La colomba pasquale tra storia e leggende

Tradizionale dolce della Pasqua,  la colomba pasquale è conosciuta e consumata in tutta Italia. Deve il suo nome alla sua particolare forma che ricorda quella dell’uccellino simbolo di pace e portatore di bene e amore. Ma perché proprio una colomba? Ecco alcune leggende su questo simbolo.

Classica, gourmet, ricoperta e chi ne ha più ne metta, la colomba pasquale è un dolce protagonista di questo periodo e che racchiude il senso della convivialità e del calore famigliare tipico delle feste pasquali. Un impasto semplice, delicato grazie alle mandorle e alla glassa, un sapore unico e un profumo inimitabile: non c’è nessuno a cui non piaccia la colomba, anche nelle sue diverse varianti. Tuttavia, vi siete mai chiesti perché questo dolce tradizionale abbia proprio quella forma? Che questo uccelletto sia portatore di pace è chiaro, ed è risaputo che svariate leggende raccontino di come la Colomba ebbe un ruolo cruciale nella risoluzione di assalti, battaglie e incidenti diplomatici. Scopriamo l’origine di questo dolce che, come sempre accade, intreccia storia e leggenda.

Colomba Pasquale: tutte le leggende

Riportiamo tre versioni che sembrano spiegare il motivo della scelta di dare a questo dolce tipicolo la forma di una colomba. Quelle più accreditate e conosciute sono queste:

  1. La prima leggenda vuole che, a Pavia nel 610, durante il regno dei Longobardi, la regina Regina Teodolinda accolse dei pellegrini irlandesi guidati da San Colombano e organizzò un banchetto a base di carni pregiate e pietanze succulente al quale il santo rifiutò di presenziare. Non senza provocare qualche rammarico nei sovrani. Proprio per questo, per riportare la pace, il Santo benedisse la tavola imbandita e trasformò il cibo in Colombe bianche che, sotto gli occhi attoniti di tutti i presenti, si librarono in cielo.
  2. La seconda versione, ancora di Pavia, associa la nascita della colomba a un evento sfortunato. Nel 572 Il re Alboino, aveva assediato e conquistato Pavia. La popolazione, per evitare i saccheggi e i massacri, donò all’esercito delicati dolci a forma di Colomba che sciolsero i cuori degli invasori. Non solo fu evitato il saccheggio ma Pavia divenne anche la capitale del Regno.
  3. La terza e ultima versione vede la nascita della colomba durante la battaglia di Legnano, nel 1176, quando Federico Barbarossa fu sconfitto dai Comuni della Lega Lombarda. Durante l’attacco due colombe bianche si fermarono proprio sulle insegne della Lega, il qual gesto fu interpretato come augurio e celebrato creando dolci bianchi a forma di colomba.

E voi conoscete altre leggende? Se sì, lasciate un commento qui sotto per condividere con voi altre curiosità e miti legati alle nostre tradizioni culinarie. In ogni caso, siamo certi, qualunque sia la storia legata a questo tradizionale dolce, non c’è tavola italiana su cui, a Pasqua, non si posi una dolce colomba. Per altre curiosità visitate la sezione dedicata e seguiteci su facebook!

The following two tabs change content below.

Marika Manna

Vivo persa nei libri. Amo le parole. Perché hanno "un effetto magico. Nel senso che hanno la capacità di forgiare il pensiero degli uomini. Di condizionare i loro sentimenti. Di dirigere la loro volontà e le loro azioni". Amo anche i punti. Molto. Segnano la fine ma l'inizio di una nuova storia.

Ultimi post di Marika Manna (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.