La travolgente aria di famiglia di “Nonnalò” a Mercato San Severino 

A Mercato San Severino (SA) Angela Caso, insieme a suo marito, ha dato vita a Nonnalò, un locale in cui sentirsi a casa e mangiare piatti genuini ricchi di gusto.

Nonnalò

Mercato San Sevrino è un piccolo paese della Provincia di Salerno, che si estende ai piedi dei monti Picentini, tra la valle del Sarno e quella dell’Irno.

Tra le vie di questo comune dell’entroterra campano è possibile scorgere un vero e proprio gioiellino Nonnalò.

Un ristorante pizzeria dall’aspetto elegante, che ti fa sentire subito a casa. Appena si attraversa l’ingresso, il cliente viene travolto dall’aria di famiglia.

Il locale è nato per volere di Angela Caso e di suo marito, che hanno deciso di farsi un regalo e dare vita a una realtà tutta loro.

Nonnalò

Mio marito – spiega la patron Angela Caso – ha sempre lavorato nell’ambito della ristorazione. Abbiamo fatto tanti sacrifici per gli altri. Quando abbiamo visto l’opportunità, l’abbiamo colta immediatamente. Per tale ragione, dopo aver passato una vita a rendere contenti gli altri, abbiamo deciso di farci un regalo e abbiamo aperto Nonnalò. Il nome del locale è molto particolare e ha una forte valenza emotiva. Esso ha lo scopo di ricordare una persona per noi molto importante, ovvero la zia di mio marito, di nome Loreta, soprannominata da tutti Nonnalò. Lei è sempre stata una luce nei momenti bui. Per tale ragione, quando era arrivato il momento di scegliere il nome del locale, non abbiamo avuto dubbi e abbiamo pensato immediatamente al suo soprannome”.

La cucina

Quella di Nonnalò è una cucina genuina, in cui si cerca di riportare alla memoria dei commensali i sapori dei pranzi domenicali passati in famiglia.

Vengono proposti i piatti della tradizione, reinterpretati in chiave moderna, utilizzando nuove tecniche come la cottura a bassa temperatura.

Nonnalò

Il mio desiderio – continua Caso – è far sentire a casa chiunque decida di entrare nel locale. Per me tradizione significa famiglia. Per tale ragione cerchiamo di coccolare i clienti sia con i piatti, sia nei modi con cui li accogliamo. Gestire un ristorante pizzeria è faticoso ma, quando vedo la felicità sul volto degli ospiti, la stanchezza svanisce. Appena un cliente si siede, gli offriamo immediatamente un prosecco e un entrée. Inoltre io giro costantemente per i tavoli, chiedendo se va tutto bene. A volte capita che alcuni ospiti si intrattengano fino all’orario di chiusura. Questo mi rende contenta, perché significa che essi sono a proprio agio, come se fossero a cena dalla nonna”.

Il menu cambia spesso in base alla stagionalità degli ingredienti.

Nonnalò

Vengono proposte le ricette classiche, ma cucinate e impiattate in modo contemporaneo, come per esempio il capocollo di maiale cotto a bassa temperatura, la parmigiana di patate e la salsa di peperone arrosto.

Le pizze sono tutte contemporanee, con un cornicione molto alto e pronunciato, a canotto, realizzate con il preimpasto biga, che poi viene lasciato lievitare per 24 ore.

Quando si chiede ad Angela Caso quale sia il piatto emblema del locale non ha dubbi e nomina proprio la pizza Nonnalò: “Questa è condita con lardo e pomodorini secchi. Una pizza dal sapore avvolgente, godurioso e intenso, che riporta la mente a quelle pietanze ricche di gusto che prepara la nonna”.

Indirizzo: Via Ferrovia 2, Mercato San Severino (SA)

Instagram: nonnalo_

Facebook: Nonnalò

The following two tabs change content below.

Matteo Cicarelli

Sono Matteo e sono laureato in Lettere Moderne e in Editoria e Scrittura. Fin da quando sono piccolo amo raccontare storie. La gastronomia è una delle mie più grandi passioni e adoro parlarne, anzi… scriverne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *