Ricetta pennette al salmone affumicato e pepe rosa.

Il salmone è forse il pesce più facile da cucinare e piace veramente a tutti, sia ai grandi che ai piccini. Oggi vi proponiamo un primo piatto molto veloce, perfetto per chi non ha molto tempo per cucinare o per una pausa pranzo di pochi minuti.

Ingredienti per 4 persone:

  • Pennette rigate 360 g
  • Salmone affumicato 150 g. ca
  • Aglio uno spicchio
  • Panna da cucina 200 ml
  • Vino bianco ½ bicchiere
  • Pepe rosa q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio evo q.b.
  • Burro 25 g

Procedimento per le pennette rigate al salmone

In una padella abbastanza grande sciogliete il burro e la stessa quantità di olio. Aggiungete uno spicchio di aglio e fate rosolare a fiamma moderata. Aggiungete il salmone affumicato tagliato a pezzetti. Aggiustate di sale e aggiungete il pepe rosa in grani. Fate rosolare per qualche minuto finché il salmone non avrà cambiato colore. In genere il salmone non ha bisogno di una lunga cottura. Sfumate con il vino bianco e fate evaporare. Una volta sfumato il vino aggiungete la panna da cucina e fate cuocere per qualche minuto. Nel frattempo cuocete la pasta, scolatela al dente e continuate la cottura in padella per uno-due minuti al massimo. A questo punto non vi resta che impiattare e servire.

Consigli:

Potete sostituire il vino con del cognac o eliminarlo per rendere il piatto adatto ai bambini.

Se questa ricetta ti è piaciuta, scopri tutte le altre! Condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!

The following two tabs change content below.

Amalia Vingione

Amalia Vingione è laureata in Lettere Moderne presso l’Università Federico II di Napoli e presso lo stesso Ateneo consegue la laurea specialistica in Filologia Moderna con indirizzo in Italianistica. Consegue un Master in Editoria e Comunicazione presso il Centro di Formazione Comunika di Roma. Attualmente lavora come Editor e Copywriter per diverse Case editrici e Giornali e si occupa di Comunicazione per enti e associazioni.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *