Delivery e dark kitchen: così è cambiata la cucina nell’era Covid

Niente vetrine, niente sala, niente servizio, niente ristorante: le dark kitchen sono il futuro della ristorazione? Chi può dirlo? Al momento, sembrano essere una valida alternativa nell’era covid.

Se è vero che anche da un terreno incolto può nascere un fiore perché è la volontà che muove le cose, e se è altrettanto vero che il Covid ha fatto a brandelli le nostre anime e le nostre menti è da quei pezzi che bisogna ripartire: elaborando nuovi sé, nuovi progetti per aggiustarsi.

Il comparto ristorativo ha dovuto adattarsi, farsi spazio nel mare magnum delle ingiustizie, sedendosi – delle volte non molto comodamente – in posizioni che prima non aveva pensato nemmeno di prendere in considerazione. Così, un po’ qua e là per combattere l’invisibilità – non solo del virus – sono nate le dark kitchen. Che però di oscuro non hanno niente. Le dark kitchen sono un trend diffusissimo, altrove. A Berlino, a Los Angeles, a Londra. Non in Italia. Dove, nonostante l’affanno, ci si arriva sempre dopo. “Dopo” una pandemia, ma ci si arriva.

E così, nel 2020 siamo scesi agli Inferi e siamo ritornati e – ahimè – non accompagnati da un affascinante Tom Ellis. E così il 2020 è stato l’anno dell’oscurità, quello che ci farà rabbrividire ogni volta ci sarà anche solo vagamente qualcosa che somigli a due venti attaccati, un orologio digitale che segna le 20.20, ad esempio.

Eppure, gli chef hanno aggiunto immaginariamente un’altra piega alla loro toque blanche: accanto ai 100 modi di cuocere le uova c’è anche un solo modo di fare cucina in un contesto turbolento tra mesi in lockdown, distanziamento, DPCM e restrizioni. Infatti, le logiche tradizionali del settore ristorativo basate sul servizio in sala sono state quasi totalmente surclassate da formule e modelli basati sulla delivery e naturalmente sull’asporto.

Una delle espressioni di questo cooking trend è, com’era intuibile, la dark kitchen. L’idea alla base è davvero easy peasy: cucine senza vetrine, senza sala, senza servizio…in pratica senza ristorante, pensate e progettate per consegnare il cibo on demand ordinando da remoto su piattaforme dedicate. Dunque, a reinventarsi non è solo chi materialmente fa cibo ma è anche la cucina esistente del suo ristorante.

Le dark kitchen fanno parte di un ben più grande concetto che è quello delle virtual kitchen che comprendono anche le cloud kitchen (uno spazio condiviso da più brand che lavorano così in co-working) e le ghost kitchen (in cui un operatore sfrutta un laboratorio dedicato in modo esclusivo alla delivery e non la cucina di un ristorante). Ma quanto ci piacciono questi prestiti linguistici?!

Il Covid ha cambiato tutto: le coscienze, i corpi, le menti, la scuola, il lavoro, i ristoranti, le pizzerie. Con essi anche i packaging, che ormai non sono più riducibili alla semplice scatola di cartone, scrigno geloso di una goduriosa pizza o di un sexy hamburger, ma si arricchiscono di soluzioni sempre più hi-tech e igienicamente sicure (vedi per esempio il sottovuoto pastorizzato o contenitori termici in grado di mantenere costante la temperatura). E non poteva essere altrimenti nell’era Covid, dove niente è uguale a prima.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social e seguici su Facebook!

The following two tabs change content below.

Marika Manna

Vivo persa nei libri. Amo le parole. Perché hanno "un effetto magico. Nel senso che hanno la capacità di forgiare il pensiero degli uomini. Di condizionare i loro sentimenti. Di dirigere la loro volontà e le loro azioni". Amo anche i punti. Molto. Segnano la fine ma l'inizio di una nuova storia.

Ultimi post di Marika Manna (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.