Pasticcieri dal 1948 e Lombardi Pizzeria, il sogno dello chef Aniello Di Caprio divenuto realtà

Voglia di dolce o salato? Come insegna il nome della sua scuola di cucina, Aniello Di Caprio riesce ad accontentare tutti e fa arrivare la pizza in pasticceria: pasticcieri dal 1948 e pizzeria Lombardi

Il progetto di Aniello Di Caprio ha un team tutto familiare: Angela Lombardi, wedding e vetrinista; Cira Lombardi, capo pasticciera decoratrice; Michele Tedesco, responsabile acquisti e magazzino; suo nipote Francesco Tedesco, direttore e capo del personale; suo nipote Gianluca Tedesco, chef di cucina; sua figlia Michela Di Caprio, responsabile di sala pizzeria e bistrot; suo figlio Domenico Di Caprio, commercialista; e suo genero Alessandro Mango, lievitista pasticciere nonché responsabile dell’impasto pizza.

Tutto il lavoro viene svolto in un locale di 500mq, con altri 200mq di struttura mobile esterna: si tratta di un’attività che spazia dalla caffetteria lounge bar alla pasticceria, dalla gelateria alla pizzeria bistrot con 70 posti a sedere.

Aniello ha sempre avuto la passione per il disegno e quando iniziò ad appassionarsi anche all’arte zuccherosa – nel 1981 –, la mise in pratica applicandola nella decorazione delle torte: cominciò quindi a studiare attraverso corsi di aggiornamento nelle più prestigiose scuole italiane.

Nel 1996 insieme a Giuseppe D’Addio fondò la Scuola di Formazione “Dolce & Salato”: l’attività svolge tuttora corsi tematici, corsi amatoriali e master ed è accreditata con la Regione Campania.

Aniello di Caprio quest’anno si è classificato primo in diversi concorsi: Panettone World Championship 2023; miglior panettone tradizionale del mondo 2023; miglior panettone al cioccolato del mondo 2023; miglior panettone innovativo salato del mondo 2023.

Le materie prime e il ricco menù che spazia tra il dolce e il salato

Aniello cura personalmente la scelta delle materie prime, utilizzando per la pizzeria il San Marzano DOP, il fior di latte di Agerola, vari tipi di olio extravergine di oliva tra cui l’Oro di Caiazzo.

L’impasto è preparato con farina di tipo 1, insieme a un prefermento, e oltre a realizzare pizze gourmet ci sono anche le pizze d’autore firmate da Domenico Iavarone e Giuseppe D’Addio. La sua clientela è soddisfatta e predilige le pizze bianche che meglio si prestano agli abbinamenti dello chef.

Per quanto concerne la pasticceria si sofferma su ingredienti base quali il Cioccolato Valhrona, i canditi di loro produzione, il burro superiore F.lli Brazzale, la farina della marca Agugiaro e Figna e le uova fresche dell’azienda Colella.

Obiettivi raggiunti, progetti futuri e curiosità natalizie

Il loro obiettivo sicuramente già raggiunto è stato proprio far nascere la pizzeria all’interno della pasticceria, creando un format completamente nuovo in un contesto lavorativo già molto intenso. Di progetti futuri ne hanno tanti ma preferiscono essere cauti, considerando che oggi non è facile gestire un’attività così complessa, seppur forti di una massiccia presenza della famiglia, sempre in prima linea all’interno delle operazioni di tutti i giorni.

Aniello svela che sul fronte natalizio hanno cominciato con largo anticipo, infatti nella carta dei dolci del menu invernale si può apprezzare già un mini pandoro al piatto che riscalderà i cuori in queste festività. Non mancherà il panettone, anche se stanno valutando come offrire la migliore esperienza ai clienti che già non vedono l’ora di poter assaggiare il panettone campione del mondo nella versione al piatto: questa enorme curiosità gli dà la carica giusta per affrontare gli ultimi 30 giorni dell’anno con serenità e con la consapevolezza dell’enorme lavoro che li aspetta.

Pasticcieri dal 1948 e Lombardi Pizzeria

Via Forche Caudine, 59 –   81024 Maddaloni (CE).

Sito web

Instagram

Facebook

Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina Instagram cuciniamobyanna le ricette di Anna

The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram @cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *