Biscotti: la felicità in un morso

Nascita dei biscotti

Immancabili nella dispensa, i biscotti, possono essere acquistati o fatti in casa. Ad ogni modo si tratta di una “coccola” irrinunciabile. Dobbiamo però ringraziare i Romani, se oggi possiamo gustarceli tranquillamente sul divano.

Le prime testimonianze sui biscotti risalgono a un cuoco della Roma Imperiale di nome Apicius. Questo imbastì un patto per l’esercito a base di frumento che prima cosse in forno e poi frisse; da ciò deriverebbe il termine “biscotto”, che in latino significa appunto “cotto due volte”.

Veniva chiamato anche “panis nauticus” (pane del marinaio) proprio perché a causa della sua cottura era adatto ad essere portato nei lunghi viaggi dei marinai, senza che andasse a male.

Inizialmente, comunque, si trattava di un impasto caratterizzato dalla forte presenza del miele. Solo quando inizierà il commercio delle zucchero, questo verrà introdotto nella ricetta insieme a tutte le altre materie d’importazione come frutta secca e cioccolato.

biscotti, cookies,
biscotti

Dai Biscotti ai Cookies

Oggi esistono innumerevoli tipologie di biscotti. Infatti se ne possono trovare diversi tipi, come ad esempio: i krumiri del Piemonte ( ispirati e “dedicati” ai baffi spioventi di Vittorio Emanuele II), o i classici frollini (in voga già a partire dal ‘700 e a base di frolla), o ancora i zaleti veneziani a base di farina di mais e uva passa… Tuttavia, oggigiorno la variante più in voga sono i cookies americani con gocce di cioccolato.

I Cookies devono la loro nascita a Missis Ruth Wakefield. La donna era solita a preparare dei biscotti al burro da servire ai commensali del suo locale in Massachussets negli anni ’30. Un giorno si accorse di aver finito uno degli ingredienti e decise di “sostituirlo” con una tavoletta di cioccolato semidolce, che fece a piccoli pezzi e mise nell’impasto. Il risultato fu che il cioccolato non si “sciolse” totalmente e ciò diede origine ai biscotti più famosi di tutti i tempi.

Data la notorietà della signora Wakefield e dei suoi cookies, Andrew Nestlé (il fondatore del noto brand) vide un aumento della vendita delle sue barrette semidolci di cioccolato e pertanto decise di avviare la produzione delle così dette “gocce di cioccolato o chocolate chip cookie”.

Idee e varianti

I biscotti sono quindi tra le ricette più facili e versatili che si possono fare. Ideali per uno snack veloce e divertente, per un thè, una festa o un pomeriggio passato all’insegna del relax, si possono fare in mille modi diversi.

Per esempio, all’impasto base di uova, farina, burro e zucchero si possono aggiungere non solo gocce di cioccolato (non solo fondenti, ma anche al latte e bianco), ma anche nocciole, mandorle, uva passa, frutta… Si può sostituire la farina, con quella integrale, o al posto dello zucchero si può utilizzare il miele come nei tempi antichi.

Si possono poi decorare in mille modi diversi (con la glassa, con zuccherini colorati, etc.) e si possono anche farcire con creme alla nocciola o burro d’arachidi o ancora con la marmellata. Insomma davvero non c’è limite alla fantasia e fare i biscotti vi ridarà sicuramente il buon umore!

cookies, gocce cioccolato,
cookies
The following two tabs change content below.

Simona Celentano

Sono un'appassionata di scrittura e libri. Mi interessa anche il cibo, specialmente ciò che riguarda le origini storiche e le tradizioni che accompagnano un piatto.

Ultimi post di Simona Celentano (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.