Con Giuseppe Errichiello la pizza raggiunge il “fine dining” nella torre più alta del Giappone 

Al Giappone, che mi ha dato tanto, voglio restituire indietro qualcosa e per farlo ho unito la mia esperienza di pizzaiolo all’Alta Cucina che ho sperimentato negli anni”. 

LA STORIA DI PEPPE ERRICHIELLO

Giuseppe “Peppe” Errichiello arrivò a Tokyo 18 anni fa grazie al primo grande amore della sua vita, sbocciato a Firenze durante il periodo della leva militare, da cui si è poi successivamente separato in terra nipponica (attualmente infatti Peppe ha un’altra compagna).

Si è fatto strada grazie alla sua passione e oggi conta 2 ristoranti e un terzo che inaugura proprio oggi nella capitale nipponica, di cui parla con grande orgoglio.

Il suo amore per la pizza è profondo e si intreccia con la sua infanzia, quando guardava con curiosità le mani dello zio Tonino lavorare la pasta al ristornate Number1 in provincia di Caserta.

Guardando lui sognavo di stare anche io dietro al bancone e, dopo aver fatto altri mille lavori, mi sono dedicato finalmente alla mia passione. L’amore per la mia ex moglie mi ha portato in Giappone – racconta il maestro pizzaiolo – dove ricominciai a intraprendere questo mestiere 18 anni fa. Al tempo trovare gli ingredienti non era facile, oggi è molto cambiato ed io ho la fortuna di poter scegliere la materia prima.” 

Per distinguersi Errichiello sperimentò, con l’aiuto del maestro lievitista Valerio Valle, degli impasti che sono diventati il suo tratto distintivo.

Sono tornato indietro nel tempo per avere una pizza più alta e più leggera e per farlo ho utilizzato prefermenti liquidi e solidi, biga e poolish – rivela –. Era una pizza che in quegli anni a Napoli non si faceva”. 

Parlando con lui traspare la passione mentre spiega il suo viaggio nelle regioni italiane per trovare i migliori produttori che possano regalare un’autentica esperienza. Anche a migliaia di chilometri da dove nascono gli alimenti.

I PRODOTTI E LE MATERIE PRIME

Latteria Sorrentina per le mozzarelle fresche, Solania per la salsa di pomodoro San Marzano DOP, l’olio evo pugliese del frantoio Muraglia e le farine del Molino Casillo: questi produttori sono la base per la qualità del suo prodotto, al quale lui aggiunge tutta la sua esperienza, la sua passione e la sua creatività. 

Non penso al mio successo ma a migliorare il prodotto, questo nuovo locale è il più grande investimento che abbia fatto in vita mia”, confessa Errichiello.

Una scommessa che in Giappone hanno accolto con piacere, concedendo a Ristopizza by Napoli Sta’ Ca’- così si chiamerà il nuovo locale – un posto nella torre più alta del Giappone, la Azabudai Hills. 

IL NUOVO RISTORANTE DI PEPPE ERRICHIELLO

Il nuovo ristorante si aggiunge ai primi due Napoli Sta’ Ca, in cui l’atmosfera rispecchia la sua crescita personale e professionale, man mano sempre più ricercata.

Le proposte sono quelle della Cucina partenopea di pesce e della pizza gourmet che nel suo nuovo progetto si elevano, unendosi ed ispirandosi alle Cucine stellate di Canavacciuolo e di Ainocchi, Molaro, Iavarone Fantin. Con questi ultimi tre ha avuto addiritttura l’opportunità e l’onore di un’esperienza diretta ai fornelli.

Nel suo nuovo ristorante vi saranno 40 posti a sedere, di cui 4 dedicati ad una particolare degustazione che costerà fino a 500 euro a persona.

Si potrà mangiare direttamente sul bancone davanti al pizzaiolo che per ogni spicchio di pizza avrà pensato a un assaggio unico, abbinato a vino o a un cocktail”, spiega Errichiello.

Ogni metodo di cottura della pizza troverà luogo e vi saranno pizze con cotture multiple i cui sapori sapranno incontrare anche quelli giapponesi. 

Se gli si chiede cosa lo spinge a lavorare ogni giorno con dedizione in questo settore, la risposta di Peppe è solo una: “La passione di migliorare me stesso”. 

E a quanto pare le sue tre attività ristorative di successo, diverse partecipazioni a campionati mondiali, al Pizza Village Trofeo Caputo sia come concorrente, sia come giudice di gara, nonché la presenza fissa sul podio della classifica 50 Top Pizza Asia (quest’anno è 23esimo in quella mondiale, la 50 Top Pizza World 2023), e i 3 spicchi Gambero Rosso confermati per il 2024, dimostrano che ci è riuscito egregiamente.

INDIRIZZI

Peppe Napoli Sta’ Ca’: Setagaya, Tokyo, Giappone 154-0011

Napoli Sta’ Ca’: Minato-ku, Tokyo, Japan 106-0041

Peppe Errichiello Instagram

Peppe Errichiello Facebook

foto copertine social e copertina articolo di Renato Aiello, contributi testo di Andrea Pravadelli e Renato Aiello, foto piatti e pizze fornite dal maestro pizzaiolo Giuseppe “Peppe” Errichiello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *