vino e torrone

Quale tipologia di vino è più adatto ad accompagnare il torrone? Ma soprattutto è un abbinamento perfetto o un connubio forzato?

Il torrone, pietanza prediletta soprattuto a Novembre e Dicembre, racchiuso in un’aurea leggendaria che va indietro nel tempo fino agli antichi romani e ai popoli del bacino del Mediterraneo. Un dolce originariamente dalla consistenza dura ma che col tempo si è lasciato ammorbidire e che, attualmente, è possibile trovare in gusti differenti: mandorle, nocciole, al cioccolato, al limone, al pistacchio.

Il torrone è un dolce che campeggia sulle tavole italiane soprattutto nel periodo natalizio: un ottimo fine pasto o un perfetto intermezzo, tra una chiacchierata e l’altra, da offrire agli ospiti. E se vi dicessimo che potete abbinare al torrone anche un buon bicchiere di vino? Certo, per alcuni potrebbe sembrare un azzardo ma, seguendo delle piccole regole, vi accorgerete che è possibile abbinare il torrone al vino per concordanza.

Torrone e vino: quale scegliere?

Se volete abbinare il vino al torrone, sappiate che vale una regola universale: i vini passiti dolci e aromatici rappresentano il connubio perfetto con il torrone. Infatti, qualsiasi vino “classico” non potrebbe reggere la carica zuccherina del torrone che, allora, necessita di un abbinamento per concordanza: cioè a “pietanza” dolce si abbina vino dolce!

Dunque, ai torroni con frutta secca, come le mandorle o le nocciole, abbina il Vinsanto: morbido e corposo con qualche nota balsamica. Ai torroni ricoperti di cioccolato potrete abbinare un vino rosso aromatizzato alla china, al rabarbaro e genziana: vini del genere sono ideali per torroni così ricchi che necessitano di un sorso corposo. Se, invece, preferite il nostro torrone aromatizzato al limoncello non sarà il caso di scegliere alcun tipo di vino, il connubio vino-limone è troppo forzato: prediligente il limoncello, dove ritroverete la concordanza gustativa non solo nella dolcezza ma anche nell’ingrediente principale utilizzato.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social e seguici su Facebook!

The following two tabs change content below.

Marika Manna

Vivo persa nei libri. Amo le parole. Perché hanno "un effetto magico. Nel senso che hanno la capacità di forgiare il pensiero degli uomini. Di condizionare i loro sentimenti. Di dirigere la loro volontà e le loro azioni". Amo anche i punti. Molto. Segnano la fine ma l'inizio di una nuova storia.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *