I Roccocò

Origine

I roccocò sono uno degli “ever green” delle tavole natalizie, soprattutto quelle partenopee. Si tratta, infatti, di un dolce a base di zucchero, miele e spezie, che viene comunemente preparato durante il periodo delle feste.

La loro origine risale al 1320. Come molti dolci della tradizione napoletana, anche questi vedono i propri natali in un convento e precisamente nel Real Convento della Maddalena. Furono infatti le suore del Convento a impastare per prime, una miscela di zucchero, miele, mandorle e arancia dando vita a questi dolcetti.

Per quanto riguarda l’etimologia del nome, questo sembra trarre ispirazione dal termine francese “rocaille”, “conchiglia” in quanto la forma la ricorderebbe, per l’appunto.

Tradizione dei Roccocò

Come sono, dunque, i “veri” roccocò napoletani?

Bisogna innanzitutto, partire dal “pisto”: una miscela di spezie (tra cui cannella e chiodi di garofano) indispensabile per questo dolce; dopodiché questi dolci della tradizione devono essere “duri”.

Questo perché inizialmente venivano “inzuppati” in vini o liquori, con il tempo poi si è persa questa tradizione e per questo, adesso, vengono notoriamente considerati degli “spacca denti”.

Inoltre, sempre per seguire la tradizione, questi dolci si iniziano a comprare, fare e/o regalare già a partire dall’ 8 dicembre e restano sulle tavole, a volte in cesti colorati e decorati, fino al 6 gennaio.

Oltre i roccocò, poi, non possono mancare i “susamielli”. Questi sono dei dolci a forma di “S” più morbidi e con una percentuale di miele più alta che al loro interno contengono sempre il pisto campano.

Ci sono poi, anche i “mustaccioli o mustacciuoli” dalla caratteristica forma a rombo, con un morbido impasto al cioccolato e ricoperti da glassa al cioccolato.

Insomma, i roccocò sono dei dolci immancabili durante il periodo di Natale e prepararli insieme o regalarli a qualcuno è un vero segno di amore!

i-roccocò-della-tradizione-
roccocò

The following two tabs change content below.

Simona Celentano

Sono un'appassionata di scrittura e libri. Mi interessa anche il cibo, specialmente ciò che riguarda le origini storiche e le tradizioni che accompagnano un piatto.

Ultimi post di Simona Celentano (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *