Articoli

Arte dell’ospitalità e della cucina, insieme per offrire un’esperienza di benessere per lo spirito e di gusto per il palato.  Succede al Baroq Art Bistrot, ubicato nella elegante cornice di Piazza Vittoria a Napoli. Il format è ambientato in una galleria d’arte: i dipinti del Barocco napoletano incontrano il progetto di gastronomia storica a cura dello Chef Antonio Tubelli, considerato l’ultimo dei monzù.

“Era un’autorità gastronomica presso l’aristocrazia campana. Il monzù godeva di uno status prestigioso poiché rappresentava una figura di fiducia per il sovrano” spiega Antonio Tubelli con grande competenza storica. “Un cuoco di corte che lavorava affinché il re godesse di buona salute” ha proseguito lo chef.

Un raffinato lavoro di interpretazione di culture e ricerca delle migliori materie prime da trasformare in piatti perfetti, alla stregua di opere d’arte del gusto. Questi i tratti distintivi del monzù. In altre parole “era il gastronomo di fiducia della nobiltà durante il Regno delle Due Sicilie. Si potrebbe pensare al monzù come a uno chef executive di nostri tempi – conferma Tubelli – era un abile governatore della cucina”.

I fasti del passato vengono riportati in auge nel Baroq Art Bistrot, grazie alla cucina d’autore dello chef Antonio Tubelli. “Effettua un lavoro di ricerca e recupero degli ingredienti storicamente legati al territorio campano – spiega il titolare Roberto Gargano – materie prime come la torzella, un’antica varietà di cavolo a foglia larga, e il peperone crusco dell’Irpinia”. Tra i piatti che rispolverano gli antichi ricettari di cucina partenopea, il celebre Scammaro. Il piatto è un’eredità della sapienza gastronomica di Ippolito Cavalcanti, uno dei massimi esponenti della cucina tradizionale partenopea. Consistente in pasta bollita e poi fritta e condita, questo capostipite dei primi piatti napoletani era consumato durante i giorni di Quaresima. Tra gli ingredienti non è infatti previsto nessun ingrediente di carne, ma il suo gusto ingannava il divieto di mangiare ricco.

“Allo chef Tubelli riconosciamo la capacità di contestualizzare i piatti storici partenopei alla nostra epoca” afferma Roberto Gargano. È un esempio lo Scammaro di linguine alle olive di Gaeta, capperi acciughe e pecorino: la storica ricetta, nelle mani dello chef Antonio Tubelli, prende seconda vita con ingredienti gustosi. Il concetto di miniatura artistica viene applicato in cucina, con i Miniati. Raffinate mini porzioni che ripropongono il Bonbon di Salsiccia e Friarielli, il già citato Scammaro e la zuppa di lenticchie e castagne.

“Baroq è un bistrot a 360° – spiega il titolare Roberto Gargano – offriamo servizio di caffetteria, sala da tè, american bar e ristorazione con lo chef Tubelli. Il cliente che sceglie di trascorrere un momento di relax al Baroq Art Bistrot entra a contatto con un affascinante contesto d’arte, dove poter ammirare i bozzetti del Seicento Napoletano”. Arte e gusto si fondono sapientemente al Baroq: il benessere dell’ospite è studiato nei dettagli in questo interessante format del centro di Napoli.

 

 

 

De Andrè à la carte: nel casertano un locale dedicato al famoso cantautore

Il prossimo 18 febbraio, giorno del compleanno di Fabrizio, si terrà un evento per ricordarlo attraverso buoni piatti e ottima musica

“ Dolcenera ” è uno dei testi più famosi e discussi del cantautore Fabrizio De Andrè, ma è anche il nome di un bistrot che si trova nel casertano – precisamente a Ruviano (in via Nazionale, 46) –  e che, oltre ad essere un piccolo hub del gusto ove tutti i piatti in carta vantano ingredienti “made in Caserta” (ad es. olive nere caiazzane, carni ricavate al maialino nero casertano, cipolla di Alife, etc.), vuole essere anche un salotto culturale. L’idea innovativa che anima questo locale è dell’imprenditrice Mena Femiani, desiderosa di creare uno spazio – esperienza in cui si fondono territorio, musica, arte e convivialità. Tante le iniziative che ogni mese sono ivi proposte, la prossima cade nel giorno in cui Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto gli anni, ovvero il 18 febbraio: “Parlando di Faber”, una serata d’autore ove oltre a ripercorrere la storia musicale del cantautore (attraverso un duo composto da chitarra e voce) i commensali potranno interagire scambiando pensieri in merito a Faber e, ovviamente, in merito ai piatti che saranno serviti, capolavori della cucina territoriale che hanno reso questo bistrot sempre più frequentato dai buongustai.

Dolcenera Bistrot
Per info e prenotazioni: 3343698895

 

Ufficio Stampa:
Maria Consiglia Izzo

Bistrot del Mare-San Pietro: sapori a picco sul mare

Il Ristorante – “Bistrot del Mare – San Pietro” dei fratelli Mariano ed Antonio Panariello sorge presso San Pietro a Calastro, uno dei più suggestivi scorci della città vesuviana, nelle vicinanze della zona portuale, direttamente sull’arenile.

Si configura come un bistrot informale, ove sperimentare una cucina di pesce estremamente versatile, valorizzata da una materia prima sempre fresca e di altissima qualità. Numerosi commensali ne hanno già potuto saggiare l’offerta culinaria, facilitati anche dai numerosi eventi culturali ospitati, tutti volti alla valorizzazione e promozione dei prodotti locali.

L’intero locale risulta contraddistinto da un panorama incantevole, con grandi vetrate che permettono l’accesso ad una caratteristica terrazza panoramica, il tutto completato da un allestimento, curato nei minimi dettagli, ispirato interamente al contesto marino.

Il “Bistrot del Mare – San Pietro” presenta, inoltre, un lungo corridoio d’ingresso allestito a mò di cantina. L’obiettivo del sodalizio corallino risulta essere pertanto una continua ricerca delle migliori materie prime così come dei migliori abbinamenti, finalizzata alla creazione di piatti gustosi, mai banali.

Indubbiamente rappresentativa, protagonista della proposta corallina, risulta essere la “frittura di pesce con l’antica ricetta dei Pescatori Torresi”; stuzzicanti i crudi così come la sempre in auge grigliata di mare.

Tra i primi piatti, interessante la rivisitazione dell’amatriciana a base di gamberi, così come la “Pasta alla Nerano”, un classico della cucina campana, a base di zucchine.

Presente la pizza secondo tradizione, con qualche variante legata al concept marinaro del locale. Iconico il baccalà, servito appena scottato con Pomodorino Giallo del Vesuvio su un crumble di basilico e limone.

In conclusione, ottima la selezione di birre artigianali così ampia si presenta la carta di vini nazionali ed internazionali.

Dunque uno spazio giovane, versatile, informale, ove sperimentare una cucina basata sull’evoluzione delle ricette classiche, esaltata anche a livello visivo da impiattamenti di livello, il tutto da gustare da una terrazza sul mare mozzafiato.

 

 

 

Ristorante “San Pietro – Bistrot del Mare

Via Calastro 14, 80059, Torre del Greco (NA)

+39 081 890 92 92

Sempre aperto a pranzo ed a cena.

RISTOSVAGO: SAPORI ROTONDI

Il “Ra Ristosvago” di Raffaella Migliaccio, assistita dallo Chef Raffaele Caputo, si presenta quale un bistrot-ristorantino ispirato al mare di Pozzuoli (NA), ove tutte le pietanze, dagli antipasti ai dolci, risultano essere rivisitate in forma e colore, in bilico tra tradizione e modernità.

Evocativa risulta essere la scelta dell’appellativo, prima di Ristosvago, “Ra”, divinità egizia identificata principalmente con il “Sole”, simbolo di luce, calore e prosperità, caratteristiche che rispecchiano pienamente il concept del locale.

Protagonista della proposta puteolana risulta essere ovviamente il pescato fresco del litorale locale, declinato in sfiziosi “ring di calamari al limone e ricotta”, “tartàre con gelée di Aperol e lime, cipolla caramellata e guacamole”, gamberi disponibili in tre panature diverse: con pasta fillo-kataifi, mais, pastella al pomodoro.

Tra i primi piatti, interessanti i “fusilli con pesce spada, crema di melanzane e noci”, così come la “Crosta di Gragnano ripiena di baccalà e Mozzarella di Bufala”.

Presente l’alternativa vegetariana, ove la tipica lasagna è interpretata con verdure di stagione e crema di basilico. In conclusione, ottima la selezione di birre artigianali così come  ampia la carta dei vini.

Ra Ristosvago

Uno spazio innovativo, di tendenza, ove sperimentare un’ottima proposta gastronomica, esaltata anche a livello visivo da sapienti impiattamenti, a mò di dipinto, il tutto completato da una calda accoglienza ed un’atmosfera intima.

 

 

 

 

 

 

 

Ristorante “Ra Ristosvago
Via G. Pergolesi 13, 80078, Pozzuoli (NA)
+39 345 115 33 60
Aperto solo a cena.
Lunedì chiuso. Domenica solo a pranzo.
https://www.facebook.com/raristosvago/
[EDITOR] 

Alessandro Piro

Sustable, la pizzeria che diventa bistrot

Sustable, sincrasi di Susta (cognome del proprietario) e Table (pronunciabile sia in inglese che in francese), è il locale in cui è stato possibile testare i nuovi piatti del bistrot, prima ancora dell’apertura e del lancio del menù.

Il nostro direttore Renato Rocco è stato tra i pochi ad essere stato selezionato per quest’iniziativa.

sustable

E’ un esperimento quello che si è svolto a Volla, via Filichito 102, alla tavola di Salvatore Susta.

La proposta gastronomica è firmata dalla scuola Dolce e Salato ma segue un format innovativo poiché i clienti potranno partire dalla scelta delle combinazioni di ingredienti proposti e scegliere se metterli sulla pizza, in un crostone o farseli servire in insalata.

sustable

Un gioco che ben si addice alla nuova tipologia del locale che da pizzeria, su forte spinta anche di Sara Susta, figlia di Salvatore, diventa bistrot, termine che nella sua accezione originaria indicava l’osteria.

“Innanzitutto perché – spiega Salvatore Susta – c’è una veste di internazionalità. Non perché la cucina sia internazionale ma perché, al contrario, i piatti della tradizione napoletana sono internazionali. Poi perché c’è l’elemento della convivialità e della condivisione. E, infine, perché Sustable rimanda anche al concetto di sostenibilità”.

La sperimentazione che si è svolta quando il locale non è ancora oggetto di ristrutturazione, è servita a condividere, dal basso, la nuova impronta gastronomica.

 

[FONTE]

BC COMMUNICATION SERVICES SRLS 

Uffici stampa/ Comunicazione/ Grafica/ Eventi

+39.3926686262 - 081.19203633

bccommunicationservices@gmail.com

bccommunication.it