struffoli-natalizi

Uno dei dolci tipici del Natale, soprattutto a Napoli, sono gli struffoli

Gli struffoli sono dei dolci tipici del periodo natalizio e della gastronomia meridionale, principalmente della cucina napoletana. Nonostante la loro tipicità, gli struffoli non sono stati inventati a Napoli, ma sono stati portati dai greci già ai tempi della Magna Grecia. Un’ipotesi più probabile sull’origine degli struffoli è di derivazione spagnola.

Esiste infatti, nella cucina andalusa, un dolce estremamente simile agli struffoli, il piñonate, che differisce dal dolce napoletano solo per la forma delle palline di pasta, che sono più allungate. La parentela tra struffoli e piñonate potrebbe risalire al lunghissimo periodo di vicereame spagnolo a Napoli.

Anche l’uso come dolce tipico natalizio, sembra essere relativamente recente, in quanto il ricettario del Crisci (1634) ne fa cenno ma non specificamente in relazione al pranzo di Natale. Da essi venne poi preso spunto per la creazione di altre ricette tipiche delle regioni italiane, come quella dei Sannacchiudere, variante degli struffoli napoletani tipica pugliese, per la precisione tarantina.

Di seguito tutti gli ingredienti utili per degli struffoli perfetti:

Ingredienti:

  • 300 gr di farina 00;
  • 3 uova;
  • 80 gr di olio di semi (più quello che occorre per friggere, circa una bottiglia);
  • 50 gr di zucchero;
  • Arancia o Limone;
  • Un cucchiaio di Lievito per dolci;
  • Sale q.b.;
  • Caffè di Vermut o creola per dolci;
  • Miele q.b.;

Preparazione:

  • In una ciotola mettere la farina, le uova, l’olio di semi, lo zucchero, la buccia grattugiata dell’arancia, il lievito, un pizzico di sale e la vermut o creola per dolci)
  • Mescolare insieme gli ingredienti e impastare il tutto per formare un panetto
  • Dal panetto staccare piccolo pezzi per formare delle piccole palline che andranno in una pentola con olio caldo alla temperatura adeguato
  • Una volta pronte le palline inserirle in numero di dieci per volta all’interno dell’olio
  • Toglierli dall’olio nel momento in cui vengono a galla per evitare che si brucino
  • Pogiarli su un panno di carta per far scorrere l’olio in eccesso e ricoprire di miele e di confettini colorati se si preferisce

Ricordate: se l’olio dovesse tendere a venire su buttare all’interno un tappo di sughero.

Ci sono anche versioni di struffoli dove, dopo la frittura, vengono solo cosparsi di zucchero a velo oppure, ancora, con del cioccolato sciolto.

Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamo by Anna (le ricette di Anna).

Annamaria Leo

The following two tabs change content below.
Mi appassiona tutto ciò che è cibo, dal cucinarlo al mangiarlo, fino allo sperimentare e avere sempre fame di conoscenza, perché ad esso si legano tradizione, cultura e socializzazione di ogni luogo. Se vi fa piacere seguitemi sulla mia pagina instagram cuciniamobyanna (le ricette di Anna).
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *