Chopstick prati: un originale all you can eat

L’all you can eat giapponese con una marcia in più

Nella frenesia quotidiana che caratterizza le nostre routine cittadine ha sempre più preso piede un modo diverso di concepire la pausa pranzo o il momento after work con colleghi ed amici. Tra il proliferare dei take away e gli all you can eat che spaziano dal panino classico e l’insalatona e gli healty food predomina sempre di più la voglia di staccare non soltanto dalla frenesia lavorativa, ma anche con la mente, raggiungendo posti lontani ed esotici.

Il Giappone nel piatto

Tra bowl hawaiane e avocado riproposto in tutti i modi, quello che viene sempre più richiesto dai palati sopraffini è l'”all you can eat” giapponese, ma di qualità. E’ così che nasce scoppiettante la quarta sede della catena dell’all you can eat giapponese “Chopstick”.

“Non chiamiamolo sushi d’asporto”, ci spiega il preparatissimo e creativo direttore della sede di Via dei Gracchi, Filippo Rutigliano: “Quando si entra da Chopstick l’ idea è quella di voler fare sognare, volare via con la mente verso paesi lontani, con i suoi sapori ed i suoi odori; ogni piatto è ben lontano dall’ idea del semplice all you can eat perchè oltre all’ abbondanza si dà la priorità alle materie prime e alla creatività.

Trionfo di colori e stilosità

Entrando da Chopstick ci si immerge immediatamente in una dimensione magica. Fantasy e colori:torniamo di nuovo bambini, percorrendo le sette diverse sale che compongono i 700 metri quadri del ristorante. All’ingresso ci accoglie il dehors esterno sorprendendoci con una grande giraffa nera stile jungle; “Ma la magia prosegue all’interno, trasferendo in una realtà tridimensionale chiunque percorra il corridoio..”- continua Filippo. Ogni saletta è una storia a sè, cosi da immergersi in più luoghi pur rimanendo nello stesso ristorante: “Ci si può sedere su un tatami rivisitato o farsi cullare da un’ altalena mentre si assaporano i nostri piatti“, ci racconta il direttore dalle idee inesauribili.

Emozioni nel piatto

La creatività e la voglia di distinguersi dal classico “all you can eat” giapponese si legge in ogni piatto del menu chopstick: sushi, shashimi, ma anche contaminazioni :le tartare di tonno e mango, fiori di zucca fritti con salmone, gli uramaki di gambero fritto, i teppanyaki (pesce e carne scottati o cotti in salse speziate), gli uramaki rolls arricchiti dalla morbidezza della philadelphia, il tartufo che non ti aspetteresti nei rolls… tu chiamale se vuoi, emozioni.

Dulcis in fundo arrivano poi le coccole zuccherose che non ti aspetti; “Ho voluto rispolverare i dolci che non si vedono più spesso nei menù“- racconta Filippo. “In primis la zuppa inglese, dolce da me molto amato, che evoca ricordi e sapori provati da bambini ma anche la ricotta e pere. Il tutto da degustare insieme ad un ventaglio di distillati da bar mixologist di prim ordine: si abbassano le luci, è l’ora del “fumo lento”: viene offerto un sigaro d’accompagnamento , e l’anima si appaga.

Chopstick Prati

Via dei gracchi 264 – 3463230063

Aperto sempre

Asporto e Ristorante

The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.