Sbriciolata alle mele

Una buonissima alternativa alla classica torta, come protagonista c’è la mela che è originaria dell’Asia centrale.

Ricca di vitamine A, B e C, la mela è un buon depurativo, stimola la digestione e il succo può essere utilizzato come tonico della pelle.

Può essere usata tagliata a fette e con la buccia come un ottimo infuso che, oltre ad essere buono, è molto utile per chi ha infiammazioni intestinali, problemi reumatici, influenza.

Tra mille usi e mille benefici è proprio il caso di dire che “una mela al giorno toglie il medico di torno”!

Passiamo quindi a questa buonissima ricetta.

Ingredienti:

  • 4 mele
  • 80 gr di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di acqua
  • Il succo di un limone
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 350 gr di farina 00
  • 160 gr di zucchero bianco
  • Un uovo intero + un tuorlo
  • Mezza bustina di lievito per dolci
  • 170 gr di burro

Preparazione

Prima di tutto sbucciare e tagliare le mele a pezzetti.

In una padella antiaderente versare lo zucchero di canna, l’acqua e il succo del limone. Aggiungere le mele e la cannella e cuocere a fuoco medio per 10 minuti.

Spegnere e lasciare da parte a raffreddare.

Nel frattempo, in un contenitore mettere la farina con lo zucchero bianco, un uovo e un tuorlo, il lievito ed il burro morbido a temperatura ambiente.

Impastare il tutto con le dita fino ad ottenere un composto a briciole.

Prendere una teglia a cerniera, rivestirla con carta forno e versare metà dell’impasto compattandolo un po’, aggiungere quindi le mele cotte in precedenza e completare chiudendo con il resto dell’impasto.

Cuocere in forno già caldo ventilato a 170 gradi per 40 minuti oppure in forno statico a 180 gradi per 40 minuti.

Farla raffreddare, toglierla dallo stampo e spolverare con zucchero a velo.

E…buon momento dolce!

Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina Instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

sbriciolata-alle-mele-
sbriciolata-alle-mele-
The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Ultimi post di Annamaria Leo (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *