Pizzeria ristorante Umberto, nel cuore di Chiaia dal 1916

La pizzeria ristorante Umberto, nel cuore di Chiaia, da più di 100 anni è un luogo in cui gustare la tradizione nella città partenopea.

La storia

La pizzeria ristorante Umberto, nel cuore di Chiaia, esiste dal lontano 1916, quando Umberto Di Porzio, il fondatore, scese dalla collina promontorio di Posillipo, noto quartiere di Napoli, per aprire una piccola Trattoria-bottiglieria con sua moglie Ermelinda.

L’idea era quella di proporre una buona cucina e buoni vini direttamente dalle botti in un luogo che, a quei tempi, era poco più di una spiaggia piena di caserme dell’esercito Reale.

Oggi è una moderna impresa a vocazione familiare, dove molti dei principali ruoli in azienda sono svolti dai componenti della famiglia. Si fregia non a caso, coi suoi 107 anni di Storia, del titolo di Centenaria, ed è membro dell’Unione Pizzerie Storiche Centenarie di Napoli.

Nel 1997 assunse il ruolo di amministratore il nipote di Umberto, Massimo Di Porzio, che insieme alle sorelle continua, come quarta generazione, a mandare avanti la storicità della pizzeria ristorante Umberto.

Proprio la storicità, insieme all’attenzione per la cucina del territorio e all’ospitalità, contraddistingue la pizzeria Umberto dalle altre attività ristorative in zona. Infatti, come afferma Massimo Di Porzio: “Puoi sempre cucinare bene, ma conta tantissimo anche il modo in cui presenti e servi quel piatto. Inoltre il fatto di sapere di essere accolti bene, soprattutto se si hanno degli ospiti, fa una differenza enorme”.

L’attenzione al territorio della pizzeria ristorante Umberto

L’attuale gestione dei fratelli Di Porzio ha fatto in modo che la pizzeria ristorante Umberto diventasse un mash up perfetto di tradizione e innovazione. Pronta ad incontrare la tecnologia e la modernità, senza mai dimenticare le proprie radici e la propria provenienza.

“Siamo riusciti nel corso degli anni, attraverso il duro lavoro e l’impegno a trasformare il vecchio nell‘antico e vi assicuro che sulla percezione dei clienti fa una grande differenza!”.

Ma a fare la differenza dei loro prodotti è soprattutto l’attenzione e la ricerca delle materie prime del territorio. Vengono utilizzati molti dei presidi Slow Food campani e partenopei, perchè essi credono fermamente nella loro valorizzazione e nel fatto che la loro conoscenza possa aiutarne la produzione.

Due esempi sono rappresentati dalla “torzella” che era scomparsa dalle tavole e dai campi, e dalla salsiccia rossa di Castelpoto, che rischiava di scomparire.

La tipologia di pizza

L’impasto delle pizze è quello classico napoletano, composto da acqua, farina, sale e lievito naturale, prodotto da loro stessi. La farina utilizzata è quella di grano tenero di tipo 0, con l’aggiunta di una piccola percentuale di farina 1 macinata a pietra. La stessa che utilizzano per nutrire il loro lievito naturale. La scelta di utilizzare il lievito madre è data dal fatto che questo apporta all’impasto tantissimi benefici, dalla digeribilità, all’aromaticità e al gusto.

Riguardo ai topping e alle farciture, nella pizzeria ristorante Umberto, vengono utilizzati il fiordilatte e la provola di Agerola, la mozzarella di bufala campana DOP, i pomodorini del Piennolo e il pomodoro San Marzano DOP, nonché le verdure di stagione.

Particolare attenzione è data alla stagionalità delle verdure: “Sono più buone, costano di meno e aiutano la buona agricoltura”.

La tradizione attraverso la pizza

Attraverso le pizze di Umberto è possibile degustare la tradizione culinaria partenopea. Ne sono un esempio quella alla Genovese, al baccalà e allo Scarpariello.

Tutti e tre sono piatti di origine borbonica, con profonde radici storiche nella gastronomia partenopea, così come la pizza napoletana stessa.

Lo Scarpariello, in particolare, è una delle pizze più apprezzate da Massimo:“Per me le pizze napoletane devono avere pochi ingredienti, se vogliamo valorizzare il gusto dell’impasto”.

Le prospettive future

L’obiettivo della quarta generazione Di Porzio è quello di diffondere sempre più il marchio Umberto anche all’estero, come accaduto con un’altra pizzeria storica Centenaria, ovvero Da Michele, così da portare il giro per il mondo le ricette di famiglia, custodite gelosamente.

Per farlo sarà necessario formare la generazione successiva, quella che dovrà essere in grado di portare avanti l’attività, affrontando le difficoltà e accettando i grossi sacrifici che questo lavoro propone giornalmente.

La ricompensa sarà rappresentata dall’orgoglio di ospitare generazioni di napoletani e non a tavola, con tutti i legami, le emozioni, le gioie e le sofferenze che un’antica ed onorata casa sa offrire”.

Pizzeria Ristorante Umberto

Via Alabardieri, 30, Vico II Alabardieri, 11, 80121 Napoli NA

Orari: Mar-Dom 12:30-15; 19:15-23:30

Lun 19:15-23:30

Contatti: 081 418555

Instagram

Facebook

Sito Internet

Tripadvisor

The following two tabs change content below.

Melissa Piccione

Melissa, siciliana. Sono una sommelier AIS e WSET, laureata in Scienze della Comunicazione e studentessa di Scienze filosofiche, con un Master in Giornalismo Enogastronomico. Le mie passioni? Vino, cibo e scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *