Circondato dalla natura e dai padiglioni di fieno, il ristorante pizzeria Batti la Paglia è un luogo dove provare a vivere un ritorno alle origini. Questa caratteristica vale sia per l’ambientazione piena di richiami al mondo campestre che per la cucina: un repertorio scandito dai prodotti naturali del territorio. Ubicato nel Cilento, poco distante dal comune di Battipaglia, il ristorante si caratterizza all’interno per un’estetica essenziale, dove è il legno a predominare insieme alle piastrelle dai tipici disegni delle ceramiche campane.

La pizza del Batti la Paglia, prodotto denso di artigianalità

Il locale si fa apprezzare per la qualità delle sue pizze, proposte secondo una versione aggiornata della classica pietanza partenopea. Pur lavorando con “un impasto diretto, lo stesso che permette di conseguire un prodotto pizza secondo tradizione”, come affermato dal pizzaiolo Fabiano Viscito, preponderante è l’attenzione verso le materie prime.

Ogni prodotto è accuratamente selezionato e risponde alle nuove esigenze di gusto del pubblico. “Il cliente è cambiato – afferma Fabiano Viscito – ha imparato a riconoscere i prodotti di qualità ed è in grado di generare cultura attorno al cibo. Un aspetto positivo dato che si diffonde una consapevolezza su quelli che sono i prodotti e cibi di qualità” ha proseguito il pizzaiolo di Batti la Paglia.

Dal punto di vista operativo dell’ arte bianca, secondo la prospettiva del pizzaiolo Viscito, è un mestiere intriso di artigianalità. “Si sperimenta un continuo confronto con le proprie capacità e il percorso di lavoro svolto. Il mondo della pizza ti fa comprendere che la vera sfida è con se stessi – ha affermato il pizzaiolo di Batti la Paglia – ogni giorno è fatto di nuovi obiettivi per raggiungere la massima qualità del prodotto”.

I primi piatti di uno chef di eccezione. Pura riscoperta del gusto

Da Batti la Paglia si percepisce una passione speciale da parte di tutto lo staff per il lavoro in ristorazione. In cucina, lo chef Alessandro Serafino mette in campo la sua passione per i primi piatti, che li interpreta con prodotti di eccellenza. Serafino utilizza la linea di pasta trafilata in bronzo di Antica Maccheroneria. Prodotto artigianale del distributore Jamonita, che lo chef esalta nelle sue preparazioni.

Uno dei cavalli di battaglia in cucina, dello chef del Batti la Paglia, è il pacchero ai pomodorini firmati L’Orto di Lucia e cacioricotta di Fattoria San Vito. Un altro piatto di successo dello chef Serafino è il risotto con taleggio di bufala, peperone crusco e germogli di piselli. Comune denominatore di questi piatti sono i prodotti forniti dalla storica azienda di distribuzione alimentari Jamonita, punto di riferimento per molti ristoratori campani.

Il ristorante pizzeria Batti la Paglia esprime la sua ospitalità cordiale e professionale in un ambiente di design all’avanguardia. L’esperienza viene resa ancor più speciale grazie a una cucina che risalta il vero gusto dei prodotti. Un’organizzazione capace di sorprendere il palato dei suoi ospiti in tutti i momenti della giornata.

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.