Pici all’aglione

I pici all’aglione sono una tipica ricetta Toscana, in particolare della zona di Siena.

L’aglione è una varietà tipica di aglio coltivata prevalentemente in Valdichiana, con un sapore delicatissimo, al quale viene poi aggiunto un sughetto che completerà il piatto.

Per questa pasta, sempre in altre zone della toscana, usano anche altri tipi di condimento cioè “alle briciole” oppure “alla nana”, cioè con l’anatra.

La ricetta antica non prevede nella pasta né l’olio né l’uovo.

Per la preparazione di questa ricetta è consigliato preparare il sugo la sera prima in modo da farlo insaporire bene e potersi poi dedicare, il giorno seguente, alla preparazione della pasta!

Ingredienti per 2 persone per la pasta

– 200 gr di farina 00

– un pizzico di sale

– acqua tiepida quanto basta

Ingredienti per il sugo

– 5 spicchi di aglione

– un pizzico di peperoncino

– 3 cucchiai di olio evo

– 300 gr di polpa di pomodoro

– un pò di vino bianco

– sale quanto basta

– 50 gr di grana grattugiato

Preparazione del sugo

Prendere l’aglione, schiacciarlo con lo schiaccia aglio e far andare in una padella con olio evo e peperoncino, a fuoco lento per almeno 10 minuti.

Importante: l’aglione non deve scurirsi ma sciogliersi lentamente diventando una crema.

Aggiungere poi la polpa di pomodoro e sfumare con il vino bianco.

Una volta evaporato il vino, aggiungere un pochino d acqua calda, regolare di sale e grana e cuocere a fiamma bassa per almeno 30 minuti, fino a far diventare il sugo cremoso.

Il giorno seguente preparare la pasta.

Fare un impasto con farina, acqua tiepida e sale, coprire e far riposare per 30 minuti

Trascorsi i 30 minuti, formare dei cordoncini arrotolandoli bene per formare i pici.

pici-all-aglione-

Cuocerli quindi in abbondante acqua salata in ebollizione, scolarli e condirli co il sugo caldo.

Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina Instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

pici-all-aglione-
The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.