Ricerca, qualità e riscoperta guidano il ristorante “Le Due Palme”

Una ristorazione che si evolve sui passi dei mutamenti storici della società, segno di una filosofia aziendale in continua ricerca dei gusti e delle attese della clientela: si tratta del ristorante Le Due Palme di Agnano, negli anni Ottanta era punto di riferimento per le importanti ricorrenze e per gli amanti dei cibi di tendenza. “Un’epoca in cui era status symbol recarsi in un posto per mangiare il miglior pesce fresco. La gastronomia di mare era indispensabile per creare un passaparola positivo sul nostro ristorante”, racconta Irene, ristoratrice alla seconda generazione dello storico locale.

La capacità di adattarsi alle tendenze gastronomiche è tuttora viva nel clima produttivo del ristorante: “proponiamo una cucina mediterranea radicata al territorio, molto attenta agli attuali standard di materie prime” spiega Fabio Infimo, il secondo titolare del Le due Palme. “Nel settore ristorativo non si sta mai fermi creativamente, si fa in modo che la tradizione possa allargare i suoi orizzonti e si faccia ricerca di prodotti nuovi”, continua il figlio della titolare.

Il ristorante di Agnano si focalizza su un’offerta di specialità di mare, approvvigionata con prodotti di prima scelta: il baccalà insieme ai friarielli condisce gli straccetti di pasta fresca, “un piatto simbolo della nostra volontà di essere moderni ma al contempo fedeli alla tradizione – spiega il giovane ristoratore – facciamo in modo che il cliente possa vivere un’esperienza gastronomica di qualità ma familiare”.

 

Sul fronte dell’arte bianca, una specialità da provare è la Pizza Nonna Anna: un calzone al forno ripieno con scarole stufate e insaporite con provola, uva passa e pinoli. La pietanza prende il nome dalla capostipite della famiglia di ristoratori da cui è partita l’iniziativa di dare vita al ristorante, negli anni Settanta: “in quegli anni abbiamo iniziato la nostra esperienza con la voglia di metterci in gioco e con la grande passione per la cucina di mia madre – spiega la titolare Irene – polli al forno squisiti, cannelloni e gnocchi sono un ricordo indelebile che richiamano un’atmosfera di famiglia”, sono queste pietanze che hanno segnato gli inizi di attività del ristorante.

Oggi il ristorante Le Due Palme propone un menu di carne e pesce, tutte le preparazioni avvengono nel rispetto di ottime materie prime e specialità regionali di qualità: “nel nostro ristorante arriva la carne chianina dalla Toscana, le olive all’ascolana artigianali, il formaggio di Fossa di Sogliano D.O.P – spiega la signora Irene – il pesce continua a richiamare la nostra clientela fidelizzata con prodotti ittici freschissimi”. Molto apprezzati i pesci una volta ritenuti più “poveri” ma ricchi in sapore e nutrienti come il pesce azzurro, “le alici le proponiamo ripiene per rimanere fedeli ai nostri standard di cucina di livello, anche il pesce bandiera viene rivisitato dai nostri chef nella millefoglie – spiega Irene – vengono alternati strati di pesce con fette di zucchina e provola“.

La qualità e genuinità dei prodotti, la creazioni di piatti in grado di raccontare la tradizione gastronomica locale sono punti cardine per il Due Palme Ristorante. Mantiene intatta la sua identità di luogo di aggregazione, eredità acquisita dagli anni Cinquanta quando era luogo di svago prediletto dall’alta società napoletana, porta avanti una passione per la cucina nata in famiglia e poi sperimentata per un vasto pubblico.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.