“Abraxas”, la continua polarità tra innovazione e tradizione flegrea in quel di Pozzuoli

Abraxas Osteria propone quotidianamente ai suoi avventori i prodotti locali lavorati con semplicità e maestria, dando vita a piatti che sposano tradizione e innovazione allo stesso tempo.

A Pozzuoli, nel cuore dei Campi Flegrei, una terra mitica in cui il fuoco della terra incontra il mare, c’è un’osteria dal nome molto singolare: Abraxas. Il dualismo insito nella caldera che la ospita è presente anche nel nome. Il proprietario Nando Salemme doveva scegliere il nome del proprio locale e l’illuminazione arrivò proprio mentre stava leggendo il libro “Demian” di Herman Hesse.

Abraxas – racconta il patron dell’attività – è una divinità che rappresenta la mediazione tra l’umano e il divino, ma soprattutto simboleggia l’unione tra il bene e il male. Quando ho compreso il significato di questa parola, ne sono rimasto affascinato e ho pensato che incarnasse appieno la filosofia che avremmo voluto proporre, ovvero quella di una costante polarità tra tradizione e innovazione”.

Il locale nacque inizialmente come wine bar con circa 30 coperti, insieme ai calici venivano serviti anche dei taglieri di salumi e formaggi e degli antipasti creativi. Gli avventori però chiedevano sempre più piatti. Per tale ragione, Abraxas, con il tempo, ha acquisito una forma differente, diventando una vera e propria osteria. Tutto ciò ha fatto in modo che anche la proposta culinaria cambiasse. Così la proprietà ha deciso di valorizzare i prodotti che offre il territorio, realizzando una commistione tra i piatti radicati nella cultura partenopea e le nuove tecniche di cottura.

La tradizione – continua Salemme – è il nostro bagaglio culturale: significa casa, e racchiude in sé tutti quei piatti che abbiamo sempre mangiato. Quei sapori e quegli odori che si percepivano nei pranzi domenicali. La nostra idea, infatti, è quella di partire dai prodotti semplici e locali e aggiungere un tocco innovativo. Non facciamo altro che attingere dalle ricette delle nonne e delle mamme e rivisitarle in chiave contemporanea”.

Azzurro Pozzuoli e Abraxas

Abraxas ha preso parte insieme ad altri 30 ristoranti e lounge bar al primo festival del pescato flegreo a Pozzuoli, ovvero la kermesse pelagica Azzurro Pozzuoli, e nello specifico alla serata Aperifish del 19 dicembre 2023 col meglio del pesce azzurro locale e dei vini flegrei. “Per l’evento del 19 dicembre scorso – spiega il patron di Abraxas abbiamo deciso di portare un finger food semplice che racchiudesse l’essenza del nostro locale: le alici alla Scapece. In qualsiasi casa del territorio flegreo si può trovare il classico barattolo di coccio bianco nel quale vengono messe a marinare le alici”.

Questa scelta non fa che rispecchiare il leitmotiv del locale: semplicità e trasparenza. Si può notare quest’ultima osservando il menu. Infatti, nella carta hanno deciso di indicare tutti i loro presìdi e di inserire anche l’elenco completo dei fornitori. “Il nostro desiderio è quello di stupire e affascinare i nostri ospiti, utilizzando e valorizzando gli ingredienti tipici del territorio e di stagione. Non esiste un piatto che si possa definire emblematico. Il menu cambia continuamente proprio perché amiamo usare prodotti freschi e stagionali. Ci sono però pietanze che racchiudono l’essenza della nostra terra e che non possiamo non proporre, come il casatiello flegreo o la salsa alla genovese con la pasta corta”.

Indirizzo: Via Scalandrone 15, Pozzuoli (NA)

Instagram: abraxas.osteria

Facebook: Abraxas Osteria

The following two tabs change content below.

Matteo Cicarelli

Sono Matteo e sono laureato in Lettere Moderne e in Editoria e Scrittura. Fin da quando sono piccolo amo raccontare storie. La gastronomia è una delle mie più grandi passioni e adoro parlarne, anzi… scriverne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *