VIAGGIO TRA SPECIALITÀ E SAPORI DELLA COSTIERA AMALFITANA

Il 1° aprile riapre l’Hotel Santa Caterina di Amalfi, pronto ad accogliere i suoi ospiti per una nuova stagione all’insegna del bel vivere e del relax

La Costiera Amalfitana è una magnifica dispensa di sapori e di paesaggi strabilianti, chi organizza un viaggio in questo tempio di naturale bellezza non può esimersi dal sedersi a tavola e degustare i piatti tipici dei paesi che abitano lungo questo tratto di strada meraviglioso. Dalle alici di Cetara alle melanzane con la cioccolata tipiche di Maiori, un tour enogastronomico in questa terra è un’esperienza unica da assaporare ammirando il bel panorama che si apre davanti agli occhi. Tra il mare e il cielo sempre azzurro della Costiera Amalfitana sorge l’esclusivo Hotel Santa Caterina, che riaprirà per la nuova stagione il prossimo 1° aprile, luogo ideale per vivere un soggiorno da favola e da cui partire per andare alla scoperta delle specialità e dei piatti tipici delle tappe più famose della Costa d’Amalfi.

La Costiera Amalfitana è un territorio ricco di cose da ammirare e colmo di squisitezze da provare ed assaggiare, è un luogo in cui la cucina ha un legame forte e indissolubile con il territorio: il giallo dei limoni si sposa alla perfezione con il verde intenso della natura circostante come fosse un dipinto perfetto. I limoni, sono il segno che contraddistinguono la Costa d’Amalfi, questo frutto oltre ad essere protagonista del bel paesaggio è anche l’attore principale di alcune ricette tipiche come il famoso limoncello, i babà, i gelati e persino dei ravioli ripieni di ricotta.

La cucina amalfitana è fatta di colori, profumi intensi, ingredienti genuini e contaminazioni di altri popoli antichissimi, queste contaminazioni le conosce molto bene Minori, che ha ereditato dalla tavola del popolo romano gli “ndunderi”, un particolare tipo di pasta fatta a mano simili agli gnocchi ma più grandi, preparati anticamente con il caglio, oggi sostituito dalla ricotta. Tipicamente gli “ndunderi” sono conditi con il ragù, ma possono essere accompagnati anche dal pesto, dal pesce e dai crostacei, una vera e propria goduria per il palato. “Gli abitanti della costiera sono dei pazzi, degli ubriachi di sole. Ma sanno vivere valendosi di unapage1image475676560

hotel-santa-caterina

forza che pochi di noi posseggono: la forza della fantasia” diceva il regista Roberto Rossellini a proposito di Maiori dove ha girato un episodio di Paisà. Sembrerebbe che al maestro del Neorealismo, durante le ripresegli venissero offerti dolci dai cittadini, tra tutti i “sospiri” e la “mulignana c’a’ ciucculata“. Queste ultime, melanzane con la cioccolata, sono una specialità tipica del ferragosto Maiori e si tratta di una sorta di parmigiana dolce a base di melanzane fritte, impanate ed immerse nella cioccolata, prima di essere servite vengono cosparse di mandorle, amaretti e cioccolato fondente. I sospiri, invece, sono dei dolcetti fatti con la pasta di mandorle ripiena di una squisita crema al limone. Maiori è bella da vedere e bella da “mangiare”, è un meraviglioso connubio tra storia, arte, paesaggi mozzafiato e prelibatezze culinarie tutte da gustare.

Proseguendo il tour enogastronomico non può mancare una tappa a Cetara, un borgo marinaro che si sviluppa attorno ad una piccola spiaggia. Questo comune Amalfitano è una bomboniera deliziosa dove il legame con il mare si respira ovunque, nelle case dalle mura colorate che si rispecchiano nell’acqua, nella pesca ancora oggi attività molto importante e anche nella gastronomia ricca e variegata grazie alla presenza abbondante di pesce. Il tonno e le alici sono le star dei piatti tipici della cucina di Cetara, durante la visita a questa cittadina non si può non fare una sosta golosa ed assaggiare la specialità di questo luogo: la colatura di alici che, nonostante abbia origine antichissime, è riuscita a mantenere intatti nel tempo il gusto e la bontà di una volta. Le alici vengono pescate in primavera, una volta pulite e lavate, il 25 marzo, alla festa dell’Annunziata, inizia il lungo processo di lavorazione della colatura che termina a luglio.

La Costiera Amalfitana è una terra esuberante, vivace, colorata e ricca di sapori intensi, è un luogo che ha saputo portare fino ai giorni nostri, un’infinità di ingredienti irresistibili. Tra i gioielli della Costiera Amalfitana, incastonato tra Amalfi Conca dei Marini sorge Praiano un piccolo borgo che seduce i visitatori non solo per i suoi panorami mozzafiato, per il blu intenso del mare, per le spiagge bianche e per i tramonti che sembrano non avere una fine, ma anche per la cucina, buona, originale e variegata capace di conquistare anche i palati più difficili. Qui i pescatori si sono specializzati nella pesca dei molluschi e soprattutto dei totani con i quali è realizzato il famoso piatto di Praiano: i totani alla praianese, cucinati insieme alle patate, aglio e olio, elementi semplici che offre la natura. Questo è un piatto tradizionale ereditato dagli antichi pescatori che sapevano unire egregiamente il pescato locale alla tradizione contadina, tutt’oggi molto amato sia dai turisti che dagli abitanti di Praiano.

La Costiera Amalfitana è un santuario di rara bellezza che ha tanto da offrire, oltre ai meravigliosi paesaggi, agli scorci indimenticabili, ai tramonti idilliaci permette di gustare piatti tipici con ingredienti e accostamenti antichi ed originali allo stesso tempo. Il Santa Caterina di Amalfi è il luogo ideale dove soggiornare per toccare con mano l’atmosfera magica che solo la Costiera Amalfitana è in grado di regalare. L’hotel, situato in una posizione suggestiva a picco sul mare e a pochi passi dal centro di Amalfi, dispone, tra l’altro, di due ristoranti panoramici, di cui uno stellato, dove poter degustare, assaporare e scoprire i prodotti genuini delle classiche ricette della cultura gastronomica amalfitana cucinate dalle sapienti mani dello chef Giuseppe Stanzione.

La magia dell’Hotel Santa Caterina
A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. Due ascensori scavati nella roccia o un sentiero di spettacolare bellezza portano gli ospiti attraverso agrumeti e giardini lussureggianti fino agli impianti a livello del mare, che comprendono una piscina con acqua marina, solarium, fitness centre, café/bar e ristorante all’aperto. La sera la magia continua nell’elegantissimo ristorante con una cena a lume di candela ammirando il suggestivo panorama di Amalfi illuminata dalla luna. E che dire della suite “Follia Amalfitana” con la sua minipiscina tonda con vetrata e vista mozzafiato sulla baia o della suite “Giulietta e Romeo” con terrazzino a picco sul mare e piscina privata a sfioro…
L’Hotel Santa Caterina ha 36 camere di tipologia standard, superior e deluxe e 13 tra junior suite, executive junior suite, suite e senior deluxe suite che si trovano nell’edificio principale. Inoltre, tra le Garden Suite, le dépendances “Villa Santa Caterina” e la “Villa il Rosso” nel lussureggiante parco si contano altre 17 camere e suite.
Da aprile 2022 si aggiungono alle sistemazioni offerte le Ville della Marchesa: un complesso di suites immerse in giardini pensili affacciati sul mare a pochi metri dall’Hotel Santa Caterina.page2image578851120

Dal 2019 l’offerta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Giuseppe Stanzione: le colazioni, gli snack, il Bistrot, l’elegante Ristorante fine dining Glicine che è stato insignito dalla Guida Michelin 2020 di una stella, con le vetrate affacciate sul panorama del golfo, e un menù più raffinato e personale con l’impronta dello Chef, il Ristorante Al Mare, aperto adesso sia a pranzo che a cena, con piatti più semplici e tradizionali e prevalentemente marinari. I due ristoranti panoramici dell’Hotel saranno quindi aperti entrambi la sera mentre il Ristorante Al Mare sarà aperto anche a pranzo. La Carta dei Vini offre un’accurata selezione di etichette italiane ed estere e una scelta produzione della Campania.

The following two tabs change content below.

Redazione La Buona Tavola

Ultimi post di Redazione La Buona Tavola (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.