caffè

Il caffè per molti di noi è un rito assolutamente irrinunciabile. Dopo l’acqua, è la bevanda più diffusa al mondo. Ogni giorno, in ogni angolo del pianeta, si consumano 1,6 miliardi di tazze di caffè.

Prima dell’invenzione della moka, il caffè in Italia era preparato esclusivamente con caffettiere di tipo napoletano. Il sistema migliore ancora oggi è considerato proprio quello “napoletano”, meno rapido della moka ma che conserva inalterato l’aroma.

caffè

Ma ora scopriamo insieme 7 curiosità sul caffè che vi stupiranno:

  • perché si chiama così?: Intorno all’anno 1000 alcuni commercianti arabi portarono dai loro viaggi in Africa dei chicchi da cui traevano per ebollizione una bevanda chiamata qahwa (eccitante), tradotto in turco kahve. C’è chi sostiene che il nome derivi invece da Caffa, regione dell’Etiopia dove cresce spontaneamente.
  • chi ne beve di più?: La risposta sempre banale, ma non lo è. Il Belpaese si colloca solo al 12°posto. Il primato spetta ai finlandesi con ben 12 kg l’anno ciascuno.
  • musa ispiratrice: Chi l’ha detto che solo una donna o un paesaggio può essere fonte di ispirazione? Il compositore Bach amava al tal punto il caffè da dedicagli una cantata –Kaffeekantate– eseguita a Lipsia nel 1732.
  • benefici alternativi: Non tutti lo bevono alla maniera tradizionale. Carlo d’Inghilterra, seguendo la cura Gerson, utilizza clisteri della preziosa bevanda energizzante come terapia anti-cancro.
  • anche gli animali lo adorano: Gli elefanti ne sono ghiotti. Mangiano le bacche di caffè come snack. I chicchi restano intatti nel processo digerente e vengono poi raccolti dallo sterco e lavorati per creare il Black Ivory– un tipo di caffè morbido e pregiato, che è anche il più caro al mondo (80 dollari a tazzina). Esiste anche il Kopi luwak, un caffè realizzato da bacche di caffè mangiate, digerite e defecate dallo zibetto delle palme asiatico, un piccolo mammifero a metà strada tra un gatto e un procione. I chicchi vengono quindi puliti e trattati e il caffè ricavato è il secondo più caro al mondo.
  • la bevanda del diavolo: Così veniva chiamato dalla Chiesa che si oppose fortemente alla sua diffusione in Italia. La sa colpa era evidente : rendeva più disinibiti anche gli spiriti più calmi e morigerati e quindi conduceva alla perdizione e all’abbandono dei sensi. La bevanda essendo stata per secoli consumata dai musulmani era chiamata anche Vino d’Arabia. Fu Papa Clemente VIII che riabilitò il caffè pronunciando la fatidica frase “Questa bevanda di Satana è talmente buona che sarebbe un peccato farla bere solo agli infedeli”.
  • può essere letale: La caffeina può uccidere. Bisognerebbe bere in un tempo ristretto (4 ore) 80 tazze dell’oro nero. Non proprio poche insomma.

Che sia mattina, pomeriggio o tarda sera, gli amanti del caffè non riescono mai a rinunciarci. Sapevate che Amoy propone tre diverse miscele di caffè a seconda del momento della giornata in cui si beve? Il “Morning” è una miscela dal gusto forte ma raffinato, ideale per dare la carica al risveglio. Il “Break“, invece, ha un aroma meno intenso e con un leggero retrogusto fiorato, perfetto da sorseggiare all’ora del tè. Il “Relax”, infine, è ideale da bere a tarda sera e presenta delle dolci note fruttate.

caffè

Se ti è piaciuto questo articolo, scopri la nuova rubrica dedicata alle “curiosità gastronomiche” presente nel nostro magazine.

Marianna Somma

The following two tabs change content below.

Marika Manna

Vivo persa nei libri. Amo le parole. Perché hanno "un effetto magico. Nel senso che hanno la capacità di forgiare il pensiero degli uomini. Di condizionare i loro sentimenti. Di dirigere la loro volontà e le loro azioni". Amo anche i punti. Molto. Segnano la fine ma l'inizio di una nuova storia.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *