Articoli

Vasinicola a Caserta: tra sapori e tradizione.

Grande successo per il primo evento targato K’AMACommunication.

La pizzeria trattoria Vasinicola a Caserta ha aperto le sue porte per una serata dedicata alla stampa e ai foodblogger. Tantissimi ospiti hanno potuto assaggiare la sua cucina dove le tradizioni partenopee hanno regnato incontrastate con il loro sapore inconfondibile.

Vasinicola ha aperto a Caserta solo da qualche mese ed è già un punto di riferimento non solo per gli abitanti, ma anche per i tanti turisti che ogni giorno fanno visita alla Reggia. La loro principale peculiarità è proprio quella di far riscoprire i sapori di una volta, riprendendo le vecchie ricette delle nonne.

Vasinicola

Siamo partiti con un assaggio di pizze, quali la “Montanara sbagliata” e “‘A dummeneca” e con un tris di antipasti, che ha visto protagoniste le polpettine al ragù, il pancotto con friarielli e fagioli e la frittata di Genovese. Piatti poveri, ma ricchi di sapore. Si è proseguito con altri due piatti forti della nostra tradizione culinaria come la Pasta, patate e provola e la Genovese.

Il tutto servito in pentole d’alluminio con canovacci arrotolati ai manici. Per finire in bellezza il migliaccio, tipico dolce napoletano. Le birre che hanno accompagnato la degustazione sono state gentilmente offerte dalla MBA micro birrificio artigianale.

Vasinicola, storia e informazioni

La storia di Vasinicola inizia a Napoli, quando Marco Colasanti e Massimiliano Penna decidono di aprire una piccola pizzeria da asporto in Via Manzoni. Il successo, poi, ha portato Marco Colasanti ad allargare gli orizzonti e così insieme a Fabio Trama, proprietario di “E’ divino” di Capri, il 29 settembre 2017 viene inaugurata la pizzeria trattoria di Caserta. All’inaugurazione presente anche Biagio Izzo, simbolo della napoletanità contemporanea.

Il locale è curato nei minimi dettagli: ogni angolo fa pensare a Napoli, dal ritratto di Maradona ai panni stesi, dai peperoncini al panariello, a tutte quelle che un tempo erano le stoviglie.

Non dimentichiamo, però, che Vasinicola ancor prima di essere trattoria è anche pizzeria: tantissimi tipi di pizza, da quelle semplici e tradizionali a quelle un po’ più particolari come “’A dummeneca”, una pizza con cornicione ripieno di ricotta e polpettine fritte, base di ragù, provola e per finire polpettine e vasinicola. Ma questa è solo una delle tantissime pizze, che propone il menù.

Durante l’evento dedicato alla stampa è stata svelata una novità: ben presto Vasinicola approderà anche a Napoli, a Torre Ranieri, con una sala da 50 coperti, dove ci si potrà sedere comodamente e gustare le pizze e tutti i piatti della tradizione.

La pasticceria Seccia presenta l’evento “Chiacchierando ai Quartieri”

in anteprima l’aperisciù

“Chiacchierando ai Quartieri” è il primo evento dell’anno per la storica Pasticceria dei Quartieri e inaugurerà una lunga serie di appuntamenti impostati sul binomio arte e cibo, città e dolci tradizionali, visite e passeggiate tra i vicoli e le strade degli antichi alloggi delle truppe spagnole, fotografia d’autore e pasticceria napoletana.

pasticceria seccia

In questa cornice si inserisce infatti, nel pomeriggio dell’8 febbraio, la piccola esposizione fotografica dal titolo “Mitoraj a Pompei, volti e maschere senza tempo” delle fotografe Lidia De Campora e Francesca Cilento: due scatti che ritraggono, da angolature diverse, una delle tante sculture ospitate nel sito archeologico patrimonio dell’Umanità tra 2016 e 2017.

Sarà inoltre presentato alla stampa invitata e ai partecipanti il gioiello di Casa Seccia, un dolce unico a Napoli, che evoca le isole dei Caraibi al primo assaggio: gli Aperisciù, bignè rivestiti di craquelin e ripieni di crema al gusto di mojitopina colada e daiquiri.

l'aperisciu

Un tripudio di dolcezze, un’esplosione di sapori in cui la pasta choux rappresenta la città di Napoli, il craquelin è l’innovazione artigianale fatta di mandorle e nocciole, mentre le creme cocktail ci portano direttamente a Cuba e ai colori della sua bandiera. Un vessillo caro a Diego Armando Maradona, icona assoluta nei quartieri spagnoli e a cui fu dedicato il dolce dal pasticciere Francesco Seccia, in occasione della visita del calciatore al San Carlo per la cittadinanza onoraria.

Ai presenti sarà consegnato l’hashtag ufficiale dell’Aperisciù su post-it e ognuno sarà invitato a scattare foto o farsi un selfie con l’hashtag del bignè “latinoamericano” nel corso della serata, postandolo sulla nostra pagina Facebook, twittandola a  @secciadolcezze, linkandola su Instagram a @seccia_dolcezze_napoletane, o inviandola al nostro indirizzo Google Mail: pasticceriaseccia66@gmail.com.

Saranno pubblicate poi successivamente in album su Flickr, Facebook, e le più professionali singolarmente su 500px.

Una gara fotografica amatoriale che continua infatti anche dopo, sulle orme del famoso film francese “Il favoloso mondo di Amelie”, in cui il nano giramondo si faceva ritrarre davanti a monumenti o paesaggi di ogni continente per poi “spedire” la polaroid al papà di Amelie. Noi ci accontentiamo di Napoli e delle sue bellezze, e contiamo sull’estro di fotoamatori e appassionati che dovranno scattare con smartphone, tablet o reflex la foto di un panorama, di una chiesa, di una fontana o di un palazzo antico partenopeo con l’hashtag in primo piano su un qualsiasi supporto. La foto più bella, a nostro insindacabile giudizio, diventerà la copertina delle nostre pagine social dopo il 31 maggio, termine ultimo per aderire all’iniziativa “Aperisciù in città”.

Scattate, postate e scrivete #aperisciù!

White Tree con le birre artigianali  Bubala e Liburia a Gustus,

Expo professionale dei sapori mediterranei a Napoli.

White Tree Brewing, azienda brassicola casertana, ha partecipato alla quarta edizione di Gustus- Salone Professionale dell’agroalimentare, dell’enogastronomia e della Tecnologia. che si è tenuto alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 19 al 21 Novembre.

White Tree ha  presentato tutta la linea delle birre ma con una evidenza particolare a quelle nate dal progetto Agri memorie da Spillare, ovvero Liburia, Birra alla Canapa campana e Bubala, la prima birra stout  al mondo con siero di latte di bufala campana D.O.P. che tanto successo sta avendo non solo nel territorio campano.

Le etichette White Tree sono state ospitate in una postazione dedicata, all’ interno del grande  stand espositivo  della Regione Campania, insieme ad ad altre aziende del comparto agroalimentare campano che hanno superato apposita procedura di selezione, di cui due del mondo della birra artigianale.  Particolarmente importante questa quarta edizione di GUSTUS, l’Expo dei Sapori Mediterranei che quest’anno, ha ospitato ben oltre 50 eventi nei 3 giorni di lavoro tra dimostrazioni, esibizioni, performance, prove tecnologiche, corsi di formazione presso gli stand degli espositori e le sale convegni, con migliaia di operatori del mondo Horeca e della ristorazione che hanno avuto modo di incontrare le oltre cento  aziende espositrici provenienti da tutta Italia e non solo.  particolarmente di rilievo, all’ interno della mostra,  il Congresso nazionale della Federazione Italiana  Cuochi che ha visto la presenza di oltre 1000 chef italiani e stranieri.