegrei. Una collaborazione tra Esperia osteria flegrea e La Fescina nuova hostaria flegrea. Le osterie dall’anima flegrea si incontrano con il bar pasticceria Saint Mary per dare vita ad un percorso gastronomico che parla di territorio, dei vigneti così uguali e così differenti. I vini sono delle Cantine del Mare e Cantine Carputo. Info: 081 8683474  – 081 18464977

Giovedì, 19 (ore 20) Il Territorio Flegreo  e la sua Convivialità al Borgo 50, nei pressi del Castello di Baia a Bacoli. All’ombra del castello, in un’antica cisterna del dopoguerra trasformata in ristorante, si terrà una degustazione enogastronomica all’insegna della convivialità, che ha il tema di rappresentare i prodotti cardine del nostro territorio attraverso il coinvolgimento dei diversi partners e aziende del contesto flegreo invitati alla manifestazione. Info: 0815231934 – 3205641009

Venerdì, 20 (dalle 16 alle 18) al Giardino dell’Orco, sul  lago d’Averno, appuntamento con Infusion per Te(a), Laboratorio sull’arte della miscelazione del tè Ciao Cha Taiwan. Introduzione alla conoscenza del tè: raccolta a mano delle erbe per comporre il tè. L’evento organizzato da Isabella Lin, sommelier di Taiwan, istruttrice e assaggiatrice certificata e co-editrice del libro “Taiwan Tea Taster Handbook”. Info: 3474028866 (English) 3280036255 (Italiano)

Per maggiori informazioni e aggiornamenti: www.malaze.it

UFFICIO STAMPA

CIRO BIONDI

Prima serata della nona edizione del Napoli Pizza Village che parte con la marcia giusta, illuminata da una meravigliosa luna rossa e che ha già accolto migliaia di persone. Il sindaco Luigi de Magistris ha di fatto inaugurato l’evento, tagliando una pizza, un ciack per lo spettacolo più bello del mondo che dura 10 giorni e che celebra il cibo più internazionale, made in Naples.

Napoli Pizza Village

Sul palco Clementino ha debuttato accolto da migliaia di fan, in diretta in radiovisione su RTL 102.5. Dallo stesso palco gli organizzatori hanno comunicato la notizia dell’annullamento dell’esibizione di Arisa prevista per questa sera, a causa di un piccolo incidente che l’ha costretta a cancellare tutte le date dei prossimi giorni. Nell’augurarle buona fortuna e un arrivederci sul palco del Napoli Pizza Village è stato annunciato l’arrivo dei Tiromancino che suoneranno questa sera e l’attesa partecipazione di Enzo Gragnaniello.

Tantissimi gli eventi in calendario fino a domenica 22 settembre, oltre la possibilità di degustare la pizza, con workshop, convegni, incontri e spettacoli, grazie all’organizzazione di Oramata Grandi Eventi che lunedì 16 presenterà la partecipazione di Napoli Pizza Village a New York, prevista per ottobre, in occasione dei festeggiamenti del Columbus Day 2019.

 

Questo il programma di LUNEDÌ 16 SETTEMBRE

18:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito)

“Appuntamenti di Gusto: Fiordilatte Vs Mozzarella di bufala”promosso da Latteria Sorrentina,

in collaborazione con Scatti di Gusto– Ospiti Gino Sorbillo, Francesco Martucci e Franco Amodio.

 

NPV Class lezioni di pizza di Rossopomodoro con:

ore 18.30Andrea Cozzolino (Senza Wellness Foods) ore 21.00 Salvatore Lioniello (Pizzeria Da Lioniello)

19:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) – Convegno: “Il turismo enogastronomico a Napoli e le eccellenze del territorio” in collaborazione con la Fondazione Univerde –presieduta dall’on. A.Pecoraro Scanio.

 

19:00Area Ospitalità – Evento “Napoli Pizza Village VS New York Pizza Festival 2019” Protagonisti: Antimo Caputo (Mulino Caputo), Claudio Sebillo e Alessandro Marinacci (Oramata Grandi Eventi), Fred Mortati (presidente Pizza Academy Foundation che organizza il festival a New York) con una delegazione composta da 30 trend setter Usa

 

ore 20:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) NPV d’Essai –  Pizza Senza, conducono Federica Gentile  RTL 10’2,5 e Nunzia Marciano Canale 8 conDavide Civitiello(Rosso Pomodoro), Renata Sitko (Villa Giovanna, Ottaviano), Guglielmo Vuolo (4°-Napoli) e Maurizio Filippi (Miglior Sommelier d’Italia 2016)

 

ore 21:00 sul palco NPVThe Kolors-Elodie-diretta in radiovisione su RTL 102,5

a seguire 80’S PIZZA STYLE: la serata tributo agli anni ’80 con Milena Setola (tributo agli Wham) – Federico di Napoli (da Made in Sud) con l’omaggio ad Alan Sorrenti e la partecipazione straordinaria di Tony Esposito

Tutte le info su www.pizzavillage.it

Uffiio Stampa KUHNE&KUHNE

 

Napoli Pizza Village: Il programma del weekend di sabato 14 e domenica 15 settembre

Napoli Pizza Village

Primo weekend per il Napoli Pizza Village 2019 col debutto di una cassa dedicata alla criptovaluta. Sarà il primo evento della città, in accordo con il Comune di Napoli, in cui sarà possibile acquistare anche in bit-coin il ticket menù, che costa 12 euro e comprende 1 pizza, 1 bibita, caffè, dolce o gelato.

L’accesso al Napoli Pizza Village e ai concerti, invece, è gratuito.  Ci sono 45 pizzerie (compresa una per celiaci) pronte a offrire 4 tipi di pizza: Margherita, Marinara, Specialità della Casa e Pizza Ferrarini al prosciutto cotto.

Costa, invece, 20 euro, una lezione di pizza al NPV Class. L’importo sarà devoluto ad un fondo per borse di studio del MIP, Metropolitan Istitute of Pizza. Gli “alunni”, in cambio, oltre ad imparare a fare la pizza in casa, riceveranno un attestato, il kit per preparare la pizza, grembiule e cappellino da pizzaiolo (si prenota su www.pizzavillage.it).

Rossopomodoro, che cura spazio NPV Class, ha affidato le prime due lezioni di pizza, nel giorno di apertura, a due grandi Maestri Pizzaioli internazionali: l’artista della Pizza Gino Sorbillo e il campione del Mondo 2013, Davide Civitiello, mentre domani arriva da New York Roberto Caporuscio, il pizzaiolo di Kestè e Vincenzo Iannucci. Domenica salgono “in cattedra” Simone Fortunato (pizzeria Diaz) e Pino Celio (Lucignolo Bella Pizza).

Questo il programma del weekend:

 

SABATO 14 SETTEMBRE

ore 18:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) – “Appuntamenti di Gusto: Il Dolce in Pizzeria” promosso da Latteria Sorrentina in collaborazione con Scatti di Gusto– Ospiti Marco Infante, Gianluca Ranieri e Davide Civitiello.

NPV Class lezioni di pizza di Rossopomodoro con:

ore 18.30Roberto Caporuscio (Kestè New York) ore 21.00 con Vincenzo Iannucci (Molino Caputo)

ore 20:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) NPV d’Essai – Pizza Memories 

conduce Sara De Bellis – Mangia e Bevicon Alfredo Forgione e Antonio Troncone (Trattoria Fresco) – Giuseppe Di Meglio (Luise), ospite Germano Bellavia di  Un Posto al Sole

21:30sul palco NPVArisa e Alfa– diretta in radiovisione su RTL 102,5

a seguire la straordinaria partecipazione di Enzo Gragnaniello, Ciccio Merolla che presenta il suo nuovo album fusion e I rapper Oyoshe e DopeOne.

DOMENICA 15 SETTEMBRE

NPV Class lezioni di pizza con:

ore 18.30Simone Fortunato (Pizzeria Diaz) – ore 21.00Pino Celio (Pizzeria Licignolo Bella Pizza)

ore 20:00Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) NPV d’Essai – I Maestri e Margherita conduce Fulvio Giuliani, RTL 102,5con Salvatore Salvo (Salvo Pizzeria, San Giorgio), Renato Bosco (Saporè, Verona), Gennarino Esposito (Torre del Saracino, Vico Equense), Marcello Lunelli (spumanti Ferrari, Trento), Roberto Anesi (Miglior sommelier d’Italia 2017) eAntonello Maietta, (presidente AIS nazionale).

ore 21:00 sul palco NPVAchille Lauro e Joey-diretta in radiovisione su RTL 102,5

 a seguire a partecipazione straordinaria di Rocco Hunt – I cantautori Livio Cori e Nello Daniele – I trapper Jay-Lillo, Colza, Plug

Tutte le info su www.pizzavillage.it

Ufficio stampa KUHNE

Napoli Pizza Village: Il programma della giornata di apertura

Oggi, venerdì 13, alle 18.00,  saranno già accesi tutti i 50 forni del Napoli Pizza Village sul Lungomare partenopeo che si spegneranno il 22 settembre prossimo.

Non saranno 10 giorni di solo pizza ma anche di spettacoli, musica, cultura e confronto. Le aree del Pizza Class (come fare la pizza in casa) NPV KIDS( dedicate ai bambini) inizieranno a lavorare dalle 19.00. Inaugurata la terrazza Ferrari con il primo incontro del NPV d’Essai, mentre il taglio del nastro del villaggio con le autorità è fissata alle 20.30 e dalle 21,30 il palco accoglierà il primo artista in radiovisione su RTL 102.5, Clementino.

Questo il programma:

VENERDI’ 13 SETTEMBRE

18:00 Area Ospitalità – Rotonda Diaz Convegno: “Valorizzazione del riconoscimento Unesco” in collaborazione con Fondazione Univerde presieduta dall’on. A.Pecoraro Scanio.

– Inaugurazione Mostra fotografica Campagna #PizzaUnesco.

19:00 Area eventi Terrazza Ferrari (accesso solo su invito) – “Appuntamenti di Gusto: Fuscella & Ricotta”

promosso da Latteria Sorrentina in collaborazione con Scatti di Gusto – Ospiti Teresa Iorio e Pasquale Gueli.

20.00 Terrazza Ferrari -NPV D’essai – “PopPizza Largo alle Periferie. Quanto conta avere la pizzeria di riferimento sotto casa?” conduce Nio Puzzicon Raf Bonetta, Vincenzo Angillotti, Vincenzo Esposito

20:15 Inaugurazione del Napoli Pizza Village con il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris e la presenza delle  autorità – Ingresso lato Mergellina.

20.30 palco – Clementino a seguire Il cantautore Tommaso Primo – Il rapper Pepp-oh – L’ironico della canzone napoletana Ernesto a Foria and Friends- Ivan Granatino.

Napoli Pizza Village

Tutte le info su www.pizzavillage.it

Ufficio Stampa KUHNE

Mercato San Severino, in provincia di Salerno, custodisce uno dei locali campani che più di tutti porta in tavola le specialità e i prodotti della regione. Campania in bocca di Gaetano Pecoraro è, infatti, il luogo ideale per soddisfare le richieste del cliente esigente, il quale vuole sentirsi completamente immerso nei sapori regionali. La storia di Campania in bocca, come ha raccontato il suo patron, è relativamente recente e pone le sue origini nella produzione della pasta. «Siamo nati più di venticinque anni fa, quando la mia famiglia aprì unazienda di pasta fresca. Nel 2015, poi, trovammo questo locale a Mercato San Severino, che da tempo provava a decollarema il continuo cambio di gestione non glielo permetteva. Per noi, decidere di rilevare l’attività ha rappresentato una vera e propria sfida. Nonostante potessimo, in qualche modo, considerarci avvantaggiati, perché possedevamo qualche conoscenza in più rispetto ad altri, lavorando già da tempo con la farina, la nuova attività ha rappresentato una nuova avventura. Ovviamente non ci siamo improvvisati ristoratori, il progetto è stato studiato con attenzione, grazie anche al supporto dei chimici che già lavoravano per il pastificio. Tutto questo lavoro non è stato vano e ci ha dato la soddisfazione, oggi, di aver raggiunto un prodotto che piace alle persone». 

Campania

Campania in bocca, già dal nome stesso e da come ha raccontato Gaetano Pecoraro rappresenta la Campania, regione dai mille prodotti di qualità: «ho scelto questo nome perché volevo rappresentare la tradizione non solo napoletana, ma quella di tutta la nostra regione; infatti non uso prodotti che non siano regionali e tutto quello che ho è di origine campana; dai vini alle birre, dai salumi ai formaggi non c’è prodotto che venga da fuori Campania. È stato anche un modo questo per rivalutare e dare prestigio alla nostra terra»La proposta culinaria che troviamo da Campania in bocca spazia dai primi alle pizze e ci fa venire l’acquolina in bocca. «Al cliente proponiamo un menù variegato, che va dai primi ai secondi di carne, dai taglieri di salumi e formaggi, dai fritti, che sono uno dei nostri cavalli di battaglia, alle pizze, il piatto forse più apprezzato». Gaetano Pecoraro è entrato poi nel dettaglio del suo menù con l’entusiasmo tipico del giovane che con passione fa il proprio lavoro: «Tra i fritti va di moda la nostra frittatina di pasta napoletana, proprio quella della tradizione. Molto apprezzate anche le nostre polpette, realizzate seguendo l’anticricetta di mia nonna: di melanzane, di mallone, di vitello, al ragù, cacio e pepe, di baccalà, di totano » 

Campania in bocca

E le pizze? « Tra le più apprezzate, sicuramente la nostra Campania in bocca condita con con pomodoro San Marzano Dop, ciliegine di Bufala, olio evo Dop. Non mancano le pizze stagionali, che proponiamo in base ai prodotti che le diverse stagioni ci regalano: ad esempio la Sciurilla, con i fiori di zucca ripieni di ricotta e salumi, crema di zucchine e pomodorini freschi; ma anche la Siciliana a modo miodalla polpa della melanzana ricaviamo una crema che costituisce la base della pizza, guarniamo con delle chips di buccia di melanzana,  “pacchetelle”  del Piennolo del Vesuvio, provola affumicata e scaglie di Provolone del Monaco» 

Camp

Campania in bocca è il locale adatto a tutti perché ha saputo trovare il giusto equilibrio tra innovazione e tradizione ed è il luogo perfetto per farsi avvolgere dai sapori della nostra terra e dall’entusiasmo di una squadra giovane e frizzante:« Le persone che vengono da noi trovano un locale accogliente, questo perché ho creato un team composto interamente da giovani, io stesso ho appena ventiquattro anni; siamo tutti ragazzi, ma questo non ha rappresentato un ostacolo nell’unire la tradizione con l’innovazione, anzi  questa unione rappresenta la vera forza di Campania in bocca». 

 

Amalia Vingione

“ Positano Gourmet ” al ristorante La Serra con gli stellati Tramontano e Barthe

Terzo appuntamento con la rassegna culinaria Positano Gourmet dell’hotel Le Agavi

Positano Gourmet

 I sapori della cucina Mediterranea incontrano la creatività di quella francese in una serata a picco sul mare della Costiera Amalfitana. Terzo appuntamento con “Positano Gourmet, a cena con le stelle”, la rassegna culinaria che si svolge da tre anni al ristorante stellato Michelin “La Serra” dell’Hotel Le Agavi di Positano (via G. Marconi, 169 – www.leagavi.it – 089 81 19 80) con l’incontro di venerdì 13 settembre alle ore 20,30 tra l’executive chef Luigi Tramontano e lo chef Romain Barthe dell’Auberge de Clochemerle nel Beaujolais.

Pur avendo due filosofie diverse di cucina entrambi gli chef brillano per creatività e rispetto della stagionalità dei prodotti. Tramontano, ad esempio, ha scelto come aperitivo un tonno marinato con pistacchi, salsa di frutti di bosco e meringhe salate alla menta.  Barthe punta su un bonbon di cavolfiore alla vaniglia e gel al limone. La “sfida” proseguirà tra funghi, manzo e salsa genovese per poi culminare nei dolci con fichi e cioccolata fondente. A “La Serra” tutto sarà accompagnato come di consueto dai vini selezionati da Nicoletta Gargiulo.

Sfruttando gli ultimi scampoli d’Estate, gli ospiti potranno ancora optare per una tavolo in terrazza dove è possibile ammirare tutta la splendida baia di Positano. Mentre chi sceglie di restare in sala rimarrà incantato dai suoi colori, dalle cupole decorate con foglie dorate al pavimento in maiolica azzurra.

Ultimo appuntamento con “Positano Gourmet” il 10 ottobre con lo chef Angelo Carannante del Caracol a Bacoli.

Menù del 13 settembre

Aperitivo

–        Tonno marinato con pistacchi, salsa di frutti di bosco e meringhe salate alla menta (Chef Luigi Tramontano)

–        Cubo di lardo, con caviale Oscietra e salsa Bercy  (Chef Luigi Tramontano)

–        Tartelletta con cheese cake caprese (Chef LuigiTramontano)

–        Bonbon di cavolfiore alla vaniglia e gel al limone (Chef Romain Barthe)

Menu

–       Fungo, fungo, fungo… (Chef Luigi Tramontano)

–        Fagottelli ripieni di salsa  genovese con pollanca e cipolla ramata di Montoro  (Chef Luigi Tramontano)

–        Filletto di manzo arrosto alla noce di cocco, semola speziata con uvetta di Corinto, confettura di melanzane e cumino (Chef Romain Barthe)

–        Fichi e fichi d’india (Chef Luigi Tramontano)

–       Variazione di cioccolato fondente della Maison Valrhona (Chef Romain Barthe)

 

Ufficio Stampa

Alessandro Savoia

ACCADEMIA TRUCILLO PALCOSCENICO DELLE PRIME SELEZIONI DEI CAMPIONATI SCA 2020

La prima tappa delle selezioni per i Campionati italiani 2020 organizzati da Sca Italy (Specialty Coffee Association) l’associazione di settore che promuove in tutto il mondo la cultura del caffè di qualità, sarà Accademia Trucillo.
Nei giorni 10, 11 e 12 settembre i talenti italiani del mondo della caffetteria e del bartending affronteranno le gare per aggiudicarsi il posto per le finali nazionali di ciascuna categoria che si svolgeranno, come ogni anno, in occasione del Sigep di Rimini in programma a gennaio 2020.
«Il caffè è un universo molto dinamico – racconta Antonia Trucillo, Responsabile Marketing e Accademia Trucillo, Trainer AST e Q Grader – che vogliamo raccontare attraverso una serie di appuntamenti, incontri creativi anche con altri settori. Questo evento nasce per coinvolgere gli addetti ai lavori ma anche gli amanti di questa straordinaria bevanda».

ECCO IL PROGRAMMA DELLE TRE GIORNATE CON INGRESSO LIBERO DALLE 9 ALLE 18
Martedì 10 settembre: selezioni Barista
Mercoledì 11 settembre: selezioni Latte Art e Coffee in good spirits
Giovedì 12 settembre: selezioni Brewers

TRUCILLO EXPERIENCE OLTRE LE SELEZIONI Le competizioni saranno l’occasione per aprire le porte dell’intero stabilimento: dal coffee lounge al laboratorio, dall’Accademia al coffee shop, tutte le aree della sede Trucillo saranno aperte per permettere agli ospiti di conoscere da vicino le attività in cui la torrefazione è impegnata ogni giorno. Workshops e degustazioni saranno tenuti da esperti di fama internazionale e sarà possibile visitare la produzione.
LA SCUOLA DE CAFFÈ PIÙ ANTICA DEL SUD ITALIA Accademia Trucillo mette a disposizione un’aula di circa 250 mq con 7 postazioni bar complete dove potersi esercitare. È scuola itinerante, organizza la formazione direttamente nel bar ed è Punto di Formazione Permanente dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè. Inoltre è centro di formazione per il Coffee Diploma System SCA, il sistema didattico dello Specialty Coffee Association.
«Accademia Trucillo è condivisione, cultura, esperienza. Un progetto sempre in evoluzione, che da 20 anni si rinnova e si struttura in base ai trend del mercato – spiega Antonia Trucillo – ci abbiamo creduto allora e oggi raccogliamo i frutti di un successo che ci inorgoglisce».
A questo link è possibile scaricare il calendario didattico del II semestre 2019!
PER INFORMAZIONI Accademia Trucillo c/o Cesare Trucillo SPA Via Cappello Vecchio, 4 – Zona Industriale 84131 Salerno – Italia. www.trucillo.it;  089 301696 – accademia@trucillo.it.

UFFICIO STAMPA
SILVIA DE CESARE

A Baiano, un paesino in provincia di Avellino, in una valle sormontata dalle vette Avellane e dalla cima del Partenio, a ridosso del bosco di Arciano, nello storico “rione d’e Vesune, in quella che un tempo era conosciuta come Via Tufo, Ciro Casale, giovanissimo pizzaiolo racconta la sua storia di “passione e mestiere” attraverso la sua pizza che ha ribattezzato, con fierezza, dello “star bene a tavola”. 

ciro

Ho deciso di fare questo mestiere non per scelta ma per esigenze di vita” – dice Ciro Casale, e continua – “Mi sono affezionato a quello che oggi è il mio lavoro studiando da autodidatta e facendo esperienze lavorative all’estero che mi hanno permesso di specializzarmi direttamente sul campo”.  

La mia personale avventura è iniziata in quella che definisco, con affetto, una piccola bottegatra l’altro ancora esistente,  dove un tempo preparavo solo pizze da asporto” – afferma Ciro che proprio così, con estrema umiltà, si è presentato qualche anno fa agli abitanti dell’Irpinia. 

Oggi, Ciro Casale accoglie i suoi numerosi ospiti in un ambiente moderno dalle linee semplici e pulite, il luogo ideale dove poter gustare non la classica pizza napoletana ma una rivisitazione assolutamente personale della stessa in chiave contemporanea. 

“La mia pizza ispira fiducia e piace ai miei clienti proprio per questo; ogni giorno la preparo con coscienza gastronomica perché scelgo solo ingredienti di qualità, dalla farina che utilizzo per fare l’impasto, quella del Molino Vigevano,  ai prodotti con cui la condisco” – afferma il pizzaiolo della pizzeria Pulcinella. 

Una lunga e lenta lievitazione caratterizza un impasto preparato con la biga al 30% e farine lasciate precedentemente in ammollo secondo la tecnica dell’autolisi. Il risultato è un panetto liscio, morbido ed elastico al punto giusto, ma soprattutto profumato e con una lunga shelf-life che gli consente di conservare la qualità iniziale e di mantenere inalterate tutte le proprietà organolettiche che lo contraddistinguono. 

All’uscita dal forno, la pizza di Ciro Casale non presenta il solito cornicione pronunciato, propriamente detto “a canotto”, una moda”, questa, ormai a cui il pizzaiolo di casa Casale rinuncia volentieri, preferendo una pizza anche imperfetta nella sua forma ma ben stesa e condita con un ricco topping, “perché la gente vuole mangiare una pizza piena” – aggiunge Ciro. 

ripieno

Non a caso, la pizza fritta con ripieno alla genovese è tra le proposte culinarie più apprezzate della pizzeria di Ciro. La ricca e gustosa farcitura di questo calzone, fragrante all’esterno e morbido all’interno, caratterizza questa specialità che stuzzica immediatamente l’appetito. La cipolla ramata di Montorodolce e profumata, e il muscolo di scottona dell’Irpinia, tenero e succulento, sono gli ingredienti principali di questa pizza: il ripieno viene lasciato sobbollire piano piano  per ore e durante la lunga e lenta fase di cottura viene sfumato con un buon vino rosso locale. “Prima di chiudere la pizza” – dice Ciro, il pizzaiolo – “aggiungo scaglie di provolone del Monaco, con il suo gusto piacevolmente piccante,  e pezzi di provola affumicata, perché il dettaglio fa sempre la differenza, ogni giorno e soprattutto in pizzeria”.  

Sono attento a tutto dal topping che scelgo per condire la pizza, alla sua presentazione nel piattoalla temperatura a cui la porto in tavola perché niente di tutto ciò va trascurato o sottovalutato, se vuoi offrire una pizza di qualità”. 

Le pizze di Ciro Casale, infatti, sono tutte “studiate ma non elaborate” perché il suo intento è quello di realizzare “una pizza accessibile in termini di gustocosì da soddisfare le esigenze di ogni palato”. “Gli ingredienti utilizzati sono semplici, poco trasformati  e soprattutto  locali, come il pomodoro aeroponicoin particolare il pizzutello, una varietà tipica della zona irpina  privo di nichel, perché richiede un ridotto fabbisogno di acqua, e ricco di polifenoli o anche il prosciutto Ciarcia, dal sapore inconfondibile, dolce e aromaticocon quel giusto filo di grasso che fa la differenza”. 

Nella pizzeria Pulcinella i sapori tipici della tradizione culinaria campana convivono con la ricerca di prodotti nuovi ed originali, che Ciro seleziona accuratamente, sperimentando di persona i vari abbinamenti gastronomici e le diverse combinazioni di gusti, prima ancora di proporli ai suoi commensali. Primo fra tutti, l’aglio orsino, noto per essere un antimicotico naturale e molto più digeribile rispetto all’aglio comune, uno degli ingredienti che Ciro Casale utilizza sulla sua Marinara del Partenio, una pizza rossa condita con pomodorino corbarino semisecco reidratato dalle importanti proprietà antiossidanti insieme alle acciughe di Cetara, freschissime e ricche di omega 3 e giusto un pizzico di mozzarella, per conferire alla pizza un sapore ancora più intenso e consistente. 

margherita

La pizzeria Pulcinella è evidentemente il risultato di un percorso di vita non solo professionale che Ciro Casale, ha intrapreso, giovanissimo, con tenacia e forza d’animo. “Ho rischiato, ma alla fine ho vinto!” – dice Ciro con orgoglio, parole che possono sicuramente confermare tutti coloro che ogni giorno si siedono nella sua pizzeria con la promessa di ritornarci. 

 

Felicia Mercogliano 

Gusto Italiano

Al via la seconda edizione a Salerno, la prossima a Milano

gusto italiano

Ritorna Gusto Italiano. Giunge alla seconda edizione l’evento dedicato alla promozione e alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, agli artigiani e ai produttori di qualità, ai prodotti tipici della regione Campania e non solo, e più in generale alle materie prime locali.

La manifestazione, organizzata dal Claai presieduto da Gianfranco Ferrigno in collaborazione con il Movimento Turismo del Cioccolato e delle Eccellenze Italiane e Tanagro Legno Idea, si è svolta nei giorni dal 6 all’8 settembre a Salerno, in Piazza della Concordia.

Si è puntato per l’attesissimo evento sulla valorizzazione delle eccellenze dell’enogastronomia di tutta Italia. Salerno è stata la location di partenza per quest’edizione, che approderà poi a Milano nella prossima primavera.

Produttori, artigiani del gusto e chef che  hanno proposto interessanti show cooking, condotti dalla giornalista gastronomica Antonella Petitti, sono stati i protagonisti delle giornate di Gusto Italiano, dove largo spazio è stato concesso anche ai prodotti a marchio De.Co. (denominazione comunale) del nostro territorio e non solo, allo scopo di consentirne una valorizzazione maggiore ed una diffusione sempre più capillare.

Stands variopinti e gustosia hanno celebrato le migliori eccellenze del territorio italiano, con una particolare predilezione per le produzioni di qualità del Mezzogiorno.

Dai taralli pugliesi ai dolci siciliani al pan focaccia pugliese, passando per i salumi e formaggi di Norcia ed Amatrice, senza dimenticare alcuni tra i più rappresentativi sapori del territorio calabrese come la nduja, la liquirizia, i salumi, le mandorle e le conserve di pesce, ed i formaggi della Basilicata. E poi legumi, pasta e sottoli campani, il Tartufo dei Monti Picentini, la Nocciola Tonda di Giffoni Igp, la melenzana rossa di Rotonda Dop, uva e vino Mostino Calabrese.

E ancora, formaggi e salumi irpini, il pomodorino del piennolo del Vesuvio Dop e l’albicocca del Vesuvio, confetture e creme calabresi, miele ed olio pugliesi, alghe spiruline del Cilento, Carciofo Bianco ed olio del Tanagro, oltre ai legumi del Vallo di Diano. Intenso sarà il ciclo di appuntamenti con cui saranno valorizzate le eccellenze partecipanti a Gusto Italiano, e che attraverserà tutta la durata della manifestazione. Gli Stands sono rimasti aperti nelle giornate comprese tra venerdì e domenica, dalle 10 alle 24. Il taglio del nastro è avvenuto venerdì alle ore 12.

Venerdì 6 alle ore 19 il patron dell’azienda I Segreti del Tanagro Pietro D’Elia ha presentato il primo dei prodotti a denominazione comunale in rassegna, il peperone crusco di Teggiano.

Alle 20 è stata la volta dello show cooking dello chef Michele Di Martino di Casamare dal titolo “Povero Ricco con Tartufo”, a cura di Stagioni Picentine.

Sabato 7 alle 19 spazio alla presentazione della Mandorla De.Co. di Amendolara ed ai prodotti tipici del comune dell’Alto Jonio Calabrese a cura del primo cittadino Salvatore Antonio Ciminelli, mentre alle 20 è stato il turno del Tortino di Melanzana Rossa di Rotonda con caciocavallo podolico, la cui ricetta è stata presentata dall’Agriturismo Calivino di Rotonda.

Domenica 8 alle ore 20 l’appuntamento conclusivo è stato invece con il Carciofo Bianco del Tanagro e la sua Rete di Produttori: è stato presentato il piatto “Maialino farcito con patate, carciofi in crosta di pate’ del Bianco Tanagro con carciofino fritto”  a cura dello chef Vincenzo Citro del Ristorante La sfera di Baroni.

Successivamente è stato presentato il Liquore Carciofello e la Rete Produttori Carciofo Bianco del Tanagro.

 

UFFICIO STAMPA ROSMARINO NEWS

 

La dieta mediterranea : Pietrarsa, dal 12 al 14 ottobre focus sulla gastronomia dei territori vulcanici e i grandi vini italiani, tra i protagonisti Merano WineFestival e Cittaslow International

 I prodotti della dieta mediterranea , patrimonio immateriale dell’umanità, saranno al centro della seconda edizione di Eruzioni del Gusto, evento enogastronomico dei territori vulcanici, dedicato alla sostenibilità, in programma dal 12 al 14 ottobre 2019 al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Napoli, promosso da ORONERO – Dalle scritture del fuoco, associazione che favorisce lo scambio culturale tra i popoli per lo sviluppo economico pacifico, ponendo centralità a quelli che vivono nelle aree vulcaniche del pianeta. Accanto alle degustazioni di cibi mediterranei e agli assaggi di grandi vini vulcanici dal Vesuvio all’Etna dal Vulture a Soave, ai focus sull’enoturismo e i beni culturali, docenti e scienziati analizzeranno nelle tavole rotonde i prodotti che rendono unica la nostra dieta esportata ormai in tutto il mondo, le ricadute sull’organismo e i benefici. Si va dall’esame della materia prima al prodotto finito che giunge sulle tavole agli effetti benefici su salute e longevità delle persone. L’evento patrocinato dal Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo, dalla Regione Campania e da numerosi Comuni ed Enti di ricerca, è infatti  patrocinato anche da Cittaslow International, la rete mondiale delle città del buon vivere con Slow Food, e come luogo simbolo a Pietrarsa ci sarà la città di Pollica che con il Cilento è una delle sette comunità emblematiche della dieta mediterranea individuate in sede di dichiarazione Unesco. E proprio nel Cilento, nel borgo marinaro di Pioppi, ha vissuto lo scienziato statunitense Ancel Keys, che ha scoperto il legame diretto tra regime alimentare e patologie cardiovascolari esaltando le virtù della dieta mediterranea.

Pasta, pane, ortaggi di stagione e legumi, formaggi, e tantissimi altri prodotti di eccellenza dei territori italiani potranno essere degustati negli spazi allestiti negli eleganti saloni del museo tra le locomotive che hanno fatto la storia delle ferrovie italiane. Tra questi prodotti anche la mozzarella di bufala campana Dop, pomodorino del piennolo del Vesuvio Dop, provolone del Monaco Dop, limoni della Costa di Amalfi Igp e quella sorrentina, colatura di alici di Cetara, fagioli di Sarconi Igp, pecorino canestrato di Moliterno Igp, olio d’oliva di Aliano e del Cilento. Una ricca esposizione di prodotti  resi unici grazie alla generosità delle terre vulcaniche, al lavoro e alle mani sapienti dei contadini e dei trasformatori che nel tempo hanno saputo conservarli e renderli preziosi. Naturalmente non mancherà la pizza e la straordinaria arte dei pizzaiuoli napoletani patrimonio dell’Unesco. 

Dalla tavola all’arte e al turismo. Nella tre giorni le città di Pompei, Ercolano, Stabia, Pozzuoli, Portici, l’antica Oplontis e Napoli con il Golfo che le abbraccia saranno al centro di un focus che punta a rilanciarne il turismo e l’ospitalità dei territori vulcanici, anche attraverso itinerari enogastronomici e a generare così un nuovo indotto economico.

Protagonisti a Pietrarsa anche i territori vulcanici della Sicilia e della Basilicata con il Vulture, la Val d’Agri e Matera Capitale europea della Cultura 2019. Assieme al cibo i vini che rendono particolari questi territori occuperanno un posto di primo piano tra degustazioni e focus di natura scientifica a cura del Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, con i docenti del Dipartimento di Medicina della Federico II si discuterà invece dell’importanza del bere consapevole e del valore del vino nella dieta. La Fondazione Dohrn si occuperà delle aree vulcaniche sommerse e curerà gli aspetti della pesca sostenibile, l’Istituto Zooprofilattico di sicurezza alimentare.

Il presidente di ORONERO, Carmine Maione dice: ‘’Per la prima volta i territori vulcanici del nostro Paese fanno rete e si danno appuntamento per promuovere insieme al mondo della ricerca scientifica il valore culturale e sociale e confrontarsi sull’opportunità che una tale ricchezza rappresenta per lo sviluppo economico sostenibile”. 

L’evento è patrocinato da: Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo, la Regione Campania e altre Regioni italiane, Comune di Napoli, comuni vesuviani e molti comuni italiani tra i quali Matera Capitale europea della Cultura 2019, il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Laboratorio di Urbanistica e Pianificazione Territoriale sempre della Federico II, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, la Fondazione Dohrn, l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Cittaslow International, Slow Food Vesuvio e i presidi della Campania, Certiquality, numerosi Enti di ricerca e Ordini professionali tra i quali quello dei Tecnologi alimentari di Lazio e Campania e l’Ordine degli Agronomi Forestali di Napoli, le Camere di Commercio, Gourmet’s International organizzatrice del Merano WineFestival, l’AIS Campania e l’AIS Comuni Vesuviani.

Ass. ORONERO | www.oronero.net | segreteria@oronero.net | uffciostampa@oronero.net

Ufficio stampa Oronero

DAL 6 ALL’8 SETTEMBRE 

VOLTURARA IRPINA (AVELLINO)  

CELEBRA L’ECCELLENZA DEL FAGIOLO QUARANTINO PRESIDIO SLOW FOOD 

Fagiolo Quarantino

VOLTURARA IRPINA (AVELLINO Da domani (venerdì 6) fino all’8 settembre a Volturara Irpina (Avellino) attesissimo appuntamento dedicato al fagiolo quarantino, dallo scorso anno presidio Slow Food: è la nona edizione della Festa del Fagiolo Quarantino della Valle del Dragoneevento dedicato ai prodotti d’eccellenza della zona promosso dal Comune di Volturara Irpina e cofinanziato dal POC Campania 2014-2020. 

 Tante le novità di questa nona edizione: la prima è senza dubbio l’inaugurazione della Strada Ferrata e delle Vie di Arrampicataun’area dedicata alle attività alpinistiche realizzata dal gruppo Campania Mountains Guides su progetto finanziato dall’amministrazione comunale di Volturara Irpina su intuizione del sindaco Marino Sarno, che ne ha portato avanti l’idea fino alla realizzazione vera e propria. Il sito – raggiungibile in pochissimi minuti da Piazza Roma – è attrezzato di vie ferrate e itinerari di arrampicata aperti a tutti, bambini e adulti, con vari gradi di difficoltà. Quelle di Volturara Irpina sono le prime vie di arrampicata certificate in Campania, ben otto percorsi monotiro dedicati a bambini e neofiti e due vie multipich per utenti che praticano un’arrampicata alpinistica con esperienza alle spalle. Una grande attrattiva turistica, dunque, per gli amanti dell’outdoor e per quanti vogliono avvicinarsi a questo tipo di disciplina. A coronamento del progetto il gruppo ha ripreso la sentieristica esistente omologandola alle linee guida del Club Alpino Italiano sia per i sentieri di accesso alle vie d’arrampicata sia per quelli relativi alle vie di fuga delle strade ferrate, collegandoli ad alcuni siti di interesse del comune, come la Piazza Municipio o le aree picnic circostanti con circuito ad anello, che ha ricevuto anche una numerazione (n. 145) dal catasto Nazionale dei Sentieri del Cai, Club Alpino Italiano. L’intero lavoro è stato inoltre preceduto da un’importante fase di bonifica e messa in sicurezza del costone roccioso interessato. 

Una novità assoluta di questa edizione, che sarà inaugurata sabato 7 settembre alle ore 9.30. Altra novità sarà lo scenografico accesso all’evento: si entrerà infatti attraverso una simbolica bocca di drago alta ben 6 metri ed installata all’ingresso del percorso. Inoltre anche quest’anno sarà possibile effettuare visite guidate in montagna alla Bocca del Dragone, al Museo della Civiltà Contadina e alla Chiesa Madre, sia sabato 7 che domenica 8 settembre dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30. Il coordinamento artistico è affidato anche quest’anno a Roberto D’Agnese per Omast Eventi.  

 La Festa del Fagiolo Quarantino della Valle del Dragone si aprirà venerdì 6 settembre a partire dalle ore 18 con i giochi per bambini e, alle ore 20, l’apertura degli stand gastronomici per assaporare i tipici piatti della tradizione, prima di immergersi alle ore 21 nella musica live dei Mix Harmony e Beta Folk 2.0. A fare da cornice la New Band itinerante e gli artisti di stradaSabato 7 settembre il programma inizierà alle ore 9.30 con l’inaugurazione della Strada Ferrata e delle vie di arrampicata quindi alle ore 11 “Irpinia, prodotti di eccellenza e ambiente”, incontro che porrà l’attenzione sui punti di forza della provincia di Avellino e i progetti di valorizzazione. Alle 13 il pranzo in piazza, un appuntamento imperdibile che richiama la tradizione e, alle 18.40, le degustazioni del Fagiolo Quarantino a cura di Slow Food Avellino e alle 20 l’apertura ufficiale della festa con il taglio del nastro a cura dell’Amministrazione ComunaleGiocolieri e trampolieri rallegreranno le strade di Volturara fino alle 21, quando sul palco della piazza saliranno Rock e i suoi fratelliPratola Folk e le Ninfe della Tammorra. La Zeza di Cannone e della Campagna sarà invece itinerante per accompagnare i visitatori lungo tutto il percorso. Domenica 8 settembre la giornata conclusiva, che partirà alle 9 con l’escursione in montagna a cura del CAI di Avellino, alle 10 invece, la Maratona della Valle del Dragone che partirà dalla Piazza, quindi alle 13 pranzo in piazza. Alle 16.30 si aprirà un nuovo pomeriggio di musica e divertimento con Aria Nova e alle 20 si terrà la consegna della Cittadinanza Onoraria al giornalista RAI Rino Genovese. Alle 21 saliranno sul palco Banana SplitPopolo Vascio e Mulieres Garganiche. Gli Etno Folk accompagneranno attraverso la musica itinerante la piacevole passeggiata lungo le strade della festa. Per informazioni sull’evento è possibile inviare un messaggio whatsapp inserendo l’hashtag #FFVOLIRP al numero 351.8782216.  

 

UFFICIO STAMPA 

Miriade & Partners 

Tel. 329.9606793 – 392.9866587 

ufficiostampa@miriadeweb.it  

“CEN…iamm in Piazza”, la cena spettacolo organizzata da O’Presidente a Gragnano

PREPARATEVI A SCATENARVI CON GLI ALLERIJA!

PER L’OCCASIONE VERRÀ PRESENTATO IL “GRAGNANO SPRITZ”, L’APERITIVO CON IL ROSSO FRIZZANTE

gragnano

Il Ristorante O’Presidente vi aspetta venerdì 6 settembre, ore 20.30, per una straordinaria cena spettacolo che si svolgerànella storica Piazza Guglielmo Marconi a Gragnano, per la serata,questa insolita location, si arricchirà di tavoli dove gli ospiti degusteranno i succulenti piatti stagionali della tradizione preparati dal Resident chef Michele Palomba.

Risorsa di cultura ed identità, in questa preziosa occasione di promozione del cibo e del terroir, saranno presenti gli immancabili prodotti della gastronomia territoriale, quali: il pacchero IGP del pastificio Faella ed i formaggi del caseificio De Rosa che arricchiranno un menu interamente studiato per far apprezzare al meglio il vino di Gragnano delle Cantine Mariano Sabatino.

Ad accompagnare, durante la cena, gli Allerija con il loro, ormai noto, live show che spazia dalla musica folk partenopea, arrangiata in stile gipsy jazz, passando attraverso gli evergreen italiani e stranieri.

Gli ospiti saranno accolti con un simpaticissimo “Welcome drink”, una proposta dinamica e stuzzicante studiata dai nostri barman ed al suo primo esordio: il Gragnano Spritz che, accompagnato da assaggi di “Panuozzo” con provola di Agerola, ventresca paesana e verdure di stagione, precederà la cena spettacolo.

Menù della serata

Primo:

Pacchero di Gragnano IGP “Faella” con ragù di cinghiale dei Monti Lattari, sfumato con Gragnano Doc.

Secondo:

Maialino nero a lenta cottura in forno a legna, con contorno di patata viola, funghi porcini freschi ed erbe aromatiche dello chef.

Predessert:

Provolone dei Monti Lattari con confettura di cipolla di Tropea.

Dessert:

Tiramisù

Acqua ed una bottiglia di Gragnano Doc a coppia.

Costo € 30,00 a persona.

Per info e prenotazioni: 3666888407 / 0818013921

O’Presidente

Il locale, con affaccio sulla storica Piazza Marconi (già conosciuta come Piazza S. Leone), nasce dalla volontà di una famiglia d’imprenditori locali che dediti ad esaltare la vocazione enogastronomica di Gragnanohanno ristrutturato locali già in precedenza destinati ad un antico forno dando vita a quello che oggi è il ristorante O’Presidente, situato all’interno di uno stabile di epoca borbonica e già residenza di un Chirurgo di corte del Re Ferdinando. Presente nel seminterrato della struttura una antichissima cantina scavata nel tufo che, grazie alla sensibilità dei proprietari, conserva perfettamente la sua forma originaria con tutte le caratteristiche di giusta ventilazione, oscurità ed umidità.

Pastificio Faella

A Gragnano, “ Capitale della Pasta”, da oltre un secolo il Pastificio Faella ha sede in piazza Marconi, dove avviene la produzione con semole di grano duro selezionate 100% Italiane, impasto lento con trafilatura al bronzo ed essiccazione tipicamente tradizionale a basse temperature, che conferiscono al prodotto una valida consistenza ed indiscutibile sapore.

Cantine Mariano Sabatino

Un buon vino si fa prima di tutto nel vigneto. Un uva sana, raccolta al giusto grado di maturazione, deposta in cassette e pigiata fresca: questa la ricetta per ottenere vini di qualità. In cantina, la scelta di lavorazione rispecchia lo spirito dell’azienda, ovvero, tradizione e modernità si fondono per ottenere un prodotto unico e sempre riconoscibile.

Caseificio De Rosa

Nasce dalla volontà di due nuovi e giovanissimi imprenditori campani, che dopo tanti anni di formazione e lavoro presso le migliore aziende caseari locali, decidono dar vita, nel 2015, al Caseificio De Rosa. L’azienda dispone di un’ ampia varietà di prodotti caseari adatti a soddisfare qualsiasi esigenza: mozzarelle, ricotte, formaggi farciti e tanto altro ancora. Tutti i prodotti caseari sono realizzati con latte vaccino proveniente da allevamenti sicuri e attentamente selezionati. Inoltre il caseificio dispone di una vasta selezione di ricette locali per portare sulla vostra tavola i sapori e i profumi della gastronomia campana.

UFFICIO STAMPA

Allegra Ammirati

Appuntamento per PanoraminFest venerdì 30 agosto
Ore 21:00 al Ristorante La Panoramica, via Pesaturo 6 Sant’Antonio Abate NA

PanoraminFest

Giunto alla sua II edizione, torna, a fine agosto, l’evento PanoraminFest, organizzato da Luigi Arpaia e Rita Donnarummara, rispettivamente Chef e Patron del Ristorante situato tra Sant’Antonio Abate e Lettere.
Il locale deve il suo nome allo splendido panorama di cui si gode dalla terrazza panoramica situata al piano superiore: con lo sguardo è possibile abbracciare tutto il golfo, da Castellammare fino a Napoli, con il Vesuvio che fa da cornice: la location ideale per gustare i piatti realizzati ad arte a base di tipicità locali, come la caponatina con verdure di stagione adagiata sul friabile tarallo letterese, la birra artigianale e l’autoctono rigatello al ferretto.

Ecco il Menù PanoraminFest ’19:

Aperitivo a base di Tipicità Locali
Birra Blanche Nefeli

The King of Fresella
Birra White Ipa Elefante Bianco

Rigatelli al ferretto alla Barzanella
Birra Golden Ale Lazzarella

Coppa di maiale alla birra
Birra Scotch Ale Tramalti

Tiramisù
Birra Imperial Stout Bombonera

Tarantella Party con Birra Nesea

Costo evento: 30 € a persona

Abbinamento cibo/birra a cura di Alfonso Del Forno
Ufficio Stampa: Palma Abagnale
Media Partner: CamCampania

Info e Prenotazioni:
RISTORANTE PIZZERIA LA PANORAMICA
Via Pesaturo 6 – Sant’Antonio Abate NA
T: 081 5392493 / 334 3876096

Ufficio Stampa PALMA ABAGNALE

A Minori – Costiera Amalfitana – il 29 – 30 e 31 Agosto sarà città del Natale.

gusta minori

Buonocore: “A Gusta Minori il tema dell’emigrante irromperà nell’atmosfera natalizia del ‘700 napoletano con Lacrime Napulitane in Accussi a Natale format ideato con l’artista Lucia Amato. Effetti straordinari con videomapping sulla facciata della Basilica di Santa Trofimena. Alle 21 di Giovedì, Venerdì e Sabato, dal 29 al 31 Agosto, tutte le scene saranno in contemporanea con 200 comparse, 30 attori”.

Porpora: “Briefing stampa nei laboratori dove si lavorano limoncello e pasta artigianale. Briefing stampa al Sentiero dei Limoni. Briefing stampa nella Villa Romana risalente al primo secolo d.C. e nei vicoli, nelle piazze. Minori sarà la prima città balneare italiana a trasformarsi in Agosto in città del Natale. Zampognari, luminarie natalizie, dolci e piatti natalizi”.

Reale: “Da Salerno corse speciali per Giusta Minori lungo le vie del mare”.

Per Gusta Minori 2019 si sperimenta anche una formula innovativa di briefing stampa itineranti. Ed i briefing saranno vari.

Venerdì 30 Agosto – Ore 10 – Briefing Stampa nel Centro Storico.

Il sindaco di Minori la Città del Gusto che sarà Città del Natale dal 29 al 31 Agosto ed il Presidente della Proloco di Minori, Giuseppe Apicella ed il Presidente Provinciale dell’Unione Nazionale Proloco Italiane, Mario De Iuliis, accompagneranno tutte le testate giornalistiche in un briefing stampa in movimento con visita all’Arciconfraternita del SS Sacramento, alla Basilica di Santa Trofimena, al Presepe di statue in movimento del ‘700 napoletano e al Presepe Dipinto. Il briefing stampa durerà circa due ore con spiegazioni ed illustrazioni dettagliate sul patrimonio artistico – culturale e religioso di Minori.

Venerdì 30 Agosto – Ore 18 – Briefing Stampa nella Villa Romana del Primo Secolo d.C. con un viaggio nella storia antica della cittadina minorese gioiello della Costiera Amalfitana.

Alla stampa si presenteranno Le Vie dell’Arte che saranno protagoniste di Gusta Minori 2019 con Accussia Natalea format ideato da Lucia Amato e Gerardo Buonocore. Incontreranno la stampa: Lucia AmatoGerardo Buonocore, Direttore Artistico di Gusta Minori ed autore della colonna sonora che accompagnerà i 18 spettacoli serali e coideatore con Lucia Amato del format di Accussia Natalea, Annarita Vitolo reduce dal grande successo dell’Amica Geniale su Rai 1, Benedetto CasilloGiovanni Mauriello fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare, Andrea Ferraioli, Presidente del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana, Andrea Reale, sindaco di Minori. Esperti in Storia dell’Arte ed archeologi illustreranno alla stampa la Villa Romana di Minori.

Sabato 31 Agosto alle ore 10m – Briefing Stampa in cammino sul Sentiero dei Limoni. Il briefing partirà con navetta bus dalla Basilica di Santa Trofimena. Si raggiungerà il Sentiero dei Limoni che sta registrando un grande successo di pubblico. Durante il briefing sarà possibile intervistare esperti sul posto, filmare il Sentiero che si snoda con gradini e vicoletti. Il Sentiero era il percorso fatto dalle portatrici di limoni dai terrazzamenti al mare ed era l’unica via di collegamento tra Minori e Maiori fino a metà del XIX Secolo. Per la stampa la grande opportunità di filmare e fotografare i limoneti e raccogliere testimonianze, storie. Inoltre si visiterà la Chiesa di S. Michele Arecangelo.

Sabato 31 Agosto – Ore 16 – visite e briefing stampa nei laboratori di lavorazione del Limoncello e della pasta. Partenza ed appuntamento dinanzi alla Basilica di Santa Trofimena.

Sabato 31 Agosto, al pomeriggio, alle ore 16, briefing stampa nei laboratori di limoncello e della pasta a Minori. Durante il briefing stampa che, terminerà verso le ore 18, i giornalisti visiteranno il Laboratorio di lavorazione del Limoncello ed il Laboratorio per la lavorazione della pasta artigianale a mano. Prodotti per i quali Minori è conosciuta nel mondo.

Giovedì 29 Agosto – Venerdì 30 Agosto – Sabato 31 Agosto – alle ore 21 in punto l’inizio di Accussia Natalea. Sarà Natale con le luminarie natalizie, i prodotti dolciari del Natale a Minori, i piatti tradizionali della Città del Gusto. Sarà Natale nei vicoli, nelle piazzette, alla Villa Romana tutti luoghi dove si svolgeranno le scene di Accussia Natalea, incluse quelle dell’atmosfera natalizia del ‘700 napoletano. Videomapping sulla facciata della Basilica con la scena forte di Quanno nascette Ninno. Sarà Natale pensando agli italiani emigranti.

“Alle ore 21 in punto inizieranno in contemporanea nei vari luoghi di Minori, le scene di Accussia Natalea che sarà la parte artistica, il grande evento in parallelo alle Vie del Palato, lungo le Vie dell’arte. Avremo ben 18 spettacoli di cui ben 6 a sera e per 3 sere, 30 attori, 2 corpi di ballo, 4 scenografi, 200 comparse per un allestimento che si preannuncia di grande effetto artistico ed emotivo, nei vicoli, nelle piazze, nei luoghi meravigliosi di Minori. Sarà Natale! Ed ecco che mentre nella Basilica di Santa Trofimena avremo la scena di Quanno nascette Ninno – ha dichiarato Gerardo Buonocore, Direttore artistico di Gusta Minori – in Piazza Garofalo ci sarà Te piace ‘o presepio, nell’Area Archeologica della Villa Romana la Terza Scena dedicata al Viaggio di Razzullo e Sarchiapone i due personaggi del Presepe Napoletano con dialoghi, canti e musiche aggiunte al testo della tradizione popolare nel corso dei secoli. La Quarta scena sarà Lacreme napulitane, in Piazza Umberto, un vero omaggio a chi è costretto anche oggi a lasciare la propria terra alla ricerca di un futuro migliore. Ed ecco che il dramma dell’abbandono, dell’emigrazione, entrerà con forza nell’atmosfera natalizia. Dunque il concetto è : oggi non è Natale, ma sicuro arriverà se il tuo cuore accoglierà ogni diversità”. Un bellissimo format musicale, teatrale, scenografico ideato da Gerardo Buonocore e dall’artista Lucia Amato.

Pronte le Vie del Mare per raggiungere la Costiera con corse speciali in occasione di Gusta Minori 2019.

“Ricordiamo ancora una volta che si potrà arrivare anche via mare per tutte le serate del Gusta Minori 2019. Partiranno traghetti da Salerno alle ore 18 ed alle 20 mentre da Minori la partenza via mare sarà con rientro sia per Amalfi che per Salerno dalle ore 24 e 30. Dunque coloro i quali vorranno venire a Gusta Minori 2019 potranno farlo utilizzando anche il collegamento via mare da Salerno. Minori sarà la prima città italiana a vivere un Natale in piena stagione estiva – ha affermato Andrea Reale, sindaco di Minori – con decori urbani tipici dell’atmosfera natalizia, visita ai prestigiosi presepi permanenti di Minori e tutti i luoghi saranno palcoscenico anche del ‘700 napoletano. Al via la 23ma edizione della kermesse Gusta Minori 2019, caratterizzata da eventi davvero unici. Vogliamo dare la possibilità ai turisti balneari di conoscere da subito le tradizioni extra – estive in modo tale da arrivare ad una valorizzazione turistica del nostro territorio su tutto l’anno”.

Anche le Vie del Palato – Il Sentiero dei Limoni – la lavorazione della pasta a mano.

” Gusta Minori 2019 vedrà insieme da una parte il comparto della ristorazione locale, chef di rinomata importanza pronti a preparare struffoli, il calamaretto, la scarola natalina, le melenzane al cioccolato, dall’altra 18 spettacoli, 6 a sera, 30 attori professionisti che reciteranno con 200 comparse scelte proprio sul posto.  Per i vicoli di Minori, con il mare sullo sfondo ed il suo odore che ci accompagnerà nel corso delle serate, avremo l’atmosfera natalizia del ‘700 napoletano di come si viveva il Natale, con quei costumi. Natale con i prodotti agroalimentari locali e tipici e dare l’opportunità ai turisti di ammirare la loro stessa trasformazione in piatti tipici della cucina tradizionale.  Dal 29 al 31 Agosto nei cinque ristoranti di Minori e nelle pasticcerie e gelaterie si potranno degustare i menù appositamente predisposti e i dolciumi dei maestri pasticcieri – ha dichiarato Antonio Porpora, Direttore di Produzione di Gusta Minori 2019 – secondo ricette tradizionali, ma al tempo stesso innovative… a tavola nella città del gusto”. Ricordiamo ancora lo “sfusato amalfitano“, il famoso limone locale, di cui Minori vanta oltre che una eccellente produzione, anche la più antica tradizione di confezionamento e commercializzazione: sin dalla seconda metà dell’Ottocento, infatti, questo prodotto trasportato a spalla dalle “portatrici di limoni” fino alla spiaggia, dalle colline circostanti, veniva confezionato e poi imbarcato sulla “martecane”, per essere destinato a mercati lontani fino in America. Dal singolare aroma dello “sfusato amalfitano” deriva il “limoncello”, prodotto in modo artigianale su tutta la Costa d’Amalfi, ed un ricco assortimento di creme, torte e dolci che stanno “conquistando” i palati di tutto il mondo. Ed ancora la “pasta a mano“, la cui produzione ha inizio molto probabilmente con i Romani: fu infatti un pastore romano a realizzare per la prima volta “la polenta caseata di farro”, antenata degli “‘ndunderi”, un tipo di pasta tuttora prodotto in tutte le famiglie minoresi. Durante il XVII sec. nel paese si diffusero gli “‘ngiegni”, delle macchine artigianali che fecero crescere notevolmente la produzione della famosa “pasta della Costa”. Oggi numerosi laboratori artigianali hanno riscoperto questa antica tradizione, producendo “fusilli”, “ricci”, “lagane”, oltre che i singolari “‘ndunderi”. Il Sentiero dei Limoni ma anche la pasta amata dai primi viaggiatori stranieri del Gran Tour ed anche la riscoperta delle botteghe, l’artigianato. L’incredibile possibilità di ammirare a Minori, tradizionali e bellissimi presepi”.

I Presepi da sempre a Minori.

“Mostreremo un Presepe di dipinti – ha concluso Porpora – ma entreremo anche in un altro presepe con pastori in movimento e del ‘ 700 napoletano. Per le strade il 29 Agosto avremo anche gli zampognari testimoni di storie legate ad una radicale tradizione territoriale”.

Dunque ritorna Gusta Minori, il grande evento che in Costiera Amalfitana unisce tradizione, gastronomia, ambiente, territorio, organizzato dall’Associazione Gusta Minori Corporation in collaborazione con SCABEC ed il Patrocinio del Comune di Minori. Tutto pronto, attese migliaia di persone e nei prossimi giorni arriveranno anche le testate internazionali.

Per interviste: Andrea Reale – Sindaco di Minori Tel 348 999 1411

Gerardo Buonocore – Direttore Artistico di Gusta Minori – Tel 335 5866010

Antonio Popora – Direttore di produzione di Gusta Minori – Tel 333 282 40 30

Giuseppe Ragosta – Addetto Stampa di Gusta Minori – Tel 392 5967459.

 

UFFIOCIO STAMAP GUSTA MINORI

Mercoledì 31 luglio al country house “Il Vecchio Frantoio” di Stella Cilento (Sa) è stato presentato alla stampa “Dolce Cilento”, un progetto per la creazione di un dolce da piatto, ma anche da street food, che punta in alto, divenire sinonimo di territorialità, quella cilentana per l’appunto.

Denise Feo ha realizzato il dolce “Dolce Cilento” con la consulenza e il supporto della pastry chef e martire chocolatier Giulia Capece, partendo dagli ingredienti che sono risorse proveniente dallo stesso territorio cilentano, come: fichi, ricotta, olio extravergine di oliva, farina di farro, ecc. La giovane Denise Feo con entusiasmo ha dato vita al progetto di pasticceria ristorativa “giocando in casa”, ovvero “Il Vecchio Frantoio” di proprietà dei genitori.

Il dolce si compone alla base di uno strato di pasta frolla realizzata con farina di farro e olio extravergine di oliva, su cui poggia della crema cotta di ricotta con inserto di composta di fichi bianchi del Cilento a seguire un serie di spuntoni realizzati con della mousse di cioccolato monorigine di Grenada, infine per decorazione un piccolo spicchio di fico bianco del Cilento, impiattato e ornato con delle linee parallele realizzate con confettura di fichi, il tutto accompagnato con della spuma di olio Evo e limone.

Presente alla serata Alfonso Sarno, ex funzionario della Soprintendenza per i beni storico-artistici di Salerno, avvocato, giornalista e già curatore della rubrica gastronomica per il gruppo L’Espresso e autore del libro “Note di Cucina Salernitana”.

Presente anche Rosa Pepe laureata in scienze agrarie e impiegata presso il CREA, Centro di Ricerca per l’Orticoltura di Pontecagnano (SA), dove si occupa di recupero, e valorizzazione della biodiversità orticola e viticola.

Ovviamente non poteva mancare alla serata la presenza della Pastry chef e maitre chocolatier Giulia Capece, che con attenzione ha supervisionato i vari step della composizione del dolce.

Presenti alla serata alcune aziende partner della serata come il caseificio Tenuta Chirico di Ascea, il pastificio artigianale Re Cilento, Emy Agricola di Emmanuele Sicignano, L’Alveare del Cilento di Giuseppe di Feo, Alici di Menaica di Donatella Marino, Malandrino Oleificio Serra Marina S.r.l., Molini Pizzuti S.r.l. e Tenuta Macellaro winery.

La chef Anna Orlotti ha coccolato il palato degli ospiti con:
un antipasto composto da ricottina di vacca, mozzarella al profumo di mortella, prosciutto crudo e montanarina fritta guarnita con salsa di pomodorino giallo;

Un primo composta da tubetto rigati conditi al pomodoro di Gusto d’Autore e basilico;

Un secondo realizzato con spezzatino cilentano di maiale e patate;

Il dolce realizzato da Denise “Dolce Cilento” per chiudere la serata.

Il tutto accompagnato dall’ottimo Ripaudo, vino di Tenuta Macellaro.

La serata è stata moderata dal giornalista Alfonso Sarno.

Ufficio Stampa:
Enrico De Nigris

FIANO LOVE FEST, EVENTO ‘PLASTIC FREE’ PER LA CANTINA DI ANGELO SILANO 

Fiano Love Fest

 

È tutto pronto per la decima edizione del ‘ Fiano Love Fest ’. L’evento enograstronomico che da venerdì a domenica 4 agosto farà rinascere il centro storico del Comune di Lapio. L’edizione 2019 è dedicata alla luna e all’ecosotenibilità, ed è per questo che il viticultore Angelo Silano ha deciso di evitare l’utilizzo della plastica durante i giorni della festa per lanciare un segnale forte nel processo di affermazione della cultura ‘plastic free’ nelle nostre vite. Si tratta di un piccolo, ma importante primo passo portato avanti dall’azienda agricola biologica ‘Feudo Apiano’ e dalla vineria ‘Aperifiano’. Questa tre giorni sarà un evento nel rispetto dell’ambiente, tutte le forniture saranno compostabili e biodegradabili, per evitare danni al territorio e al contempo, diffondere la cultura del riciclo delle materie. 
I vini bio del viticultore Angelo Silano si potranno degustare presso lo stand ‘Feudo Apiano’ in piazza Sant’Antonio (all’ingresso del paese) e presso la vineria ‘Aperifiano’, in via Roma. Da una selezione di Fiano DOCG all’Aglianico DOC, dal Taurasi Riserva 2009 a uno spumante di Fiano metodo classico, e anche un passito di Fiano. Ma non è tutto: cocktail alcolici o analcolici classici o rivisitati, bevande alla frutta e finger food di qualità, tutto rigorosamente biologico. 
Il marchio Feudo Apiano infatti, nasce a Lapio nel 2011, ma in realtà la passione e la gestione dei vigneti da parte della famiglia Silano si tramanda da ben tre generazioni. A seguire sia la parte agronomica che quella enologica è il giovane Angelo Silano, classe 1984, dottore agronomo, enotecnico e tecnologo alimentare. «Da anni le nostre vigne seguono una conduzione naturale – sottolinea l’agronomo Angelo Silano – non usiamo pesticidi, stimoliamo la biodiversità ed operiamo secondo le regole dell’ecosostenibilità e dell’agricoltura biologica. Questa sensibilità ci imponeva un’azione anche sul tema della plastica. La nostra azienda guarda a un futuro diverso con un grande rispetto per la terra e per l’ambiente».

UFFICIO STAMPA 
ROSY CEFALO

Saranno 34, tra chef, maestri pizzaioli, pasticcieri, maître che si alterneranno sul palco di LSDM nelle due giornate del congresso (martedì 1 e mercoledì 2 ottobre) in programma a Paestum, nei bellissimi spazi del Savoy Beach Hotel. Temi etici e futuro della cucina, questa la traccia lanciata da Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori di quello che ormai da dodici anni è uno degli appuntamenti più attesi nel calendario degli eventi enogastronomici internazionali.

LSDM

“Possiamo dire – sottolineano Guerra  e Sapere – che questa è la prima versione di LSDM con un taglio gastro-umanista. Nel senso che, pur non mancando come è ovvio che sia una costante attenzione agli aspetti tecnici, abbiamo però voluto approfondire alcune tematiche a nostro giudizio fondamentali nella ristorazione attuale e, ancor di più, in quella dei prossimi anni”.

Un’ideale prosecuzione rispetto al decalogo del cuoco, al centro dell’edizione 2018 di LSDM, che già aveva puntato i riflettori su alcuni problemi etici che contraddistinguono l’attività dello chef dei giorni nostri. Un argomento delicato che, nel corso di LSDM 2019, si arricchirà di ulteriori suggestioni, ponendo quesiti che, è facile immaginare, avvieranno serrate dialettiche.

“Il tema principale verte sulla libertà del cuoco di fronte alle nuove e sempre più sentite sensibilità – continuano i due ideatori – Libertà di scegliere qualsiasi materia prima, senza limiti di spazio e di compatibilità ambientale oppure libertà di interpretare, anche grazie all’utilizzo delle moderne tecniche, il comune sentire in ambito etico e ambientale proponendolo nei propri piatti”.

In effetti, anche da parte dei consumatori, è sempre più avvertibile l’esigenza di guardare alla materia prima non più soltanto in riferimento alla qualità e al gusto della stessa ma anche, se non soprattutto, in relazione all’aspetto salutistico e al rispetto ambientale. Un cambiamento di prospettiva che già di per sé offre diversi spunti.

L’inaugurazione sarà affidata ad Ernesto Iaccarino, che sarà accompagnato dal giornalista e saggista Pino Aprile. Ci saranno altre sorprese nelle moderazioni che saranno annunciate in seguito.

Spunti che verranno approfonditi nel corso delle due giornate di Paestum che comunque promettono di affrontare anche altri temi, a partire dai grandi cambiamenti in atto nell’ambito della cucina d’autore tra passato, presente e futuro, focus della prima giornata. E l’elemento transgenerazionale caratterizza anche la scelta degli ospiti di questa edizione dove alla presenza di alcuni dei padri nobili della cucina italiana si alternerà quella di una nouvelle vague sempre più presente e in grado di caratterizzare stili e tendenze. Saranno proprio i giovani a contraddistinguere la seconda giornata del convegno con un tema, “Il futuro della ristorazione italiana”, di notevole appeal.

LSDM 2

Tornando alla giornata di martedì 1 ottobre, da non perdere l’approfondimento “Italia fuori dall’Italia” che vedrà protagonista un vero e proprio dream team di chef italiani che rappresentano ai massimi livelli la nostra cucina nel mondo. Giornata inaugurale che si concluderà con un attesissimo focus sulla pizza e su 5 dei premi speciali assegnati da 50 top pizza.

Mercoledì 2 ottobre, come detto, grande spazio alle giovani leve della cucina d’autore italiana. E finale tutto da vivere con una selezione di straordinari maestri italiani e internazionali che chiuderanno nel migliore dei modi il congresso.

“Riteniamo di aver messo a punto un programma di altissimo profilo, visto il valore delle tematiche e l’importanza degli protagonisti sul palco – concludono Barbara Guerra e Albert Sapere – al quale abbiamo voluto aggiungere un significativo plus. Quest’anno l’accredito non sarà libero ma vincolato a una donazione di 50 euro per le due giornate. Donazione che verrà effettuata direttamente sul conto corrente del Parco Archeologico di Paestum, nell’ottica di una collaborazione sempre più stringente tra mondo della cultura e quello del cibo.

 www.lsdm.it

Il programma

 

LSDM 2019, tema: il futuro della cucina, etica, sostenibilità, estetica

 

Martedì 1 ottobre 2019

10.45    Inaugurazione

I grandi cambiamenti nella cucina d’autore, passato presente e futuro

11.00     Ernesto Iaccarino a Pino Aprile

11.30     Moreno Cedroni

 

L’Italia fuori dall’Italia

12.30     Umberto Bombana (Hong Kong)

13.30     Massimiliano Sena (Svizzera)

13.30     15.30     Pausa

15.30     Giovanni Passerini (Francia)

16.00     Nello Cassese (Brasile)

16.30     Danilo Cortellini (Inghilterra)

17.00     Mario Gamba (Germania)

17.30     Grarrison Price e Riccardo Orfino (Stati Uniti) e Peppe Guida

Pizza e futuro

18.00     Lorenzo Sirabella, Salvatore Lioniello, Pier Daniele Seu, Denis Lovatel, Ciro Salvo

 

Mercoledì 2 ottobre 2019

10.30    Presentazione 50 top Italy

Il futuro della ristorazione italiana

11.00    Marco Ambrosino

11.20    Davide Caranchini 

11.40    Gianluca Gorini

12.00    Matteo Metullio

12.20    Karime Lopez Kondo

12.40    Oliver Piras e Alessandra del Favero

13.00    Chiara Pavan e Francesco Brutto

13.30     15.30   Pausa

Sala e dintorni

15.30    Mariella Caputo, Stefania Giordano, Matteo Zappile

Cucina e futuro, dove andremo?

16.00    Salvatore Tassa

16.30    Antonia Klugmann

17.00    Bruno Verjus

17.30    Jaques Genin

18.00    Mauro Uliassi

18.30    Alain Passard

 

UFFICIO STAMPA 

MGLOGOS 

CHIUSA LA FASE WEB DEL CONTEST # PIZZAWARD. ECCO I NUOVI TREND DEL MONDOPIZZA: TRADIZIONALE O INNOVATIVA, MA CON PRODOTTI TIPICI LOCALI, E ATTENZIONE ALL’AMBIENTE.

AL VIA IL 1° VIDEOCONTEST SULLA PIZZA

pizzAward

Chiusa la fase web della quarta edizione del contest internazionale # pizzAward di MySocialRecipe, che come ogni anno rivela i trend del mondo pizza. Si registra un  ritorno alla tradizione, esaltando le tipicità locali. Tendenza non solo italiana, ma internazionale, come la pizza dal Kazakistan che vede tra gli ingredienti principali l’acqua dei monti del Caucaso, il fiordilatte di Amalty, e un mix di pomodori locali.
In Italia, da Nord a Sud, trionfa la classica mozzarella di bufala campana, assieme ad altri ingredienti, quali il fiordilatte di Agerola, le tante varietà di pomodoro, i tartufi, le alici di Menaica, ed anche burrata e stracciatella pugliesi, pistacchio di Bronte, speck trentino, Gorgonzola, Pecorino, Prosciutto di Parma, Parmigiano Reggiano, guanciale di Amatrice, proprio per ricordare e rivendicare l’eccellenza dei tanti prodotti nostrani.
E così i maestri pizzaioli propongono le loro creazioni originali o le rivisitazioni delle pizze più tradizionali, con una grande attenzione alla scelta ed alla qualità degli ingredienti per dare vita ad un prodotto eccellente, e sempre più attento all’ambiente.
Qualità ottenuta attraverso una ricerca accurata delle farine per gli impasti, ma soprattutto dalla scelta di prodotti tipici del territorio di provenienza, che diventano quindi il nuovo leitmotiv, ed un richiamo forte alle origini, sia nelle pizze più tradizionali che in quelle più innovative.
Una competizione che si gioca a colpi di impasti sempre più ricercati, ingredienti di qualità, uniti a creatività e competenza, che saranno ora valutati dalla giuria di giornalisti enogastronomici ed esperti del settore, composta da: Anna Scafuri (giornalista RAI)che torna a ricoprire il ruolo di presidente, e con lei Giuseppe Cerasa (Le guide Repubblica), Alessandro Circiello (chef della FIC e personaggio televisivo), Patrizio Roversi (conduttore televisivo) e Scott Wiener (foodblogger USA).

I dieci finalisti, le cinque migliori proposte tra le pizze ispirate alla tradizione e le cinque migliori proposte tra le pizze di innovazione, si scontreranno in una gara live il 26 novembre a Napoli per scegliere la migliore interpretazione della tradizione e la pizza più originale del 2019.
E non finisce qui, infatti a partire dal 1 agosto e fino al 31 agosto 2019, parte il primo “videocontest # pizzAward” ed i pizzaioli da tutto il mondo avranno l’opportunità di assicurarsi un invito per la serata finale del contest pubblicando sul proprio profilo Facebook un video dal tema “La mia pizza in 30sec”, taggando mysocialrecipe con hashtag #pizzAward2019.

L’iniziativa è sostenuta da La Fiammante, Scugnizzonapoletano, Adhoc cash&carry, Sorì, Molino Caputo, San Benedetto, Olitalia e il Consorzio del Parmigiano-Reggiano Dop.
Mediapartner Alice TV, Il Mattino, LucianoPignataro Wine Blog, Italia a Tavola, Pizza&Core e Ristonews, Sala&Cucina.
Partner del contest sono Event Planet food, e AIS Associazione Italiana Sommelier, CuArtigiana, la Scuola Dolce&Salato e Castaldi Group.

Per info: contest@mysocialrecipe.com

 

Ufficio Stampa 
press@mysocialrecipe.com

www.mysocialrecipe.com 

TOP 20 DELLE MIGLIORI PIZZERIE

GOURMET DELLA CAMPANIA:

IL FUTURO DELLA PIZZA ABITA QUI

Pubblicata dall’Accademia dei Maestri Pizzaioli Gourmet la selezione delle migliori pizzerie per buongustai della regione. L’appuntamento si ripeterà ogni anno e già si sta lavorando alla Top per le altre regioni

top 20

Impasti e ingredienti ricercati, cura e attenzione ai particolari. Ma anche tanta originalità e creatività per realizzare prodotti di eccellenza. La Top 20 delle migliori pizzerie gourmet, selezionate dall’Accademia dei Maestri Pizzaioli Gourmet, restituisce alcuni dati di tendenza, una vera e propria radiografia dello stato attuale di un mondo, che sta diventando un universo sempre più ampio. Il primo elemento è quello della ricerca. Sta sempre più avanzando l’idea di lavorare sulle materie prime di qualità, a cominciare dalle farine. Il recupero delle integrali è generalmente condiviso e questo incide direttamente sulla qualità degli impasti, che risultano più ricchi di sapore, digeribili, e anche salutari. Da questo al lavoro sui topping il passo è breve. E su questo i 20 pizzaioli Gourmet della Campania si sono davvero sbizzarriti. Soluzioni intriganti, attraversano in lungo e in largo ingredienti tra i più disparati e, a volte, imprevedibili e stuzzicanti.

Le pizzerie scelte sono state sottoposte ad una dura selezione a cominciare dagli impasti. Altro parametro di giudizio del gruppo di selezionatori di AmpGourmet, tra i quali alcuni esperti dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Campania e Lazio, è stato rivolto alla scelta delle materie prime, tutte di primissima scelta, ma anche al felice abbinamento tra di esse. Infine la cottura, l’arte del pizzaiolo, quella che alla fine rende eccezionale una pizza al punto tale da accontentare i palati più esigenti, in grado di avvalersi del titolo di gourmet. L’iniziativa si avvale della collaborazione del marchio Olivarte al quale l’Accademia si affianca per la grande qualità dei prodotti.

In una parola il mondo della pizza gourmet avanza a passi da gigante, parallelamente al prodotto tradizionale di cui è figlia naturale. AmpGourmet annuncia inoltre che la Top 20 Campania è solo la prima di altre che seguiranno in seguito, e che allargheranno il campo anche alle altre regioni italiane fino ad ottenere una Top delle migliori pizzerie d’Italia.

La selezione delle Top 20 Campania è disponibile sul sito dell’AmpGourmet https://www.ampgourmet.com/top-20.

Ufficio stampa

Sabatino Di Maio

L’Antica Pizzeria da Michele in the world lancia un video contro gli stereotipi: 

con la pizza si può fare impresa

The wolves of Forcella è il titolo dell’ironico video lanciato in contemporanea mondiale e  prodotto dalla Factory Fatelardo di Egidio Cerrone – Puok

antica pizzeria

A Napoli si può fare impresa a livello mondiale con i prodotti tipici del territorio, senza scadere negli stereotipi e mantenendo alta la qualità. È questo il messaggio che lancia L’Antica Pizzeria da Michele in the world con un video ironico dal titolo “The wolves of Forcella”, che richiama il celebre film diretto e prodotto da Martin Scorsese.

Alessandro e Daniela Condurro, general manager de L’Antica Pizzeria da Michele in the world, insieme alla casa di produzione Factory Fatelardo, di Egidio Cerrone – Puok, hanno voluto sottolineare un messaggio chiaro, che auspica un cambiamento rispetto agli stereotipi sulla pizza napoletana. Niente più mandolino, Pulcinella e pizza: nel mondo è tempo di lasciare spazio all’imprenditoria in questo campo, che mantenga un taglio manageriale.

Il pizzaiolo si toglie il ‘mantesino’ e indossa la giacca da manager per puntare al mondo che ancora non conosce le eccellenze campane. Abbiamo deciso di condividere la nostra idea attraverso un video ironico che potesse arrivare a tutti” afferma Alessandro Condurro. “Come Michele in the World, abbiamo in programma circa trenta aperture nel mondo, nel prossimo quinquennio” continua Daniela Condurro.

La Michele in the world continua così la sua corsa al mercato mondiale, attualmente dominato da marchi internazionali come Pizza Hut, Domino’s Pizza Papa John’s, puntando al target di clientela dei grandi franchising, che vantano oltre 11mila locali, e mantenendo la stessa qualità della pizzeria madre di Forcella.

Interesse e curiosità sono stati dimostrati dalle centinaia di migliaia di visualizzazioni del video, che si contano nei pochi giorni dalla pubblicazione sui diversi profili de L’Antica Pizzeria da Michele in the world, con le sue sedi in tutto il mondo, da Londra a Barcellona fino alle ultime nate, a Los Angeles e Dubai.

Da Napoli parte dunque la sfida alle multinazionali della pizza per il prodotto simbolo, ora al centro di un concetto di vera e propria ‘impresa’ partenopea. La scommessa della Michele in the world non guarda alla sola realtà locale, ma al mondo, con la qualità già nota al grande pubblico e un team giovane e pronto a tutto.

UFFICIO STAMPA 

Emma Di Lorenzo

 

Contatti:

info@micheleintheworld.com

www.micheleintheworld.com

— 

In provincia di Caserta, con precisione nella frazione di Vairano Scalo, un luogo particolarmente ricco di storiasituato nella valle del fiume Volturno e all’ombra del vicino monte Mateseun posto dove le tradizioni della cucina popolare e le ricette tipiche locali allietano, con un effetto decisamente ”terapeutico”, la fame e la sete di tutti coloro che si siedono a tavola, non senza un pizzico di motivata curiosità! Parliamo dell’ “Osteria del Baccalà” di Antonio Ruggiero. 

Antonio Ruggiero, un veterano della scuola di cucina, protagonista indiscusso della tradizione culinaria casertana, apre le porte della sua osteria dal tono volutamente “dimesso”, grossolano, dove l’imperfezione è d’obbligo, soprattutto a tavola “perché così facendo vado ad esaltare il prodotto servito e lo faccio in un modo provocatorio che fa inevitabilmente cultura” – dice orgoglioso il padrone di casa. In un ambiente rustico, arredato in modo pittoresco, e con un servizio casereccio, incoraggiato anche da abitudini insolite, ma decisamente sane, come quella di mangiare con le mani, ogni giorno l’osteria Ruggiero presenta la sua specialità: il baccalà. 

“Piatti elaborati, perché preparati bene ma in fin dei conti molto semplici, che saziano la pancia” – così definisce le sue prelibatezze a base di baccalà, Antonio Ruggiero, e aggiunge – “Nella mia osteria preparo solo gli antichi piatti della tradizione, quelli buoni che, una volta assaggiati, ricorderai per tutta la vita perché ti lasciano delle sensazionie ti danno una gratificazione soprattutto fisica, lasciandoti in uno stato di totale appagamento culinario”. 

baccalà

Il Fil di Ferro, un primo piatto bianco, semplicissimo, preparato con gli ingredienti principali della cultura gastronomica mediterranea ma con l’aggiunta di un tocco, sicuramente unico nel suo genere. Non il classico piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino; bensì, una pasta di semola di grano duro trafilata in bronzo servita  “non  del tutto cotta ma giustamente croccante, solo quando ha raggiunto il punto di cottura immediatamente precedente a quello che solitamente definiamo al dente”. E poi c’è l’immancabile baccalà, un prodotto tipico della tradizione culinaria casertana, che Antonio Ruggiero seleziona personalmente per garantire ai suoi clienti solo il meglio: “Scelgo solo baccalà di origine islandese, un pescato fresco di qualità superiore, e cucino principalmente il mussillo, la parte più alta e dal giusto spessore, non tanto grande ma pregiata, che si staglia, e solo per questo il pezzo più bello”. 

Nell’osteria del baccalà, l’accoglienza ha il suo perché. Antonio Ruggiero propone ai suoi ospiti un aperitivo fuori del normale, originale, una provocazione inattesa ma significativa. “Un olio che è semplicemente succo di oliva di qualità eccellente, prodotto nel territorio casertano, e non si tratta di un condimento; non c’è grasso, nessuna traccia di unto” – così il professore Ruggiero descrive la sua chicca culinaria, e continua – Non si beve, si mangia. Quando lo assaggi ti stimola inevitabilmente l’appetito, facendoti venire l’acquolina, e prepara il palato ad assaporare i pasti successivi. Ti lascia la bocca fresca e il ricordo di aver mangiato un’insalata mista perché ha delle caratteristiche organolettiche precise, naturali come la nota amara e piccante dell’erba fresca”. 

baccalà

A casa Ruggiero “l’iniziativa dello chef suscita la curiosità del commensale che viene così incoraggiato ad assaggiare” le tante varianti di baccalà realizzate con ingredienti soprattutto locali per esaltare il territorio nazionale: “Piatti semplici e giusti anche nella quantità, che è comunque abbondante, perché così li puoi gustare dall’inizio alla fine” – dice Antonio Ruggiero. Il trancio di baccalà cucinato in bianco, tenero e saporito, condito con il succo di limoni profumatissimi e accompagnato da un’insalata di rinforzo ricca di verdure di stagione; ifilettone fritto e poi cotto in salsa di pomodoro rosso con l’aggiunta del peperoncino piccante o imussillo alla carrettiera, cotto rigorosamente a bassa temperatura e insaporito con aglio, olio e peperone crusco, che, insieme alla scarola riccia aggiunta a crudo e alle olive nere, conferisce al piatto una gustosa fragranza.  

Ai palati più esigenti, Antonio Ruggiero propone un vero e proprio tour enogastronomico da fare stando comodamente seduti a tavola e in compagnia degli amici di sempre.

Un percorso sensoriale, ribattezzato la “baccaliata”, l’ appuntamento fisso in programma una volta al mese, durante il quale è possibile gustare ben sei portate tutte a base di baccalà, accompagnandole con un buon bicchiere di Moscato secco proveniente da Terracina. Il segreto per assaporare ogni singolo boccone di queste bontà è quello di mangiare esclusivamente con le mani e senza alcuna eccezione, proprio come ha fatto la principessa Giulia Ferrara Pignatelli che, in compagnia di altri nobili, ha rinunciato volentieri alle posate dimostrando di apprezzare molto soprattutto il ben noto Fil di Ferro. “Devi godere di tutto, anche dell’atmosfera che crea una sensazione e diventa una terapia. Il cibo, il mio baccalà è una terapia, uno scacciapensieri, che ferma letteralmente il tempo consentendoti così di riappropriarti di tutti i tuoi sensi, perché smetti di immaginare, di vedere solo un buon piatto; ora puoi finalmente assaporarlo” – dice il professore, con una consapevolezza degna di un grande chef. 

Non c’è che dire, il baccalà di Antonio Ruggiero mette inevitabilmente di buon umore: tanto di cappello! 

Felicia Mercogliano