Baccalà fritto con crema di patate e verza saltata

Con semplici ingredienti si può ottenere un buonissimo piatto, come questo baccalà con crema di patate e verza saltata.

Un abbinamento che “accontenterà” molti palati!

Il baccalà è il merluzzo, preparato per la conservazione tramite un processo di salagione e susseguente stagionamento.

Come da decreto ministeriale il termine baccalà si riferisce unicamente al merluzzo nordico grigio e non va confuso con lo stoccafisso che è, invece, il merluzzo nordico bianco che è preparato tramite essiccazione senza l’uso del sale.

In Veneto c’è il piatto per eccellenza, ovvero il baccalà alla Vicentina ma, in quel caso, sono i Veneti ad usare il nome di “baccalà” nonostante la ricetta è preparata invece con lo stoccafisso.

In questa ricetta, oltre al baccalà che fa da protagonista, c’è una semplice crema di patate e la verza presentata in modo differente dalle solite minestre, ovvero saltata in padella con pinoli.

I pinoli (o pignoli) sono i semi eduli di alcune specie di pini. Di colore bianco giallognolo e di forma allungata, sono molto usati in cucina. Appena estratti dallo strobilo, volgarmente chiamato “cono” o “pigna”, i pinoli sono ricoperti da un involucro rigido.

Passiamo ora alla preparazione della ricetta!

Ingredienti per 2 persone

  • 2 pezzi di filetto di baccalà già ammollato
  • 3 patate
  • 600 gr circa di verza da pulire
  • olio evo quanto basta
  • olio di semi per friggere quanto basta
  • farina tipo 1 germe di grano per infarinare il baccalà
  • 2 spicchi di aglio
  • un pizzico di pepe
  • sale quanto basta
  • una manciata di pinoli

Preparazione

Prima di tutto mondare e pulire la verza e sbollentarla. Raffreddarla in acqua e ghiaccio.

In una padella con un filo di olio evo imbiondire uno spicchio di aglio con i pinoli ed aggiungere la verza.

Farla saltare a fuoco vivace per 10 minuti, regolare di sale e pepe e tenere da parte in caldo.

In un’altra padella, dai bordi un pò più alti, aggiungere un filo di olio evo e l’altro spicchio di aglio.

Farlo imbiondire, toglierlo dalla padella ed aggiungere le patate in precedenza sbucciate e tagliate a dadoni.

Farle andare per 5 minuti a fiamma alta, dopodiché aggiungere acqua calda a coprirle e lasciar cuocere a fiamma bassa fino a farle ammorbidire: il tempo di

cottura dipende anche dalla grandezza con cui si tagliano le patate, circa 15/20 minuti.

Passare quindi al mixer per ottenere una crema liscia, regolare di sale e pepe e lasciare da parte in caldo.

Adesso occupiamoci del baccalà già ammollato, semplicemente infarinarlo e friggerlo a fuoco dolce in olio di semi che non deve ricoprirlo totalmente ma per metà.

Per fare questa operazione, è preferibile un padellino piccolo dai bordi più alti così che non disperda troppo l’olio, senza doverne usare in quantità eccessiva.

A metà cottura girare il baccalà e farlo dorare da ambo i lati.

A questo punto siamo pronti per impiattare!

Mettere alla base del piatto la crema di patate calda, adagiare sopra il baccalà e di fianco la verza saltata e buon appetito!

Curiosità

La farina di tipo 1 contiene una maggiore percentuale di crusca e germe che sono le parti più ricche di sostanze nutritive del chicco di grano, infatti la

crusca è ricca di fibre ed il germe di grano è ricco di vitamine, sali minerali ed amminoacidi.

baccalà-fritto-con-crema-di-patate-e-verza-saltata-in-padella
The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Ultimi post di Annamaria Leo (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *