Articoli

A pochi passi da via Marina di Varcaturo, la strada che ospita i lidi e i locali più in voga del litorale giuglianese, si trova il ristopub Locos , in spagnolo ‘i pazzi’. Siamo, appunto, a Varcaturo, frazione di Giugliano, comune di Napoli, in via Ripuaria 306b. Il locale è spazioso e moderno, con possibilità di mangiare sia all’interno che all’esterno.

Locos

Nel 2016 Pasquale Barbieri, napoletano DOC e titolare del locale, nonché chef, dopo tante esperienze lavorative sia in Italia che all’estero – anche in cucine stellate ed alberghi di una certa importanza (come ad esempio l’hotel Romeo di Napoli) – ha deciso di scommettere sulla sua terra. E’ da questa pazza scommessa d’amore che nasce il ristopub Locos, con un’eccellente selezione di panini, alcuni gourmet. “Noi oggi siamo un ristopub pizzeria” racconta il titolare, Pasquale: All’inizio eravamo solamente ristopub. Dopo un anno e mezzo di attività, su richiesta specifica dei clienti che mi chiedevano di poter mettere la mia abilità sulla scelta dei prodotti e degli abbinamenti anche a servizio della regina della tradizione napoletana, la pizza, ho deciso di trasformare il locale anche in una pizzeria”.

Pizzeria Locos
E’ così che nel settembre 2018 Locos si trasforma. E’ da allora che in cucina si lavora a quattro mani: “la nostra forza è il connubio e la collaborazione tra chef e pizzaiolo”, afferma orgogliosamente lo chef. E’ risaputo infatti che la riuscita di una buona pizza è data dalla sapiente combinazione di impasto e associazione degli ingredienti utilizzati: mentre Angelo cura l’impasto (che è un impasto diretto con una lievitazione di 36 ore), Pasquale si occupa degli abbinamenti dei prodotti, per lo più selezionati tra le eccellenze del territorio campano: la pizza più richiesta è infatti la Cantini, con crema di friarielli (verdura tipica campana), porchetta d’Ariccia, provola e scaglie di grana padano.

 

Locos
Non solo l’impasto della pizza ma anche quello dei panini è artigianale: i panini del Locos sono stati selezionati, da esperti del settore, per gareggiare in numerosi concorsi tra cui ‘panino artista 2019’ e ‘burgher battle 2019’. L’orgoglio del menu è il Locos, che non per niente porta il nome del locale: hamburger di scottona 220gr, scamorza, prosciutto cotto piastrato, crocchè di patate e fonduta di formaggio. La varietà del menu, che include anche piatti gluten-free, rende questo locale adatto a grandi e piccini, a palati semplici e raffinati, insomma, ce n’è per tutti i gusti.. non resta che prendere forchetta e coltello e darsi da fare!

Livia Giordano

C’era una volta a Solofra, nel cuore dell’Irpinia, un vecchio casale di caccia abbandonato. Un luogo fiabesco in pietra che ha conquistato Michele Punzo, il quale con lungimiranza lo ha trasformato nel “The Tales Pub”, il pub delle favole appunto.

Meta gastronomica per tutti gli intenditori di ottima carne, birra artigianale, panini gourmet e piatti della tradizione campana, il The Tales è molto più di un pub: un luogo in cui, più che piatti, si vendono vere e proprie esperienze di gusto esaltate dalla qualità e ricercatezza degli ingredienti esclusivamente locali.

Punto di ritrovo di famiglie e amici, il The Tales <<non è propriamente un pub>> ci dice il patron Michele <<perché, oltre ai panini, uno dei punti forti del nostro menù è la carne alla brace, di alta qualità e ricercata tra le migliori al mondo>>.

pub

 

Principali ingredienti dei piatti, infatti, sono la genuinità e la qualità dei prodotti sottoposti a una selezione più che severa e tutti lavorati nella cucina da esperti cuochi. Michele Punzo punta tutto sul gusto utilizzando eccellenze unicamente dell’Irpinia come la cipolla ramata di Montoro, il caciocavallo podolico, gli ortaggi di Gaetano, uno dei contadini di paese che ogni mattina porta verdure fresche e di stagione al locale.

 

frittura

 

Chi passa in questo fairy place non può non provare le piccole perle del menu: le polpette, un must disponibile in tantissime varianti: di mallone, di broccoli e salsiccia, di melanzana, classica. Ad accompagnare una cucina di eccellenza, le birre artigianali altrettanto degne di essere annoverate tra le prelibatezze del pub. Tra le best sicuramente la Maes Pils belga, le due bulldog, sia la Lager che la Ale, la Beamish Staut e la birra del mese: <<ogni mese proponiamo una birra artigianale, selezionata tra le migliori sul mercato. Questo è il mese della Hopus, una 8.3°, una doppio malto chiara ottima da abbinare alla brace>> – spiega Michele Punzo.

pub

Alla domanda cosa consiglierebbe di provare ad un nuovo cliente, Michele non ha dubbi e risponde <<sicuramente la brace, una “marchigiana” la cui carne è tenera, di ottimo sapore, dall’elevato contenuto proteico e dai bassi livelli di colesterolo. È molto magra rispetto ad altre carni e contiene una percentuale minore di acidi grassi saturi>> a cui certamente abbinerebbe <<una Maes belga, con gradazione bassa di 5.2 %, una pils dorata, al gusto di frutta dal sapore puro e leggero con un piccolo tasto d’amarezza>>.

Il The Tales Pub, il pub che racconta storie, quelle buone, offrendo garanzia di qualità e affidabilità dei prodotti che risulta essere il valore aggiunto che fa la differenza in un luogo in cui l’atmosfera familiare e incantata, unità all’esperienza magistrale di Michele Punzo, mette tutti d’accordo, anche Biancaneve e la strega!

Marika Manna 

Presentazione lunedì 27 maggio, ore 19, in via Giovanni Merliani 160.
Nel pub del Vomero, menu sostenibili per ambiente e salute  

Coniugare l’etica d’impresa e la coerenza dell’offerta gastronomica, proponendo menu dove sia completamente bandito l’utilizzo di carni di animali da allevamenti intensivi, che danneggiano l’ambiente ed il clima, e maltrattano gli animali. Ma anche gli esseri umani, con effetti nocivi sulla salute e senza contare i riflessi sull’economia locale, con tanti piccoli produttori tagliati fuori dal mercato.
E’ l’obiettivo di “Eticoerente”, un progetto firmato Murphy’s Law, uno dei brand più conosciuti nel mondo dei pub e delle birrerie della Campania che sarà presentato il 27 maggio prossimo, alle ore 19, in via Giovanni Merliani 160, a Napoli, alla stampa e ai food blogger (ore 19) e al pubblico di appassionati (ore 20).
Sette mesi di ricerche per rivoluzionare il modo di intendere il pub, sia dalla parte del pubblico che dei publican, per fare crescere un nuovo modo di essere imprenditori e consumatori, e rimettere al centro il territorio.

“L’idea nasce dall’esigenza di coerenza con i nostri stili di vita, che tendono a limitare il consumo sfrenato di carne – spiega Antonio Zullo, ideatore del progetto – Il tutto senza rinunciare al gusto, e ad un menù che rientri nella definizione di pub. Con Nicola Ungaro, titolare del marchio Murphy’s Law, abbiamo cercato a lungo un nuovo modo di concepire un’azienda che facesse la differenza sul mercato. Ci abbiamo pensato per anni, tentando, innovando e ricercando le ultime novità o le mode che i clienti volevano. Finche non ci è venuto spontaneo fare una cosa: far risuonare noi stessi all’interno della nostra attività. In modo autentico. Andando oltre la mera vendita di hamburger e birra, spostando gli obiettivi”.
Nel locale, situato al Vomero, sarà presto disponibile la nuova offerta gastronomica.

“Vogliamo un nuovo modo di fare impresa, che non solo porti benefici a noi e ai clienti ma anche alla società e all’ambiente – aggiunge Zullo – Un win-win-win. Vinciamo tutti. In fondo l’azienda è un organismo vivente ed in quanto tale necessita di un sistema. Con il nuovo progetto vogliamo che questo sistema sia il meno impattante possibile, e che possa creare benefici anche all’esterno”.
Info su www.mlpub.it

Ufficio Stampa
Ago Press

Formidable è un autentico pub irlandese situato nel cuore di Aversa, nato nel 2017 grazie all’idea imprenditoriale di Alberto Flagiello. Giovane ristoratore che ha voluto portare nella sua città la cultura della public house. Per la sua proposta gastronomica, Formidabile è la destinazione per gli amanti della succulenta hamburger e, da pochi mesi, anche per gli estimatori della pizza.

“Siamo nati nel 2017 come hamburgeria e braceria – spiega il patron del Formidable – il progetto Formidable è partito con la realizzazione di un percorso enogastronomico dove la qualità delle carni fosse al pari livello della proposta beverage, in particolare della birra”. “A questa formula iniziale abbiamo assemblato la pizzeria, per venire in contro alla fascia di clienti che chiedevano di provare una buona pizza nel nostro locale”, ha proseguito Alberto Flagiello.

Il food accompagnato da una bevuta di qualità.

Da Formidable la qualità delle birre è di casa. La bevanda che solitamente accompagna la degustazione della pizza o di ottimi hamburger viene selezionata fra le migliori del panorama brassicolo. Il pub di Aversa sceglie la linea di birre Baladin per l’abbinamento alla proposta del food, mentre in collaborazione con un birrificio artigianale di Nocera Inferiore, produce la birra Formidable. Alberto Flagiello la consiglia per la sua corposità: “è un’ottima belgian Ale doppio malto” precisa il ristoratore. Un’alleata perfetta per il gusto dei panini realizzati dallo chef Gennaro Corbi. Uno di questi è “Il Mitico”, un concentrato di eccellenze tipiche. Consiste in un fragrante pane casereccio che racchiude un hamburger di maialino nero casertano, patate al forno, provola e friarielli.

Durante la nostra esperienza da Formidable la creatività dello chef ha dato il meglio di se incontrando i prodotti di alta cucina della ditta Jamonita. Noi abbiamo provato “Il Campano”: un panino artigianale con hamburger di maialino nero casertano, formaggio “Blu di Bufala”, guanciale di maialino nero, granella di pistacchio e fette di pomodoro di Sorrento.

Anche “Il Superbo” ci ha presi per la gola con il suo tripudio di eccellenze. Pane artigianale con bresaola IGP, burrata, pomodorino giallo e pesto di bambù.

La pizza è un prodotto gustoso e pensato per essere estremamente digeribile, grazie alla competenza del pizzaiolo Salvatore Imparato, che effettua un impasto a doppia lievitazione. Tra le sue specialità “La Contadina”: pizza farcita con Fior di Latte, pomodorino giallo, capocollo di maialino nero e scaglie di ricotta salata.

Da Formidable, un personale competente e cordiale accoglie gli ospiti in un ambiente informale ma curato nei dettagli e nella scelta delle cromie pastello. Tutto questo rende il Formidable il luogo ideale per trascorrere una serata all’insegna della qualità del cibo, prodotto con materie prime del territorio campano, e di un’ottima compagnia.

 

 

 

 

Al centro di Piazza Garibaldi, a Pomigliano d’Arco, il pub irlandese Dublin Square rappresenta una meta ideale per chi vuole trascorrere una serata all’insegna della cultura anglosassone. Le ampie sale, arredate in stile vittoriano, esprimono l’ospitalità e il comfort necessario per poter godere di una piacevole serata.

Dublin Square nasce 4 anni fa; dopo il nostro viaggio in Irlanda abbiamo voluto portare in Campania i piatti e le atmosfere tipiche irlandesi, adattandole ai gusti dei nostri concittadini e combinandoli con le materie prime del nostro territorio” 

Dublin SquareQueste le parole di Agata Annunziata, che insieme alla sorella Marianna, gestisce il locale, divenuto un punto d’incontro importante per gli amanti del buon cibo e della buona birra.

Le birre proposte da Dublin Square sono uniche nel loro genere: infatti l’Irish Pub è la prima Chouffoteca in Campania, un locale nel quale il consumatore può vivere l’esperienza di Chouffe con eventi, gadget e novità.

Alla già ricca proposta brassicola si aggiunge la collaborazione con Craic Beer Shop, di Pomigliano d’Arco che rifornisce il pub con le sue birre in bottiglia e lattina per soddisfare i palati più esigenti.

Ma il vero protagonista del pub è sicuramente il cibo: nella cucina di Marianna Annunziata, si incontrano due tradizioni culinarie molto diverse tra loro, come lo spezzatino stracotto alla Guinness, la tipica birra Irlandese che si sposa alla perfezione con la tenerezza e il sapore della carne di chianina nostrana.

 

“Il menù del Dublin è ricco di queste contaminazioni che creano nuove combinazioni di sapori che si possono trovare solo qui – dichiara la chef Marianna Annunziata– come le nostre alette di pollo Irish Style con una salsa agropiccante tipica irlandese

Dublin SquareOltre all’ampia scelta di antipasti, sono i panini che riescono a dare carattere e distintività con i loro sapori inconfondibili; la continua ricerca di materie prime d’eccellenza e l’ispirazione alla tradizione culinaria irlandese danno vita a nuove forme del gusto.
Il più gettonato tra i “New Burger” è il Carlow con burger di maiale affumicato, melanzane alla contadina, caciotta dolce, capocollo di Martina Franca, salvia fritta e maionese; mentre tra quelli sempre richiesti troviamo il Callan con  burger di Chianina, cheddar, bacon croccante, cipolla caramellata, patatine, salsa BBQ e senape.

Dublin Square può anche vantare una collaborazione con la pasticceria Antignani di Pomigliano, che ha studiato e realizzato dei dolci in esclusiva per il pub, come il Birramisù.

Un pezzo d’Irlanda nel cuore di Pomigliano d’Arco.

 

Dublin Square : Piazza Garibaldi 8, 80038 Pomigliano d’Arco
tel: 081 884 48 41
Facebook:  https://www.facebook.com/Dublinsquarepomigliano/
Instagram: https://www.instagram.com/dublinsquarepomigliano/

SCIUè il panino vesuviano

presenta

Panini d’autore 

Appuntamento mercoledì 7 MARZO ore 19:00 – la crescita del burger store Sciuè il Panino Vesuviano indica nuove strade e scelte a Giuseppe e Marco De Luca, giovani imprenditori del gusto impegnati ad offrire novità golose e stimolanti ai loro ospiti sempre più esigenti. Il nuovo locale in via Giovanni Boccaccio a Pomigliano d’Arco ha avuto un grande riscontro per l’atmosfera vivace ed accogliente che trasmette, unita all’alta qualità dei prodotti selezionati.

Il mese scorso è stato presentato il progetto di sostegno del ritorno dei giovani all’agricoltura, con un menù che vede protagonisti i prodotti tradizionali della terra campana provenienti da queste realtà. Così molti degli ortaggi e delle verdure acquistati dal team Sciuè il panino vesuviano, favoriscono la crescita dei giovani agricoltori dando loro fiducia nel continuare a perseguire la strada scelta. Ogni mese un panino è dedicato ad un presìdio Slow Food essendo la giovane hamburgeria entrata a far parte dell’Alleanza Slow Food con grande entusiasmo.

La prossima novità sta nel Panini d’Autore che chef stellati hanno pensato per Sciuè e che mano a mano saranno inseriti nel menù.

Si parte alla grande con i primi due chef: Alfonso Caputo della Taverna del Capitano a Nerano, e Mauro Uliassi del ristorante Uliassi di Senigallia.

Lo chef Alfonso Caputo mercoledì 7 marzo sarà nella cucina di Sciuè il Panino Vesuviano con Marco e Giuseppe per eseguire a quattro mani le nuove interpretazioni del panino gourmet. Il suo ristorante Taverna del Capitano è ritenuto una delle massime espressioni della ristorazione campana e punto di riferimento in Italia per la cucina di mare.

Il panino di Alfonso Caputo porta il nome di King Star, è preparato con hamburger di maiale nero casertano, crema di finocchio, cavolo rosso, carciofi di Castellammare fritti e sono ben due le verdure scelte che provengono da giovani agricoltori.

Il panino di Mauro Uliassi richiama un classico street food del grande chef, Panino di porchetta con porchetta, celebre nel mondo degli appassionati del gusto avendo conquistato il premio “Street Food da Chef” nella guida Street Food Gambero Rosso 2016 . Uliassi ha ricevuto il riconoscimento delle Due Stelle Michelin e Tre Forchette Gambero Rosso.

Sciuè il Panino Vesuviano è in via Boccaccio 18 Pomigliano d’Arco NA

Fonte:
[Marina Alaimo-press]

Per info.
mail:alaimo.marina@libero.it
mob. 3401815881

Grande successo per il restyling e presentazione alla stampa del nuovo Pub (B)McCool’s

 

IMG_4671LA SALA

I tavoli dai piani in rame si accompagnano a sedie e panche nere, i punti luce sono sparsi davanti al bancone con elegante spilla di birra in tono cromatico con i tavoli della sala. La stessa si fregia di una parete a cornici, di una libreria a muro ed un grande orologio tutto in stile liberty.

 

Da scoprire anche il senso della (B) che viene adottata come tratto identitario del nuovo McCool’s; decorata e illuminata a parete di fronte all’ingresso campeggia cubitale al fianco delle sue 7 declinazioni che esprimono le caratteristiche proprie del pub.

“B” come (B)lack, il colore che caratterizza il locale, ma che risulta essere il comune denominatore di una serie di elementi: (B)urger, (B)eer, (B)eef, (B)ar, (B)read, (B)ites.

 

IMG_4802IL MENU

Ma la vera novità riguarda la selezione delle carni, in particolare parliamo della carne di bufala, di maiale nero casertano e infine di mucca podolica, una selezione di tagli studiati da Sabatino Cillo, noto selezionatori di carni.

Un “Menu che fa bene al cuore e al palato” perché contiene carne di bufala che presenta proprietà nutrizionali peculiari, dovute al tipo di allevamento non finalizzato alla produzione di caseari che permette alle carni di risultare saporite e con un elevato tasso di ferro ma povera di grasso, il risultato è una carne tenera e gustosa.

Il secondo taglio di carni presentato è quello del famoso maiale nero casertano, allevato allo stato semibrado nei boschi. La sua alimentazione è caratterizzata prevalentemente da ghiande, castagne e altri vegetali del sottobosco, e dal punto di vista alimentare, la caratteristica più pregiata è data dalla presenza di abbondante tessuto connettivo intramuscolare, che conferisce una particolare sapidità e morbidezza alle carni che producono il cosiddetto “colesterolo buono”.

Ultima, ma non per importanza la carne proveniente dalla mucca podolica, una varietà bovina allevata all’aperto. Caratterizzata da sapori aromatici naturali, la carne di mucca podolica risulta magra e saporita a tavola.

 

I PIATTI SPECIALI

L’originale proposta del pub (B)McCool’s prevede una rivisitazione del tipico piatto di origine Cilentana: La “Ciambotta”, una composta fatta di peperoni, melanzane, pomodorini e patate, fritta e saltata in padella, un tradizionale contorno appartenente alla cultura gastronomica del territorio Campano.

 

IMG_4739LE BIRRE

Da abbinare alle pietanze, le birre irlandesi alla spina o in bottiglia Konig Ludwing Dankel, Twaites Strong Lager, Chouffe, Konig Ludwig Weissbier, Paulaner Gold, Warsteiner Pils, Bulldog Strong Ale, Charles Quint Rouge e Tongerlo Blonde e Val Dieu Grand Cru.

 

 

BARTENDING

Interessanti anche la proposta di drink e cocktail che rappresenta un’apertura al mondo del bartending, a conferma di un nuovo spirito innovativo che ispira il nuovo locale (B)McCool’s.

Nel corso della serata riservata agli organi di informazione è stata proposta in degustazione una scelta di prodotti caseari di latte vaccino, di bufala e di pecora dell’Azienda “Sancti Petri” di Giuseppe Iaconelli, con varie tipologie di formaggi tra cui il caciocavallo mediterraneo aromatizzato, stagionato in grotta oltre 36 mesi accompagnato da noci e miele.

(B) McCool’s si trova nei pressi della Chiesa di S. Gennaro ad Antignano, alle spalle di Piazza degli Artisti al Vomero.

Baia e Latina, il 9 febbraio Gasthaus Alter Keller compie gli anni ed inaugura la Vineria e la salumeria gourmet

Caserta, 2 febbraio 2018.

Il prossimo venerdì 9 febbraio Gasthaus Alter Keller, il ristorante, pizzeria, pub e birreria in stile bavarese con sede in via Roma a Baia e Latina, in provincia di Caserta, spegnerà 13 candeline con un evento che vuole percorrere la storia e gli anni trascorsi ed inaugurare un nuovo spazio: la Vineria e Salumeria Gourmet caratterizzato da ambiente rustico molto curato e un’offerta di etichette del panorama enologico italiano, con uno sguardo particolare rivolto alla Campania, salumi e formaggi ricercati che si sposano bene con la produzione propria di pane. Una nuova proposta che andrà ad ampliare l’offerta di questa affermata attività divenuta punto di riferimento per l’alto casertano che mette al centro del suo menù la qualità della materia prima.

Alla serata-evento organizzata dalla proprietà, la famiglia Sollo, prenderanno parte alcuni dei produttori delle eccellenze che troviamo al nuovo corner del Gasthaus e nel menù pensato per l’occasione. Produttori che condivideranno il felice momento e racconteranno la loro personale esperienza. Il menù degustazione prevede un tagliere di salumi e formaggi composto da: prosciutto crudo ubriaco al Barolo “Renzini”, salsiccia e guanciale di maiale nero casertano “Mastro Enrico”, salame di cinta senese “Renzini”, mortadella Igp selezione Oro “Levoni”, conciato romano “Le Campestre”, formaggio al Barolo e alle foglie di castagno di “Beppino Occelli”, bocconcini di mozzarella di bufala campana Dop del caseificio “Il Casolare”, parmigiano reggiano Dop 30 mesi e il miele di cacia dell’azienda apistica “Landolfi”; a questo, seguirà il gulasch bavarese fedele allo stile del locale. Il tutto sarà accompagnato dai vini Chianti, Brunello di Montalcino e Dogajolo della “Casa Vinicola Carpineto”.  Inoltre, ai commensali sarà offerto un “dolce” omaggio e bollicine per brindare al traguardo raggiunto.

La storia del Gastahaus Alter Keller parte nel 2005, quando i coniugi Peppe e Carmela Sollo, dopo una lunga e provata esperienza con la gestione di un pub pizzeria a San Nicola la Strada (CE), decisero che la città gli stava stretta e si trasferirono in questa cittadina di 2000 abitanti, dove ritrovarono la serenità, qui misero in piedi un nuovo locale con un nuovo stile, quello bavarese tipico dell’Oktoberfest. Un’attività supportata dalle figlie che sono sempre state presenti nella conduzione del locale creando un ambiente cordiale e familiare.

In completo stile bavarese, una struttura bellissima ricca di dettagli, Gasthaus Alter Keller fin dai suoi primi passi ha raccolto grande interesse nell’intera provincia che, da quel momento, ha potuto godere di un allegro e ospitale modello di ristorazione. Oltre l’arredo, di bavarese autentica troviamo la birra HB München, declinata negli stili Original, Weisse, Urbock e Strongbock; la capacità di saperla spinare e un impianto adeguato fanno dell’offerta birraria del locale un vero punto di riferimento di eccellenza del prodotto. Ma la passione partenopea in questo locale non manca e, infatti, in tutta la sua offerta compreso il rapporto umano, è rappresentata in un modello “fusion” fra ambiente bavarese e “calore” territoriale. Per quanto riguarda il food, a specchiarsi nelle radici della tradizioni di una cucina intramontabile per i clienti, ci pensa Carmela che innanzitutto propone le sue specialità attingendo ai sapori e prodotti di qualità del territorio, molti poi sono i piatti di ispirazione bavarese ma tutto viene “ripassato” all’interno di una proposta mediterranea, molto gradita e alternativa. La pizza di scuola napoletana, completa l’offerta e diventa base di altre proposte: dall’impasto a lunga lievitazione in ambiente naturale nascono le bruschette e persino i panini con il würstel tradizionalmente grigliato.

Buon Compleanno Gasthaus e l’inaugurazione dello spazio Vineria e Salumeria Gourmet si terrà venerdì 9 febbraio alle ore 20:00, il costo della cena degustazione è di euro 22 a persona vini inclusi.

Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 349. 3247940 – Gasthaus Alter Keller è a Biaia e Latina (CE), in via Roma.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciacco&Bacco Ristoburger presenta “a tutta Birra”!

Gragnano, famoso per le sue tipicità enogastronomiche, si è lasciato travolgere delle novità culinarie di Ciacco & Bacco Ristoburger 2016 di Gianluca Ungaro e Rossella Molinari.

Domenica 17 settembre ore 13.30 l’evento

ciacco&bacco a tutta Birra è  un evento organizzato da Angela Merolla. Un pranzo eccezionalmente articolato dove ogni piatto avrà il suo abbinamento-sfida con una tipologia di birra artigianale.

Dall’Irpinia il Birrificio Serro Croce di Vito Pagnotta, porterà in degustazione 4 varianti artigianali da filiera agricola.

In cucina il patron Gianluca Ungaro sarà affiancato per l’occasione dallo chef Francesco Lama, lo chef Felice Ferretti, il maestro pizzaiolo Giovanni Russo, il mastro fornaio Domenico Fioretti, per un pranzo…a tutta birra!

Menù

Chef Francesco Lama – Pub Cucù – Aversa CE

Il Verace: marennella ai cinque cereali, polpo arrostito, pesto di rucola, pomodorino del piennolo, formaggio Cheddar Westcombe

Mastro fornaio Domenico Fioretti – Carinaro CE

Ripieno scarole e baccalà: ‘mpasticcio

Maestro pizzaiolo Giovanni Russo

“Pizzeria La Famiglia” di Casapulla CE

Montanarina al San Marzano D.O.P: pezzella fritta

Chef Felice Ferretti “Tirabusciò” – Pomigliano d’Arco NA

Scarpariello: punta e tacco

(sigarette lisce Pastificio “Arte & Pasta)

Patron Gianluca Ungaro

Stracotto di guancia di vitello e spicchi patate della Sila in buccia: la carne chiama

Panini cafoni del mastro fornaio di Domenico Fioretti da Carinaro CE

Dessert: “Bufalotto” del mastro fornaio di Domenico Fioretti da Carinaro CE

Liquore: Amarè – Distilleria Petrone di Mondragone -Amaro di erbe, piante e agrumi provenienti dall’orto botanico della Reggia di Caserta

Birrificio Artigianale da filiera agricola Serro Croce – Monteverde AV

Birre in abbinamento:

Serro Croce “Chiara”
Stile Ale – note floreali e fruttate

Serro Croce “Ambrata”

Stile IPA – note fresche e fragranti di scorza di agrume che ricordano arancia e pompelmo rosa

Serro Croce “ La Fresca”

Stile Ale – note pepate e speziate, gusto corposo

Serro Croce “ Granum”

Stile Saison– note dolci e inconfondibili dei cereali, della selezione dei grani antichi e delle spezie tra cui il coriandolo

Partner:

Solania – Azienda leader nella produzione e trasformazione del pomodoro San Marzano Dop dell’Agro Sarnese Nocerino

Arte & Pasta – Pastificio artigianale di Boscoreale

Distilleria Petrone di Mondragone

 

Ticket di partecipazione: euro 30 (birre incluse)

(Tichet menù bambini euro 15)

Prezzo per la sola giornata promozionale

Ingresso solo su prenotazione

 

Per info e prenotazioni:

Ciacco & Bacco

Via Castellammare, 155
Gragnano NA

081 870 2135 – 339 702 8028

 

Il 6 novembre 2016, a Portici ha aperto le sue porte al pubblico FONDERIE.

Pub, birreria e cocktail bar con circa cento coperti, distribuiti su oltre trecento metri quadri.

Il locale offre un ottima selezione di carni, servite al piatto o da assaporare con un classico panino. Accurata la selezione delle birre alla spina ed in bottiglia, scelte tra le migliori europee e statunitensi, per accontentare sia i palati più delicati sia quelli che difficilmente vengono soddisfatti dalle classiche bevute.

Un luogo particolare dall’atmosfera un po’ retrò, dove vengono proposti al cliente gli abbinamenti più svariati per soddisfare i palati più golosi. Un locale dove uscire un po’ fuori dal tempo, ritrovando atmosfere inusuali per concedersi un momento di relax accompagnato da buon cibo e buone bevande.

Gli ingranaggi combaciano perfettamente, attendono solo di essere messi in movimento.

Presso i quattro locali ad insegna “The Black Hole” sparsi per il nostro territorio è partito ufficialmente il grande torneo del Campionato Mondiale del Panino, una vera e propria kermesse gastronomica che decreterà il miglior panino di carne alla griglia del mondo.
Da Ottobre fino a Giugno infatti si sfideranno con gare eliminatorie le carni provenienti da tutto il globo interpretate secondo la sensibilità degli chef del “The Black Hole”, una linea di locali divenuti dei punti di riferimento per i territori di Volla, Torre del Greco, Portici e San Vitaliano.

A giudicare il vincitore di ognuna delle quattro tappe sarà una giuria di esperti e, soprattutto, i clienti del pub stesso che avranno modo di esprimere la propria preferenza grazie a voti cartacei e sui social con la possibilità di vincere cene e birre speciali presso il locale.

Una iniziativa non solo decisamente accattivante per la sua struttura di base ma anche molto moderna per la sfumatura social, dove finalmente non sarà più il sedicente critico gastronomico ad avere l’ultima parola ma il popolo.
Nel primo appuntamento “Un Panino per il Cuore” si sono visti in campo le “qualificazioni regionali” con in campo dei protagonisti campani:

  • Il “Nero per caso” con hamburger di razza casertana
  • Il “Bove Ubriaco” con hamburger di podolica irpina
  • Il “Fior di Bufalo” a base di hamburger di bufalo

Durante la serata il tema centrale è stato rappresentato dalla scelta delle carni, approfondito dall’intervento di alcuni specialisti.
La biologa nutrizionista Dott.ssa Francesca Marino ha sottolineato in tal senso come “le scelte dichiarate da Black Hole vanno nella giusta direzione perché selezionano carni di razze tracciabili, quali maialino di razza casertana, podolica e carne di bufalo sane

Il Prof. Giuseppe Campanile del dipartimento di Veterinaria dell’Università Federico II di Napoli ha invece voluto evidenziare come “la tipologia di queste razze e di allevamento di questi animali fanno si che le caratteristiche di queste carni siano importanti per la prevenzione di patologie cardio-vascolari

Ed infine il Dott. Tommaso Esposito ha voluto precisare che “oggi il panino deve recuperare le caratteristiche di una sana alimentazione grazie anche a quei requisiti nutrizionali fornitoci da carni della nostra cultura e della nostra regione”.

Insomma una gara appena iniziata che già sta facendo parlare di sé e che di sicuro non farà mancare colpi di scena. Ovviamente, forza Campania!