torrone

Sapevi che il torrone è un dolce quasi mondiale? Infatti, quella italiana non è l’unica tradizione a vantarne la presenza. Se sei curioso di scoprire le altre versioni che esistono continua a leggere l’articolo.

Ebbene sì, il torrone esiste anche oltreoceano, naturalmente in varianti diverse dalla ricetta tradizionale italiana. In effetti, le origini del torrone non sono chiare, è difficile attribuire la sua paternità a quella o quest’altra nazione. Quello che sappiamo è che è stato capace di unire tradizioni e culture diverse in giro per il mondo. Ciò che dimostra una discendenza oltroceano del torrone è la sua traduzione dialettale, in particolare nella variante siciliana e campana. Infatti, i termini “cubbaita” in siciliano e “copeta” in campano (utilizzato specialmente nell’avellinese) ci offrono una chiave di lettura di questo prodotto meno italocentrica e decisamente più mediorientale, derivando entrambi i termini dall’arabo.

Ad ogni modo, dove e in quale forma ritroviamo il torrone? Ecco un elenco dei paesi che possono vantare una qualche specie di dolce molto molto simile al torrone:

  • in Francia, dove nell’antichità era prodotto con le noci prima che in Provenza venisse introdotta la coltivazione della mandorla;
  • In Spagna assume il nome di “turrón” – etimo molto simile a quello italiano – la cui origine più accreditata è quella dal verbo latino “torrere, tostare”,
  • In Perù, dove si preferisce la versione morbida, aromatizzata all’anice,
  • nelle Filippine il torrone consiste di un impasto di marzapane e anacardi, avvolto poi in una cialda bianca.
  • A Portorico il torrone è chiamato “turrón de ajonjolí” cioè torrone al sesamo e contiene, appunto, sesamo bianco e nero tostato ma anche cannella in polvere, succo di limone il tutto miscelato con zucchero di canna caramellato e miele,
  • A Cuba, infine, esiste il torron de maní, cioè torrone d’arachidi. Due sono le versioni di questo dolce: tenero, composto di arachidi tritate finemente e zucchero di canna e tagliato in barrette; duro, con arachidi intere tagliate in barrette e tenute insieme da un impasto di zucchero caramellato e miele.

E tu conosci altre varianti?

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social e seguici su Facebook!

The following two tabs change content below.

Marika Manna

Vivo persa nei libri. Amo le parole. Perché hanno "un effetto magico. Nel senso che hanno la capacità di forgiare il pensiero degli uomini. Di condizionare i loro sentimenti. Di dirigere la loro volontà e le loro azioni". Amo anche i punti. Molto. Segnano la fine ma l'inizio di una nuova storia.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *