Articoli

Tra tutte le versioni dell’origine del nome, quella che preferisco è sicuramente “terra che fa sorgere il bello”, la Calabria. Dal greco kalon-bryon, la Calabria è un territorio fertile e costituisce la punta del nostro Stivale. Per quanto riguarda il nostro viaggio nello specifico, c’è da dire che quella calabrese è una cucina povera, di origine contadina, con numerosi piatti fortemente legati alle ricorrenze religiose e che essa non è uniforme nelle sue province. Le sue produzioni culinarie, infatti, non sono omogenee, risentendo della antica divisione tra Calabria Citeriore e Calabria Ulteriore. Sono poche le pietanze che si possono trovare in tutte le attuali cinque province come ad esempio lo stoccafisso.  

Proprio lo stoccafisso è l’ingrediente scelto per la ricetta di oggi. Ecco a voi lo stoccafisso alla cittanovese.

Stoccafisso e baccalà

Anche se baccalà e stoccafisso derivano dallo stesso pesce –  cioè il merluzzo caratterizzato da carne bianca e da un gusto delicato – non sono lo stesso prodotto.  La differenza tra i due c’è ed è notevole.

La materia prima è la stessa ma è il metodo di conservazione a cambiare: il baccalà è conservato sotto sale, lo stoccafisso è essiccato. Entrambi sono il prodotto di antichi metodi di lavorazione e conservazione che conferiscono un gusto e una consistenza unici rispetto al pesce fresco, ma si tratta comunque di due cose diverse.

Stoccafisso alla cittanovese: la ricetta

Cittanova è un paese nella provincia di Reggio Calabria che domina dall’alto la piana di Gioia Tauro. La specialità di questa zona è lo stoccafisso che viene preparato in diversi modi. La ricetta di oggi è alquanto insolita, perché è caratterizzata dal connubio di due ingredienti provenienti da due mondi diversi: il mare e la terra, ovvero lo stoccafisso e i fagioli borlotti. La ricetta originale prevede che lo stoccafisso venga tenuto a bagno per circa tre giorni, cambiando l’acqua tre quattro volte al giorno, ma il risultato sarà ottimo lo stesso comprando lo stocco già ammollato e opportunamente sciacquato.

Ingredienti per 4 persone

  • 800 g di stoccafisso già ammollato
  • 300 g di pomodori secchi
  • 500 g di fagioli borlotti cotti
  • 2 acciughe dissalata
  • 2 spicchi d’aglio
  • Una cipolla piccola
  • 1 peperoncino
  • 1 foglia d’alloro
  • Sale, Olio Evo, Vino bianco Q.B.

Stocco alla cittanovese: procedimento

Far rinvenire i pomodori secchi in acqua bollente, scolarli, asciugarli e tenerli da parte. Mettere in un tegame l’aglio, due bicchieri d’acqua, la foglia di alloro e quando bolle versarci lo stocco facendo bollire per circa 15 minuti. Scolarlo, farlo intiepidire, spellarlo e togliere le spine, almeno quelle più grandi. Ridurlo in pezzi  e lasciarlo da parte. In una padella soffriggere nell’olio evo aglio e cipolla tritati insieme, dopo pochi minuti unire le acciughe. Far rosolare, quindi aggiungere i pomodori secchisfumare con il vino bianco far insaporire per una decina di minuti; quindi aggiungere i fagioli ed il peperoncino. Coprire col coperchio e dopo circa cinque minuti tuffare lo stocco. Continuare fino a cottura ultimata del pesce. Servire caldo.

Per questa ricetta, consigliamo di utilizzare i prodotti di Unifrigo Gadus SPA, leader nella commercializzazione di baccalà, stoccafisso, acciughe di prima scelta. Check al sito qui!  

Se questa ricetta vi è piaciuta, condividetela sui social e non dimenticate di leggere le altre! Intanto, “zaino in spalla” si parte per la prossima meta. A venerdì prossimo.

Il Molise esiste, sì. È la regione italiana più piccola tra quelle a statuto ordinario (la Valle D’Aosta infatti è la più piccola in assoluto) ma ricca di tradizioni e una cultura gastronomica varia. Ed è questa la prossima tappa del nostro giro d’Italia in 20 ricette. Vantando prodotti agroalimentari tradizionali, il Molise ha una lunga lista di ricette che contempla ingredienti di tutto rispetto: pasta, pane, salumi, formaggi, pesce.

Una delle ricette che più mi ha colpito è “ Crioli con noci e baccalà”, una specialità tipica soprattutto delle zone interne delle province di Campobasso e Isernia. I crioli, per chi non ne conoscesse l’esistenza, sono un tipo di pasta fresca lunga all’uovo, una via di mezzo tra i tagliolini e gli spaghetti alla chitarra.

In questa ricetta vengono conditi con un sugo saporito base di gherigli di noci e baccalà precedentemente lessato e sfogliato. 

Ingredienti

  • 900 g di crioli freschi
  • 400 g di baccalà già ammollato
  • 250 g di gherigli di noci
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio EVO
  • pecorino grattugiato
  • sale e pepe

Procedimento per i crioli noci e baccalà

Per prima cosa eliminate la pellicina dei gherigli delle noci che essendo amarognola trasferirebbero l’amaro a tutta la preparazione. Per fare questo, portate a bollore dell’acqua in un pentolino, immergete i gherigli di noci per qualche secondo, scolateli e spellateli.

Tagliate il baccalà a tocchetti (come sempre abbiamo utilizzato quello di altissima qualità distribuito da Unifrigo, azienda leader nella distribuzione di merluzzo essiccato e salato) avendo cura di eliminare pelle e lische. Scottatelo per un paio di minuti in acqua bollente, scolatelo tenendo da parte una tazza di acqua di cottura del pesce.

Rosolate con dell’olio d’oliva uno spicchio d’aglio, aggiungete i gherigli di noci tritati grossolanamente e tostate per un minuto. Aggiungete il baccalà sfogliato e insaporite con del pepe nero. Aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura del pesce, regolare di sale (non esagerate!) e cuocere in crioli in acqua leggermente salata per qualche minuto.

A questo punto mantecare nella salsa di baccalà e noci. A piacere, una spolverata di pecorino grattugiato e di pepe nero. 

I crioli noci e baccalà sono pronti per essere serviti. Un piatto facile da preparare che non richiede cotture lunghe, saporito per via delle caratteristiche del baccalà e croccante grazie alle noci rosolate.

 Il nostro viaggio in Molise finisce così, con una forchettata di crioli. Dove ci porterà il nostro viaggio virtuale? Rimanete sintonizzati per scoprirlo! Al prossimo venerdì. Intanto condividete questo articolo se vi è piaciuto, date un’occhiata alle altre ricette e seguiteci su Facebook!

credits photo: ricettegourmet.

E’ arrivata la primavera, il caldo è alle porte e con lui il dolce simbolo dell’estate, un’invenzione tutta italiana conosciuta e apprezzata in tutto il mondo…il gelato !

Vi è già venuta voglia di mangiarne un po’? Tranquilli, prepararlo in casa non è difficile e se non avete a disposizione una gelatiera non preoccupatevi, non ce l’ho neanch’io! L’unico attrezzo di cui avrete bisogno è un classico mixer o anche un semplice frullatore a immersione.

Non puoi dire di conoscere qualcuno se non sai qual è il suo gusto di gelato preferito ma la miscela base del gelato artigianale (che ora impareremo a preparare) è uguale per tutti ed è composta da una base di latte, zucchero e panna.

Ingredienti per 10 persone:

500 ml di panna

400 ml di latte

200 g di zucchero semolato

Procedimento per il gelato fatto in casa

Versate in una casseruola lo zucchero e aggiungete il latte e la panna a filo mescolando il composto con un cucchiaio o un mestolo di legno. Mettete il tutto sul fuoco  avendo cura di tenere la fiamma bassa e facendo attenzione a non bollirne il contenuto: l’obiettivo è semplicemente sciogliere lo zucchero. Spegnete il fuoco e filtrate aiutandovi con un colino, poi fate raffreddare e quando sarà freddo mettete il tutto in frigorifero. 

Dopo circa un’ora riprendete il composto e, per fargli incorporare aria e farlo diventare cremoso, versate la miscela in un contenitore alto e frullatelo con un frullatore a immersione o delle fruste elettriche. Il composto non si monterà ma risulterà spumoso in superficie. A questo punto trasferite il tutto in una pirofila o in un contenitore basso di acciaio e mettetelo nel congelatore. Lasciatelo riposare per una mezz’oretta e poi mescolatelo con un cucchiaio.

Lasciatelo nuovamente a riposare in frezeer per un’altra mezz’ora e ripetete quest’operazione almeno 4/5 volte prima di servire il gelato. Il trucco per fare in casa un gelato morbido e gustoso è proprio la mantecatura! Mi raccomando, mescolate a intervalli regolari e usando il cucchiaio solo dall’esterno verso l’interno.Una volta ottenuta la miscela di base potrete sbizzarrirvi e creare tutti i gusti che preferite.

Per fare il gelato al cioccolato basterà aggiungere qualche cucchiaino di cacao e mescolare il composto. Per fare il gelato a stracciatella basterà aggiungere del cioccolato fondente a scaglie.Potete aggiungere crema o granella di nocciole, crema al pistacchio, biscotti sbriciolati, cioccolato bianco in scaglie, frutta a pezzi, frutta frullata.

N.b. Per preparare il gelato alla frutta la frutta va lavata, pulita, tagliata a pezzetti e ridotta in polpa, aiutandoti magari con un mixer oppure cotta su fiamma su bassa insieme ad un po’ di zucchero e poi amalgamata alla base dopo averla raffreddata a dovere.. Avete già fatto spazio in freezer? 

Se questa ricetta ti è piaciuta scopri tutte le altre, condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!

Quando si visita la città eterna, sono principalmente tre i piatti che più vi verranno proposti nelle trattorie romane: carbonara, amatriciana e cacio e pepe. Altro piatto molto gettonato è la gricia, una pseudo carbonara senza uova, altrettanto buona e saporitissima. Ma perché aspettare di fare una gita fuori porta, se possiamo realizzare questo piatto a casa nostra?

Preparare questo piatto è davvero semplicissimo, non solo per i procedimenti (pochi e rapidi) ma anche per l’esigua quantità di ingredienti necessari! Ma non dilunghiamoci oltre, passiamo subito alle cose serie! Vi. lasciamo di seguito la lista degli ingredienti e il procedimento; accendiamo i fornelli!

INGREDIENTI per 4 persone (tempo di preparazione: 20 minuti ca.)

  • 400g spaghetti
  • 200g pecorino romano
  • pepe nero in grani pestato (2 cucchiai)
  • sale q.b.
cacio e pepe di Fiaschetteria Pistoia
Cacio e pepe di Fiaschetteria Pistoia (foto di @mslindsays)

CACIO E PEPE: ECCO IL PROCEDIMENTO

Per preparare una cacio e pepe come Dio comanda dovrete partire dal pepe, che deve essere rigorosamente in grani. Raccogliete i grani di pepe in un mortaio e pestateli con il pestello con energia e con un movimento rotatorio più che verticale. Il pepe sarà pronto quando sarà ridotto in una polvere grezza. Trasferite il pepe pestato in una padella molto ampia che successivamente dovrà contenere anche tutta la pasta per terminare la cottura. Accendete il fuoco e lasciate tostare il pepe.

Nel frattempo portate ad ebollizione una pentola d’acqua, aggiungete del sale grosso; quando l’acqua sarà pronta immergiamo gli spaghetti. Dopo un paio di minuti di cottura della pasta, quando nell’acqua inizierà ad affiorare la schiumetta bianca che altro non è che l’amido, trasferite un paio di mestoli d’acqua bollente della pentola nella padella con il pepe e lasciate che il pepe si sciolga leggermente.

Ora è il momento del pecorino ( noi abbiamo usato il pecorino bagnolese acquistato su Terra di Sapori): riunite il pecorino in una ciotola di vetro e aggiungete poca acqua per volta fino a che non otteniate una sorta di pasta consistente. Noi abbiamo usato pecorino romano al 100%, chi non amasse il sapore troppo forte del pecorino potrà smezzarlo con il parmigiano grattugiato (anche se si travisa un po’ il senso e le origini della cacio e pepe). L’importante è che il parmigiano sia anch’esso abbastanza stagionato poiché se troppo fresco, tenderà a filare e impastarsi nel momento in cui andrete ad unire la pasta per mantecare il piatto. A due minuti prima del termine della cottura, scolate gli spaghetti e trasferiteli nella padella con il pepe; concludete la cottura degli spaghetti aggiungendo, se necessario, un altro mestolo di acqua di cottura per amalgamare meglio il piatto.

A cottura al dente degli spaghetti, spostate la padella dal fuoco e lasciate intiepidire giusto qualche istante. Quindi aggiungete il composto di pecorino e fate mantecare saltando gli spaghetti e smuovendoli velocemente. Vedrete che quasi subito si formerà una bella cremina, che avvolgerà i vostri spaghetti in modo omogeneo.

A questo punto non vi resta che servire la cacio e pepe nei piatti, ancora ben calda e cremosa nonché bella carica di pepe.

Se la ricetta vi è piaciuta, postala sui nostri canali social Facebook ed Instagram! #labuonatavola

Per altre ricette, visita la sezione “La Buona Ricetta” !

Ersilia Cacace

Continua il nostro viaggio all’insegna del buon cibo della nostra bella Italia. Chiudete gli occhi e partite insieme a noi con la mente verso una nuova terra, compresa tra il medio Adriatico e l’Appenino centrale. Parliamo dell’Abruzzo che, pur potendo essere considerato centrale dal punto di vista geografico, è storicamente, culturalmente, economicamente e in gran parte anche linguisticamente legato al Mezzogiorno d’Italia.

L’isolamento che per secoli ha caratterizzato la regione ha fatto sì che quest’ultima abbia mantenuto un’arte culinaria varia ed indipendente. Anche la cucina abruzzese, divisa fra “sapori di terra” e “sapori di mare”, rispecchia le due anime della regione, conservando ricette e tradizioni contadine, pastorali e marinare.

Il piatto che abbiamo scelto come simbolo di questa regione è un primo: fettuccine all’abruzzese.

Abruzzo: la ricetta delle fettuccine

La ricetta delle fettuccine all’abruzzese è perfetta per chi vuole portare a tavola un primo piatto facile e di gran gusto. Questa ricetta regionale è così tanto diffusa da essere conosciuta anche in altre regioni italiane.  Questa è una versione fedele all’originale.

Ingredienti

  • FETTUCCINE FRESCHE 500 g
  • PANCETTA  80 g
  • PECORINO ROMANO 50 g
  • CIPOLLA 1
  • PREZZEMOLO 1 ciuffo
  • BASILICO 4 foglie
  • OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA (EVO) 4 cucchiai da tavola
  • SALE q.b.
  • PEPE NERO q.b.

Procedimento delle fettuccine d’ Abruzzo

Preparate un battuto con la pancetta e la cipolla. Per questa ricetta abbiamo utilizzata una pancetta arrotolata che potete trovare sull’e-shop Terra di Sapori, arriva direttamente a casa in completa sicurezza un prodotto di prima qualità.

Trasferite il battuto in una padella insieme a tre cucchiai d’olio (anche per l’olio abbiamo utilizzato un extravergine d’oliva di Terra di Sapori) e fatelo soffriggere.

Unite, quindi, il prezzemolo ed il basilico tritati finemente; regolate di sale e pepe. Durante la cottura irrorare di tanto in tanto il sughetto con poca acqua o brodo.

Intanto, lessate le fettuccine, scolatele e trasferitele nella padella insieme al condimento e amalgamate il tutto. Spolverizzate le fettuccine con il pecorino e portate in tavola. Ed ecco un primo piatto buono e soprattutto economico. Il che non guasta mai.

Se questa ricetta vi è piaciuta, scoprite tutte le altre. Condividetela sui vostri social e seguiteci su Facebook!

Per questo viaggio itinerante virtuale partiamo dalla Campania, terra di mare, patria di poeti, musicisti, artisti, culla di eccellenze storiche, culturali ed enogastronomiche. Tanti sono gli alimenti che parlano della Campania, uno, più di tutti, è ben radicato nella cultura gastronomica del territorio: il baccalà.

Un po’ di storia

Il pregiato pesce lavorato in Islanda è protagonista sulle tavole italiane, in particolare in quella di alcune regioni in cui ormai fa parte della tradizione. La storia del rapporto del baccalà con Napoli è lunga e aneddotica. Parte dal 1500, quando i produttori del Nord Europa e gli importatori di Napoli e provincia sancirono i primi accordi economici. Ma una vera e propria diffusione del baccalà venne favorita soprattutto dalla Controriforma cattolica che vietava il consumo di carne nelle feste comandate. La possibilità di reperire pesce anche d’inverno, in aggiunta alla grande disponibilità d’acqua del territorio vesuviano facilitò la lavorazione del baccalà alle pendici del Vesuvio.

Il primato di consumo di baccalà va alla città partenopea e all’intera regione Campania: qui infatti si registra il maggior consumo di baccalà e stoccafisso e il maggior numero di ricette tradizionali e creative ciò grazie anche al fatto che in questa regione c’è la maggiore concentrazione di aziende di lavorazione e distribuzione del prodotto.

E allora cos’altro scegliere se non una ricetta al baccalà per parlare della Campania. Carta e penna alla mano, oggi vi lasciamo la vera e tradizionale ricetta del Baccalà fritto alla Napoletana.

Baccalà fritto alla napoletana

Locanda del Baccalà – Salerno

Ingredienti per 4 persone

  • 4 pezzi di baccalà già dissalato e spinato 
  • 60 g di olive nere
  • 10 g di capperi
  • 2 barattoli di pomodorini
  • Farina q.b.
  • ¼ cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio EVO
  • Olio di semi

Procedimento

In una casseruola soffriggere la cipolla tagliata finemente e l’aglio in olio Evo (per questa ricetta abbiamo utilizzato l’olio extravergine schiaccianoci, reperibile sulla piattaforma online “Terra di Sapori“). Rimuovere l’aglio e aggiungere i capperi dissalati, le olive denocciolate, i pomodorini in barattolo e un mestolo d’acqua aggiustando di sale e pepe.

Impanare i pezzi di baccalà e friggere in olio bollente per circa 8 minuti avendo premura che l’olio ricopra interamente i pezzi. Per questa ricetta suggeriamo di utilizzare quello di Unifrigo Gadus, azienda leader del settore, che fornisce ai clienti, attraverso un canale youtube, la possibilità di sperimentare direttamente a casa il processo di ammollaggio ma anche tante squisite ricette a base di baccalà, alici, tonno e sarde.

Scolare i pezzi dall’olio in eccesso e terminare la cottura nella pentola del sugo. Far cuocere a fiamma moderata per 5-6 minuti circa e servire con una spolverata di prezzemolo.

Non vi resta che assaggiare!

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila sui tuoi social e seguici su Facebook!

Negli ultimi decenni sembrano essere aumentati i casi di intolleranze alimentari. In realtà ad aumentare è stata la precisione della diagnosi. Tra le intolleranze più diffuse c’è sicuramente quella al glutine, ovvero ad un insieme di sostanze azotate che si formano nell’impasto con l’acqua e la farina di alcuni cereali tra i quali avena, frumento e farro.

Sappiamo bene che la dieta mediterranea ha molti piatti derivati dalla lavorazione delle farine, che i celiaci in particolare devono assolutamente evitare, ma non per questo non possono godere di un piatto gustoso. La diffusione, anche nella grande distribuzione, di farine, pasta e derivati senza glutine ha sicuramente migliorato la possibilità di variare il proprio menù quotidiano.

Anche le pizzerie e i ristoranti si sono organizzati con menù dedicati. Però, in questi giorni di quarantena non è possibile uscire o cenare in un ristorante e allora vi suggeriamo il modo per fare in casa una pizza senza glutine come quella della vostra pizzeria di fiducia.

La ricetta della pizza senza glutine

Ingredienti:

25 g di sale fino

8 g di lievito

1 kg circa di farina senza glutine

30 g circa di olio evo

800 g di acqua

Procedimento:

Per realizzare la pizza senza glutine è necessario seguire degli accorgimenti essendo l’impasto meno elastico rispetto a quello realizzato con le farine normali. Si consiglia l’uso della planetaria, ma si può impastare anche a mano con un po’ più di energia.

In una planetaria versate la farina e man mano che il gancio della planetaria agisce aggiungete l’acqua. Quando l’impasto inizierà ad amalgamarsi, unite il lievito e il sale precedentemente sciolti in un po’ di acqua. Solo in ultimo aggiungete l’olio.

Lasciate agire la planetaria aumentando un po’ la velocità. Quando l’impasto risulterà omogeneo, adagiatelo su un ripiano e ricavatene dei panetti di circa 300 g l’uno. A questo punto avvolgente i panetti nella pellicola trasparente, ma prima spennellate la superficie con un po’ di olio così vi sarà facile staccarli successivamente. Fate riposare i panetti in frigo per 24 ore alla temperatura di 4°. Una volta estratti i panetti dal frigo stendeteli con le mani molto delicatamente. L’impasto è meno elastico rispetto alla pizza tradizionale, quindi tende a rompersi.

Questo è l’impasto base, non vi resta che cuocerlo in forno preriscaldato per circa 20 minuti, controllando la cottura. È possibile farcire la pizza come meglio si desidera, ma noi vi suggeriamo una variante molto estiva. Una volta cotta la pizza, estraetela dal forno e copritela con Mozzarella di Bufala a fette, Pomodorini Piennolo, Basilico, scaglie di Parmigiano Reggiano e Olio evo. Se amate i gusti più decisi, potete aggiungere della Rucola o del buon Pesto alla Genovese. Buon appetito!

Se questa ricetta ti è piaciuta, non perdere le altre! Condividila sui tuoi sociale e seguici su Facebook!

La cheesecake alle fragole senza cottura è un dolce fresco e delizioso, realizzato con una base di biscotti e una crema di formaggio, zucchero, panna e una copertura di fragole fresche. Una ricetta semplice ma vincente, ideale anche come torta per un’occasione speciale: per la farcitura noi abbiamo preparato una delicata gelèe, ma potete guarnirla anche semplicemente con delle fragole fresche. Ecco come realizzare, in pochi e semplici passaggi, questa deliziosa e spumosa cheesecake di fragole fredda.

DOSE PER UNO STAMPO A CERNIERA DI 24 CM DI DIAMETRO

  • BISCOTTI SECCHI (TIPO DIGESTIVE) 250 gr
  • BURRO FUSO 130 gr
  • FORMAGGIO CREMOSO (TIPO PHILADELPHIA) 500 gr • 750 kcal
  • PANNA DA MONTARE 200 ml • 335 kcal
  • ZUCCHERO A VELO VANIGLIATO 120 gr • 79 kcal
  • COLLA DI PESCE 10 gr

PER LA GUARNIZIONE

  • FRAGOLE 250 gr • 79 kcal
  • ZUCCHERO 60 gr • 600 kcal
  • COLLA DI PESCE 6 gr
  • SUCCO DI LIMONE 2-3 cucchiai • 29 kcal
cheesecake alle fragole
Cheesecake alle fragole di Ersilia Cacace

CHEESECAKE ALLE FRAGOLE: PROCEDIMENTO

Cominciate con la preparazione della base: passate i biscotti nel mixer fino a ridurli in polvere. Unite il burro fuso e mescolate bene. Schiacciate bene il composto sul fondo di una tortiera a cerniera, aiutandovi col il dorso di un cucchiaio, e mettete in frigo per almeno mezz’ora.

Passate ora alla realizzazione della crema: ammorbidite il formaggio cremoso con le fruste elettriche, e lavorate con zucchero a velo vanigliato, setacciato con un colino, fino ad ottenere un composto liscio. Sistemate la colla di pesce in una ciotola con acqua fredda per una decina di minuti, fino ad ammorbidirla. In un pentolino scaldate 3 cucchiai di panna, aggiungete la colla di pesce ben strizzata e mescolate per pochi secondi, finchè non sarà completamente sciolta. Una volta intiepidito, aggiungete il tutto alla crema di formaggio e mescolate con le fruste. Infine unite a mano la panna montata, incorporandola con una spatola e con movimenti dal basso verso l’alto.

Tirate fuori dal frigo la base e versateci sopra la crema, livellatela bene e fate riposare in frigo per almeno 5-6 ore. 

Per il gelèe alle fragole mettete in ammollo la colla di pesce in acqua fredda. Sistemate le fragole tagliate in un pentolino con zucchero e succo di limone; lasciar cuocere a fuoco lento per 5 minuti. Frullate il composto nel mixer così da realizzare una purea. Rimettete il composto sul fuoco e aggiungete la colla di pesce strizzata, mescolando il tutto per bene. Lasciate intiepidire e versatela sulla torta fino a coprire tutta la superficie: conservate in frigo per almeno 4 ore.

La vostra cheesecake alle fragole è pronta per essere gustata!

Potete trovare tutte le altre ricette qui

C’è una cosa che dopo Pasqua dura in eterno: il cioccolato delle uova. Quante volte l’abbiamo tenuto in frigo o in freezer per mesi e mesi? E quante volte ci siamo ripromessi di non finire nella stessa situazione? Sappiate che un rimedio c’è ed è quello di utilizzare il cioccolato avanzato per fare dolci, mousse e creme.

Ecco tre ricette facili e veloci per dei fine pasto golosi, dolci sfizi o merende gustose.

Torta con cioccolato alle nocciole

Avete ricevuto una di quelle uova buonissime di cioccolato al latte e nocciole? Vi segnaliamo la ricetta di una torta squisita.

Ingredienti

  • 100 g burro
  • 100 g zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 uova
  • 130 g farina per dolci
  • 50 ml latte
  • 100 g di scaglie di cioccolata con le nocciole
  • 50 g cioccolata fondente

Procedimento

In una ciotola, mescolare zucchero e uova e montarli finché il composto diventa spumoso. Nel frattempo sciogliere il burro a bagno maria. Dopo aggiungere al composto la farina, il lievito, la vanillina precedentemente setacciati e il burro fuso. Continuare a montare finché non saranno amalgamati perfettamente, poi aggiungere il latte. Sciogliere a bagno maria i due tipi di cioccolato e aggiungerli al composto. Versare il composto in una tortiera imburrata e infarinata. Cuocere per 45 minuti in forno preriscaldato a 140°.

Crema pasticcera

Se il vostro preferito è l’uovo al cioccolato fondente, adorerete questa ricetta. La crema pasticcera al cioccolato è una ricetta di base che, a differenza della crema pasticcera classica, prevede aggiunta di cacao e di cioccolato fondente, alla fine. Potete utilizzarla con farcia per il pan di spagna, o aggiungerci della panna montata per ottenere una mousse al cioccolato, ma vi assicuro che anche mangiata a cucchiaiate è squisita!

Ingredienti

  • 500 ml di latte
  • 2 tuorli
  • 60 g di farina
  • 25 g di cacao
  • 100 g di zucchero
  • 100 g di cioccolato fondente

Procedimento

In un pentolino lavorare tuorli e zucchero. Aggiungere farina e cacao setacciati, e se necessario un pochino di latte. Lavorare il tutto. Aggiungere il latte a filo, sempre mescolando con una frusta. Sul fuoco cuocere a fiamma bassa per 5-10 minuti, fino a che la crema non si sarà addensata. Spegnere ed aggiungere il cioccolato fondente. Mescolare e fare sciogliere del tutto. Trasferire in un piatto da portata e coprire con pellicola a contatto. Una volta che sarà raffreddata del tutto, mettere un’ora in frigo prima di utilizzare la crema.

Cubotti di cioccolato al latte

Per par condicio vi lasciamo anche una ricetta in cui utilizzare il cioccolato al latte delle uova di Pasqua che farà letteralmente impazzire i più piccoli.

Ingredienti

  • 100 g cioccolato al latte (si può utilizzare anche il fondente)
  • 20 g Latte
  • 1 cucchiaio Miele
  • 130 g Biscotti secchi

Procedimento

Tagliare a pezzi il cioccolato delle uova di Pasqua e posizionarlo in una ciotola. Unire il latte e il miele. Sciogliere il composto a bagnomaria, oppure, nel microonde per circa 50 secondi. Al termine, mischiare il composto con un cucchiaio per amalgamare bene gli ingredienti. Tritare i biscotti secchi e versare su di essi il composto a base di cioccolato. Mescolare. Versare il composto in una pirofila rettangolare coperta con carta forno. Compattare bene con le mani. Far raffreddare in frigo per circa 15 minuti. Una volta raffreddata, tagliare i cubotti e cospargere di zucchero a velo.

Oltre ai chili in eccesso, la Pasqua ci ha lasciato qualcosa di ben più delizioso: pezzi e pezzi di cioccolato avanzati dalle uova di Pasqua. Ora sapete cosa farne.

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila sui tuoi social e seguici su facebook. Per altre deliziose ricette, visita la sezione dedicata!

In cucina il termine lievito indica qualsiasi microrganismo o sostanza chimica in grado di far aumentare il volume di un impasto grazie alla produzione di anidride carbonica.

Esistono diversi tipi di lievito: il lievito madre,  il lievito di birra, il cremor tartaro, il bicarbonato d’ammonio, il bicarbonato di sodio e altri.

L’emergenza coronavirus ha reso il lievito più utilizzato dagli italiani, il lievito di birra, quasi introvabile. Gli scaffali dei supermercati sono vuoti e pare che dovremmo rassegnarci a rinunciare alla pizza o al pane fatto in casa per un po’ di tempo. Scherziamo, ovviamente.

Se avete trovato gli scaffali dell’alimentari sprovvisti, non disperate! Potete fare tranquillamente il lievito di birra in casa e anzi, dovreste, dal momento che questo piccolo tesoro può avere molteplici utilizzi.

Il lievito di birra è chiamato così perché un tempo veniva ricavato dai residui della fermentazione della birra. Oltre ad essere impiegato nella lievitazione di molti prodotti alimentari da forno (pane, pizza, focacce, piadine, panzerotti) e dolci (ciambelle, muffins e torte) viene spesso assunto come  integratore sotto forma di pastiglie, capsule o tavolette per le sue numerose proprietà benefiche.

Proprietà benefiche del lievito

Scopriamole insieme: questo tipo di lievito è ricco di nutrienti come potassio, calcio, fosforo, magnesio, ferro e vitamine del gruppo B, soprattutto B1 e B12. 

E’ noto per i benefici che apporta al fegato, esercitando una vera e propria azione depurativa che rende l’organo più sano e funzionale. Offre un sostegno anche all’attività dell’intestino grazie alla presenza di fermenti che aiutano il ripristino della flora batterica e facilitano il transito intestinale.

Avete mai sentito parlare dello shampoo con la birra per schiarire i capelli? Lasciate perdere.
Se volete veramente una chioma folta e splendente valutate di assumere il lievito di birra, magari a scaglie, per insaporire per zuppe e insalate: questo tipo di alimento, infatti, previene la caduta dei capelli e contribuisce anche a rafforzare le unghie.

I benefici non finiscono qui: spesso i dermatologi ne consigliano l’assunzione dal momento che elimina l’eccesso di sebo dalle pelli grasse, prevedendo acne e dermatiti.

Vi è venuta voglia di farlo in casa? Tranquilli, è semplicissimo: correte a controllare di avere tutto l’occorrente.

Ingredienti

( panetto da 25 g)

50 ml. di birra

½  cucchiaino di zucchero

½ cucchiaio di farina 00

**Vi consiglio di usare una birra artigianale, non filtrata e non pastorizzata. Si trovano facilmente anche in supermercati e discount, basta dare uno sguardo alle etichette!

Procedimento

Agitate bene la birra prima di utilizzarla in modo che i lieviti in essa contenuti non restino sul fondo della bottiglia. Prendete una ciotolina e mescolate la birra con lo zucchero e con la farina. La pastella così ottenuta dovrà riposare al caldo per  un’intera nottata.

Al mattino seguente, se i lieviti contenuti nella birra avranno fatto bene il proprio lavoro, il lievito di birra sarà pronto e ve ne accorgerete perché il volume della pastella sarà aumentato e avrà raggiunto, nella ciotola, un livello più alto rispetto al giorno precedente.
Il lievito di birra fatto in casa, al contrario di quello acquistato al supermercato, non necessita di essere sciolto in acqua né di riposo per l’attivazione: è già pronto.
Aggiungetelo  pure direttamente agli altri ingredienti del vostro impasto!

Se questa ricetta vi è piaciuta, non perdere le altre! Condividila sui tuoi social e segui la nostra pagina Facebook.

La pizza tramonti in una bag: a firmarla Pamela Viggiano e Francesco Maiorano

tramonti

Gli ingredienti base per realizzare una vera pizza di Tramonti sono: Farina integrale biologica, pomodorini Corbarino, olio evo e alici sott’olio.

Prodotto conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, De.Co. dal 2010, è diventato un brand di successo dopo che – a partire dal secondo dopoguerra – tanti caseificatori e pizzaioli locali sono emigrati in cerca di riscatto.

Consapevoli ed orgogliosi di questa storia la chef Pamela Viggiano ed il pizzaiolo Francesco Maiorano, patron della Trattoria San Francisco di Tramonti e della birra artigianale TraMonti, hanno dato vita alla bag “Pizza Tramonti ”.

Un acquisto per avere tutto il necessario per rifare a casa la pizza di Tramonti , un originale regalo, un interessante souvenir.

Questo e molto altro è “Pizza Tramonti”, progetto che ha permesso a Pamela e a Francesco di riunire le aziende che per loro rappresentano l’eccellenza e – di conseguenza – i prodotti che amano portare in tavola.

La bag, disponibile sempre presso la Trattoria San Francisco a Tramonti, ma anche ordinabile via e-mail all’indirizzo bagpizzatramonti@gmail.com al costo di soli 20 euro (spese di spedizione escluse), rappresenta l’ennesimo progetto della frizzante coppia tramontina.

Amiamo il nostro territorio e amiamo raccontarlo attraverso i nostri piatti, le nostre pizze, i progetti che arricchiscono il nostro lavoro quotidiano. Con la bag Pizza Tramonti vogliamo condensare le eccellenze che riuniamo sulla nostra pizza del cuore, quella che rappresenta il nostro paese”, raccontano.

Spesso chi viene a trovarci vorrebbe poter rifare la nostra pizza che ha uno stile ed una storia tutta sua e – con questa bag simpatica e colorata – sarà più semplice. Lo scopo è duplice: permettere a chi ama la buona tavola di acquistare prodotti di grande qualità, ma anche continuare a  diffondere l’identità golosa e generosa di Tramonti, polmone agricolo della Costa d’Amalfi. Sono tante le persone che hanno contribuito al progetto, tra queste ci teniamo a ringraziare Ernesto Amodio della Ste.Cla.Plast per il prezioso packaging”.

Quattro i prodotti che la compongono:

la farina integrale biologica di Molini Pizzuti, azienda accreditata e storica del salernitano, impegnata nella valorizzazione di varietà antiche di grani locali;

i pomodori Corbarino de I Sapori di Corbara di Carlo D’Amato, realtà di riferimento dei Monti Lattari e di tutta la ristorazione che punta alla qualità;

l’olio extravergine di oliva dell’Azienda Terre Operose di Tramonti di Lisa Ruocco, riconosciuta anche per la produzione di oli aromatizzati e vino da vitigni autoctoni;

i filetti di alici Amalfin, progetto giovane e ambizioso di Nando Lembo e Pasquale Bisogno. Una curiosità: il naming è figlio di Paul Cappelli, uno dei più noti pubblicitari degli Stati Uniti.

La ricetta della pizza di Tramonti:

lngredienti per l’impasto:

1 kg. di farina integrale

500 ml. di acqua

30 gr. di sale

2 gr. di lievito di birra

In un recipiente mescolare la farina con l’acqua (rigorosamente a temperatura ambiente).

Dopo un paio di minuti aggiungere il lievito e solo alla fine il sale.

Lavorare l’impasto energicamente fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo per un massimo di 10 minuti, affinché se ne eviti il riscaldamento.

Lasciarlo riposare per mezz’ora coperto da un foglio di pellicola, poi preparare i panetti e lasciarli lievitare dalle 8 alle 10 ore.

A questo punto stendete, guarnite ed infornate con il pomodoro e i filetti di alici.

Il contenuto della bag:

2 sacchetti da 500 grammi di farina integrale bio di Molini Pizzuti;

1 lattina da 400 grammi di pomodorini Corbarino de I Sapori di Corbara;

1 bottiglietta da 0,25 cl. di olio extravergine di oliva di Terre Operose;

1 vasetto di filetti di alici da 80 grammi di Amalfin.

 

UFFICIO STAMPA Rosmarinonews

La pasticceria borbonica diventa esperienziale
L’Archivio Storico propone una linea di dolci da assemblare a mangiare a casa 

Il dolce non è più solo un fine pasto, ma è un modo per iniziare con positività il nuovo giorno, un energetico intermezzo di una mattinata o di un pomeriggio di lavoro, o un piacevole  epilogo di giornata. Perciò Luca Iannuzzi, patron dell’Archivio Storico, famoso premium bar napoletano che da poco è divenuto anche ristorante con menù incentrato esclusivamente sulla cucina borbonica, ha pensato di rendere alcuni dolci della tradizione napoletana  – ovvero pastiera e babà – accessibili a tutti e in qualsiasi momento della giornata.
L’arte pasticcera è una scienza esatta, fatta di ingredienti insostituibili e accuratamente ponderati, di equilibrio tra sapori, ma soprattutto di un’accurata manualità e tecnica. Così i singoli ingredienti si trasformano in un artistico dolce attraverso procedimenti che, leggermente modificati, oggi consentono di far arrivare la pastiera e il babà in qualsiasi parte del mondo, e – addirittura –  interessare chi riceve una di queste leccornie al processo creativo delle stesse in quanto coinvolto nella loro guarnizione finale… Perché è importante valorizzare chi consuma il dolce prima ancora di chi lo fa! Il dolce rappresenta da sempre un momento di festa, solo un buon dessert può regalare attimi di estasi al cervello di chi lo mangia, e se quest’ultimo è coinvolto anche nella fase di assemblaggio del dolce, il piacere dura più a lungo e coinvolge tutti i sensi: l’olfatto che viene maggiormente sollecitato grazie all’utilizzo le salse che serviranno a guarnire il dolce (già presenti nella confezione che viene consegnata al consumatore); l’udito, il tatto e la vista che vengono chiamati in causa nel momento in cui il consumatore apre la confezione in cui è contenuto il dessert; ed – ovviamente – il gusto, che sarà soggetto a sensazioni ampliate dall’intervento degli altri quattro sensi.

Pastiera con salsa al mandarino

Pastiera al mandarino

Pastiera al mandarino

Sebbene la ricchezza degli ingredienti e la complessità dei sapori sembrano richiamare lo stile la cucina di corte, sembra che la ricetta della pastiera affondi le sue radici nel mito pagano di epoca romana o forse addirittura greca della sirena Partenope, che aveva scelto di dimorare nel Golfo di Napoli da cui si spandeva la sua voce melodiosa e dolcissima. Per ringraziarla si celebrava un misterioso culto durante il quale la popolazione portava alla sirena sette doni: la farina, simbolo di ricchezza; la ricotta, simbolo di abbondanza; le uova, che richiamano la fertilità; il grano cotto nel latte, a simboleggiare la fusione di regno animale e vegetale; i fiori d’arancio (o di altri agrumi, visto che la diffusione delle arance in quell’epoca era molto limitato in Europa,) profumo della terra campana; le spezie, omaggio di tutti i popoli; e lo zucchero, per celebrare la dolcezza del canto della sirena. Partenope gradì tali doni e li mescolò creando questo dolce molto apprezzato.
Un’altra teoria fa discendere l’origine della ricetta al tempo delle celebrazioni per il ritorno della primavera, quando le sacerdotesse di Cerere portavano in processione l’uovo, simbolo della vita nascente, poi diventato “rinascita” e Resurrezione con il cristianesimo. Il grano o il farro, misto alla morbida crema di ricotta, potrebbe derivare invece dal pane di farro delle nozze romane, dette per questo “confarreatio”. Un’altra ipotesi fa invece risalire la pastiera alle focacce rituali dell’epoca di Costantino, derivati dall’offerta di latte e miele che i catecumeni ricevevano durante il battesimo nella notte di Pasqua.

Il Lazzarone: babà classico con crema alla vaniglia, bourbon e amarena

Le origini di questo dolce simbolo di Napoli sono legate a  un dessert originario della Polonia (“babka ponczowa”). La leggenda narra infatti che questo delizioso dolce sia stato inventato per caso dallo zar polacco Stanislao Lesczynski agli inizi del XVIII secolo. Si racconta che il sovrano non gradisse particolarmente il kugelhupf, un dolce tipico polacco che egli trovava troppo asciutto. Stanco che gli venisse servito come dessert, lo prese e lo scagliò dall’altra parte della tavola, proprio dove si trovava una bottiglia di rhum. Così facendo, il liquore finì per inzuppare il dolce, inebriando la stanza con un profumo così intenso che lo zar volle assaggiarlo, innamorandosene. Lo zar lo chiamò “Alì Babà” in onore di uno dei personaggi di “Le mille e una notte”, opera che lui adorava leggere. Quando lo zar fu detronizzato, fu esiliato in Francia grazie alla sua parentela con Luigi XV. Qui il dolce da lui tanto amato fu rivisitato grazie alla maestria dei pasticceri parigini, nasce così il “babà”. Il famoso dessert a forma di fungo arrivò a Napoli per merito dei “monsù”, i cuochi francesi al servizio delle nobili famiglie partenopee. I pasticceri napoletani trasformarono il suo nome in “babbà”.

Tutti i dolci sopra menzionati possono essere acquistati presso l’Archivio Storico oppure si possono ordinare attraverso Moovenda (www.moocenda.com).
La cucina borbonica

Hashtag ufficiali: #archivistorico #lazzarone

Archivio Storico
via Alessandro Scarlatti, 30 – Napoli
www.archiviostorico.com

Per catering e preventivi:
Tel. 3756089682
info@nabilah.it

Social
FB: @archiviostoriconapoli
IG: Archivio Storico Napoli

[Fonte: Grazia Guarino: grazia.guarino07@gmail.com per www.gnamgnamstyle.it]