Viaggio itinerante e virtuale alla scoperta dell’Italia attraverso una ricetta tipica di ogni regione.

Ricetta originale dell’Umbria dei crostini alla spoletina

Chiudete gli occhi e immaginate grandi spazi a cielo aperto, fiumi, montagne e piccoli sentieri da percorrere nel silenzio della natura. Nel Cuore verde d’Italia potrete vivere la prossima tappa del nostro viaggio in giro per l’Italia. Siamo in Umbria la cui cultura culinaria affonda le radici nella civiltà degli umbri e dei romani. Fondata su una lunga tradizione, si tratta di una cucina semplice, con lavorazioni in genere non troppo elaborate, che esaltano in modo netto i sapori delle materie prime.

Come descrivere questa meravigliosa terra? La ricetta che abbiamo scelto mixa i sapori del mare con i sapori della terra: ecco a voi i crostini alla spoletina.

Crostini alla spoletina: ingredienti

  • 100 g di tartufo nero
  • 2 filetti d’acciuga o pasta d’acciuga
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 g di burro
  • 1/2 limone
  • olio
  • pane casereccio

Procedimento

Spazzolate bene i tartufi per eliminare ogni residuo di terra, passate sulla superficie un panno umido, grattugiateli e pestateli nel mortaio con lo spicchio d’aglio tritato. Trasferite il composto in una ciotola e amalgamatelo con i filetti d’acciuga spezzettati o con alcuni centimetri di pasta d’acciuga, il burro, succo di limone e due giri d’olio versato a filo, mescolate fino a ottenere una specie di crema e mantenetela tiepida appoggiando la ciotola su un pentolino colmo d’acqua calda. Distribuite il composto sulle fettine di pane abbrustolito. Servite subito. Un antipasto gustoso e facile da preparare che amerete.

Se questa ricetta vi è piaciuta, leggi tutte le altre. Condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!

La ricetta originale delle Marche dei bocconcini di stoccafisso al pomodoro

Forme armoniche e sinuose, falesie e grotte ma anche spiagge, colline e montagne. Le Marche sono una regione dell’Italia centrale, meravigliose quanto insolite per la loro diversità di paesaggio e territorio che si rispecchia anche nella cultura culinaria tipica.

Per rendere omaggio a questa regione abbiamo scelto per il nostro viaggio un piatto a base di pesce: i bocconcini di stoccafisso al pomodoro.

Bocconcini di stoccafisso al pomodoro: ingredienti

  • 500g di stoccafisso già bagnato
  • 400g di polpa di pomodoro
  • 4 cucchiai di farina
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di maggiorana tritata
  • olio
  • sale
  • 1 peperoncino piccante (facoltativo)  

Procedimento

In un tegame scaldate tre cucchiai d’olio, fate dorare lo spicchio d’aglio e poi eliminatelo. Unite la polpa di pomodoro a pezzetti, il peperoncino (se piace), sale e cuocete a fiamma bassa per 10-15 minuti. Quasi a fine cottura aggiungete il prezzemolo e la maggiorana tritati. Tagliate a pezzi lo stoccafisso, infarinateli, eliminate la farina in eccesso e friggeteli in abbondante olio ben caldo. Quando sono dorati tirateli su con la schiumarola, sgocciolateli e asciugateli bene su carta assorbente da cucina. Trasferiteli sul piatto da portata caldo, sopra versatevi il sugo dopo aver eliminato il peperoncino. Servite caldo.

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!

Ci spostiamo nel Lazio, precisamente nella capitale d’Italia. Caput mundi nei secoli, Roma ha non solo una storia millenaria ma anche la sua storia culinaria affonda le sue radici indietro nel tempo. Intatti. La cucina è stata da sempre un elemento importante del grande Impero Romano: le taverne – couponae – sono sempre state un luogo di rilievo nella vita socio-economica della citta, così come la tradizione culinaria. Si fa risalire infatti ai tempi di Tiberio il “De Re Coquinaria”, la prima raccolta di ricette di cucina romana redatte da Marco Gavio Apicio, cuoco e gastronomo del tempo.

E allora come dare risalto a una cucina tanto antica? Quale ricetta scegliere? Un po’ per gusto personale, un po’ per un sano confronto con quello napoletano, ho scelto il baccalà fritto alla romana che, per chi non lo sapesse, differisce da quello napoletano perché prima di essere fritto è ripassato nella pastella.

Ecco la ricetta del baccalà fritto alla romana

La ricetta del baccalà alla romana

Ingredienti

  • 300g di farina
  • 250g circa di acqua
  • 10g di lievito di birra
  • 1-2 filetti di baccalà già dissalati
  • Olio per friggere q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione della pastella

  1. Versare 50 g dell’acqua leggermente intiepidita sul lievito e scioglierlo.
  2. Mescolare bene la farina, l’acqua e il lievito.
  3. Lasciar lievitare per un’ora e mezza.

Preparazione dei filetti di baccalà

Assicuratevi di utilizzare baccalà già dissalato come quello della linea Unifrigo Gadus spa. Se invece avete a disposizione del baccalà salato, potete seguire il procedimento di dissalatura qui. Una volta pronti i filetti di baccalà e la pastella, potete proseguire con la cottura.

Procedimento e Cottura

  1. Scaldate l’olio di frittura.
  2. Raggiunta la giusta temperatura, immergete nell’olio i filetti di baccalà precedentemente intinti nella pastella.
  3. Quando sono ben dorati, scolate i filetti in pastella dall’olio di frittura, adagiali su carta assorbente e servili caldi.

Facile e veloce da preparare, si consiglia di gustarlo ancora caldo come antipasto o anche come secondo di pesce.

Se questa ricetta ti è piaciuta, scopri tutte le altre. Condividi questo articolo suoi tuoi social e seguici su Facebook!

Ricetta della panada sarda con bietole e acciughe. Ingredienti e procedimento della pasta violata.

La Sardegna : custode di tesori di inestimabile valore naturale e straordinaria bellezza. Spiagge da sogno, colori e profumi della vegetazione mediterranea. Il nostro viaggio virtuale ci porta proprio qui, nel luogo dall’eterogeneità culturale più originale del Paese.

La cucina sarda è molto varia ed è basata su ingredienti semplici e originali, derivati sia dalla tradizione pastorale e contadina, che da quella marinara. Varia da zona a zona non solo nel nome delle pietanze ma anche nei componenti utilizzati.

Questa volta, ho scelto per voi un piatto tipico davvero originale: la panada di bietole e acciughe! La panada è una torta salata costituita da un involucro di pasta violata al cui interno sono contenuti carne o pesce, verdure e altri condimenti. Dal momento che anche la pasta violata è una ricetta a sé, vi lascerò anche la ricetta originale per realizzarla che ho avuto da una mia cara amica sarda.

Panada di bietole e acciughe: la ricetta

Ingredienti per la pasta violata

  • 2kg di farina
  • 200g di strutto
  • Un pizzico di sale
  • Acqua tiepida

Per il ripieno

  • 600g di bietola
  • 8 acciughe sott’olio
  • Uno spicchio d’aglio
  • Olio EVO
  • Peperoncino q.b.
  • Sale q.b.

Procedimento

Per la pasta violata:

Disporre su di un piano la farina a fontana, spolverare con un pizzico di sale, aggiungere l’acqua tiepida e infine lo strutto. Lavorare fino ad ottenere un composto omogeneo sodo ed elastico. Far riposare per 15 minuti prima di stenderlo con il mattarello. Intanto preparare il ripieno

Per le panadas di bietole e acciughe

Passati 15 minuti, tirate la sfoglia con il mattarello e formare due dischi. Con il primo disco foderare il fondo di una teglia rotonda, farcire con la bietola precedentemente bollita, aglio, peperoncino, acciughe sminuzzate e aggiustare di sale. Ricoprire con il secondo disco di pasta, chiudere i due dischi arrotolando i bordi come a formare una corona. Cuocere in forno a 250° per circa 20 minuti, fino a quando sarà dorata. Servire fredda.

Se questa ricetta ti è piaciuta condividila sui tuoi social e seguici su facebook!

Fuori piove, è vero. Non importa, per viaggiare insieme a me alla scoperta dei piatti delle nostre regioni serve solo la mente. Chiudete gli occhi, vi porto in Sicilia. La cucina siciliana fa parte di una cultura gastronomica regionale complessa e articolata, che mostra tracce e contributi di tutte le culture che si sono stabilite in Sicilia negli ultimi due millenni. Dalle abitudini alimentari della Magna Grecia alle prelibatezze dei “Monsù” delle grandi cucine nobiliari, passando dai dolci d’età araba-normanna e dalle frattaglie alla maniera ebraica: tutto contribuisce a rendere varia la cucina siciliana.

Come piatto per descrivere questa meravigliosa isola ho scelto il baccalà con le pere, un trionfo di sapori. Si tratta di una ricetta con vari ingredienti molto semplici. Buono e nutriente, il baccalà con le pere è un secondo piatto così ricco da considerarsi un piatto unico a tutti gli effetti.

INGREDIENTI baccalà con le pere

  • 1kg di baccalà già ammollato in tranci
  • 800g di pere mature ma sode
  • 700g di patate
  • 100g di olive verdi denocciolate
  • 50grammi di capperi
  • 50g di pinoli
  • 50g di uvette
  • 250g di polpa di pomodoro
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • peperoncino fresco
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe

PROCEDIMENTO

Immergere il baccalà in una casseruola colma d’acqua fredda, porre sul fuoco a fiamma moderata e, quando il liquido comincia bollire, coprire il recipiente e continuare la cottura con l’acqua che sobbolle per 10 minuti, a fiamma bassa. Ritirare e sgocciolare il pesce. In una casseruola raccogliere le pere sbucciate e tagliate a tocchetti, le patate pelate e tagliate a fette, le olive a rondelle, i capperi, le uvette bagnate e strizzate, i pinoli, un cucchiaio di prezzemolo, un pezzetto di peperoncino, la polpa di pomodoro, quattro-cinque cucchiai d’olio. Porre tutto sul fuoco, portare a bollore e cuocere per 10 minuti. Aggiungere il baccalà e fare sobbollire per circa 20 minuti. Ritirare, regolare di sale e pepe. Impiattare, spolverizzandolo con il restante prezzemolo tritato e servire subito.

Il baccalà con le pere è un secondo piatto di pesce molto gustoso. Una pietanza importante in cui l’equilibrio tra il dolce di pere e uvette e la sapidità del resto è ben bilanciato.
Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social e seguici su Facebook.

Terra di tarante e musica coreutica. Terra de lu sule, de lu mare e de lu ientu, soprattutto il Salento. Il nostro viaggio ci conduce nel tacco dello stivale: la Puglia. Dove il sole e il mare (ma anche il vento) vivono in simbiosi mistica creando armonie e dissonanze, combinando, trasformando colori, suoni, odori, anime, sapori, che non hanno eguali.

Per quanto riguarda la cultura culinaria, anche in Puglia gli spaghetti regnano sovrani nella preparazione di primi piatti. Che ne dite di un primo piatto al sapore di mare? In questa ricetta di spaghetti alici, pomodoro e mollica di pane vi spiego come realizzare un primo a regola d’arte.

Ingredienti

  • 350g di spaghetti
  • 200g di pomodori maturi a pezzi
  • 7 alici sott’olio
  • 1 spicchio d’aglio
  • 150g di mollica di pane
  • olio extra vergine d’oliva q. b.
  • prezzemolo tritato
  • 1 peperoncino fresco
  • sale q. b.

Procedimento spaghetti, alici, pomodoro e mollica

Per la preparazione di questo piatto partite scaldando l’olio a cui aggiungerete la mollica di pane e lo spicchio d’aglio lasciando colorire. In una padella sufficientemente grande mettete dell’olio e lasciateci sciogliere le alici, aggiungete i pomodorini, il peperoncino e lasciate cucinare per qualche minuto.

Separatamente lasciate bollire dell’acqua salata e cucinate gli spaghetti che andrete a scolare al dente. Successivamente aggiungeteli al composto con le alici, saltate per un paio di minuti aggiungete la mollica già preparata, il peperoncino, il prezzemolo. Mantecate e servite caldi.

Per questa ricetta consiglio di utilizzare le alici sott’olio di Unifrigo Gadus SPA, una vera chicca per dare al piatto un sapore unico.

Scopri qui le altre ricette. Condividi sui tuoi social e seguici su Facebook!

La Basilicata, un tempo Lucania, è una regione caratterizzata da tanti piccoli paesi, borghi e centri rurali. Ed è proprio la Basilicata la tappa del nostro giro d’Italia in 20 ricette. Le ricette più comuni, passando da una zona all’altra, da un paese all’altro assumono connotazioni differenti, e vengono realizzate con materie prime differenti. Tra le specialità che chi arriva in questa piccola terra deve assolutamente provare c’è il baccalà alla lucana: un piatto in cui la delicatezza del baccalà incontra la croccantezza di un altro prodotto tipico della zona, il peperone crusco. A seconda delle zone chiamato pupacc’, p’pruss, puparul’o pap’rign. Si tratta di peperoni rossi lunghi, messi ad essiccare per un lungo periodo e pronti all’uso fritti o ridotti in polvere per insaporire salsicce e salumi tipici, ma non solo. Assaggiate questo piatto e ne resterete stupiti.

Baccalà alla lucana: la ricetta

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 1 kg di baccalà già ammollato
  • 70 g circa di peperoni cruschi
  • un po’ di prezzemolo fresco
  • uno o due spicchi di aglio
  • peperoncino rosso piccante (opzionale)
  • olio d’oliva extra vergine dal gusto intenso q.b.
  • sale q.b.

Procedimento

Lavate il baccalà e tagliatelo a pezzi (per questa ricetta, come tutte le altre, vi consigliamo il baccalà commercializzato da Unifrigo Gadus SPA).

Cuocete il baccalà gettandolo in acqua bollente salata per 10/15 minuti. Pulite i peperoni cruschi usando uno strofinaccio asciutto senza bagnarli e, usando un coltello affilato o delle forbici,  eliminate la parte iniziale dei peperoni, apriteli per il lungo ed eliminate poi tutti i semini. Tagliate i peperoni a pezzi e metteteli da parte. Tritate aglio, prezzemolo e peperoncino e tenete da parte.

Scolate il baccalà  e fatelo intiepidire. Pulite il baccalà eliminando le lische e la pelle e disponetelo in un piatto da portata concavo. Fate scaldare abbondante olio d’oliva extra vergine in una padella. Gettate i peperoni nell’olio caldo e fateli soffriggere molto molto rapidamente per farli diventare secchi e croccanti. Versate il contenuto della padella, cioè i peperoni fritti e l’olio, sul baccalà.

Completate con il trito di prezzemolo, aglio e peperoncino e servite. Un piatto antico grazie al quale riscoprire i sapori d’un tempo passato. Vi aspettiamo venerdì per una nuova succulenta ricetta.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social e seguici su Facebook!

Tra tutte le versioni dell’origine del nome, quella che preferisco è sicuramente “terra che fa sorgere il bello”, la Calabria. Dal greco kalon-bryon, la Calabria è un territorio fertile e costituisce la punta del nostro Stivale. Per quanto riguarda il nostro viaggio nello specifico, c’è da dire che quella calabrese è una cucina povera, di origine contadina, con numerosi piatti fortemente legati alle ricorrenze religiose e che essa non è uniforme nelle sue province. Le sue produzioni culinarie, infatti, non sono omogenee, risentendo della antica divisione tra Calabria Citeriore e Calabria Ulteriore. Sono poche le pietanze che si possono trovare in tutte le attuali cinque province come ad esempio lo stoccafisso.  

Proprio lo stoccafisso è l’ingrediente scelto per la ricetta di oggi. Ecco a voi lo stoccafisso alla cittanovese.

Stoccafisso e baccalà

Anche se baccalà e stoccafisso derivano dallo stesso pesce –  cioè il merluzzo caratterizzato da carne bianca e da un gusto delicato – non sono lo stesso prodotto.  La differenza tra i due c’è ed è notevole.

La materia prima è la stessa ma è il metodo di conservazione a cambiare: il baccalà è conservato sotto sale, lo stoccafisso è essiccato. Entrambi sono il prodotto di antichi metodi di lavorazione e conservazione che conferiscono un gusto e una consistenza unici rispetto al pesce fresco, ma si tratta comunque di due cose diverse.

Stoccafisso alla cittanovese: la ricetta

Cittanova è un paese nella provincia di Reggio Calabria che domina dall’alto la piana di Gioia Tauro. La specialità di questa zona è lo stoccafisso che viene preparato in diversi modi. La ricetta di oggi è alquanto insolita, perché è caratterizzata dal connubio di due ingredienti provenienti da due mondi diversi: il mare e la terra, ovvero lo stoccafisso e i fagioli borlotti. La ricetta originale prevede che lo stoccafisso venga tenuto a bagno per circa tre giorni, cambiando l’acqua tre quattro volte al giorno, ma il risultato sarà ottimo lo stesso comprando lo stocco già ammollato e opportunamente sciacquato.

Ingredienti per 4 persone

  • 800 g di stoccafisso già ammollato
  • 300 g di pomodori secchi
  • 500 g di fagioli borlotti cotti
  • 2 acciughe dissalata
  • 2 spicchi d’aglio
  • Una cipolla piccola
  • 1 peperoncino
  • 1 foglia d’alloro
  • Sale, Olio Evo, Vino bianco Q.B.

Stocco alla cittanovese: procedimento

Far rinvenire i pomodori secchi in acqua bollente, scolarli, asciugarli e tenerli da parte. Mettere in un tegame l’aglio, due bicchieri d’acqua, la foglia di alloro e quando bolle versarci lo stocco facendo bollire per circa 15 minuti. Scolarlo, farlo intiepidire, spellarlo e togliere le spine, almeno quelle più grandi. Ridurlo in pezzi  e lasciarlo da parte. In una padella soffriggere nell’olio evo aglio e cipolla tritati insieme, dopo pochi minuti unire le acciughe. Far rosolare, quindi aggiungere i pomodori secchisfumare con il vino bianco far insaporire per una decina di minuti; quindi aggiungere i fagioli ed il peperoncino. Coprire col coperchio e dopo circa cinque minuti tuffare lo stocco. Continuare fino a cottura ultimata del pesce. Servire caldo.

Per questa ricetta, consigliamo di utilizzare i prodotti di Unifrigo Gadus SPA, leader nella commercializzazione di baccalà, stoccafisso, acciughe di prima scelta. Check al sito qui!  

Se questa ricetta vi è piaciuta, condividetela sui social e non dimenticate di leggere le altre! Intanto, “zaino in spalla” si parte per la prossima meta. A venerdì prossimo.

Il Molise esiste, sì. È la regione italiana più piccola tra quelle a statuto ordinario (la Valle D’Aosta infatti è la più piccola in assoluto) ma ricca di tradizioni e una cultura gastronomica varia. Ed è questa la prossima tappa del nostro giro d’Italia in 20 ricette. Vantando prodotti agroalimentari tradizionali, il Molise ha una lunga lista di ricette che contempla ingredienti di tutto rispetto: pasta, pane, salumi, formaggi, pesce.

Una delle ricette che più mi ha colpito è “ Crioli con noci e baccalà”, una specialità tipica soprattutto delle zone interne delle province di Campobasso e Isernia. I crioli, per chi non ne conoscesse l’esistenza, sono un tipo di pasta fresca lunga all’uovo, una via di mezzo tra i tagliolini e gli spaghetti alla chitarra.

In questa ricetta vengono conditi con un sugo saporito base di gherigli di noci e baccalà precedentemente lessato e sfogliato. 

Ingredienti

  • 900 g di crioli freschi
  • 400 g di baccalà già ammollato
  • 250 g di gherigli di noci
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio EVO
  • pecorino grattugiato
  • sale e pepe

Procedimento per i crioli noci e baccalà

Per prima cosa eliminate la pellicina dei gherigli delle noci che essendo amarognola trasferirebbero l’amaro a tutta la preparazione. Per fare questo, portate a bollore dell’acqua in un pentolino, immergete i gherigli di noci per qualche secondo, scolateli e spellateli.

Tagliate il baccalà a tocchetti (come sempre abbiamo utilizzato quello di altissima qualità distribuito da Unifrigo, azienda leader nella distribuzione di merluzzo essiccato e salato) avendo cura di eliminare pelle e lische. Scottatelo per un paio di minuti in acqua bollente, scolatelo tenendo da parte una tazza di acqua di cottura del pesce.

Rosolate con dell’olio d’oliva uno spicchio d’aglio, aggiungete i gherigli di noci tritati grossolanamente e tostate per un minuto. Aggiungete il baccalà sfogliato e insaporite con del pepe nero. Aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura del pesce, regolare di sale (non esagerate!) e cuocere in crioli in acqua leggermente salata per qualche minuto.

A questo punto mantecare nella salsa di baccalà e noci. A piacere, una spolverata di pecorino grattugiato e di pepe nero. 

I crioli noci e baccalà sono pronti per essere serviti. Un piatto facile da preparare che non richiede cotture lunghe, saporito per via delle caratteristiche del baccalà e croccante grazie alle noci rosolate.

 Il nostro viaggio in Molise finisce così, con una forchettata di crioli. Dove ci porterà il nostro viaggio virtuale? Rimanete sintonizzati per scoprirlo! Al prossimo venerdì. Intanto condividete questo articolo se vi è piaciuto, date un’occhiata alle altre ricette e seguiteci su Facebook!

credits photo: ricettegourmet.

Continua il nostro viaggio all’insegna del buon cibo della nostra bella Italia. Chiudete gli occhi e partite insieme a noi con la mente verso una nuova terra, compresa tra il medio Adriatico e l’Appenino centrale. Parliamo dell’Abruzzo che, pur potendo essere considerato centrale dal punto di vista geografico, è storicamente, culturalmente, economicamente e in gran parte anche linguisticamente legato al Mezzogiorno d’Italia.

L’isolamento che per secoli ha caratterizzato la regione ha fatto sì che quest’ultima abbia mantenuto un’arte culinaria varia ed indipendente. Anche la cucina abruzzese, divisa fra “sapori di terra” e “sapori di mare”, rispecchia le due anime della regione, conservando ricette e tradizioni contadine, pastorali e marinare.

Il piatto che abbiamo scelto come simbolo di questa regione è un primo: fettuccine all’abruzzese.

Abruzzo: la ricetta delle fettuccine

La ricetta delle fettuccine all’abruzzese è perfetta per chi vuole portare a tavola un primo piatto facile e di gran gusto. Questa ricetta regionale è così tanto diffusa da essere conosciuta anche in altre regioni italiane.  Questa è una versione fedele all’originale.

Ingredienti

  • FETTUCCINE FRESCHE 500 g
  • PANCETTA  80 g
  • PECORINO ROMANO 50 g
  • CIPOLLA 1
  • PREZZEMOLO 1 ciuffo
  • BASILICO 4 foglie
  • OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA (EVO) 4 cucchiai da tavola
  • SALE q.b.
  • PEPE NERO q.b.

Procedimento delle fettuccine d’ Abruzzo

Preparate un battuto con la pancetta e la cipolla. Per questa ricetta abbiamo utilizzata una pancetta arrotolata che potete trovare sull’e-shop Terra di Sapori, arriva direttamente a casa in completa sicurezza un prodotto di prima qualità.

Trasferite il battuto in una padella insieme a tre cucchiai d’olio (anche per l’olio abbiamo utilizzato un extravergine d’oliva di Terra di Sapori) e fatelo soffriggere.

Unite, quindi, il prezzemolo ed il basilico tritati finemente; regolate di sale e pepe. Durante la cottura irrorare di tanto in tanto il sughetto con poca acqua o brodo.

Intanto, lessate le fettuccine, scolatele e trasferitele nella padella insieme al condimento e amalgamate il tutto. Spolverizzate le fettuccine con il pecorino e portate in tavola. Ed ecco un primo piatto buono e soprattutto economico. Il che non guasta mai.

Se questa ricetta vi è piaciuta, scoprite tutte le altre. Condividetela sui vostri social e seguiteci su Facebook!

Per questo viaggio itinerante virtuale partiamo dalla Campania, terra di mare, patria di poeti, musicisti, artisti, culla di eccellenze storiche, culturali ed enogastronomiche. Tanti sono gli alimenti che parlano della Campania, uno, più di tutti, è ben radicato nella cultura gastronomica del territorio: il baccalà.

Un po’ di storia

Il pregiato pesce lavorato in Islanda è protagonista sulle tavole italiane, in particolare in quella di alcune regioni in cui ormai fa parte della tradizione. La storia del rapporto del baccalà con Napoli è lunga e aneddotica. Parte dal 1500, quando i produttori del Nord Europa e gli importatori di Napoli e provincia sancirono i primi accordi economici. Ma una vera e propria diffusione del baccalà venne favorita soprattutto dalla Controriforma cattolica che vietava il consumo di carne nelle feste comandate. La possibilità di reperire pesce anche d’inverno, in aggiunta alla grande disponibilità d’acqua del territorio vesuviano facilitò la lavorazione del baccalà alle pendici del Vesuvio.

Il primato di consumo di baccalà va alla città partenopea e all’intera regione Campania: qui infatti si registra il maggior consumo di baccalà e stoccafisso e il maggior numero di ricette tradizionali e creative ciò grazie anche al fatto che in questa regione c’è la maggiore concentrazione di aziende di lavorazione e distribuzione del prodotto.

E allora cos’altro scegliere se non una ricetta al baccalà per parlare della Campania. Carta e penna alla mano, oggi vi lasciamo la vera e tradizionale ricetta del Baccalà fritto alla Napoletana.

Baccalà fritto alla napoletana

Locanda del Baccalà – Salerno

Ingredienti per 4 persone

  • 4 pezzi di baccalà già dissalato e spinato 
  • 60 g di olive nere
  • 10 g di capperi
  • 2 barattoli di pomodorini
  • Farina q.b.
  • ¼ cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio EVO
  • Olio di semi

Procedimento

In una casseruola soffriggere la cipolla tagliata finemente e l’aglio in olio Evo (per questa ricetta abbiamo utilizzato l’olio extravergine schiaccianoci, reperibile sulla piattaforma online “Terra di Sapori“). Rimuovere l’aglio e aggiungere i capperi dissalati, le olive denocciolate, i pomodorini in barattolo e un mestolo d’acqua aggiustando di sale e pepe.

Impanare i pezzi di baccalà e friggere in olio bollente per circa 8 minuti avendo premura che l’olio ricopra interamente i pezzi. Per questa ricetta suggeriamo di utilizzare quello di Unifrigo Gadus, azienda leader del settore, che fornisce ai clienti, attraverso un canale youtube, la possibilità di sperimentare direttamente a casa il processo di ammollaggio ma anche tante squisite ricette a base di baccalà, alici, tonno e sarde.

Scolare i pezzi dall’olio in eccesso e terminare la cottura nella pentola del sugo. Far cuocere a fiamma moderata per 5-6 minuti circa e servire con una spolverata di prezzemolo.

Non vi resta che assaggiare!

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!