Armando Pascarella , il giovane pastry chef di Polvica che sorprende con le

sue creazioni artigianali.

Il 15 dicembre la degustazione dei panettoni di Amando Pascarella

 

Quando si arriva a Polvica, un piccolo centro a vocazione agricola che si trova a Sud del comune di San Felice a Cancello, sul versante opposto di Monte Sant’Angelo al confine con Nola, e si chiede della pasticceria Primavera tutti sanno indicare dove si trova perché è l’unico laboratorio dolciario di questo piccolo centro conosciuto per l’artigianalità e la freschezza dei prodotti che troviamo al banco. Unico e solo, situato al civico n. 87 di via Polvica, la strada principale di collegamento con il Cis di Nola, l’Interporto Campano, il Vulcano Buono e ancora, con l’Alenia Aeronautica. Il laboratorio (pasticceria Primavera), nasce dodici anni fa con la gestione familiare, dove da alcuni anni ha preso le redini in mano il secondogenito Armando Pascarella , dopo gli studi alberghieri ed un Master di Pasticceria conseguito presso una delle scuole più importanti e qualificate del Centro Sud Italia (Dolce&Salato) e dopo diversi corsi di specializzazione e stage con maestri lievitisti, tra cui Aniello di Caprio.

Per lui le parole d’ordine sono tradizione, precisione, passione, ricerca e territorio, pulizia estetica e gustativa, Armando Pascarella lo scorso mese di settembre è stato il vincitore del Contest  “I Sapori della Filiera” dell’edizione 2019 del Bufala Fest con  una crostata realizzata con pasta frolla alle mandorle, cremoso al caramello, confit di mela annurca e mousse di ricotta di bufala e, a gennaio, lo vedremo protagonista, con la scuola con cui si è specializzato, al Sigep di Rimini (Salone Internazionale di pasticceria e gelateria), con un’altra sua innovativa creazione che non si discosterà molto dalla tradizione, così come piace lavorare a questo giovane pastry chef destinato ad una lunga e brillante carriera.

“I sogni nel cassetto sono tanti – racconta – ora devo lavorare sodo e continuare a studiare perché la pasticceria è una materia in continua evoluzione e voglio specializzarmi nei lievitati – ed aggiunge – presto mi piacerebbe spostarmi di poche centinaia di metri con il laboratorio per mettere in piedi qualcosa di innovativo e molto accogliente per questo paesino che mi sta dando tanto e per migliorare anche i miei spazi di lavoro”.

Molto apprezzati sono i suoi biscotti classici all’amarena, vanno a ruba ed è molto bravo anche con i prodotti da prima colazione di cui presto ne parleremo, ma ora visto che il Natale è alle porte, vogliamo soffermarci su quanto ci offre, a partire dai panettoni artigianali tra cui, il tradizionale milanese ed uno al caffè e cioccolato bianco che sta avendo un notevole successo, non manca quello all’albicocca pellecchiella del Vesuvioai frutti di bosco e alla mela annurca di cui il territorio è ricco. Interessante anche i mostaccioli che hanno una lavorazione diversa dal solito appresa da uno dei suoi maestri, che non troviamo solo nella versione classica al cioccolato fondente, ma anche nelle versioni ripiene. A tutto questo si aggiungono i roccocò, gli struffoli, la pastiera, le cassate, i raffaiuoli e tante altre prelibatezze di cui, alcune innovative che Armando preparerà proprio nei giorni prossimi alle festività natalizie.

La sua è una di quelle storie che affascinano per il coraggio di rimanere in un piccolo centro senza il desiderio di andare altrove per seguire i suoi sogni e poi per una determinazione non comune e soprattutto se pensiamo al suo pilastro principale: coltivare gli ingredienti che utilizza per i suoi dolci, questo un altro progetto che inizierà a sviluppare l’anno che verrà. Intanto, si sta preparando per domenica 15 dicembre per una degustazione di  panettoni, tutti da raccontare, da assaggiare e di altre specialità che ha in riserbo per i suoi ospiti.

Ufficio Stampa

Antonella D’Avanzo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *