ASSAGGI STELLATI E NUOVA IDENTITÀ PER L’OSTERIA PAGLIAZZA

Il bistrot del Brunelleschi Hotel diventa ancora più gourmet, un’anticamera del Ristorante Santa Elisabetta, due stelle Michelin

L’Osteria Pagliazza, al piano terra della Torre bizantina da cui prende il nome, sta vivendo una revisione totale: non solo della proposta gastronomica ma anche identitaria. Il cambiamento di menù è infatti una diretta conseguenza del mutato concept: l’Osteria Pagliazza si trasforma in un bistrot con una cucina che rispecchia quella del sovrastante ristorante stellato, in versione più easy e che include anche assaggi dei piatti più iconici del Ristorante Santa Elisabetta.

Il piano terra della Torre della Pagliazza nel Brunelleschi Hotel di Firenze è protagonista di un progetto di riorganizzazione e rilancio e si rifà il look, illuminato dalle due stelle Michelin del Ristorante Santa Elisabetta, situato al primo piano. L’Osteria Pagliazza e l’attiguo Tower Bar si rinnovano, intensificando i rapporti con il ristorante stellato. Il lavoro di squadra e lo scambio continuo da sempre sottolineati dall’Executive Chef Rocco De Santis, saranno ora evidenti anche nei menù di Osteria, Bar e Ristorante fine dining.

La cucina della Pagliazza è una sintesi intrigante e moderna della tradizione fiorentina e toscana, rivisitata con accenti contemporanei e fusion. Adesso nella sua carta si aggiunge il Corner Santa Elisabetta: “un assaggio dei piatti più iconici del nostro Ristorante stellato”.

Un altro elemento che collega Osteria e Ristorante stellato, è la carta dei signature cocktail, inediti e stagionali, che vengono creati nell’attiguo Tower Bar seguendo il mood dei piatti dello Chef Rocco De Santis e abbinabili ai piatti.

L’Osteria Pagliazza, chedurante la bella stagione ha anche tavoli all’aperto, e il Tower Bar diventano così un biglietto da visita, una prosecuzione o anticipazione di quello che avviene al piano di sopra, con proposte contemporanee e gourmet.

Menù Osteria Pagliazza

La novità della carta dell’Osteria è il Corner Santa Elisabetta, una sezione del menù che offre l’opportunità di avere un assaggio dei piatti più iconici del Ristorante stellato Santa Elisabetta. Un’occasione più veloce ed economica di poter degustare la cucina stellata del piano di sopra.

Include tre piatti e un dessert rappresentativi dell’estro dello Chef e della sua visione: Gambero, Panzanella, Caviale, Olive verdi; Bottoni, Provola affumicata, Seppie, Inzimino; Triglia, Pesto, Aglio, Cipolla. Infine il dessert Castagna e Mandarino.

Il Menù dell’Osteria è composto da piatti semplici ma sofisticati che ripercorrono la tradizione fiorentina e toscana e la abbinano a quella campana, sintesi felice che è il marchio di fabbrica dello Chef Rocco De Santis. Rispetto ai piatti del ristorante stellato, sono sicuramente più semplici, ma ne mantengono il carattere.

La Panzanella contemporanea è abbinata al Pescato del giorno, oppure la burrata è inserita nella Tagliatella ripiena, Pappa & Burrata, Bietola e Frutti di mare. Fra gli antipasti un intrigante e sibillino Seppia / Napoli / Tokyo / Firenze; fra i primi i profumati e aromatici Garganelli, Coniglio, Pomodori secchi e Olive nere, Cavatelli, Carciofi, Pecorino, Mentuccia; i secondisi dividono equamente fra mare e terra, ad esempio Ombrina, Broccoli, Olive verdi o la Guancia, Funghi d’inverno, Radicchio, Cime di Rapa.

Non mancano proposte veloci ma sfiziose come Tartare, Tuorlo d’uovo, Pepe verde, Capperi o un tagliere di Salumi e Formaggi, insalate, Club Sandwhich, o Buns, Cheeseburger di Chianina, Patate fritte.

Sono presenti anche due percorsi degustazione: un Menù di pesce e un Menù di carne da 4 portate l’uno.

Brunelleschi Hotel

L’ingresso del Brunelleschi Hotel si affaccia su una accogliente piazzetta del centro storico fiorentino,a pochi passi dal Duomo, da Palazzo della Signoria e dalla Galleria degli Uffizi: l’albergo è attorniato dalle vie dello shopping e dai musei più famosi della città. Il Brunelleschi Hotel ingloba nella facciata una torre semi circolare bizantina del VI secolo e una chiesa medievale, interamente ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche originali. All’interno, un museo privato conserva reperti rinvenuti durante il restauro della Torre e un calidarium di origine romana, oggi incastonato nelle fondamenta. Il Brunelleschi Hotel fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in uno stile classico contemporaneo estremamente elegante, dove predominano i colori chiari e il grigio della tipica pietra serena.

Il Santa Elisabetta è il ristorante gourmet dell’hotel, uno degli indirizzi gastronomici più interessanti su Firenze. È stato insignito dalla Guida Michelin dal 2021 della seconda stella; ha ricevuto due forchette  nella Guida dei Ristoranti d’Italia 2022 di Gambero Rosso e un cappello nella Guida gourmet de L’Espresso 2020. Situato in una sala intima con solo 7 tavoli al primo piano della torre bizantina facente parte dell’hotel, alla location invidiabile aggiunge un’atmosfera ricercata e una cucina raffinata. E’ aperto dal martedì al sabato a pranzo dalle 12.30 alle 14.30 e a cena dalle 19.30 alle 22.30. Dal 2017 la proposta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Rocco De Santis. 

La più informale Osteria Pagliazza, è situata al pianterreno dell’hotel e durante la bella stagione ha anche tavoli all’aperto sulla suggestiva piazzetta antistante l’albergo; propone un menu sfizioso di piatti dichiaratamente a base di ingredienti del territorio. Affianco all’Osteria si trova il Tower Bar, che propone cocktail inediti e personalizzati degustabili anche nel ristorante gourmet.

Brunelleschi Hotel

Via de’ Calzaiuoli – Piazza Santa Elisabetta 3 – 50122 Firenze

Tel. 055/27370 – Fax 055/219653

info@hotelbrunelleschi.it

www.hotelbrunelleschi.it

pastedGraphic.png

Ufficio Stampa Travel Marketing 2, Roma

Alessandra Amati Cell. 335 8111049

www.travelmarketing2.com

E-mail alessandra.amati@travelmarketing2.com

info@travelmarketing2.com

Seguici su facebook

The following two tabs change content below.

Redazione La Buona Tavola

Ultimi post di Redazione La Buona Tavola (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *