Chiacchiere croccanti e bollose

Manca poco a carnevale, quindi che ne dite di prepararci per tanta dolcezza croccante con le chiacchiere?

L’origine delle chiacchiere si perde nella notte dei tempi e viene fatta risalire all’antica Roma, dove erano chiamate “fritcilia” perchè fritte nel grasso di maiale. Questo viene prodotto in grande quantità in occasione dei Saturnali per resistere durante il periodo che nella tradizione cristiana equivale alla Quaresima.

Sono note anche come frappe, sfrappole, bugie, cenci, lattughe, galani, sprelle, crostole e così via.

Ciò che cambia di solito è il liquore che viene utilizzato per la preparazione in ogni diversa regione.

Una volta che si preparano, si cospargono con zucchero a velo oppure c’è chi le passa nel cioccolato sciolto a bagnomaria.

Ingredienti.

  • 300 gr di farina 00
  • 40 gr di zucchero
  • 2 uova medie
  • 60 gr di latte
  • 30 gr di burro fuso
  • 2 cucchiai di vino bianco (oppure rum, strega, grappa o altro liquore a scelta)
  • buccia grattugiata di un limone (oppure di un’arancia)
  • un pizzico di sale
  • 2 bustine di vanillina
  • olio di semi per friggere
  • zucchero a velo q.b.

Preparazione

In una ciotola mettere la farina ed aprirla a “fontana”, aggiungere lo zucchero, le uova, il latte, il burro fuso, vino bianco, buccia grattugiata

del limone non trattato, un pizzico di sale e la vanillina.

Amalgamare bene tutto fino a formare una palla compatta, avvolgerla nella pellicola e far riposare 30 minuti a temperatura ambiente.

Trascorsi i 30 minuti, stendere la sfoglia sottilissima, che quasi deve rompersi (se non si riesce con il mattarello usare la macchinetta tira pasta).

E’ fondamentale la stesura della sfoglia sottile per una buona riuscita, per ottenere appunto delle chiacchiere croccanti.

Ricavare quindi le chiacchiere e friggerle.

Importante: l’olio non deve essere bollente, devono friggere dolcemente, 2 0 3 per volta senza farle bruciare.

Appena si immergono in olio, inizieranno immediatamente a formarsi le bolle, girarle subito dall’altro lato per altri 2 secondi, non di più, altrimenti bruceranno.

Scolarle dall’olio in eccesso, far raffreddare e servire cosparse di zucchero a velo.

-chiacchiere-croccanti-e-bollose-
-chiacchiere-croccanti-e-bollose-
-chiacchiere-croccanti-e-bollose-
The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.