Andrea Pansa, proprietario con i fratelli della storica Pasticceria Pansa, risponde alle nostre curiosità

Nel cuore della costiera amalfitana a strapiombo sul mare, Amalfi è da sempre meta rinomata per i turisti italiani ed internazionali. L’attrazione è il suo patrimonio non solo culturale ed architettonico ma, soprattutto, culinario. Proprio nell’affascinante e storica Piazza Duomo, dinanzi alla caratteristica fontana dedicata a Sant’Andrea posta al centro della Piazza e accanto all’imponente scala della Cattedrale arabo – siciliano, sorte un altro monumento storico della città: la Pasticceria Pansa.

La Pasticceria Pansa è un’azienda di famiglia fondata nel 1830 da Andrea Pansa, che nonostante le naturali vicissitudini e lo scorrere inesorabile del tempo, che ha portato con se visibili trasformazioni, ha mantenuto un proprio stile, un proprio marchio di riconoscimento, dall’arredamento ottocentesco alle sue prelibatezze che ancora risentono della mano dei Padri fondatori.

Ad oggi il locale è di proprietà di Andrea Pansa e dei suoi fratelli Nicola e Maria Raffaella, rappresentanti della 5° generazione. L’impegno della famiglia Pansa nel rispettare e mantenere, nel tempo, i valori originari, lo si riscontra nel riconoscimento ricevuto nel febbraio del 2001 con l’iscrizione all’albo dell’associazione culturale dei “locali storici d’Italia”.

La loro storia ha inizio 191 anni fa, nel 1830. Il fondatore è il trisavolo, Andrea Pansa omonimo del proprietario che gestisce con il fratello Nicola e la sorella Maria Raffaella la società. É quindi una storia tramandata da padre in figlio che i proprietari sperano di poter proseguire con i loro figli, che nonostante la piccola età proviamo già a inserire nel contesto facendogli respirare l’aria della pasticceria e qualche volta coinvolgendoli negli eventi di cui siamo protagonisti. Ovviamente è una scelta libera che un domani spetterà a loro.

I prodotti

L’azienda agricola è sempre esistita poiché è ubicata nel cuore di Amalfi, precisamente nella Valle dei Mulini, e con la famiglia, prettamente nel periodo estivo trascorrevano lì le loro giornate. Il terreno dell’azienda si estende per un rettato e mezzo su cui sono stati piantati 1800 alberi di limoni, che permettono una produzione, in base alle annate, che varia dai 500 ai 600 quintali di limoni all’anno. Il limone è il prodotto più importante, chiaramente.

Il limone essendo il prodotto di riferimento, la maggior parte dei prodotti più importanti hanno come base proprio l’agrume. Parliamo della Delizia, della scorzetta, i pasticcioni con la crema di limone e tanti altri nostri prodotti tipici. In particolare, la delizia è il dolce rinomato insieme alla Santa Rosa che nasce nel Monastero di Santa Rosa ubicato a Conca dei Marini, a pochi Km da Amalfi. 

Proprio in onore di questi dolci, ogni anno, a cavallo tra settembre e ottobre, organizziamo un evento “Santa Rosa Pastry Cup“, a cui partecipano i migliori pasticceri d’Italia e negli ultimi anni anche stranieri. L’evento consiste nello sfidarsi a colpi di fruste per la realizzazione della Santa Rosa. Ha riscosso grande successo, la prossima sarà la 10° edizione, non vediamo l’ora.

I rapporti con la materia prima

La materia prima è al centro del progetto. Non si può dare vita ad un dolce di qualità senza avere una base di qualità. Abbiamo la fortuna di vivere in un territorio che regala alcune delle migliori materie prime in Italia, come il limone di Amalfi, che loro, facendo parte del Consorzio Costa d’Amalfi, utilizzano nell’ azienda Igp. A questo aggiungono: la nocciola di Giffoni, la noce di Sorrento, l’albicocca del Vesuvio, i fichi bianchi del Cilento. Il tutto viene selezionato in prima persona grazie ad un rapporto diretto che si è instaurato nel tempo con i produttori con i quali hanno contatti diretti con i contadini di fiducia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.